impiegate
90

CADIPROF – novità 2017

20/03/2017 - 10:40

NOVITA’ 2017 CA.DI.PROF.

NOVITA’ PER NOI!                                                       

Avevamo trattato la CADIPROF non molto tempo fa (vi incollo il link per tornare all’articolo precedente https://www.impiegate.org/cadiprof-online-piano-sanitario/ ) e, dallo sguardo attentissimo delle vostre guerriere, vediamo che sul sito internet della Cassa, la stessa ha già inserito le NOVITA’ 2017.

Vediamole in breve:

– nell’ambito del piano sanitario, viene estesa la tiroidectomia anche nel caso in cui non sia necessario lo svuotamento latero cervicale; e maggiori informazioni le potete trovare nel piano sanitario stesso!
– vengono prorogati anche per il 2017 i progetti sperimentali avviati lo scorso anno e che avevano termine al 31.12.2016 relativamente alla psicologia ed al dentista di cui ai piani “benessere in famiglia” e “dentista per la famiglia”
– è poi stata stipulata una convenzione con un laboratorio di Prato, Gentras, per l’effettuazione test di predisposizioni genetiche ad intolleranze o stati patologici.

Cliccando al link di seguito scritto, potete entrare dirette/i sul sito della CADIPROF alla pagina delle novità 2017 http://www2.cadiprof.it/?page_id=893

Vi ricordiamo che sul sito c’è l’apposita sezione per le convenzioni stipulate da CADIPROF, su http://www2.cadiprof.it/?page_id=190

Teniamo sempre a mente che per fruire delle prestazioni, dei rimborsi ecc., dobbiamo essere iscritti, e che l’iscrizione è obbligatoria. La CADIPROF ci ha reso fruibile un’apposita pagina per verificare l’avvenuta iscrizione. Dunque, se hai dubbi, vai sul sito e verifica: http://www2.cadiprof.it/?page_id=207

Inoltre vi ricordiamo, che Cadiprof è OBBLIGATORIA !

Ciao!

Patry, Carmen, Angi e Ire

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
  • Patrizia

    19/03/2019 - 17:45

    cara rosella, mi spiace davvero, ma le convenzioni con i professionisti non le decide cadiprof oppure unisalute , sono i professionisti che si iscrivono alla rete unisalute e si convenzionano. Telefona al numero verde cadiprof per vedere se c'è un'alternativa. Auguri ciao patrizia Cgil

  • rosella

    19/03/2019 - 12:12

    Ciao sono Rosella, vorrei evidenziare una grave ingiustizia in quanto, ho saputo che è stata rinnovata la prestazione di consulenza psicologica con rimborso del 50%, ma solo con gli psicologi iscritti alla PLP (Psicologi Liberi Professionisti), ed io, purtroppo, ad Ancona, non ci sono psicologi iscritti e quindi non posso usufruire della prestazione. non lo trovo giusto, Ciao

  • emiliaschiavoni

    15/03/2019 - 20:16

    Ciao Anna, in sede di 730 viene rimborsato il 19% degli importi pagati per la frequenza di asilo nido dei figli nell'anno, fino ad un massimo di € 632, ma a condizione che non si abbia beneficiato del bonus nido. Pertanto se lo hai ricevuto, non puoi inserire le spese nella tua dichiarazione dei redditi, ma considerato l'importo massimo di rimborso all'anno (€ 120,00) mi sembra più conveniente il bonus nido. Per quanto riguarda Cadiprof, probabilmente ti verrà rimborsato l'importo al netto del bonus ricevuto, tenendo conto che il massimale su cui viene calcolato il 20% è € 600 ad anno scolastico. Abbiamo comunque interpellato Cadiprof tramite il Nazionale e ti faremo avere presto notizie certe. un saluto.

  • Anna

    14/03/2019 - 23:41

    Patrizia, a proposito del nido, il rimborso è del 20% sul totale della retta oppure del 20% solo sulla parte restante dal bonus INPS? Esempio, fattura asilo nido totale 400€, bonus INPS 136€, la Cadiprof rimborsa 80€ oppure 52€? Nel 730 non compare nulla, il bonus INPS è incompatibile con le detrazioni, quindi bisogna scegliere a monte tra bonus o detrazione...

  • IREFI

    04/03/2019 - 12:46

    Ciao Antonella, art. 7 dlgs 119/11 è la disposizione di legge quella che permette di accedere al congedo per cure avendo invalidità superiore al 50%. Sono 30 gg, anche frazionati, l'anno. Fai la richiesta con allegati il tuo verbale di invalidità, l'attestato del medico ssn dove è indicato che devi fare le cure correlate alla tua patologia. A fine cure produci attestazione fine terapia. A meno che io non abbia compreso male vedendo la domanda nell'area Cadiprof.. forse volevi sapere altro? Ciao IreFI

  • Patrizia

    01/03/2019 - 17:39

    cara francesca, vado a roma martedì per un convegno cnel sul nostro settore e vedrò danilo lelli che è il nostro referente Filcams in cadiprof . Questa è una delle domande in serbo per lui. Secondo me è una verifica che va fatta in sede di 730, ma comunque vi so dire. Patrizia cgil

  • francesca

    01/03/2019 - 15:15

    Ho visto questo commento che interessa anche a me...avete novità? "Ciao, Ho visto che nel Pacchetto Famiglia è previsto il rimborso x la retta dell'asilo nido. È cumulabile con il bonus nido di 1500€ annuali dell'INPS? Se sí, va dichiarato all'INPS e/o a Cadiprof affinché verifichino che il totale rimborsato da entrambi non superi la retta stessa? Grazie"

  • ANTONELLA

    01/03/2019 - 14:03

    Buongiorno, lavoro da 40 anni in questo studio, sono invalida al 60%, avrei la possibilità di 30 giorni all'anno per congedo per cure, purtroppo il nostro contratto non prevede questa situazione!!!

  • Patrizia

    18/02/2019 - 10:25

    cara anna, è una bella domanda , chiedo ai nostri rappresentanti in cadiprof. Credo che tutti i contributi vadano dichiarati , non si sbaglia mai . Ti so dire patrizia CGIL

  • Anna

    16/02/2019 - 16:18

    Ciao, Ho visto che nel Pacchetto Famiglia è previsto il rimborso x la retta dell'asilo nido. È cumulabile con il bonus nido di 1500€ annuali dell'INPS? Se sí, va dichiarato all'INPS e/o a Cadiprof affinché verifichino che il totale rimborsato da entrambi non superi la retta stessa? Grazie

  • Patrizia

    13/02/2019 - 19:29

    cara cristina, la prescrizione riguarda i mancati rimborsi , quindi dovresti verificare quanti rimborsi non hai avuto dal 2008 in qua. In ogni caso , il calcolo della prescrizione è cosa delicata e dipende da molti fattori , è meglio se la fai controllare dalla Filcams ! ciao e facci sapere patrizia cgil

  • CRISTINA

    13/02/2019 - 13:34

    Buongiorno Patrizia, Le ringrazio per le Sue pronte informazioni e soprattutto la disponibilità. Un ultima domanda volevo porre ... da quando decorrerebbe la prescrizione? Cioè nel mio caso, i conteggi del rimborso sono stati calcolati dalla data di assunzione (novembre 2009) al 31.12.2017 (perchè poi nel gennaio 2018 sono stata iscritta su mia richiesta). Pertanto nel caso in specie quando si prescriverebbero ? Ringrazio anticipatamente. Cristina

