impiegate
466

31 MARZO 2018 IL CONTRATTO E’ SCADUTO-DISCUSSIONE ATTIVA

19/06/2019 - 21:32

Ebbene si! Il 31 marzo 2018 è scaduto il nostro contratto di lavoro cioè quello degli Studi Professionali!!!

Puoi visionare quello vecchio e tutt’ora in vigore cliccando qui sotto

contratto 2015-2018

Siamo tutte/i coinvolte!

Cosa pensate di fare?

Lo sapevi? Il contratto è composto da due parti: una normativa ed una economica.

Cerchiamo di mettere insieme le nostre idee per far sì che il Contratto sia rinnovato in tempi “canonici”.

La scadenza è avvenuta a fine marzo 2018, sarebbe bello che si rinnovi in tempi brevi.

Ma dipende anche da noi. Sappiamo che, per lo scarso numero di iscritti, controparte non ci considera ed il sindacato fa quel che può.

La Filcams si è già attivata lavorando alla nuova piattaforma, vogliamo dare una mano? Si!!!!

Ma noi dipendenti degli studi professionali cosa possiamo fare?

Con questo articolo vi chiediamo di voler esternare tutto ciò che vi passa in mente in tema di rinnovo in tempi brevi e cosa è bene migliorare nel nostro contratto oltre, ovviamente, alla parte economica.

Leggete il contratto (soprattutto la parte normativa) e prendete appunti sui svariati temi che esso tratta: magari c’è un aspetto che vi sta particolarmente a cuore, tipo: estendere i congedi parentali anche agli affini; aumentare la copertura assicurativa Cadiprof;  ferie, permessi , apprendistato etc etc… !

IL MESSAGGIO:

ASPETTIAMO LE VOSTRE PROPOSTE, MIGLIORIE E TUTTO QUELLO CHE VI PASSA DALLA TESTA cercheremo noi di portare le Vostre richieste al tavolo della contrattazione!!!!! 

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
  • Patrizia

    25/06/2019 - 14:20

    ciao federica. capisco certo , però a noi piace rivolgerci alle persone come se le avessimo davanti e il nome aiuta! comunque è vero , segretaria ormai non vuol dire più niente a me piace collaboratrice .. pensa te ! patrizia cgil

  • FEDERICA

    25/06/2019 - 10:23

    Certo che ho un nome.... non volevo nascondermi... ma solo avvalorare ciò che avevo scritto.... io mi sento un impiegata amministrativa... anche se spesso sento chiamarci segretarie....

  • Patrizia

    24/06/2019 - 18:53

    ti prego .. avrai un nome ? siamo tutte impiegate , metti una cosa qualsiasi ma non impiegata, Ti prego facci felici , datti un nome. Lavoriamo tutte negli studi e quindi sappiamo il valore del nostro lavoro e come è sottostimato . Bisognerebbe che l'intera categoria lo dicesse collettivamente per avere un peso , non possiamo pensare di aspettare le concessioni della nostra controparte , è anche umiliante , non credi ? un po' di orgoglio per il nostro lavoro ci vuole , andiamo in sindacato , sarebbe ora ! patrizia cgil

  • Patrizia

    24/06/2019 - 18:48

    cara alesandra, siamo contenti , finalmente si parte. per le ferie: vanno concordate e la richiesta del lavoratore deve essere tenuta presente .. se ce la fa ! i rol sono tuoi , vanno chiesti compatibilmente con le esigenze dello studio . Trovare un accordo non significa che il datore di lavoro può imporre .. discutete con energia ! patrizia cgil

  • Alessandra

    24/06/2019 - 15:28

    Buongiorno, che bella notizia!! Attendiamo fiduciosi le novità!! Speriamo al più presto, grazie! Ne approfitto anche per chiedere un chiarimento riguardante le ferie e i permessi: lavoro da 17 anni in uno studio notarile, e praticamente da sempre il nostro datore di lavoro decide tutti gli anni, per noi, le nostre ferie: le solite 3 settimane ad agosto in concomitanza con la chiusura generale dello studio e la prima settimana di gennaio (che poi non è mai una settimana intera, ma per via delle festività solo qualche giorno). Non è concesso chiedere altri giorni di ferie, al di fuori di quelli già stabiliti, se non per casi eccezionali, ed in ultimo non è concesso chiedere permessi il venerdì pomeriggio o il lunedì mattina, sempre se non per casi eccezionali e concordati con il datore di lavoro. Chiedo: ma è normale tutto ciò? un lavoratore non ha diritto a scegliere dei giorni di ferie autonomamente? ovviamente sempre con buon senso e responsabilità, che è ciò che ha sempre contraddistinto me e i miei colleghi in tutti questi anni. Grazie Buona giornata ALESSANDRA

  • Alessandra

    24/06/2019 - 15:19

    Buongiorno, che bella notizia!! Attendiamo fiduciosi le novità!! Speriamo al più presto, grazie! Ne approfitto anche per chiedere un chiarimento riguardante le ferie e i permessi: lavoro da 17 anni in uno studio notarile, e praticamente da sempre il nostro datore di lavoro decide tutti gli anni, per noi, le nostre ferie: le solite 3 settimane ad agosto in concomitanza con la chiusura generale dello studio e la prima settimana di gennaio (che poi non è mai una settimana intera, ma per via delle festività solo qualche giorno). Non è concesso chiedere altri giorni di ferie, al di fuori di quelli già stabiliti, se non per casi eccezionali, ed in ultimo non è concesso chiedere permessi il venerdì pomeriggio o il lunedì mattina, sempre se non per casi eccezionali e concordati con il datore di lavoro. Chiedo: ma è normale tutto ciò? un lavoratore non ha diritto a scegliere dei giorni di ferie autonomamente? ovviamente sempre con buon senso e responsabilità, che è ciò che ha sempre contraddistinto me e i miei colleghi in questo caso. Grazie Buona giornata ALESSANDRA

  • IMPIEGATA

    24/06/2019 - 14:46

    Ciao Patrizia!! Che bello iniziare il lunedi con questa grande notizia! Sono molto fiduciosa del vostro lavoro e speriamo che il sacrificio si trasformi presto in fatti!! Secondo me la parte economica deve essere rivista con tutte le responsabilità che abbiamo... non siamo solo segretarie... ma molto di più.... soprattutto dopo l'arrivo della fatturazione elettronica......!!! chissa' se ne terranno conto..... io ci spero!! Buon lavoro e grazie per l'impegno che ci mettete!!!

  • Patrizia

    21/06/2019 - 17:56

    cara mariella, prossima settimana pubblichiamo l'articolo sul nostro sondaggio interno che ha riguardato 200 questionari pervenuti da Unica, associazioni di dipendenti notarili , e 40 (pochini ) dal blog . Da questo campione , la nostra guerriera Carmen ha elaborato un bellissimo lavoro corredato da torte e analisi del campione , lo possiamo considerare la piattaforma del blog ! questo lavoro è già in mano del nostro referente nazionale della Filcams Danilo lelli e verrà usato durante la trattativa contrattuale. Il 3 luglio ci sarà un coordinamento nazionale Filcams di tutte le strutture territoriali , al quale noi siamo invitate. Dopo il 3 luglio potremo finalmente entrare nello specifico della piattaforma , la ns. guerriera irene ci sta lavorando insieme ad angela . Poi saremo pronti per partire. Questo è il programma , è stato un grande lavoro, vi assicuro veramente difficile e impegnativo . ciao patrizia cgil

  • Mariella

    21/06/2019 - 14:29

    Grande!!! Patrizia !! ho letto ora che ci sono news che leggeremo prossima settimana, questa e' una bellissima notizia! grazie a te e a tutte le tue colleghe che si cimentano in questa corsa ad ostacoli per noi . Mariella

  • Patrizia

    19/06/2019 - 19:01

    caro marco , leggo ora bene il tuo messaggio .. "ce la farete" ? somiglia ad "armiamoci e partite. Non funziona così sai .. ogni lavoratore di questo settore deve sentirsi impegnato in prima persona . Io sono un lavoratore come te e ho gli stessi diritti e doveri. patrizia cgil

  • Patrizia

    19/06/2019 - 18:58

    cara monica , guarda notizie fresche di stamattina! stiamo preparando proprio ora un articolo sulle novità. Pubblicheremo la settimana prossima. Anticipo che il 3 luglio a Roma e convocato il coordinamento nazionale Filcams per formalizzare l'inizio della trattativa , dopo il 3 luglio pubblicheremo degli articoli che spiegheranno la piattaforma , dopo il 3 luglio saranno fissati gli incontri con la controparte per la convocazione del tavolo. E' tutto ufficiale e controllabile con tanto di circolare , il tempo di preparare gli articoli e pubblichiamo. Ormai ci siamo sul serio. patrizia cgil

  • monica

    19/06/2019 - 12:07

    Ciao a Tutti!!! chiedevo solo aggiornamento sul rinnovo del contratto....come siamo messi? Grazie e buon lavoro.

  • Patrizia

    18/06/2019 - 18:27

    caro marco, direi di si .. magari ci dai una mano anche tu e faremo prima! patrizia cgil

  • Marco

    18/06/2019 - 12:11

    Per il 2020 ce la farete a rinnovare il ccnl? Grazie.