  • Patrizia

    12/02/2019 - 18:08

    cara cristina, beh cosa dire di un datore di lavoro che applica quello che gli pare del contratto di lavoro ? non hai alternative che la vertenza attraverso la Filcams. Non vedo perché dovresti dimetterti ..puoi fare vertenza anche in continuità di lavoro , non credo che la Filcams ti abbia detto questo , ti avranno detto di fare attenzione alla reazione del datore di lavoro . La prescrizione dei crediti da lavoro è 5 anni e quella del risarcimento del danno di due anni che si possono interrompere con una raccomandata, può essere un sistema per evitare la prescrizione e per rompere le balle e lavorarlo ai fianchi.. Il diritto è certo cristina, non c'è solo il contratto ma anche la circolare del Ministero del lavoro sacconi n.43/10 che rende ancora più certo il diritto . Stampala e fai gentile omaggio al tuo consulente e al datore di lavoro. Insisti e facci sapere , tutto fa giurisprudenza e consente ad altre colleghe di avere argomenti "forti" . Siamo a tua disposizione per sostenerti e consigliarti! patrizia cgil

  • CRISTINA

    12/02/2019 - 16:30

    Buonasera, riscrivo la domanda perchè non so se l'invio è andato a buon fine scusatemi, e per essere più precisa. Sono una dipendente di studio legale, una di tre. Ho presentato, unitamente alle mie colleghe, il conteggio relativo al rimborso Cadiprof per mancata iscrizione (sono stata assunta nel 2009 e iscritta dal gennaio 2018 su mia richiesta tra l'altro). Il conteggio è stato effettuato a mie spese e quando l'ho presentato mi è stato negato il diritto, sono stata accusata di aver tramato dietro, e dopo essermi stato rinfacciato di non ringraziare quotidianemente per aver l'opportunità di un lavoro ben retribuito, mi è stato "gentilmente" consigliato di dimettermi per far valere i miei diritti in sede di vertenza, tra l'altro a detta della consulente diritti facoltativi, ovvero l'iscrizione è stata fatta poi a titolo di gentile favore. Lo so sembra una favola ma è la verità! Ora vorrei - cortesemente - sapere come faccio a vedermi liquidato l'importo e soprattutto in che maniera va in prescrizione se il datore si rifiuta di pagare? Perchè se dovessi fare vertenza lo posso fare una volta fuori di qui (chissà quando ....) perchè la Filcams mi comunica che può far vertenza solamente con una lettera di dimissioni in mano, e comunque qualsiasi azione non bonaria sarebbe poi scomoda lavorando qui dentro. Vi ringrazio per l'informazione che Vorrete darmi. Cordiali saluti.

  • CRISTINA

    12/02/2019 - 14:50

    Buonasera, approfitto della Vs gentilezza per chiederVi un consiglio. Ho fatto fare i conteggi relativi al rimborso per il mancato versamento alla Cadiprof (di fatto è stato fatto su nostra richiesta dall' 1.1.2018) e io sono stata assunta nel 2009. Presentato il conteggio al datore di lavoro egli disconosce totalmente il diritto dicendo che nessuna somma obbligatoria è dovuta e anzi verbalmente mi dice "licenziati e fammi vertenza e poi vediamo" ! Roba da pazzi. Ringrazio anticipatamente e cordiali saluti.

  • Patrizia

    31/12/2018 - 17:40

    caro mario, un controllo puoi farlo sull' F24 che lo studio mette in pagamento per i contributi inps, se sei iscritto a cadiprof ed ebipro troverai indicata la cifra di 22 euro con codice ASSP , se non c'è nulla, devi chiedere allo studio che ti iscriva a cadiprof ed ebipro , è obbligo contrattuale! In busta paga non è obbligatorio esporre cadiprof perché è totalmente a carico del datore di lavoro , invece dovresti trovare come "ebipro" 2 euro tra le trattenute. L'art. 13 del ns. contratto prevede che il datore di lavoro che ometta il versamento deve versare un EDR di euro 32 per 14 mensilità , se non trovi nemmeno questo in busta paga…. devi farti sentire in studio ! se hai difficoltà va in sindacato. Ultima indicazione: puoi chiedere al tuo datore di lavoro il risarcimento per i mancati rimborsi derivanti dalla mancata iscrizione agli enti bilaterali. ciao e buon anno ! patrizia cgil

  • Mario

    30/12/2018 - 10:52

    Buongiono, sono assunto dal 2015 a tempo indeterminato presso uno studio professionale (CCNL studi professionali). Dalla verifica sul sito, non mi risulta che l'impresa sia iscritta al CADIPROF ne vedo, nella mia busta paga, delle voci specifiche inerenti tale iscrizione o rimesse dirette... cosa devo fare?

  • Patrizia

    20/12/2018 - 21:46

    bene elisa, ci tengo a dirti che non facciamo un servizio , ma attività sindacale ! ciao patrizia cgil

  • Elisa

    20/12/2018 - 21:20

    Grazie Patrizia, Sono andata s vedere L articolo su FB ! Grazie per il vostro servizio 🙂

  • Patrizia

    18/12/2018 - 22:52

    cara elisa , bene tu sei a posto .. per fortuna ! hai visto le comunicazioni cadiprof che abbiamo pubblicato ? ciao patrizia cgil

  • Elisa

    18/12/2018 - 21:19

    Sono un assistente a tempo indeterminato 4 livello da 4 anni e 3 mesi ( ufficialmente lavoro dal 2011 come Aso ) e ho un diploma da odontotecnico. Ovviamente ho fatto tutti corsi obbligatori e oltre!

  • Carmen

    18/12/2018 - 15:14

    Ciao Giada. Tutto sbagliato.... Non si tratta di una scelta del datore di lavoro. Vi è l'obbligo contrattuale di iscrivere i dipendenti. Chi non lo fa paga una penale (a decorrere dall'aprile 2015 32,00/mese per 14 mensilità - importo fisso NON riproporzionabile in base all'orario di lavoro) ed il dipendente che non ha potuto usufruire delle garanzie, può rivalersi sul datore di lavoro. Qui il link Cadiprof http://www2.cadiprof.it/?page_id=676

  • Giada

    18/12/2018 - 12:10

    Salve, e grazie in anticipo per le risposte. Avrei una domanda relativa al CADIPROF. Premetto che non sono ferrata sull´argomento e per questo motivo avrei bisogno del vostro supporto : ) Qualche settimana fa sono stata contattata dall´azienda presso la quale ho lavorato fino a Gennaio 2016. Mi hanno informata che mi avrebbero versarto degli arretrati per l’indennità CADIPROF, non calcolata a suo tempo dal loro vecchio commercialista. Premetto dicendo che non avevo idea che l´azienda fosse iscritta al CADIPROF (a quanto pare da Aprile 2015). Detto questo, ho richiesto maggiori informazioni alla mia ex ditta in merito ad eventuali interventi o spese mediche da me affrontate in quel periodo teoricamente coperte dal CADIPROF ma pagate da me stessa. Mi é stato risposto in questo modo: "Da Aprile 2015 le ditte che fanno parte del contratto nazionale “Studi Professionali”, hanno queste 2 possibilità: 1) Iscrivere i propri dipendenti al CADIPROF permettendo loro di usufruire di alcune coperture/rimborsi(tutte gli ambiti dove opera CADIPROF li trovi sul sito) 2) NON iscrivere i propri dipendenti al CADIPROF, ma con l’obbligo di versare un’indennità sostitutiva al dipendente. La 2° opzione è quella che ha scelto XXXX, e con notevole ritardo (come sai) ha versato gli addietrati per questa indennità. Quindi, in poche parole per il tuo caso, se avessi sostenuto spese in quel periodo, non ti potrebbero venire comunque rimborsate perché l’azienda ha scelto di versare l’indennità sostituiva." Potreste cortesemente confermarmi che quanto da loro indicato corrisponde a realtá? Grazie mille

  • Patrizia

    18/12/2018 - 9:40

    bene elisa, notizia di oggi cadiprof ha confermato il finanziamento degli occhiali. Pubblicheremo la notizia anche su fb . Per le Aso tu come ti sei regolata per il tuo lavoro ? ciao patrizia cgil

  • Elisa

    17/12/2018 - 22:05

    Grazie Patrizia per aver risposto alle mie domande 😉 non sapevo nulla della ebipro e ora mi informerò . Per la nuova figura Aso so che ci stanno lavorando ma nulla di più !!

  • Patrizia

    17/12/2018 - 17:42

    cara elisa , mi hai fatto allegria ! grazie per il super sito .. è vero immodestamente lo è , soprattutto perché gestito da lavoratrici degli studi . Vedo che sei una ASO , sei al corrente della vicenda del profilo professionale ? è molto importante parlarne . Ci aiuterebbe molto che ci raccontassi quali sono i problemi e come li hai affrontati . Per venire alla tue domande: 1) hai tempo 1 anno , quindi per quest'anno puoi chiedere i rimborsi ed è bene che ti sbrighi , per gli anni scorsi non credo si possa fare nulla a meno che cadiprof non decida con gli avanzi di bilancio di pagare anche prestazioni non previste , prova ! al massimo ti dicono di no. Eri iscritta quindi purtroppo non c'è colpa del datore di lavoro. 2) cadiprof è la cassa sanitaria integrativa contrattuale che si serve di unisalute per la gestione delle prestazioni , quindi si è normale che risponda unisalute. Fai attenzione perché alcune prestazioni sono gestite direttamente da cadiprof e altre (la maggior parte ) da unisalute . Se vai sul sito di cadiprof sono elencate chiaramente le prestazioni e chi le fa. 3) la visita oculistica si è prevista . Gli occhiali ci stiamo provando .. a gennaio ci sono le nuove prestazioni , chissà! informeremo subito delle novità. Nota finale: visto che sei iscritta a cadiprof sarai iscritta anche a ebipro (altro ente bilaterale contrattuale) guarda il sito , ci sono prestazioni di rimborso ai lavoratori. Se non sono stata chiara chiedi , non ci sono problemi rispondiamo volentieri ! ciao patrizia CGIL

  • ELISA

    16/12/2018 - 18:48

    Salve, questo weekend è stato ricco di sorprese,compreso questo super sito !!! Mi chiamo Elisa e sono un assistente/tutto fare in uno studio dentistico,solo ora però ho scoperto di essere iscritta alla ca.di.prof. Ovviamente ho fatto questa scoperta grazie ad un amica a cui ho mostrato la busta paga(secondo la mia titolare non siamo iscritti !!!! ) Scusate lo sfogo, comunque non essendo in possesso della documentazione della ca.di.prof,ho cercato in rete e sul sito ma non ho capito alcune cose .... volevo chiedere gentilmente se voi potevate rispondere ai miei quesiti. Io sono iscritta all'ente da più di 4 anni, quanto indietro nel tempo posso andare per farmi rimborsare le varie fatture? La visita ottica + occhiali vengono rimborsati?? è normale che quando cerco di fare un rimborso online mi indirizzi alla Unisalute?? Grazie mille e scusate per le mille domande! Saluti Elisa

  • IreFi

    20/11/2018 - 10:35

    Buongiorno Cristina, preciso quanto ti hanno già scritto Cristian e Patrizia: Nel CCNL 2011 era già previsto l'EDR di 22 euro, portato a 32 nel CCNL del 2015. Puoi leggere i CCNL nell'area documenti. CIao Irene

  • Patrizia

    20/11/2018 - 9:41

    bis .. scusa cristina ho visto che la sei stata assunta nel 2005 , l'edr è prevista dal contratto nazionale nel 2011 che segue e recepisce la circolare 42/2010 del Ministero del lavoro che ha reso più stringente l'obbligo di iscrizione agli enti bilaterali. Per il periodo precedente l'obbligo contrattuale comunque è sostenibile ma incombe la prescrizione dei crediti da lavoro (5 anni) , per questo è bene che tu vada all'ufficio vertenze della Filcams cgil per valutare bene la tua posizione . Si può anche proporre una soluzione risarcitoria transattiva , ma è bene che tu non lo faccia da sola! ciao patrizia CGIL

  • Patrizia

    20/11/2018 - 9:25

    cara cristina, aggiungo alla risposta di Christian: se il tuo datore di lavoro non ti ha iscritto a cadiprof e non ti ha corrisposto l'edr di 32 euro per 14 mensilità (art, 13 del Ccnl del 2011) puoi senz'altro chiedere il risarcimento del danno per i mancati rimborsi dal momento dell'assunzione. Fai attenzione alla prescrizione sui crediti da lavoro. Ti consiglio di andare in sindacato per fare valutazione del danno e farti assistere . facci sapere! patrizia cgil

  • Cristian

    20/11/2018 - 9:16

    Scusami Cristina, comunque la normativa dice che il datore di lavoro che ometta il versamento delle quote destinate alla bilateralità (CADIPROF ed EBIPRO) è tenuto a corrispondere al lavoratore un elemento distinto della retribuzione non assorbibile di importo pari a Euro 22 (ventidue), 20 euro per CADIPROF e 2 euro per EBIPRO, corrisposto per 14 mensilità e che rientra nella retribuzione di fatto e nella base di calcolo per il trattamento di fine rapporto ( quindi con un costo annuale per il datore di lavoro di gran lunga superiore rispetto a quello che deriva dal pagamento dei contributi agli enti bilaterali). L’importo non è riproporzionabile in caso di contratto di lavoro a tempo parziale. In caso di mancata iscrizione il datore di lavoro è tenuto altresì a garantire le prestazioni ed i servizi previsti dal sistema della bilateralità (esempi: il lavoratore che non è stato iscritto a CADIPROF che ha bisogno di un intervento chirurgico e non può beneficiare del rimborso da parte della Cassa può chiedere al datore di lavoro l’importo corrispondente alla spesa sostenuta; il lavoratore il cui rapporto di lavoro dovrà essere sospeso per crisi dello studio avrà diritto ad una somma per un determinato periodo da parte di EBIPRO, se in regola con i versamenti. In caso di mancata adesione sarà il datore di lavoro che dovrà provvedere in tal senso). Ora aspettiamo il parere di Patrizia sull'opportunità e sul periodo per il quale potresti richiedere l'eventuale risarcimento

  • Cristian

    20/11/2018 - 9:10

    Buongiorno Cristina, una domanda, il tuo datore di lavoro ti ha erogato l'elemento sostitutivo all'iscrizione? Comunque il consulente che vi fa le paghe risponde al datore di lavoro e quindi non è lui che vi deve iscrivere di sua volontà ma lo deve fare su richiesta del datore di lavoro.