  • Patrizia

    06/06/2019 - 22:08

    cara mariella, ti puoi permettere si ! anzi abbiamo bisogno di idee , pareri , stimoli , puoi dire quello che vuoi , te ne siamo grati . Vedi , le categorie che citavo sono tutte organizzate con il sindacato , i lavoratori sono tesserate e hanno strutture di coordinamento all'interno del sindacato , per fare una iniziativa o dichiarare sciopero devi avere la copertura della struttura sindacale . Inoltre non avendo delle strutture non sappiamo chi aderirebbe, dovremmo fare una iniziativa di piazza "al buio", chi aderisce ? mah ? un conto è scrivere su un blog altro è partecipare ad uno sciopero o manifestazione .. negli anni scorsi abbiamo organizzato assemblee in alcune città anche attraverso il blog , il ns. gruppo si è formato così, ma le condizioni erano diverse , attraverso il blog siamo riuscite ad avere molte adesioni , ora è diventato molto complicato , è troppo alto il rischio di fare un buco , ormai abbiamo imparato a riconoscere "la temperatura". Petizioni e lettere appelli attraverso il blog ne abbiamo fatte molte , se lo strumento lo usi troppo alla fine si "svuota " meglio usarlo con parsimonia , al momento giusto . Noi abbiamo in testa un modello organizzativo che ci piacerebbe veder partire prima o poi, ci abbiamo lavorato anche tanto in questi anni , con scarsi risultati , secondo noi ci vorrebbe 1 lavoratore almeno , responsabile per ogni regione, un gruppo collegato al blog , in questo modo svilupperemmo una rete organizzativa .. speriamo di arrivarci. In questo momento non serve fare iniziative , perché stiamo facendo gli ultimi passaggi per iniziare la trattativa , stiamo aspettando la convocazione del tavolo , speriamo prima dell'estate…. e poi durante la trattativa potremo farci sentire con iniziative lanciate dal blog . Una trattativa ha bisogno di sostegno perché ci possono essere momenti difficili che hanno bisogno di spinte , dobbiamo tenerci le nostre armi per quei momenti . Quindi aspettiamo ! stai con noi e vedrai che ci sarà da fare! anzi comincia a buttare giù idee e a scrivere , così quando sarà il momento decideremo insieme sul blog . Quando inzierà la trattativa faremo un collegamento diretto dal blog , così si potrà seguire passo passo. grazie dei complimenti , è sempre bello sentire apprezzato il ns. lavoro. ciao Patrizia cgil

  • Patrizia

    06/06/2019 - 21:44

    cara Carlotta, si l'assunzione prevede il periodo di prova sempre. Il periodo è distinto per livello. Articolo 26 CCNL. ciao Patrizia cgil

  • Carlotta

    06/06/2019 - 16:09

    scusate,non sono riuscita a trovare nulla in merito. Assunzione a tempo determinato ccnl studi professionali,ad una mia amica hanno proposto di inserire il periodo di prova.Si può fare anche se il contratto è a tempo determinato? grazie

  • Mariella

    06/06/2019 - 14:10

    Buongiorno Patrizia e a tutto lo staff, intanto grazie veramente del vostro impegno per tutte/i noi. Nella risposta a Giovanna dici (riporto nel virgolettato) " Infatti chi prende meno di noi è in piazza a pretendere il contratto nazionale : i riders, i dipendenti delle imprese di pulizia ecc. , ciò significa che le categorie deboli possono organizzarsi per avere condizioni di lavoro migliori." ora io se posso permettermi chiedo: non si potrebbe proporre per aiutare la nostra causa di organizzare una discesa in piazza anche per noi, almeno per renderci un po piu' visibili? o tentare con qualche email a chi ci puoi indicare tu come avevamo fatto se non erro due contratti fa? forse ci potremmo provare. Mariella

  • Patrizia

    05/06/2019 - 13:17

    bis per giovanna, mi spiego ancora meglio: la difficoltà che incontro , come sindacalista e lavoratrice del settore, è spiegare la differenza tra individuale e collettivo. I diritti inviduali si trattano direttamente con il datore di lavoro : tutto quello che può migliorare il contratto collettivo va bene. Il contratto collettivo si chiama collettivo perché? perché i diritti conquistati collettivamente difendono soprattutto i più deboli e nella ns. categoria ce ne sono tanti , se conquistiamo in 1000 un buon contratto per quelli che sono in difficoltà significa avere dei diritti da esigere perché sono scritti su un contratto valido per tutti i lavoratori , iscritti e non iscritti . Ecco dobbiamo riprenderci questo : la solidarietà , il collettivo, nella difesa individuale vince sempre il più forte perché ha potere contrattuale, chi non ce l'ha non ha nulla per difendersi. ciao patrizia cgil

  • Patrizia

    05/06/2019 - 10:27

    cara giovanna, le ragioni sono al 50% in quello che dici , i ns. sono piccoli studi dove il rapporto diventa personale con il datore di lavoro , pensiamo di non avere bisogno del sindacato finchè i rapporti sono "quasi di parentela" poi però quando arrivano le difficoltà e licenziamenti ci accorgiamo , troppo tardi, che abbiamo vissuto un'illusione, poi siamo donne e l'approccio al lavoro non è ancora come lo è per un uomo, lo dimostrano i messaggi in questo blog. Dovremmo chiedere più dignità per il nostro lavoro e per noi stesse , non pensare che il lavoro infondo è un'attività secondaria a quella principale: la famiglia. E poi infine io credo ci sia anche un po' di pigrizia impiegatizia , ci sentiamo anche un po' categoria superiore agli altri lavoratori .. peccato che i ns. stipendi dicano il contrario. Infatti chi prende meno di noi è in piazza a pretendere il contratto nazionale : i riders, i dipendenti delle imprese di pulizia ecc. , ciò significa che le categorie deboli possono organizzarsi per avere condizioni di lavoro migliori. Dopo tati anni di attività sindacale e di lavoro negli studi professionali , è cambiato poco .. dobbiamo cambiare mentalità senza organizzazione sindacale forte dei lavoratori si ottiene poco. Noi purtroppo tendiamo all'individualismo, a tentare di risolvere in studio i problemi , vediamo il datore di lavoro come un alleato e il sindacato come un nemico , tutto ciò porta alla situazione attuale . Bisogna lavorare sulla mentalità , questo blog è nato per questo , si è rivelato uno strumento efficacissimo per rivelare il nostro mondo "nascosto " quasi ottocentesco , dovremmo passare alla fase due : l'organizzazione sindacale non credi? Come avrai capito , questo è il cuore del blog , per noi è fondamentale parlare di questi argomenti , quindi discutiamone pure Giovanna con grandissimo piacere! patrizia cgil

  • GIOVANNA

    05/06/2019 - 9:51

    Buongiorno Patrizia. Ti ringrazio per la risposta però mi piacerebbe approfondire i motivi per i quali la nostra categoria ha così pochi iscritti al sindacato, di certo non perché non ne abbiamo bisogno visti gli stipendi davvero non commisurati alle mansioni svolte. Quale può essere la leva per incrementare le iscrizioni ? Per alcuni settori l'attività sindacale è efficace, per il nostro invece sembra che non ci siano speranze, forse perché il nostro datore di lavoro può fare di noi ciò che vuole !!

  • Patrizia

    03/06/2019 - 19:17

    Caro Giovanna, innanzitutto grazie per i complimenti , siamo sempre contente quando c'è riscontro del ns. lavoro, è importante. Ottima domanda la tua , mi consente di fare chiarezza su un argomento fondamentale su cui c'è una grande confusione : i'adesione al sindacato. Cara giovanna, non è questione di soldi assolutamente. La tessera rappresenta la delega sindacale , il sindacato è l'associazione dei lavoratori e per rappresentare le istanze dei lavoratori ha bisogno di essere delegata a ciò dagli stessi , attraverso la tessera. Lo fanno tutte le associazioni : che so .. confindustria rappresenta gli interessi degli industriali e lo fa grazie alla rappresentanza esercitata attraverso l'adesione di tante industrie all'associazione. La cgil ha 5 milioni di iscritti e può rappresentare, per fortuna, le ragioni dei lavoratori e anche le nostre, per quello che può.. visto che noi non chiediamo rappresentanza. Nonostante ciò , ti assicuro, l'attività e l'attenzione per la nostra categoria è massima su tutti i tavoli e anche l'impegno economico , un esempio è questo blog che costa .. ti assicuro ! potrei fare un lungo elenco delle attività svolte dalla filcams e i costi sostenuti in nostro favore , ma non è mai stato questo il tema , i lavoratori vanno aiutati tutti. Il ns. problema è un altro : al tavolo della trattative con la controparte pesa la forza della categoria che si misura con il tesseramento e le iniziative, per la Filcams andare al tavolo con pochi tesserati è come andare in guerra con le lance con gli altri che hanno i cannoni, o giocare con il 2 di spade con briscola bastoni. Spero di essere stata chiara , altrimenti chiedi , giovanna, io non mi stanco mai di parlare di questi argomenti perché sono importantissimi. Non si può fare la delega obbligatoria .. l'adesione alle associazioni è volontaria , quindi dipende dalla volontà di ognuno di noi , che deve valutare se è importante avere una tutela sindacale collettiva più forte , io dico di si , è fondamentale ,altrimenti avremo sempre il fiato corto, per quanto riguarda l'impegno del sindacato per la ns. categoria c'è sempre stato e sempre ci sarà, il problema siamo noi. ciao e grazie patrizia cgil

  • Patrizia

    03/06/2019 - 18:58

    caro ivano, bene , è la cosa giusta . Tienici informate. A reggio emilia c'è Irene una del gruppo del blog , potresti contattarla . Forza! patrizia cgil

  • IVANO

    03/06/2019 - 15:32

    CIAO PATRIZIA, TI RINGRAZIO PER IL SOSTEGNO VADO OGGI POMERIGGIO AL SINDACATO, SONO DI VIGNOLA (MO). IVANO

  • GIOVANNA

    03/06/2019 - 12:51

    Buongiorno a tutti! Mi intrometto nella discussione perché mi pare di avere capito che la motivazione per la quale il nostro contratto è peggiore di tanti altri è il fatto che pochi di noi sono iscritti al sindacato e quindi il sindacato non ha le risorse ( economiche ?) per agire in sede di contrattazione. Se così fosse bisognerebbe allora ragionare sui motivi per i quali ci sono poche tessere… In una micro impresa o in uno studio il datore di lavoro non vede di buon occhio il dipendente iscritto al sindacato, purtroppo viviamo in tempi difficili, non è più come negli anni 70 o 80 quando un padre di famiglia poteva dimettersi a cuor leggero consapevole che avrebbe trovato subito un altro impiego. A questo punto perché non rendere obbligatoria, per la nostra categoria, l’iscrizione al sindacato ? Con una quota minima, per non gravare ulteriormente sui nostri davvero miseri stipendi e naturalmente con la facoltà di scegliere a quale sindacato iscriverci. Si potrebbe attuare l’obbligo solo per pochi mesi, magari a ridosso di un scadenza contrattuale e poi rendere l’iscrizione facoltativa in modo che il lavoratore possa giudicare l’operato dei propri rappresentanti. Altrimenti che alternative abbiamo ? Ci sarebbe il salario minimo ma, a parte che è osteggiato un po' da tutti, pare comporti troppi problemi economici... Ringrazio chi gestisce il blog e in particolare Patrizia per il lavoro svolto e la disponibilità.