  • Cristina Franzolin

    19/11/2018 - 21:52

    Buonasera. Mi sono iscritta questa sera al vostro gruppo. Sono impiegata in uno studio legale e il consulente che fa la busta paga non mi ha mai iscritto a cadiprof / ebipro. Ho saputo solo ora dell' esistenza di questa Cassa . Lavoro in questo studio dal novembre 2005. Posso chiedere un risarcimento danni per i rimborsi di cui finora non ho usufruito? E se si da che data? Grazie Cristina

  • Patrizia

    13/11/2018 - 17:08

    cara silvietta, intanto auguri per la tua salute ! Tu sei nella no tax area non hai trattenute irpef e quindi non puoi chiedere rimborsi con il 730. Si puoi avere rimborsi cadiprof , chiedili entro l'anno : puoi telefonare alla centrale operativa e chiedere alle operatrici , i ticket di sicuro sono rimborsati , anche dei controlli successivi se fatti in una struttura pubblica, sono previsti anche rimborsi per il ricovero. Puoi guardare anche tu sul sito cadiprof : piano sanitario e trovi tutto. Sul sito c'è anche il modulo rimborso che puoi scaricare e mandare tutto on line e seguire la pratica di rimborso . I tempi di rimborso si aggirano in circa 30 giorni. Se hai difficoltà scrivici ti daremo un mano. patrizia cgil

  • Silvietta

    13/11/2018 - 11:31

    Buongiorno a tutti, lavoro in uno studio legale part-time dal 2015 e sono iscritta a Cadiprof. Nell’agosto dell’anno scorso ho subito un intervento all’addome per endometriosi con ricovero in ospedale. Adesso sono costretta a fare visite ginecologiche ogni 6 mesi. Con la miseria che prendo il tutto è molto costoso. In più lavorando solo 16 ore settimanali NON POSSO scaricare nessuna spesa medica. È possibile avere un rimborso da Cadiprof? Se si, come dovrei procedere? Grazie

  • Patrizia

    05/11/2018 - 20:10

    cara cristina, la mancata iscrizione a cadiprof è un danno per il lavoratore , quindi può chiedere il risarcimento dei danni al datore di lavoro per i mancati rimborsi. Non è automatico m, è il lavoratore che chiede il rispetto del contratto di lavoro. La tua consulente si sbaglia , l'iscrizione è obbligatoria. Potete quantificare il danno per i mancati rimborsi , che saranno diversi per tutti e tre e fare una richiesta al datore di lavoro di risarcimento del danno. Attenzione alla prescrizione ! sarebbe meglio farsi tutelare dal sindacato e fare una trattativa con verbale di accordo! facci sapere ciao! patrizia cgil

  • CRISTINA

    05/11/2018 - 15:22

    Buonasera, siamo tre dipendenti di studio legale, assunte rispettivamente dal 2006, 2009 e 2012. Siamo state iscritte a Cadiprof solo dal 1 marzo 2018, su nostra richiesta perchè la consulente niente sapeva e afferma a tutt'oggi che l'iscrizione è facoltativa. E' vero che la mancata iscrizione implica un rimborso (a titolo di mancati rimborsi nel tempo) per gli anni precedenti da calcolarsi a far data dal novembre 2011? Essenso ancora - ovviamente - in servizio - vorremmo sapere se possiamo far conteggiare tali somme e chiedere detto rimborso al più presto e - nel caso positivo - se farlo mettere in busta paga. Grazie e un cordiale saluto.

  • Lamu'

    13/09/2018 - 11:36

    Buongiorno a tutti, sono nuova... solo oggi ho scoperto di essere iscritta alla cadiprof, ma il mio contratto annuale presso lo Studio Medico è scaduto. Non mi hanno rinnovato perchè dopo alcuni mesi di malattia purtroppo non posso ancora rientrare quindi per ora devo stare a casa e avere pazienza... comunque dal momento che ho affrontato molte spese mediche mi chiedevo se posso usufruirne anche se non sono più assunta (tra l'altro non capisco come mai il mio datore di lavoro non mi abbia detto che potevo usufruire di questi rimborsi). Posso scaricare anche gli ausili che ho dovuto coprare e i farmaci anche se dagli scontrini non è chiaro se sia un farmaco per la mia patologia o un altro farmaco...? e poi anche se gli stessi farmaci li potrò scaricare nel 730 dell'anno prossimo, so che è una richiesta pretestuosa ma non sapendo quando potrò lavorare di nuovo ogni aiuto è utile. Inoltre c'è un'interrogativo che mi attanaglia: ma il mio ex datore di lavoro saprà che io ho usufruito di questi rimborsi (se li avrò)? Gli verrà comunicato oppure si troverà, che so, da versare una quota più alta l'anno prossimo? Se così fosse non richiederei nessun rimborso!! Grazie se vorrete liberarmi da questi dubbi e buon lavoro 🙂

  • Patrizia

    01/08/2018 - 19:35

    ciao Alessandra, devi farlo attraverso il consulente , è obbligatoria ! se hai bisogno siamo qui. Patrizia cgil

  • Alessandra Mascaro

    01/08/2018 - 15:12

    Buongiorno, lavoro da marzo 2017 in uno studio medico come segretaria e solo ora vengo a sapere dell'esistenza di cadiprof. Cosa devo fare per iscrivermi? Grazie Alessandra

  • Patrizia

    28/05/2018 - 20:56

    cara Giada , no 1 solo. ciao patrizia cgil

  • Matera Giada

    28/05/2018 - 18:29

    Ciao a tutti! Un dubbio ma se una dipendente part time ha due rapporti di lavoro con ccnl studi professionali e risulta iscritta al Cadiprof con un datore di lavoro il secondo dovrà dunque inserirle i 32 € nel cedolino?

  • Patrizia

    17/04/2018 - 21:16

    cara silvia, se è previsto dal piano sanitario si , se per esempio ci sono dei tiket , se sei stata operata in una struttura pubblica oppure hai usato una struttura privata convenzionata con cadiprof o meno Vai sul sito e clicca su piano sanitario , puoi controllare anche le strutture convenzionate. Poi telefona al numero verde unisalute o manda una mail per verificare il rimborso. Auguri ! patrizia cgil

  • SILVIA

    17/04/2018 - 18:39

    Buonasera, espongo il mio quesito: io sono dipendente part-time di uno studio legale, mi sono dovuta operare alla mano per estrarre uno spino ed ho sostenuto delle spese mediche, non ho assicurazioni personali, posso recuperare qualcosa con CADIPROF?

  • Patrizia

    11/04/2018 - 19:06

    cara valentina, l'EDR in mancanza di iscrizione a cadiprof è un obbligo contrattuale , come lo è cadiprof. Quindi o ti iscrive a cadiprof oppure ti paga l'EDR dalla firma del contratto nazionale 2011 , veda lui. In mancanza si espone ad una causa di risarcimento danni da parte tua per tutti i mancati rimborsi previsti dal piano sanitario. In questo senso l'obbligo è diventato più stringente con la circolare del Ministero del lavoro Sacconi n. 43/2010 in tema enti bilaterali , stampala e forniscila al tuo consulente . Non mollare va in sindacato per farti quantificare il risarcimento del danno e facci sapere! patrizia cgil ps se serve fai leggere questo messaggio , è una risposta sindacale !

  • Valentina

    11/04/2018 - 16:50

    Gent.ma Patrizia, intendo EDR per mancata iscrizione a Cadiprof, visto che il nostro consulente del lavoro non ne ha mai parlato e quando gli ho sottoposto la questione ha detto che secondo lui non sono obbligatori iscrizione o il versamento in busta paga per la mancata iscrizione (sono 32 euro al mese,giusto?). Ho scaricato il contratto nazionale e non parla di esclusioni per l'applicazione di questo EDR.

  • Patrizia

    10/04/2018 - 17:48

    cara la valentina , tu intendi l'EDR prevista all'art. 121 ? oppure l'EDR prevista all'art.13 per mancata iscrizione a cadiprof? nel primo caso l'EDR di 10,33 è ricompresa nel calcolo del valore conglobato all'indennità di contingenza quindi già c'è. Nel secondo caso l'EDR è dovuta in mancanza dell'iscrizione a cadiprof , non dovevi trovare trattenute , cadiprof è totalmente a carico del datore di lavoro e quindi anche l'EDR , ma credimi, ti conviene l'iscrizione a cadiprof , guarda il piano sanitario. ciao ! facci sapere se risolvi o meno patrizia cgil

  • Valentina

    10/04/2018 - 17:24

    Buongiorno, ho scoperto il vostro blog cercando di risolvere una questione che mi ha messo un pochino in difficoltà ultimamente: controllando la busta paga mi sono accorta che il consulente del lavoro non ha mai aggiornato il minimo tabellare con gli aumenti previsti dal rinnovo del contratto del 2015 e sono riuscita a recuperare gli arretrati solamente adesso che oltretutto il contratto è scaduto (e dovrò ricominciare a monitorare se decidono nuovamente di fare gli aumenti a rate). Ma il vero problema non è questo, bensì il consulente è convinto che l'EDR non sia obbligatorio, in otto anni non ho mai avuto trattenute, né mi è stato accreditato in busta. Da quello che ho potuto vedere sul contratto è un elemento che spetta a tutti , non riesco a capire perché non ne abbia mai parlato nemmeno al datore di lavoro. Cosa posso fare? Ringrazio tutto lo staff

  • Nany07

    15/03/2018 - 22:28

    Grazie per le risposte, ho richiesto la ca.di.prof è molto probabilmente finalmente si iscriverà. Per il resto al momento resta tutto com’é. Ragazze, vi chiedo una cortesia, nelle mie richieste precedenti appariva anche il mio cognome. C’e Modo di non farlo apparire? Se qualcuno fa una ricerca scrivendo il mio nome e cognome viene fuori la richiesta che ho fatto a voi con tanto di lamentela verso il mio capo, vorrei evitare problemi. Fatemi sapere anche via mail perché questa cosa mi mette ansia. Grazie di tutto, buona serata

  • Patrizia

    15/03/2018 - 17:45

    ciao Luisa , la quota cadiprof è interamente a carico del datore di lavoro , se compare in busta paga è solo a scopo figurativo !| se ti viene trattenuta .... scatena l'inferno patrizia cgil

  • Luisa

    15/03/2018 - 13:13

    Buongiorno, ma la quota Ca.di.Prof viene pagata solo dal datore di lavore? Il dipendende non si vede scalato nulla dalla sua busta paga? Grazie

  • Carmen

    13/03/2018 - 23:09

    Cara Antonella, nel piano sanitario cadiprof è prevista una diaria giornaliera per ricovero medico in caso di malattia o infortunio senza intervento chirurgico. La diaria a cui si ha diritto è pari a € 50,00 al giorno per un periodo non superiore a 20 giorni, corrisposta dal 4° giorno di ricovero. Per l’attivazione della garanzia è necessaria la cartella clinica relativa al ricovero. Ti consigliamo di contattare la centrale operativa cadiprof per avere certezza che il tuo caso rientri nella copertura e con l’occasione chiedi informazioni circa il post ricovero (si tratta di assistenza medica domiciliare, riabilitativa , infermieristica e farmacologica per un massimo di 120 giorni post ricovero). Auguroni, guarisci presto e dacci notizie di te. Un abbraccio

  • Antonella Achenza

    13/03/2018 - 22:38

    Salve. Faccio la segretaria in studio associato. Da venerdi 9 marzo sono ricoverata in hna struttura ospedslira a causa di una broncopolmonite. Volevo sapere e ho diritto ad una diaria x i giorni di ricovero e visto che si prospettano 2 settimane circa di convalescenza vorrei sapere se ci sono anche qui dei rimborsi. Grazie Antonella Achenza

  • Patrizia

    01/03/2018 - 17:58

    caro edo, aspettiamo i preziosi contributi di tutti tuo compreso , ci contiamo!! Quello che potete fare è chiedere l'iscrizione ora , per il pregresso EDR compresa risponde il datore di lavoro a fronte di una richiesta di risarcimento dei danni da parte vostra. Dovete andare in filcams all'ufficio vertenze e fare con loro la valutazione del danno dei mancati risarcimenti e della corresponsione EDR e fare la richiesta al datore di lavoro non c'è altro modo, l'inadempienza contrattuale è chiara e la responsabilità anche non lasciate perdere , cadiprof funziona bene sono sicura che avrete perso un sacco di soldi o anche facendo solo il conto dell'EDR.. in veneto diciamo boca sera non ciapa musatti (tradotto bocca chiusa non prende topi) ciao e facci sapere e mi raccomando hai fatto una promessa patrizia cgil

  • EDO90

    01/03/2018 - 16:54

    Ti ringrazio Patrizia! Quando verrà aperto il blog sulla discussione circa il rinnovo, se avrò qualcosa da proporre, parteciperò volentieri. Per quanto riguarda la contribuzione non versata e la mancata corresponsione dell'EDR, nei periodi di paga pregressi, si può regolarizzare la posizione con gli enti bilaterali oppure si deve necessariamente corrispondere l'EDR? Anche perché diversi di noi hanno perso vantaggi in termini di prestazioni assistenziali... Grazie

  • Patrizia

    26/02/2018 - 12:22

    caro Edo , ti ringrazio delle tua osservazione, siamo in scadenza contrattuale e tra un po' apriremo il blog la discussione sul contratto e quindi , proprio per il lavoro che fai, se hai proposte sul contratto falle !!cadiprof e ebipro sono enti bilaterali gestiti da consigli di amministrazione con rappresentanti dei datori di lavoro e rapp.ti dei lavoratori firmatari del contratto , quindi in consiglio di amministrazione ci sono cgil cisl e uil noi parliamo con i nostri rappresentanti e specificamente con Danilo lelli della filcams cgil , gireremo la tua osservazione a lui . Ma ti posso anticipare che per quello che io so cadiprof fa già dei controlli incrociati con l'inps perché , come puoi immaginare , i problemi sono tanti tra mancati pagamenti , interruzioni, licenziamenti non comunicati ecc. credo ci siano dei limiti nell'accesso ai dati dell'inps e ad un eventuale automatismo, ma chiediamo senz'altro a lelli. Inoltre c'è un problema legislativo : non c'è una legge che rende obbligatoria l'adesione agli enti bilaterali contenuti nei contratti che non hanno forza di legge , sono diritti contrattuali quindi esigibili dai parte dei lavoratori (v. art. 13 del contratto ) Nel tempo l' Inps e il Ministero del lavoro sono intervenuti con delle circolari che hanno reso più stringente l'obbligo (circolare ministeriale 43/2010, v. anche art. 7 bis del contratto studi prof.li 29.11.2011 che ha recepito la circolare) consentendo normare una specie di sanzione che è l'EDR. Rimangono tutti i problemi complessi di interpretazione per ottenere diritti contrattuali da molti ritenuti non obbligatori, ma non dal sindacato ovviamente. La strada certa rimane sempre l'attivazione del lavoratori , bisogna esigerli e in mancanza c è la vertenza per il risarcimento del danno , più sono le cause vincenti e più si affermerà la giurisprudenza positiva e cambieranno i comportamenti dei datori di lavoro . Va in Filcams , in alto trovi dai territori e vedi se c'è la tua città , altrimenti ti diamo una mano noi Ciao ! patrizia cgil

  • EDO90

    25/02/2018 - 19:42

    Ciao a tutte/tutti, una domanda: è molto tempo che mi sono accorto che nello studio dove lavoro noi dipendenti non siamo stati iscritti né ad Ebipro né a Cadiprof, pertanto non ci vengono versati i contributi alla bilateralità né corrisposta EDR... lasciamo da parte il fatto che dobbiamo parlarne noi con il datore di lavoro... ma come mai ancora nel 2018, se nella denuncia Uniemens viene indicato il CCNL applicato l'Inps non verifica la mancata compilazione della sezione "convenzioni bilaterali" ? Non dovrebbe esserci un controllo automatico? Sapete qualcosa più di me su questo dettaglio? Semmai, a chi si potrebbe proporre, secondo voi, un'implementazione dei controlli automatizzati? In questo modo si regolarizzerebbero tantissime posizioni con il minimo sforzo!!