  • Patrizia

    02/06/2019 - 22:25

    caro Paolo, il tuo ragionamento è curioso , lasciamelo dire .. cerco di seguirti per avere da te delle risposte : ora lavori nel commercio il contratto e i rapporti in azienda sono imparagonabili con uno studio professionale ? vero, bene : secondo te a noi piace avere condizioni di lavoro inferiori al commercio ? e come mai secondo te ? e ancora : secondo te il commercio ha il contratto che ha perché? chi ha ottenuto quel contratto ? come è organizzata quella categoria e cosa fa quando scade il contratto nazionale ? e ancora: fai il paragone con la ns. categoria . Negli studi si lavora male ? e allora cosa si fa ? di chi è la responsabilità ' noi possiamo solo subire ? No, perché se non rispondi a queste domande le tue considerazioni sono monche . Non c'è un ministero che fa i contratti e tratta male una categoria rispetto ad un'altra . I contratti di categoria hanno una storia sindacale lunga e tu , ora, stai godendo delle conquiste di tanti lavoratori che hanno lavorato e scioperato per ottenere le cose che elenchi . Chiediti il perché e il per come. Se i dipendenti degli studi professionali non faranno questo salto di qualità saranno condannati al lamento perpetuo e inconcludente . patrizia CGIL

  • Patrizia

    02/06/2019 - 22:13

    caro lorenzo, francamente faccio fatica a seguirti, anzi proprio non ti seguo. Sei d'accordo con Ivano? scusa anche con il finale ? perché , da iscritto , ringrazia il sindacato. Coma vedi questo è uno spazio libero, tutti possono dire la loro con educazione e civiltà , le critiche sono benvenute , ti abbiamo sempre pubblicato .. tra colleghi però , abbiamo anche noi la libertà di rispondere , qual è il problema? che torto ti abbiamo fatto ? non ti piace la categoria ? facciamo troppo poco ? non ti piace il "prodotto" ? non so non capisco .. Lavori in questa categoria e con questa devi misurarti . le altre categorie con altri contratti migliori li hanno perché hanno lottato , Io mi sforzo di capire , però Lorenzo a me pare che tu non voglia uscire dai tuoi ragionamenti , la tua scelta è sbagliata. Patrizia cgil

  • Paolo

    02/06/2019 - 8:53

    Concordo con Lorenzo. Da qualche mese non lavoro più in uno studio professionale (commercialista) ma in una azienda del commercio, sempre come contabile. Risultato? La mole di lavoro è MOLTO minore, non c'è lo stress delle scadenze che c'era in studio, la paga non è nemmeno confrontabile (+20% netto) ma soprattutto il nostro lavoro viene APPREZZATO! In studio venivo quasi considerato un robottino che doveva solo inserire nel PC i dati delle fatture, ora invece la mia laurea mi dà molto più "credito" e i titolari si rivolgono a me per chiedere pareri, idee, opinioni.... Lavoro solo da pochi mesi e addirittura mi hanno già parlato di premi e/o aumenti di livello perché "me lo merito"! E pensare che dal commercialista sono stato per anni al 5 livello e quando ho provato a accennare ad un aumento mi ha riso in faccia... Lasciamo perdere.

  • Lorenzo

    01/06/2019 - 12:15

    Concordo con Ivano che conviene trovare impiego in altro settore. Qui siamo ancora alla ricerca di fondi per la tessera per partecipare contare per arrivare a cosa? Aspettare anni, per come dice Ivano, un rinnovo da fame come lo scorso? No grazie. Buon proseguimento. Termino qui le mie visite al blog. Saluti.

  • Patrizia

    30/05/2019 - 18:31

    caro bruno… hai perfettamente ragione e io sono d'accordo con te ! noi non vediamo l' ora di postare qualcosa di concreto , non ne possiamo più di cercare di rassicurarvi che "eppur si muove" , però , credi non possiamo fare altro in questo momento , non è ancora iniziata formalmente la trattativa anche se ormai dovremmo esserci , quindi non possiamo discutere ancora di nulla . PURTROPPO , giuramento da boy scout non ne possiamo più noi per prime .. credimi quello che diciamo qui è la pure e semplice verità, la macchina della contrattazione è difficile e complessa specie in questi tempi cosi duri. Appena pronti suoneremo la tromba ciao e grazie patrizia CGIL

  • Bruno TROVA

    30/05/2019 - 18:25

    Scusate la semplicità della domanda. Quale è l'ultimo aggiornamento sul rinnovo del contratto ? Sono previsti incontri sindacato-parte datoriale ? Se si quando ? Quali sono i punti di maggiore distanza nella discussione ? Penso che avere queste informazioni possa far scaturire discussioni fra colleghi/e e creare le basi per un proselitismo per le organizzazioni sindacali. Grazie per l' attenzione ed il supporto

  • Bruno TROVA

    30/05/2019 - 18:06

    Cara Patrizia , comprendo le difficoltà, ma aiuterebbe ( anche a fare proselitismo) un' aggiornamento: * Sono previste prossime riunioni sindacato - parte datoriale ? Se si quando? * Esistono, a tuo parere, ancora distanze significative ? Se si su quale tema ? Avere una situazione chiara serve anche ad innestare discussioni fra colleghe/i e a creare un poco più di coscienza collettiva. Scusa per la semplicità della domanda e grazie per l'attenzione ed il supporto. Bruno

  • Patrizia

    30/05/2019 - 18:03

    caro ivano, ci tocca leggere anche questo.. non c'è calo di lavoro , ti vorrebbero licenziare perché costi troppo.. il mercato del lavoro è diventata una trincea . Va subito in sindacato , il licenziamento deve essere per giusta causa anche se sotto i 15 dipendenti ( calo di lavoro, chiusura e altro ) , il part-time deve essere volontario , non imposto. Potresti vedere se è fosse possibile fare un accordo per un part-time per un certo periodo per poi riprendere il full time , ebipro prevede dei contributi per il part- time di questo tipo, oppure una uscita incentivata. In ogni caso qualsiasi accordo lo puoi fare solo attraverso il sindacato , non perdere 1 minuto. Per quanto riguarda il contratto , dipende come sarà articolata la norma su una eventuale una tantum , ora è impossibile prevederlo …. facci sapere . Sono sollevata che almeno tu riconosci il ruolo del sindacato , se molti ragionassero come te avremmo meno difficoltà. Di che città sei? auguri tantissimi patrizia CGIL

  • Patrizia

    30/05/2019 - 17:51

    caro Giorgio, il blog è gestito in 5 , ci siamo divisi i compiti perché il blog è complesso , angela si occupa della gestione tecnica , irene della parte sindacale , carmen dei sondaggi e degli articoli , emilia di articoli più vicini alle sue competense , io rispondo sul blog alle domande che fate sul blog , tutte lavoriamo negli studi . Abbiamo una chat per discutere cosa scrivere , come gestire , cosa pubblicare , ne abbiamo un'altra con il nazionale filcams per essere sempre costantemente informate e ogni tanto facciamo qualche riunione "de visu" , come vedi è tutto organizzato , io non sono ne "sola" ne volenterosa , faccio attività sindacale , è molto diverso. In quanto all'elenco che fai , ti rispondo così: scusa , ci sono abbastanza argomenti per incazzarti e andare in sindacato e darci una mano … in tutto il tuo elenco manca un protagonista : il lavoratore .. il lavoratore degli studi professionali che fa? aspetta ? che cosa ? ma noooo non si può leggere. Sulla pagina fb del blog sto postando le varie iniziative dei lavoratori delle categoria con contratto scaduto si fa così , non si aspetta. patrizia cgil

  • giorgio dandini

    30/05/2019 - 17:08

    Caro Lorenzo, non abbiamo altre alternative che questo blog meno male esiste, almeno abbiamo una piccola fiammella di speranza che qualcuno ci ascolti, si la FILCAMS ci ascolta! al dire la verità ormai risponde solo la disponibilissima Patrizia, prima eravate di più ora unica portavoce tra noi 2.000.000 di lavoratori e la FILCAMS, che alternative abbiamo? attendere che il tempo passi insesorabilmente, arriveremo a marzo del 2020 dopo 2 anni buttati per mancato rinnovo come la scorsa volta senza riconoscimento degli arretrati una tantum per mancato rinnovo, un aumento da fame, un contratto senza il riconoscimento dei buoni pasto, siamo l'unico contratto di lavoro che per avere la totale copertura sanitaria siamo costretti a pagare un assicurazione esterna, che se ti ammali ti pagano il 50% , il contratto con i minimi più bassi di tutte le categorie d'italia, ecc ecc l'unica via è cercare di cambiare lavoro contratto scappando via da questo incubo, il nostro contratto è l'esempio di un'Italia che non funziona che non si adegua la progresso degli altri paesi rimasta indietro di 50 anni un'Italia FERMA COME I NOSTRI STIPENDI!