  • patrizia

    06/12/2017 - 19:10

    cara irene, hai visto bene gli occhiali non sono previsti dalla polizza collegata a cadiprof. vedremo in futuro , ogni anno il piano sanitario viene discusso. con le assicurazioni ciao ! patrizia cgil

  • irene

    05/12/2017 - 16:10

    Buongiorno a tutte! una domanda.. ho guardato già sul piano sanitario ma spero di aver visto male.. eiste un rimborso cadiprof per occhiali da vista? non trovo niente

  • patrizia

    21/11/2017 - 21:36

    bis per michela e colleghe, per il pregresso: avrebbero dovuto pagarvi l'EDR cioè una indennità sostitutiva della iscrizione a cadiprof. Immagino non lo abbiano fatto .. potete sicuramente chiedere siano pagatE le mancate indennità . Altrimenti per i mancati rimborsi potete chiedere la "valutazione del danno " in sindacato e fare richiesta del risarcimento del danno per i mancati rimborsi. Si può avviare con il sindacato una vertenza oppure un accordo bonario sulla somma richiesta. Potete farlo tutte e quattro dal giorno dell'assunzione cadiprof è in vigore da un bel po' e attenzione alla prescrizione: 5 anni. Va in alto sul blog "dai territori" cerca la sede della filcams cgil della tua città e contattala ! le regioni non sono ancora tutte on line quindi chiedi a noi ! ciao e facci sapere patrizia cgil

  • patrizia

    21/11/2017 - 21:28

    Cara Michela, brave ! cadiprof ed ebipro fanno parte del sistema bilaterale contrattuale insieme a Fondoprofessioni (formazione) e Fonte (fondo pensioni) trovi i link sotto sul blog. Sono Enti senza fine di lucro di origine contrattuale cioè sono contrattati e gestiti in sede di contrattazione nazionale tra le parti sociali : sindacato dei lavoratori e datori di lavoro . Le risorse sono stabilite dal contratto nazionale. Cadiprof si occupa di assistenza integrativa sanitaria , ebipro di altra assistenza ai lavoratori non sanitaria dipende dagli statuti. Il nostro ente bilaterale funziona solo nell'articolazione nazionale , quella territoriale purtroppo non ancora, però riesce comunque ad intervenire con molti interventi di sostegno. Spero di essere stata chiara altrimenti chiedi !! patrizia cgil

  • Michela

    21/11/2017 - 17:26

    Salve, siamo 4 dipendenti che solo qualche giorno hanno scoperto che lo studio associato per cui siamo assunte versa sia alla ca.di.prof che all'e.di.pro, ma in seguito ai versamenti periodici in sostanza il consulente del lavoro da ottobre 2013 non ha provveduto ancora all'iscrizione presso i due enti né tanto meno siamo state informate, da qualche giorno si sta attivando per procedere all'iscrizione e far si che possiamo beneficiare delle diverse prestazioni previste, la mia domanda è che differenza c'è tra i due enti ca.di.prof ed e.di.pro e soprattutto è possibile far valere questa iscrizione retroattivamente? Io sono in attesa e vorrei capire se riuscirò ad avere il rimborso di tante spese sostenute da luglio ad oggi. Grazie mille per la risposta e saluti.

  • patrizia

    14/11/2017 - 18:33

    cara carmen , devi usare il modulo rimborsi che trovi sul sito di cadiprof . Le richieste vanno inviate a quell'indirizzo . La convenzione è Andi/ rete cadiprof , il dentista deve essere solo accreditato . Lo puoi controllare sul sito di cadiprof ci sono tutti i dentisti convenzionati. Sempre sul sito di cadiprof trovi il piano sanitario con tutte le indicazioni dei rimborsi che comunque sono 450,00 euro in caso di 1 impianto 850,00 di due impianti 1200,00 in caso di 3 o più impianti , attenzione che si parla dello stesso piano di cura e quindi devono essere previsti tutti prima . Queste sono prestazioni che rimborsa direttamente cadiprof e quindi unisalute non interviene, I tempi di rimborso sono molto veloci , puoi monitorare il rimborso via internet. ciao ! patrizia cgil

  • Carmen

    14/11/2017 - 12:46

    Buongiorno, Ho inserito una richiesta di rimborso per implantologia sul sito Ca.di.prof - area dipendenti, in quanto iscritta, ma non riesco capire in quanto tempo dovrei avere un riscontro?! Poi dal sito ho capito che Ca.di.prof si appoggia alla rete di strutture convenzionate Unisalute - visto che ho scelto un dentista convenzionato con Unisalute avrò il massimo di rimborso previsto per le cure eseguite ? Oppure mi sarei dovuta rivolgere ad un dentista Andi? Grazie per la cortese attenzione.

  • patrizia

    03/10/2017 - 17:19

    Caro andrea, vedi i contratti non sono leggi dello stato ma il risultato di una libera contrattazione tra rappresentanti dei lavoratori e datori di lavora , saprai anche che la nostra categoria non ha forza sindacale ,nonostante ciò il sindacato ci ha sempre rappresentato al meglio e ottenuto quello che si poteva. Quello che tu chiami misero è un contratto nazionale che è costato molta molta molta fatica a pochissimi di noi. Noi gestiamo il blog da più di 10 anni cercando di dare il nostro contributo e abbiamo toccato con mano le grandi difficoltà della contrattazione. In ogni caso il contratto, pur avendo saltato 3 rinnovi , è un buon contratto. Se pensi che si possa fare di meglio puoi sempre impegnarti con noi , siamo in scadenza contrattuale! Per quello chi chiedi art. 86 i giorni di congedo sono 3, art. 90 congedi non retribuiti di 1 anno , articolo 87 del contratto recepita la legge 104. Come vedi la legge 104 non è altro ma recepita e disciplinata dal contratto , è questa che devi usare ! va in patronato per le pratiche e auguri davvero , è successo anche a me e so quanta fatica e quanto dolore c'è in queste situazioni. Verifica anche se sei iscritto a cadiprof , puoi usare il pacchetto famiglia è un grande aiuto economico patrizia cgil

  • andrebaj

    03/10/2017 - 8:40

    giorno a tutti nel caso di ahimè padre malato di tumore e dovendo iniziare l'iter con visite, radio, intervento.... ho chiesto ai saindacati se esiste qualche monte ore o giorni di permesso da poter usufruire per l'assistenza in queste cose ma mi è stato risposto di no e dover usare le proprie ferie e permessi. avevo letto di 5gg previsti previo certificato dell'ospedale... oltre alla 104 che è una cosa a parte. insomme in questi casi il contratto, molto misero se non ricco di tante parole inutili alla fine, prevede nulla? già siamo retribuiti meno di una commessa ma dobbiamo sapere tutto di tutto ed essere iper produttivi e poi in caso di problemi familiari nada?

  • patrizia

    11/09/2017 - 17:44

    cara paola, faccio un po' fatica a seguirti ...non so cosa significa estremo nord e seguo poco anche le situazioni che descrivi. Non so se ti sei accorta ma questo è un blog sindacale e quindi non posso che darti una risposta sindacale .. prendi contatto con la filcams cgil della tua città per affrontare la situazione in cui sei , via web nulla si può fare lo può fare solo il sindacato e permettimi di dubitare che il sindacato sia coinvolto in quello che descrivi. Buona fortuna patrizia cgil

  • paola

    09/09/2017 - 10:58

    padova è ancora molto onesta in quanto 30 anni presso uno studio professionale per dove vivo io è una bestemmia in quanto gli studi professionali da 25 anni hanno tourn over altissimo e per non parlare ora con sti tirocini pipol con pluriennale esperienza lavorativa, e non parlare che gli studi professionali da noi inviano ogni documento contabile delle aziende italiane per l'elaborazione negli studi rumeni, croati, bulgari, in india per dar lavoro regolare alle donne di tali paesi nel loro paese, naturalmente licenziando gli impiegati professionali del nord est specializzati grazie a scanner , cloud .... di obbligatorio è solo non regolarizzare il lavoratore, pagarlo in meno possibile , non pagare alcun costo OBBLIGATORIO COME ENTE BILATERALE, perchè tanto il ministero del lavoro archivia le denunce chiudendole con scuse degli ispettori. Da noi l'illegale lavorativo viene tutelato dal datore di lavoro, dall'inail, dall'inps, dal ministero del lavoro , dai consulenti del lavoro , sindacati naturalmente a pieno danno del lavoratore. Se il lavoratore non accetta l'illegalità finisce in miseria perchè non si scoperchiano i vasi di pandora delle classi sociali superiori ma si deve eliminare dalla società la classe inferiore che ha pure la presunzione di chiedere diritti enunciati nei ccnl nazionali. Purtroppo da noi è il sistema non corretto . dopo il libro "mafia a nord est" speriamo inizino a scoperchiare gli immensi vasi di pandora che fino ad ora vanno a danno delle classi più deboli

  • paola

    09/09/2017 - 10:27

    io abito nell'estremo nord est. sono stata assunta in copertura maternità (meno di 4 mesi e a due livelli più bassi rispetto alla mia qualifica precedente del ccnl studi professionali) lo studio non è MAI stato iscritto a cadiprof o ad altro ente bilaterale. ad oggi non sono ancora stata istruita per la postazione che dovrò ricoprire nè so ancora quali aziende si occupa la ragazzina che partorirà tra meno di un mese e che continua a venire a lavorare, per ora i compiti giornalieri che mi vengono affidati sono di una qualifica che non è certo quella del 4 livello ma assai superiori. Spesso vengo mandata fuori per le pratiche dello studio e vado pur avendo una caviglia slogata perchè da noi non c'è lavoro regolarizzato o serio. Dopo 3 settimane di assuzione (rarissima nell'ambito degli studi di commercialisti nell'estremo nord est e tutelato e difesa tali evasioni dai cdl cittadini e soprattutto dalla direzione provinciale del lavoro) ancora non sono stata sottoposta a visita medica preventiva e neppure informata a livello di sicurezza o altro. Faccio presente che mi è accaduto un incidente, sono caduta per strada e ho rotto due denti, mi sono sbucciata il ginocchio e ho una caviglia slogata da settimane gonfia. Naturalmente non ho potuto denunciare l'infortunio lavorativo in quanto l'ente istituito da Mussolini che doveva prendersi cura del lavoratore da noi è "assai particolare" e non mi avrebbe affatto tutelata., per non parlare del fatto che avrei immediatamente perso il posto di lavoro "4 mesi di lavoro di cui 3 in prova dove posso essere eliminata in qualsiasi momento senza alcun motivo valido" a 8 euro l'ora lordi, netti equivalgono a 5 euro. Cosa devo fare per potermi curare senza dover spendere un patrimonio? cosa devo fare perchè i regolamenti contenuti nel ccnl italiano siano applicati anche nel nord est estremo dove le denunce agli ispettori del ministero del lavoro vengono volutamente non credute per aiutare i consulenti del lavoro che tutelano i clienti professionisti o aziende? I sindacati naturalmente come gli ispettori del lavoro aiutano i consulenti del lavoro in quanto il lavoratore è visto come una persona senza valore in quanto appartenente alla classe sociale inferiore. per cortesia. ditemi come fare a rendere pulito una realtà dove i diritti dei lavoratori non sono equiparati a quelli dei lavoratori italiani

  • patrizia

    07/09/2017 - 18:08

    cara paola, io sono di Padova e quindi conosco bene il nord est e gli studi , visto che ci ho lavorato per più di 30 anni. So bene come funziona , anch'io ho dovuto chiedere cadiprof con una certa "energia" e quello che ti posso dire è che la strada maestra è chiedere l'applicazione del contratto e basta , chi è in difetto è il datore di lavoro che non lo applica . Devi usare la porta principale : chiedere l'applicazione del contratto , non c'è bisogno di fare nessuna denuncia , casomai una vertenza sindacale e se si chiede con fermezza e cortesia un proprio diritto non c'è da temere nulla credi. patrizia cgil ps la tua collega ha diritto a conservare il posto di lavoro , non è una nemica ,tu sei in sostituzione è previsto dalle norme ... tra lavoratori bisognerebbe essere solidali e non farsi la guerra non credi ? cadiprof servirebbe moltissimo anche a lei in maternità e anche dopo copre molto , diglielo magari a cascata arriva anche a te , la copertura è di studio non personale !!! come vedi molto meglio essere solidali

  • Paola

    02/09/2017 - 3:36

    Sono stata assunta x una copertura maternità di solo 4 mesi . A parte che l' impiegata incinta vuole venire a lavorare fino al parto x non perdere il posto di lavoro ma non vuole neppure rimanere a casa dopo ( ha una famiglia grande che l' aiuta),....a parte questo.... Lo studio professionale di commercialisti storico non è mai stato iscritto a cadiprof è mai lo sarà xké nell' estremo nord est ( non c'è lavoro dagli anni 90) se denunci poi nessuno ti farà più lavorare xké sei etichettato infame. È da noi vige la diffamazione da passaparola legale come referenza. Cosa posso fare?

  • patrizia

    24/08/2017 - 23:10

    cara laura , ciao e scusa il ritardo con cui rispondiamo ma ... eravamo tutte in ferie e io sono la prima che è tornata! Intanto un po di chiarezza... sei sul blog per i dipendenti degli studi professionali , lo gestiamo in 4 e lavoriamo negli studi , a parte me che sono in pensione. Quindi cadiprof è di tutte noi ok? per venire alla tua manda : non sono previsti rimborsi per le lenti .. purtroppo ! nel fondo del commercio ci sono arrivati , speriamo di arrivarci anche noi ! patrizia cgil

  • Laura Venanzoni

    10/08/2017 - 18:34

    Buon giorno Sono Laura iscritta al vostro fondo come dipendente di uno studio odontoiatrico. Ho sostituito le lenti per modifica visualizza. Ho diritto a qualche rimborso

  • patrizia

    20/07/2017 - 18:43

    caro Ario , bentornato mi ricordo di te. Il nostro ente bilaterale , ebipro, eroga dei contributi ai dipendenti - studenti ma non ai figli. Nelle categorie molto più forti sindacalmente di noi hanno enti bilaterali territoriali che eroga molti contributi comprese le borse di studio ai figli del dipendente. Noi abbiamo solo l'Ente bilaterale nazionale che comunque qualche somma la eroga. Per attivare i nostri enti bilaterali territoriali dovremmo arrivare ai contratti regionali .. ci stiamo provando da anni e anni. Controlla se sei iscritto a Ebipro lo vedi dalla busta paga ! ciao patrizia cgil

  • Ario

    17/07/2017 - 15:17

    Buon pomeriggio, volevo chiedere se esistono borse di studio per i figli di dipendenti di studi professionali. Grazie mille. Ario

  • MORGIGNO

    05/07/2017 - 15:51

    grazie mille ora ho capito tutto ti farò sapere

  • IreFi

    05/07/2017 - 15:40

    Cara scusami forse per velocità non son stata chiara. L'iscrizione è obbligatoria da molto. Se non vi iscrive vi deve mettere in busta paga 32 euro. Che già dovreste avere in quanto nel precedente CCNL erano già previsti come penale di euro 22 poi passato a 23. Tal seconda manovra, non conviene nè a voi nè a lui. Primo a voi perchè non potete chiedere rimborsi nè coperture offerte dal piano. Secondo a lui perchè 32 euri li versa su 14 mesi mentre l'iscrizione a Cadiprof per 12 mesi per 15 euro. Il pagamento lo fa con unico modello f24 insieme al pagamento di EBIPRO che costa 7 euro di cui 2 a carico del lavoratore. sempre per 12 mesi. Il fatto di chiedere la quantificazione del danno, la puoi usare come arma, da tirar fuori nel caso in cui faccia storie. Se continua a non iscrivervi, oltre a pretendere i 32 euri al mese e quanto spettava prima, potete davvero chiedere il danno dei mancati rimborsi dei quali non avete potuto godere perchè non iscritte. Che poi il pregresso potreste chiederlo a prescindere dalla eventuale iscrizione di domattina! Forse ora è più chiaro. Scusa Ciao! Facci sapere!