  • IVANO

    30/05/2019 - 9:04

    Buongiorno al tutti, buongiorno Patrizia, Lavoro presso uno Studio Professionale Elettrotecnico da 22 anni, con contratto a tempo indeterminato 40 ore settimanali. ( unico dipendente oltre ad una ragazza che viene saltuariamente a partita iva). Ieri il mattina il mio datore di lavoro mi ha comunicati che, non per mancanza di lavoro, il mio contratto da dipendente e' troppo oneroso da sostenere e pertanto mi lascia la scelta : o riduzione a par-time dell'orario ( che dovrei richiedere io, non sussistendo cali di lavoro o fatturato) o licenziamento. Premetto che sono iscritto al sindacato da molti anni e andrò ad informarmi adeguatamente su come muovermi..... La mia domanda e' questa , se mi licenziassero prima del rinnovo del CCNL STUDI PROFESSIONALI, e venisse riconosciuta UNA-TANTUM per i mesi pregressi, la perderei anche se in questo ultimo anno ho effettivamente lavorato? Ringrazio tutti i colleghi e il sindacato che ci sostiene e supporta. IVANO

  • Patrizia

    29/05/2019 - 17:50

    Caro lorenzo, nonostante i mie sforzi per cercare di dialogare con te , vedo che si ritorna indietro come al gioco dell'oca , vuol dire che non sei qui per dialogare , mi spiace. Non fare il verso a quello che dico, lo trovo da maleducati , ti pregherei di rispettare il lavoro volontario degli altri. La tessera sindacale non si compra come un etto di prosciutto ma è una richiesta di rappresentanza … se non lo capisci non so più come spiegartelo a me pare semplicissimo, basta leggere un giornale per capirlo. Il sindacato non vende prodotti . se tu hai l'approccio del supermercato , sbagli . Ti invito a d informarti sul contratto del pulimento fermo da 72 mesi e sulle iniziative di protesta. Non siamo un prodotto mi spiace deluderti. Ci si tessera per partecipare , contare , discutere fare sciopero e dare una mano, per dare non per avere qualcosa patrizia CGIL

  • Lorenzo

    29/05/2019 - 14:53

    Ormai é fatta per il rinnovo....ci siamo quasi...sono gli ultimi momenti....é l ultimo miglio...l ultima curva....ah no.....in realtà non si é visto ne sentito nulla...ma la colpa é ns che non corriamo a comprare la tessera del sindacato. Se questo blog é in collegamento col sindacato e se il sindacato spera che gli italiani giovani lavoratori ritornino a tesserarsi ci dimostrino che sanno fare in tempi normali una trattativa perché farla in 5 anni non è soddisfacente per ottenere nuovi associati.

  • Patrizia

    21/05/2019 - 18:36

    caro maurizio, figurati se non capisco .. ho lavorato 42 anni negli studi , conosco benissimo i professionisti , ci ho lavorato e li ho anche incontrati in trattativa . Tutto quello che elenchi l'ho provato sulla mia pelle, proprio per questo ho iniziato a fare attività sindacale, farebbe bene anche a te , così troveresti modo di incanalare la rabbia nella strada giusta : la rivendicazione sindacale, che serve la rabbia fine a se stessa? non aspettarti che a Roma la .controparte riconosca il nostro lavoro per il valore che ha , solo perché è giusto . Credimi , io li conosco bene , ci vuole la forza della rappresentanza , molta forza. Il sindacato conosce bene il nostro lavoro , anche grazie al blog. Io non difendo il sindacato , lo faccio .. è diverso. Te lo consiglio ti sentirai meno frustrato. ciao ! un abbraccio di grande simpatia ! patrizia cgil

  • maurizio

    21/05/2019 - 13:34

    ...cara Patrizia giustamente difendi sempre il sindacato ma occorre anche mettersi nei panni degli altri che non arrivano a fine mese e come ben sai essendo una di noi si ritrovano sommersi da mille lavori che non sono proprio di basso concetto. gestiamo tutti mille programmi, ormai bisogna essere geni informatici per stare dietro a tutto non più ragionieri. E nonostante tante fatiche, rospi ingoiati, stipendi da fame ( E DICIAMOLO CHIARAMENTE CHE DOVREMMO PRENDERE PIU' DI QUELLI IN BANCA) che succede? assorbono il bonus renzi che su uno stipendio di 1200 fa... e fa tanto. si scendo nuovamente a quota 1120 ed è deprimente visto che la categoria si metterà mai ai livelli almeno del commercio. categoria sfruttata e considerata zero. colpa sicuramente nostra che non ci uniamo in qualche mega manifestazione x far capire ai capi che se han le macchine di lusso, gli studi galattici e gli attici senza noi che gli salviamo il posteriore sarebbero su una bella panda. Ed a roma si ricorderanno che mangiamo pure noi? il ticket doveroso? l'han tutti... pure questo sicuramente colpa nostra che l'abbiamo mai preteso ma un filo di coscienza sta gente non l'ha? ovvio se nessuno chiede perchè dare? non fa una grinza... vediamo il rinnovo con che faccia cureranno la parte economica. il resto son belle parole mai attuate negli studi a partire dalla formazione che siamo sempre tutti auto didatti e ci si sbatte in autonomia a risolvere i problemi, ahimè. per il contratto che abbiamo dovremmo limitarci a rispondere al telefono e stampare le mail... altro che dichiarazioni, bilanci, fatturazione elettronica, comunica, f24, ecc ecc (patry trova un po di ironia nelle mie parole. non è un attacco a te che ancora grazie esisti come il blog ma solo. è uno sfogo umano... tutto lì)

  • Patrizia

    16/05/2019 - 18:19

    il film di Hanks raccontava un ultimo miglio, infondo molto romantico. Pensa te, lorenzo .. hai avuto 1 anno per andare in sindacato ed attivarti e magari anche con il tuo aiuto avremmo accorciato i tempi e invece hai scelto di scandire i tempi con un mouse … non puoi dire che ti sia costato fatica. Noi invece , ci lavoriamo , se decidi di passare dal virtuale al fattuale , scoprirai una prospettiva interessante . ciao patrizia CGIL PS La fiducia ce la siamo meritata in 15 anni di blog , non abbiamo mai detto una cosa per un'altra

  • Lorenzo

    15/05/2019 - 20:02

    Speriamo che l ultimo miglio non sia quello del film con Tom Hanks..... Sta storia che a breve ci saranno aggiornamenti l ho sentita la prima volta 1 anno fa'. #fiducia.

  • Patrizia

    14/05/2019 - 18:31

    cara cristina, il blog è il solo posto giusto per trovare le notizie sul contratto, siamo in collegamento costante con il nazionale e quindi daremo notizie freschissime. La trattativa non è iniziata ma abbiamo imboccato l'ultimo miglio . Purtroppo non c'è organizzazione sindacale di categoria , i lavoratori non si muovono , non vanno in sindacato e quindi il percorso contrattuale è accidendato e in ritardo. Cara cristina , non ci sono automatismi nei rinnovi , tanti contratti nazionali sono fermi anche da più anni di noi , la scadenza .. è solo una scadenza , il rinnovo è tutta un'altra partita. Sapessi quanta voglia avremmo di fare sciopero e un po' di casino .. una voglia matta , ma secondo te si combatte la guerra senza soldati ? i nostri soldati sono pigri e paurosi , aspettano che qualcun altro combatta per loro. ciao ! patrizia CGIL

  • cristina

    14/05/2019 - 9:34

    Mi spiace molto perché non ottengo mai risposta, provo a navigare per scoprire se esiste una trattativa in corso, ma trovo notizie vecchie di anni, questo nn è affatto consolante, un contratto scaduto da un anno di cui non 'c'è notizia. Senza considerare che il precedente rinnovo era stato miserrimo… Non ho mai sentito parlare di sciopero, puo' anche essere uno sciopero morale nel giorno 16, del pagamento dei contributi, i dipendenti degli studi professionali, pur lavorando dichiarano sciopero per sollevare un dibattito…. niente……..tutto tace

  • Patrizia

    09/05/2019 - 17:37

    caro ivano, è così devi usare i rol , so che in altri contratti ci sono i permessi per le visite.. piacerebbe anche a noi ! patrizia cgil

  • IVANO

    09/05/2019 - 16:49

    Buonasera, mi scuso se scrivo in questa sezione del BLOG per una richiesta differente. I nostro contratto prevede ore di assenza per visite mediche, altri contratti le prevedono , chi mi prepara le buste paga mi ha detto che nel nostro caso il contratto non le prevede e pertanto scalo dai permessi normali. Grazie mille Ivano

  • Patrizia

    08/05/2019 - 17:57

    cara katia, non bisogna avere paura delle discussioni, non le considero polemiche , anzi, sono contenta che chi frequenta il blog si senta libero di dire quello che pensa , l'unico limite che abbiamo sempre messo è il rispetto reciproco. Discutere in modo costruttivo è importantissimo , sul blog non ci siamo tirati indietro e mai rinunciato ad una discussione "necessaria". Per quanto riguarda la trattativa : dovete fidarvi di noi, non c'è nulla di misterioso , abbiamo seguito tutti i rinnovi contrattuali da 20 anni e questo è il momento finale degli ultimi passaggi che portano all'apertura delle trattative, non servirebbe nessuna iniziativa ora , inoltre l' iniziativa via web è l'unico strumento di pressione che abbiamo e bisogna usarlo al momento giusto., Quando il tavolo si aprirà , qui sul blog faremo un collegamento passo passo , visto che come redazione del blog siamo nella delegazione trattante e insieme decideremo di fare tutte le azioni necessarie per fare sentire e pesare la ns. forza , poca ma c'è! patrizia cgil

  • katia pistolato

    08/05/2019 - 10:01

    Buongiorno a tutti, non potremmo, invece di polemizzare, provare con l'invio massimo di mail alle controparti, in modo da invitarli alla ripresa delle trattative?

  • Patrizia

    30/04/2019 - 13:50

    caro cripto, questo blog è libero e quindi qualsiasi opinione è la benvenuta , se espressa con educazione e rispetto . Tu lo sai , noi rispondiamo a tutti senza preclusioni. Mi sento solo di chiarire bene un aspetto : noi facciamo attività sindacale e pensiamo che il lavoratore in difficoltà debba andare in sindacato per essere tutelato. Questo non preclude i buoni rapporti con il datore di lavoro , semplicemente ci sono interessi diversi. Io ho avuto ottimi rapporti in studio , facevo attività sindacale , non ho mai avuto una visione per forza conflittuale nei rapporti di lavoro , le due cose possono tranquillamente convivere civilmente insieme. Lasciare alla contrattazione individuale il tema dei diritti è una strada sbagliata , c'è chi ce la fa e chi no , alle volte nemmeno quelli validi, La contrattazione collettiva nazionale e di secondo livello e anche aziendale è la sola garanzia di diritti certi ed esigibili. Pensaci .. pochi hanno una capacità contrattuale individuale e alla fine ce la fanno sempre solo i più forti , noi vogliamo tutelare tutti soprattutto quelli più indifesi : per esempio le mamme , ma tu hai idea del disastro delle dimissioni e licenziamenti delle lavoratrici mamme anche solo per il part-time negato ? per questo c'è bisogno del sindacato. ciao e grazie, sempre bello discutere con te patrizia CGIL

  • Cripo

    30/04/2019 - 9:39

    Marco scusa se mi intrometto ma Patrizia ha ragione i tuoi modi sono stati sbagliati. Non penso sia colpa delle ragazze e/o donne che gestiscono il blog se siamo fermi da 13 mesi con il contratto vecchio. Tu in un punto hai ragione (ma con il modo che hai utilizzato passi comunque nel torto) ovvero non sarà il rinnovo contrattuale per la parte retributiva a cambiare la situazione economica di noi impiegati anche perché con gli eventuali € 20 lordi mensili al massimo ci paghi il caffè alle colleghe più carine, ma parlare con il datore di lavoro e chiedere il fatidico aumento. Non tutti hanno il coraggio o l'opportunità di farlo ma io penso che se una persona vale non deve avere paura di farlo, anzi deve essere il datore di lavoro ad avere paura di perdere un valido collaboratore. Logicamente nessuno è indispensabile (Marchionne docet) ma chiedere non costa niente. Invece per quanto riguarda la parte non strettamente retributiva come gli Enti bilaterali ecc... li il blog come registratore del sindacato deve essere utile, raccoglie le nostre richieste più o meno assurde e le porta in fase di contrattazione. Io come avrai capito non sono di quelli che sperano negli altri per la risoluzione dei miei problemi ma vedere che ci sono persone che hanno bisogno di consigli, supporto mi ha fatto apprezzare il blog e cercare di dare il mio aiuto di tecnico (sono consulente del lavoro). Ultimo anche io alcune volte non condivido le risposte che vengono date nel blog come approccio alla situazione (es. se hai un problema rivolgiti al sindacato) ma capisco che è il modo più opportuno.

  • Patrizia

    29/04/2019 - 21:34

    caro marco , non mi sforzo ad insegnare l'educazione a chi non sa nemmeno cos'è , tempo perso. Non so dove credi di essere e chi credi di essere, ma qui sei in casa del sindacato e quando si è ospiti bene accolti , non si risponde con un pugno sul muso , se io vengo a casa tua e dopo aver suonato il campanello ti do uno schiaffone cosa ti pare, un comportamento civile ? certo che il sindacato è di tutti ma non per questo mi prendi a calci ! io non mi faccio a prendere a calci da nessuno tantomeno da maleducati e arroganti come te. Quindi il tuo tono te lo porti da qualche altra parte e se non ti piace puoi anche non frequentarci , ce ne faremo una ragione. Per tua conoscenza: io sono un lavoratrice degli studi professionali , tu non so. Il sindacato non è un bancomat, i contratti non si comprano come ai banco del prosciutto e le iniziative le devono promuovere i lavoratori e quindi anche tu, se lo sei . Datti un po' da fare e finiscila di chiacchierare. Non sei satana ma sei molto maleducato. Patrizia cgil

  • Marco

    29/04/2019 - 21:06

    invece di stare a fare tante chiacchiere sul fatto che le donne sarebbero migliori degli uomini... (se lo dicevo io al contrario venivo additato come nuovo satana) cominciate a lavorare per rinnovare i contratti scaduti da un secolo e vedrete che la gente vi parlerà in modo diverso perchè io in questo tono mi ci rivolgo verso chi non riesce a organizzare un incontro per rinnovare un ccnl scaduto da una vita, non mi ci rivolgo mica a tutti. E si? Siamo ospiti del sindacato? Ma come? Non siete voi a dire che il sindacato è di tutti?

  • Patrizia

    26/04/2019 - 22:02

    gli argomenti sono molti , c'è solo l'imbarazzo della scelta .. Faccio due premesse : 1) Roberto e lorenzo sono stati educati e rispettosi nelle loro argomentazioni , caro marco invece un ripassino all'educazione dovresti farlo , se ti rivolgi al sindacato e alle persone in genere in questo modo non mi meraviglio che si offendano Una regola di questo blog è : rispetto per noi e per il sindacato , qui siete ospiti della Filcams cgil e il modo di rapportarsi deve essere civile , se tu sei educato io sono educata , mi sono spiegata ? 2) vedo che gli uomini usano gli stessi argomenti , le donne hanno un approccio totalmente diverso , ci sarà il suo perché in un blog gestito da donne , forse voi uomini dovreste prendere un po' l'esempio. Detto ciò: è molto difficile discutere di queste argomenti via web , smontare una serie infinita di luoghi comuni e soprattutto la totale disinformazione sulla contrattazione e sindacato. Questi sono anni difficili , si cerca un capro espiatorio per le proprie difficoltà e quando si trovano argomenti che sembrano veri , perché sembra abbiano una loro logica , si pensa di avere trovato il colpevole. Niente di più sbagliato. Vedi Roberto , tu dici "noi lavoratori" , spero tu comprenda anche noi … io ho 42 anni di lavoro negli studi sulle spalle e più di 30 anni di lavoro sindacale , mai in distacco , tutta l'attività che ho fatto è stata gratuita, usando i miei permessi personali e le ferie , ho anche speso di tasca mia , il sindacato è per me una grande passione , è così anche per irene angela carmen ed emilia e proprio per questo dico a marco che l'idea che si è fatta è fantasiosa Dopo 30 anni di attività sindacale conosco pregi e difetti del sindacato e ti assicuro che i meriti del sindacato sono notevolmente superiori . Potrei farti un elenco senza fine degli obiettivi raggiunti nella tutela dei lavoratori. Statuto dei lavoratori , un esempio per tutti .. basta scorrere la storia del sindacato , non occorrerebbe nemmeno star qui ad elencare. Solo per fare un esempio chiaro , questo blog non ci sarebbe , potere dire la vostra opinione , avere notizie e purtroppo offendere .. perché la filcams ha voluto questo blog e lo ha finanziato .. Ho spiegato mille volte che la contrattazione si fa in due, i datori di lavoro , nel nostro caso confprofessioni , non sono lì per dire si … solo perché chiediamo , è difficile da capire ? è un rapporto di forza e si esercita con la pressione dei lavoratori , noi facciamo pressione ? no , è colpa del sindacato ? ancora no . Qual è il motivo per cui non riusciamo a capirlo ? me lo devi spiegare tu. Alle volte ho l'impressione che avete preso la contrattazione per il supermercato. L'alternativa alla fatica della contrattazione non esiste , semplicemente non ci sarebbe nessun contratto e la giungla assoluta con i più forti che vincono sempre e i più deboli senza la tutela di un contratto collettivo , è questo che vogliamo? marco dice che basta chiedere al datore di lavoro ? davvero ? dopo mezza giornata di lavoro sindacale , si accorgerebbe che il datore di lavoro fa un'unica cosa : licenzia ,soprattutto le donne che diventano mamme. Provare per credere. Caro Roberto sul salario minimo ti consiglio di leggere l'articolo dell'espresso che è uscito la settimana scorsa , lo spiega molto bene. il sindacato non è contrario per i motivi che dici tu ma per i pericoli che ci sono nell'abbandonare la contrattazione , i contratti contengono non solo salario ma tutele , diritti e tutto un sistema di norme importanti per i lavoratori , bisogna stare attenti a guardare il dito e non la luna . Salario minimo e contrattazione devono stare insieme. Credimi tutti questi luoghi comuni sui sindacalisti e sindacato sono veramente ingenerose e frutto di mancanza di informazione diretta. Io ne sono buona testimone, io parlo solo di cose che conosco . Senza il sindacato e senza contratti collettivi per i lavoratori sarebbe molto più dura. Se vogliamo provare … prego. disponibile a confrontarmi con tutti voi su questo argomento , che è alla lunga anche più importante del contratto. Spero di farvi pensare , nlon affezionatevi ai luoghi comuni, uscite da ragionamenti preconfezionati . patrizia CGIL

  • Marco

    26/04/2019 - 21:15

    Ve lo do come consiglio: invece di stare tanto a lamentarvi qua, andate dal datore di lavoro e cercate di farvi valere per ottenere un aumento perchè se aspettate questi qua dei sindacati state freschi. Contratto scaduto da un secolo e ancora stanno a "discutere". Lo sa pure un bambino che se tra un mese una cosa scade ci si prepara prima per arrivare a scadenza preparati e rinnovare invece questi qua se li critichi si offendono pure come se gliel'avesse ordinato il medico di fare il sindacalista. Ti dicono pure "eh ma le quote le pagano in pochi ... abbiamo poco potere bla bla bla e bla"... e ci mancherebbe altro dico io... difatti col lavorone che fanno per noi paghiamogli pure le quote sindacali... difatti ci regalano degli stipendi favolosi con le loro mirabolanti trattative.... ciao va.