  • MORGIGNO

    05/07/2017 - 15:29

    grazie mille per la tempestiva risposta. Domani provvederemo subito a chiedere l'iscrizione, per il rimborso meglio lasciar perdere visti i tempi che corrono ma sicuramente se farà storie per l'iscrizione sicuramente chiederemo i danno. Un'ultima domanda ma se non volesse fare l'iscrizione noi cosa dovremmo fare? possiamo chiedere al datore di lavoro il rimborse delle fatture e della quota di iscrizione? grazie Barbara

  • IreFi

    05/07/2017 - 14:57

    Ciao Barbara, CADIPROF è obbligatoria a prescindere dal numero di dipendenti. E lo è da molto tempo, nel senso che era prevista la Cassa già nei precedenti CCNL. In caso di mancata iscrizione dovreste avere in busta la cd. penale che il datore di lavoro deve pagare; questa è prevista nel CCNL 2015/18. Potreste anche farvi valutare il danno da mancata iscrizione contattando CADIPROF e chiederlo al capo... Direi che gli conviene iscrivervi senza opporsi. Per verificare se siete iscritte c'è una sezione apposita sul sito della cassa. Cari saluti Irene

  • MORGIGNO

    05/07/2017 - 14:48

    Buongiorno sono nuova del blog... solo oggi sono venuta a conoscenza del rinnovo contrattuale del 2015 e quindi di Cadiprof. Lavoro in uno studio medico dal 2009 e siamo un due impiegate. Vorrei capire se l'iscrizione da parte del datore di lavoro è obbligatoria anche se solo con due impiegate. Sono certissima che non è mai stata fatta iscrizione dal datore di lavoro tantomeno è presente la voce in busta paga. Gentilmente chiedo delucidazioni in merito prima di potermi rivalere. Grazie mille per l'aiuto. Barbara

  • Deny

    04/05/2017 - 4:14

    Grazie mille!!!gentilissime!!!

  • Irene Greco

    03/05/2017 - 17:21

    Concordo Patry!! In pieno.

  • patrizia

    03/05/2017 - 16:58

    si ho letto .. ma parla di degenza con pernottamento per effettuare analisi, accertamenti con esclusione degli interventi chirurgici, mi sembra dura che ci entri il parto.. in ogni caso è dopo il 4 giorno e di solito le dimissioni per parto avvengo prima comunque chiedere si può sempre. Manda una mail Deny vediamo cosa rispondono .. non si sa mai ! patrizia cgil

  • Irene Greco

    03/05/2017 - 11:40

    Si Patry ho visto ieri sera e confermo ma credo che lei volesse sapere se è prevista in caso di non intervento una diaria. Mentre è chiaro per ricovero con intervento, lo è meno x ricovero senza intervento. Infatti in questo caso spetta una somma dopo il quarto giorno.

  • patrizia

    03/05/2017 - 11:22

    ciao Deny, la copertura di cadiprof nella chirurgia per la ginecologia è prevista per 4 interventi : isterctomia, vulvectonia, intervento radicale per tumori, isterectomia /annessectomia. Non prevede il cesareo o il ricovero . La gravidanza ha una copertura a parte di 1.000,00 euro per anno e per evento ( visite medic he , ecografie , analisi clinico chimiche , amniocentesi ecc.) senza franchigia e fino a concorrenza del massimale previsto. Hai guardato irene sei d'accordo ? Attenzione la gravidanza fa parte delle prestazioni gestite da Unisalute, società che gestisce i servizi, il pacchetto famiglia invece è gestita direttamente da cadiprof . Per esperienza è molto meglio scrivere una mail dando il numero di telefono , esporre la problematica e aspettare che chiamino , così c'è il tempo per gli operatori di informarsi con calma e precisione. Unisalute gestisce tantissime casse e a volte per telefono è complicato essere precisi. In ogni caso se hai difficoltà o lamentele diccelo! patrizia cgil

  • IreFi

    02/05/2017 - 15:28

    Ciao Deny, bisogna aver pazienza con il telefono.. è capitato anche a me 15 giorni fa... prima eravamo pochi iscritti, piano piano siamo aumentati e loro impazziscono! Devo dire che dopo un paio di minuti, la rigidità che percepivo inizialmente si è tramutata in gentilezza. Venendo alla tua domanda: vado a mente e mi riservo di verificare.. mi sembra di ricordare che la diaria di cui parli spetti in alternativa a somme erogate per ricoveri con interventi chirurgici. Dovrebbe esserci nel pacchetto sanitario anche il ricovero senza intervento che mi sembra abbia un importo minore e copra a partire dal 4° gg di ricovero. Butta un occhio al piano sanitario. Lo faccio anche io e magari poi ci confrontiamo. Non so se magari ho compreso male... ma fai il cesareo? Ricorda che esiste anche il pacchetto famiglia (ti farà comodo!) e il piano gravidanza per le spese che hai già sostenuto ..hai fatto richiesta mi pare di capire.. hai mille euro per anno ed evento. Appena esco da studio mi riguardo bene bene il piano anche io. Ciao Ire

  • Deny

    01/05/2017 - 17:06

    Salve volevo un informazione vedo che viene scritto che in caso d ricovero ospedaliero aspetta se non chiedi altri rimborsi una diaria sostitutiva pari a 80€al giorno quindi m chiedevo anche in caso d ricovero per parto è previsto questa diaria? O dato che ho chiesto rimborsi per visite/analisi fatte durante la gravidanza non m aspetta niente? Scusate se chiedo a voi ma il call center di cadiprof è tutto tranne che disponibile (magari capita solo a me)

  • patrizia

    12/04/2017 - 18:35

    ciao rossella! va bene qui. Purtroppo no ! alcune casse lo fanno per esempio fondo est rimborsa 70,00 euro , cadiprof ancora no , ebipro potrebbe ma attraverso gli enti regionali che ancora non ci sono purtroppo! ebipro prevede altri tipi di rimborsi vai sul sito lo trovi qui tra i link! ciao patrizia cgil

  • rosella

    11/04/2017 - 11:28

    ciao a tutti. non so se sono nella discussione giusta, ma vorrei sapere se la cadiprof o ebipro rimborsano le spese sostenute per gli occhiali da vista? grazie per le risposte Rosella

  • Novità in casa CA.DI.PROF. | UNIC@ - Associazione nazionale dipendenti studi notarili italiani

    20/03/2017 - 15:02

    […] Ci sono novità in casa CA.DI.PROF., che ci illustrano le colleghe di impiegate.org […]

Lascia un commento

You have to agree to the comment policy.

*

↓