  • Roberto

    26/04/2019 - 2:17

    Ciao Patrizia, purtroppo devo condividere quanto scritto da Lorenzo. Ed amplio il discorso: Quello che noi lavoratori non capiamo è la mole di carta, parole, piattaforme, incontri per cosa? Per fare un contratto che al netto di qualche aggiustamento sarà un copia incolla del precedente, con un minimo aumento in stile di quello precedente. Più e più volte hai richiesto i buoni pasto e la risposta è sempre stata no, e c'è bisogno di tanta carta e parole per una richiesta semplice cui perviene una semplice risposta? E soprattutto perchè a 13 mesi dalla scadenza siamo ancora in alto mare per non dire oceano? La data di scadenza era ben chiara, perchè dalla nostra parte tutto "il materiale" non era pronto il giorno dopo, anzi il giorno prima della scadenza? La distanza tra sindacato e lavoratore stà proprio qui, i sindacati trattano, intrallazzano, più possono "parlare" e più acquisiscono potere, poltrone (potere al loro servizio, non certo a servizio del lavoratore) Guardacaso tutti i sindacati sono contrari all'introduzione del salario minimo perchè minerebbe parte del loro potere. D'accordo poi che meglio sarebbe il contratto unico nazionale da applicare a tutti i lavoratori indistintamente (con tabelle territoriali e minime clausole per lavori "particolari") ma anche qui sarebbero poltrone in meno ed il gioco ricomincia...

  • Patrizia

    25/04/2019 - 21:12

    caro lorenzo, è troppo facile dire le cose che dici, non costa nulla , nessuna fatica. La fatica invece noi la stiamo facendo , in 5 tirare per duemilioni , è uno sforzo sovrumano. Attenzione, noi balle non ne raccontiamo mai , abbiamo sempre detto le cose come sono , la situazione è esattamente così come l'abbiamo descritta , ne più ne meno. Infine, le iniziative potresti proporle anche tu andando in sindacato. Siamo tutti qui , abbiamo questo blog che ci consente di essere informati al minuto , potrebbe avere un gran ruolo anche nell'organizzazione sindacale ,se solo ci decidessimo ad usarlo visto che il tra noi ha quei numeri che indica il ns. contatore! caro Lorenzo .. il lavoro sindacale è durissimo , faticosissimo ma da anche delle grandi soddisfazioni ,se si ha costanza e pazienza e mai mai essere pessimisti ciao ! patrizia CGIL

  • Lorenzo

    24/04/2019 - 21:39

    Diciamoci la verità. Io per primo ci credevo, ma sono 13 mesi che ce la raccontiamo fra di noi. Non c é nessuna trattativa. Non c é nessun interesse nelle ns controparti a concederci stipendi più alti o altri benefits ( e perché dovrebbero se ci mettessimo nei loro panni noi l avremmo?) e nessuno sta facendo nulla per organizzare iniziative. Adesso lo so mi direte non è cosi e tante altre storie. Vedremo fra 1 anno da oggi se ho ragione io o voi.

  • Patrizia

    19/04/2019 - 15:29

    cara mariella, è nostra intenzione fare proprio questo, far vivere la trattativa in ogni piccolo passaggio, al tavolo ci saremo anche noi e quindi sarà per noi naturale. Tutti potranno chiedere anche la più piccola spiegazione , noi risponderemo sempre , come facciamo da 15 anni. Tutti possiamo pare qualcosa chi poco , chi un po' di più , insieme dobbiamo dare il ns. contributo . Parola di boy scout! auguri a te e a tutti i naviganti del blog !

  • Mariella

    19/04/2019 - 8:58

    Grazie Patrizia sei sempre molto gentile, capisco che sia molto complicato tutto il percorso che state facendo per noi, ma anche solo leggere quello che ci hai scritto, i passaggi che hai descritto e' importante, anche per capire un po' di piu' come avvengono queste trattative, mi sento ignorante in merito e ti sono grata per la delucidazione , tienici aggiornati se puoi anche dei piccoli passi necessari al grande passo, mi fai e ci fai sentire parte viva della contrattazione, so che non e' molto quello che posso fare ma se ci sara' qualche iniziativa io ci saro'. Buona pasqua! Mariella

  • Patrizia

    17/04/2019 - 18:54

    cara mariella,, non ci sono ancora incontri ufficiali , altrimenti lo avremmo detto subito sul blog. Siamo in una fase "interlocutoria" . E' difficile spiegare i vari passaggi per arrivare al tavolo delle trattative , a chi non è dentro alle cose sindacali , mi rendo conto che possono sembrare lungaggini , cose astruse e incomprensibili, così non è credimi. Per semplificare : attualmente si stanno facendo passaggi unitari , cgil , cisl e uil, per una posizione unitaria rispetto alle richieste e poi il passaggio finale interno alla Filcams cgil , per avere una delegazionie trattante rappresentativa di tutti i territori, nella delegazione trattante ci saremo anche noi del blog ! gli attori sono tanti , ci vuole tempo per tutti gli incontri formare . Ti assicuro non è semplice! per il momento non c'è bisogno di "spingere", perché davvero stiamo arrivando. Avremo bisogno sicuramente della spinta del blog durante la trattativa che seguiremo "in diretta " qui sul blog. Tutte le idee , le proposte che ci sono arrivate sono nelle ottime mani di Danilo Lelli della filcams cgil : il ns. rappresentante Ti ringrazio moltissimo del tuo tono e dell'aiuto che ci offri ! è l'atteggiamento giusto : diamoci tutti una mano , siamo tanti , possiamo contare. buona pasqua a tutti patrizia cgil

  • Mariella

    17/04/2019 - 13:59

    Buongiorno, ci sono notizie di incontri anche solo preliminari ai quali abbiate potuto presentare le nostre richieste, giunte su questo blog, per il rinnovo del contratto scaduto circa un anno fa? Possiamo fare qualcosa , qualche iniziativa per spingere un po', come era successo con il precedente contratto? Come possiamo darvi una mano in questo senso? Grazie del vostro impegno, e ne approfitto per augurare al tutto lo staff Buona Pasqua! Mariella

  • Patrizia

    02/04/2019 - 21:58

    bis per Roberto: naturalmente la parte debole da sola è debolissima e ricattabile , la parte debole che si coalizza e organizza è molto più forte e si difende meglio ! ciao patrizia cgil

  • Patrizia

    02/04/2019 - 17:46

    Roberto, i diritti contrattuali NON sono leggi dello stato , sono esigibili da parte dei lavoratori. E' una illusione fuorviante che i diritti vengano riconosciuti senza che la parte debole faccia nulla , tutto è stato conquistato , dalle otto ore in poi, se fosse come dici tu , la giornata lavorativa sarebbe ancora di 48 ore , non ci sarebbe statuto dei lavoratori ecc. tutto è stato conquistato con fatica , niente concesso. Vedi che ho ragione? pensiamo di aver diritto a prescindere , senza fare nulla e che qualcun altro intervenga , non funziona così , non sono io a dirlo ma la storia del movimento dei lavoratori , noi stiamo godendo delle loro conquiste e delle loro fatiche .. beh troppo comodo . patrizia CGIL

  • Roberto

    02/04/2019 - 11:14

    Beh Patrizia, non sapevo della strada da percorrere ma più che "volerla", direi che bisogna "permettersela" partiamo dal presupposto che un impiegato svolga mansioni superiori al suo inquadramento. La prima cosa è chiedere al datore il giusto inquadramento, ad un suo diniego che fai? minacci una vertenza, a quale scopo a quello di farti licenziare prima ancora che sia conclusa? Interessante l'inserimento a contratto di automatismi di livello ma (a parte il fatto che non è automatico che con il tempo uno acquisisca o espleti mansioni superiori, ed inoltre l'inquadramento iniziale? chi lo verifica? ) sarebbe "bellissimo" ma altro che "buoni pasto" non credo sia raggiungibile manco tra xx anni. Se come dici tu i livelli sono legge dello stato la legge va applicata, ma non devo io che sono la parte debole intentare una vertenza per far rispettare la legge. Buon lavoro Patrizia

  • Patrizia

    02/04/2019 - 10:18

    BIS per Roberto , mi ero dimenticata un' ultima cosa: i diritti contrattuali non sono leggi dello stato , per questo motivo sono "esigibili" dai lavoratori . I profili professionali corrispondono a dei livelli , se le mansioni svolte sono superiori al livello di inquadramento si può avviare una vertenza per "mansioni superiori" , lo si può fare attraverso il sindacato , oppure le camere di conciliazione degli enti bilaterali e infine anche attraverso i tribunali . Come vedi la strada c'è già , basta volerla percorrere, deve essere il lavoratore ad attivarsi per tutelare i propri interessi, non può esserci un organo terzo che interviene . la discussione che abbiamo avviato qui sul blog sulle mansioni e i livelli da una indicazione chiara secondo me: dobbiamo trovare degli automatismi di passaggio di livello all'interno del contratto . ciao! patrizia CGIL

  • Patrizia

    01/04/2019 - 19:26

    caro Roberto, hai fatto una bella esperienza di rappresentanza, quindi sai come funziona. Non è vero che bisogna per forza fare sciopero con numeri così alti , per la nostra categoria basterebbe una buona organizzazione sindacale e numeri alti di tesseramento da poter spendere al tavolo delle trattative, in 5 facciamo miracoli incredibili I buoni pasto .. ci proveremo, ma senza l'esercito si fa quello che si può, La piattaforma unitaria (cgil, cisl uil) dovremmo riuscire a pubblicarla a breve , ma tieni conto che le piattaforme sono dei documenti generici e aperti che hanno lo scopo di aprire il confronto è sostanzialmente l'elenco di temi che il sindacato ritiene di dover mettere sul tavolo della trattativa per il rinnovo del contratto. Durante la trattativa si possono aggiungere temi , allargarli o meno, dipende come va ! ciao patrizia cgil

  • Roberto

    29/03/2019 - 0:50

    Ciao Patrizia, sicuramente sono poco conoscitore di lotte sindacali a livello lavorativo, ma comunque ho fatto il rappresentante per un istituto di oltre 500 studenti per 4 anni, riunioni, consigli, organizzazione di manifestazioni, quindi a livello di trattativa e di lotte anche dure ho avuto esperienza. Detto cio' ribadisco che nonosatnte il tuo impegno le aspettative sono basse (a proposito ma la piattaforma si può vedere?). Noi non credo possiamo fare molto a meno che non fossimo in grado di far scioperare per parecchi giorni consecutivi almeno l'80% degli impiegati. Una proposta comunque mi è venuta in mente, non ho idea di come sia fattibile ma la esplico: Molti di noi si lamentano di non avere il livello adeguato alle mansioni svolte, d'altro canto la maggior parte dei datori potesse ti darebbe ancora il livello più basso. Soluzione?? Ad indicare il livello dovrebbe essere un organo superpartes, che analizzato caso per caso indicasse quale sià il livello obbligatorio da utilizzare. Ah scusasimi se sono pedante ma buoni pasto, buoni pasto, buoni pasto... Spero che lo sarai anche tu in sede di trattativa. Buon lavoro cara Patrizia.

  • Patrizia

    28/03/2019 - 21:52

    caro Tyler, non sei antipatico , anzi… ti autodenunci , quindi mi risparmi la fatica di farti la reprimenda, ti ringrazio molto! visto che sei "di primo pelo " nel blog , spero ti sarai chiesto da chi è gestito il blog , quando si entra in una casa si chiede permesso non credi ? Questo è un blog collegato alla filcams cgil e la gestione è di un piccolo eroico gruppo di lavoratrici degli studi , esattamente 5, il blog ha 15 anni e francamente facciamo un gran lavoro a favore di una categoria di duemilioni di addetti. Detto ciò, di messaggi come il tuo, credo ne avremo ricevuti a centinaia , la caratteristica comune è la totale ignoranza di come funziona la contrattazione e il mondo del lavoro , per dare giudizi cosi netti sarebbe bene almeno conoscere alcune cose . La contrattazione non è obbligatoria , non è legge dello stato , è libera tra parti contrapposte, sindacato dei lavoratori e datori di lavoro , spesso succede non porta anche a nessun contratto , infatti per la nostra debolezza sindacale, abbiamo saltato per 10 anni il rinnovo del contratto. Mi spiace deludere le tue aspettative ma … non funziona come pensi , eliminando il nostro contratto, i professionisti non applicherebbero il contratto del commercio, semplicemente non ci sarebbe nessun contratto ma l'articolo 36 della Costituzione . Quello che definisci ridicolo penoso e altro .. a noi è costato fatica immensa , ferie e rol tempo nostro ,spesi per tutti noi . Quindi , fai attenzione alle parole , senza il nostro solitario impegno non avresti nemmeno quello che c'è , ne cadiprof, ne ebipro nulla ,.. piuttosto comincia a pensare cosa potresti fare tu per aiutare la categoria come facciamo noi non credi ? io trovo scandaloso invece che una categoria di duemilioni di lavoratori non sia organizzata, bisogna fare fatica , lavorare , partecipare , dare giudizi senza fare nulla serve solo a pensare che è colpa di qualcun altro e non tua. leggi la risposta a Roberto per completare la mia risposta . Alla fine la reprimenda te l'ho fatta , ma porta pazienza un po' te la meritavi ! patrizia CGIL

  • Patrizia

    28/03/2019 - 21:28

    caro Roberto, non c'è problema , la discussione civile con il rispetto delle persone è solo positiva . w la discussione, quindi, Ti sfugge molto , praticamente tutta la storia sindacale del 900 … .. se avessi un po' di esperienza sindacale troveresti le risposte ai quesiti che poni e soprattutto ti accorgeresti che non ci sono vie facili , che la legge non evita lo sfruttamento, è illusorio, per fare un esempio lampante : la sicurezza sul lavoro , è legge , eppure è rispettata secondo te ? nei nostri studi si rispettano le norme della 626 o la 81 , fanno le visite mediche , l'oculista ecc. ? le legge da sola non tutela . Per questo ti dico che le due cose vanno appaiate , le leggi devono essere accompagnate dalla contrattazione , quest'ultima è irrinunciabile. E' questo che ti sfugge. Ho detto che i buoni pasto erano in piattaforma .. una cosa è chiedere e altra è ottenere , non siamo al supermercato ma ad un tavolo di trattativa , dove valgono i rapporti di forza che non sono a nostro favore. Noi dobbiamo dare la forza, è inutile che ci giriamo intorno , c'è un ruolo dei lavoratori: io , te, e 2.000.000 di altri , bisogna lavorare , giocare a nascondino non serve. Potremmo avere miglioramenti economici dalle contrattazioni regionali che sono partite ma si sono spiaggiate sempre per i motivi di cui sopra , caro Roberto non arriva niente dal cielo , per grazia ricevuta , per concessione o solo perché è giusto , quello che ti sfugge è questo . Patrizia CGIL

  • Patrizia

    28/03/2019 - 21:16

    cara carolina, benvenuta , il blog è gestito da lavoratrici degli studi professionali ed è collegato alla filcams cgil . Quindi , è come se tu fossi in sindacato. Il tuo part-time è al 75% , devi moltiplicare il tabellare per questa percentuale e otterrai la cifra lorda che percepirai . Le mensilità supplementari mensili, significa che ti saranno pagati 1 /12 ogni mese , è una opzione, se non sei d'accordo puoi dirlo al tuo datore di lavoro . Non facciamo calcoli del netto di nessun tipo qui sul blog , perché le variabili nei contratti di lavoro sono tante , le posizioni diverse una dall'altra e gli errori sicuri ! quindi mi spiace , questo non lo possiamo fare. auguri patrizia cgil

  • CAROLINA CASELLI

    28/03/2019 - 17:46

    Buonasera a tutti, felice di far parte di questo gruppo (molto utile peraltro). Spero di essere nella sezione giusta. Una domanda per voi: mi hanno proposto un CCNL studi professionali part time a 30 ore settimanali (lun-ven). Leggo da retribuzione tabellare un lordo di 1.080,61€. Volevo capire come calcolare più o meno il netto. Inoltre la 13esima e la 14esima verranno spalmate sulle 12 mensilità. Quindi? Alla fine dei conti, quanto andrei effettivamente a prendere? Vi ringrazio in anticipo per la cortese attenzione. Spero possiate darmi delucidazioni in merito. Un saluto a tutti.

  • Tyler

    28/03/2019 - 15:18

    Scopro solo ora l'esistenza di questo sito, spinto dalla (disperata) ricerca di novità sul rinnovo del contratto. Nel tentativo di restare subito antipatico a tutti, fin dal primo post, dico una cosa: IL CONTRATTO STUDI PROFESSIONALI ANDREBBE ABOLITO. Punto. Aldìlà della lungaggini sul rinnovo, è un contratto che ha minimi retributivi assolutamente scandalosi. Perchè è scandaloso che una qualsiasi impiegata di un commercialista, di un avvocato, di un notaio, etc, etc, - con tutto il carico di responsabilità che ne consegue - abbia una retribuzione più bassa di una commessa. Questo perchè i minimi sono bassi non confrontandoli con chissà quale ideale astratto di "congruità" degli stpendi, ma semplicemente con contratti prossimi, come quello del commercio-terziario (che non è certo un contratto da nababbi, anzi!). Qualsiasi discussione sul contratto, quindi, al di la di tutto, deve partire dal semplice assunto che i minimi degli studi devono essere SUPERIORI a quelli del commercio. In caso contrario molto meglio disdettare il contratto e chiedere l'applicazione di quello commercio. Detto questo, ben vengano i flexible benefits, i buoni pasto, e gli aumenti delle prestazioni bilaterali, ma questi devono essere un "di più" rispetto ad una franca discussione sui minimi retributivi. Saluti a tutti

  • Roberto

    28/03/2019 - 9:59

    Ciao Patrizia, forse mi sfugge qualcosa, se i buoni pasto (che in un mondo normale dovrebbero essere facili da ottenere visto che sono detraibili, no contributi, ecc...) sono stati sempre chiesti e mai dati, con quali aspettative ci sediamo ad un tavolo di confronto?? Ragionevolmente a questo punto, dobbiamo aspettarci i soliti pochi centesimi all'ora di aumento spalmati per la durata del contratto ed un minimo migliormaento cadiprof? Io ne convengo con te che sia meglio la contrattazione che una legge, ma l'importo minimo salariale di cui si discute 9€/h che corrisponderebbe per il 5 livello un aumento credo di 1,6 €/h sarebbe manna dal cielo (con l'ultimo contratto abbiamo ottenuto un aumento di 45 cent circa se non erro, spalmato in 3 anni, credo in pratica il 2% all'anno, meno male che c'è crisi e l'inflazione è bassa...) . Un aumento del genere ce lo sognamo con la contrattazione. Ribadisco a questo punto che ottenere anche "solo" i buoni pasto sarebbe tantissimo anche rinunciando a tutto il resto, con la speranza che poi intervenga la legge a darci un mano sul minimo tabellare. Ad ogni modo la mia non è una critica al tuo impegno Patrizia ma una constatazione. Il contratto è scaduto da un anno, ce ne vorrà un'altro che vada bene perchè entri in vigore il nuovo e se le nostre aspettative sono queste c'è proprio da deprimersi. Buon lavoro Patrizia.

  • Patrizia

    27/03/2019 - 17:54

    deni888 , non capisco molto il tuo post. Non possiamo esprimerci per un fatto che non conosciamo, non ci dici nulla, dipende se è doloso se è colposo , se c'è una responsabilità personale, se rientrava nei tuoi compiti o meno . Ti consiglio di andare in sindacato per esporre il tuo problema ! ciao patrizia CGIL

  • Deni888

    27/03/2019 - 17:19

    Scusate non so come iniziare un nuovo post, la mia semplice questione era.. Le responsabilità di una stagista! Nel senso che pienamente d accordo che bisogna stare attenti ma in caso di errori il responsabile è lo stagista stesso o il tutor o il responsabile segnato nell'organigramma aziendale?

  • franco franiella

    27/03/2019 - 10:47

    Sono d'accordo nella richiesta dei buoni pasto (anche perché sono scaricabili per i "poveri" datori di lavoro) e vedrei di aumentare i versamenti su cadiprof e ebipro in prospettiva per aiuti "sanitari" e/o pensionistici e altri (tipo rimborso libri etc). Sarei propenso ad ottenere più cose possibili senza rimandare a futuri incontri, nel senso di prendere quello che ci offrono si ma di rilanciare su welfare e benefit . Grazie

  • Patrizia

    26/03/2019 - 18:43

    cara elena, condivido quello che dici e soprattutto il modo. Il blog è diventato un luogo molto importante di confronto per la nostra categoria , usiamolo bene , diamoci una mano , tutte le idee , qualsiasi cosa piccola o grande , aiuta tutti e noi facciamo meno fatica . Soprattutto ricordiamoci che siamo tutti colleghi , questo mai dimenticarlo!! grazie elena patrizia cgil

  • Elena-78

    26/03/2019 - 17:18

    Cari tutti, ho avuto modo di leggere gli ultimi commenti. Ha ragione Patrizia a dire che il nostro obiettivo è decisamente ottenere dei minimi tabellari più decenti degli attuali, altrimenti ci dovremmo sempre accontentare di non migliorare mai. E' d'altronde anche vero che l'ottenimento di almeno i buoni pasto sarebbe una possibilità buona proprio perché sono spese deducibili dal datore di lavoro, ma se non ci hanno sentito finora chissà... Non sono invece d'accordo con Sentinel in relazione all'istituzione dei badge con registrazione degli orari in quanto in tanti studi sarebbe un delirio. Spesso a me capita di andare in Tribunale, anche fuori Milano, e ci vado direttamente da casa, come verrebbe conteggiato con il badge. Questo potrebbe andare bene solo negli studi dove non si gira troppo in giro. Sicuramente positiva la possibilità di un benefit relativo alle conoscenze informatiche e la gestione dello studio a 360°. Purtroppo vorrei fare di più, ma impegni personali mi limitano a confrontarmi solamente per iscritto con tutti Voi. Comunque se Patrizia avessi bisogno di qualche supporto a latere non personale perchè no. Speriamo in bene nel prosieguo delle trattative e delle proposte. Ragazzi scrivere le nostre idee non costa nulla se non un po' di tempo sulla tastiera, ma ne vale la pena... Buona serata a tutti.

  • Patrizia

    25/03/2019 - 18:14

    caro Roberto, so che i buoni pasto sono una proposta ragionevole , li abbiamo chiesti ad ogni scadenza del contratto senza fortuna… ti facevo solo presente di fare attenzione alla loro natura di "benefit" . La discussione sul minimo per legge dovrà essere fatta con il sindacato, solo così diventerà uno strumento efficace per contrastare i salari sotto il minimo vitale .. Caro Roberto, io credo molto nella contrattazione , ho visto raggiungere tanti risultati importanti nei contratti , nelle crisi aziendali nelle vertenze, non rinuncerei mai alla contrattazione , la legge da sola non basta a tutelare i lavoratori , credimi, quante legge disattese vediamo nel nostro paese? Detto ciò io personalmente sono favorevole al minimo salariale per legge a patto che vada al pari passo con la contrattazione! bello discutere grazie! patrizia cgil

  • Roberto

    25/03/2019 - 9:36

    Cara, Patrizia sicuramente il minimo tabellare è il fondamento, ma sono importanti i buoni pasti e cadiprof ecc.., tuttavia sappiamo bene che difficilmente si riuscirà ad ottenere tutto, per cui consideravo più "facile" da ottenere e "digeribile" per i datori i buoni pasto che appunto non pesano sul datore per contributi ecc... e che credo loro possano detrarli ed alla fine per noi sarebbero "soldi" da poter spendere. Per quanto concerne il cosidetto salario minimo, nasce dall'idea di dare un salario minimo ai lavoratori che non hanno un contratto, quindi non lo vedo in contrasto alla contrattazione sindacale ma se mai un elemento per poter pesare di più in sede di contrattazione. Ovvero "cari datori si sta discutendo di un salario minimo da 9€ vediamo di quantomeno avvicinarci a quel livello altrimenti potreste trovarvi un domani a doverlo pagare lo stesso per legge". Buona lavoro Patrizia

  • Patrizia

    21/03/2019 - 20:58

    caro lorenzo, quello che non è chiaro te lo posso spiegare , chiedi pure. Io non litigo , discuto animatamente. Le trattative devono ancora iniziare, noi purtroppo abbiamo un percorso inverso rispetto alle altre categoria, la piattaforma la presentiamo infondo .. purtroppo non abbiamo rappresentanze dei lavoratori con cui discutere, tranne qui sul blog. Tra i pastori sardi e una normale e corretta pressione sindacale c'è un mare .. noi siamo per la seconda. cioè una categoria sindacalizzata e organizzata, in grado di nominare i propri rappresentanti , discutere la piattaforma e approvarla e poi votare e approvare il contratto firmato … come fanno il commercio , i metalmeccanici , i chimici , la funzione pubblica , gli autoferrotranvieri ecc. , basta guardare i loro siti. Noi non vogliamo fare i pastori sardi ed è giusto, ma non vogliamo nemmeno fare una semplice tessera sindacale per dare forza alle nostre giuste richieste, è questo il problema. Nessuno chiede di fare sciopero,, casino o altro ma la semplice tessera sindacale per avere una rappresentanza forte , ti sembra difficile questo ? eppure peserebbe tantissimo al tavolo delle trattative, quante volte ci siamo sentiti dire dalla ns. controparte : ma voi quanti tesserati avete , chi rappresentante ? i pastori sardi in tutto ciò non centrano nulla credimi . Il salario minimo per legge non nasce per risolvere un problema ma per tutelare i deboli senza un contratto nazionale , un po' come l'art. 36 della Costituzione, noi che siamo in quasi duemilioni di lavoratori , potremmo darci anche una mossa per difendere i ns. interessi non credi ? io credo che siamo pigri. Chiedimi ciò che vuoi , se non sono stata chiara. patrizia cgil

  • Patrizia

    21/03/2019 - 18:23

    caro Roberto, vediamo come si svilupperà la trattativa . I buoni pasto so che sono una richiesta e una necessità di tutti noi , ma attenzione non confondere con il tabellare , i buoni pasto sono benefit , e non fanno maturare TFR , pensione, ecc. , per noi è importante aumentare il tabellare. Il salario minimo , di cui si discute , dovrebbe essere stabilito per legge , la trattativa che noi affronteremo ora è una libera contrattazione tra le parti , non è legge dello stato , le leggi le fa il parlamento , non confondere i due piani . Per il salario minimo ti rimando allo scambio con Mario , è bene stare molto attenti a rinunciare a tutto per il salario minimo e non prendere fischi per fiaschi. ciao ! patrizia CGIL

  • Lorenzo

    21/03/2019 - 18:20

    Secondo me non ci é chiaro come si svolgono queste trattative. Almeno a me non lo è. Forse per quello litighiamo fra noi. Da quello che ho letto in questo ultimo anno pare che essendo che siamo pochi, senza rappresentanza e con poca voglia di fare del bordello per le strade stile pastori sardi non abbiamo altra speranza che attendere che chi ci deve pagare di piu decida di farci la grazia. Se ho capito bene, ma ne dubito, la cosa potrebbe andare avanti così per anni senza che succeda nulla anche perché mettendomi nei panni della ns controparte non vedo il motivo per il quale dovrei pagare di più i miei dipendenti se non c é una legge, convenzione, contratto o consuetudine che mi obblighi a farlo. A sto punto visto che parlandoci chiaro non siamo ne riders ne i pastori sardi e voglia/forza di fare bordello per le strade o in piazza non ne abbiamo meglio come suggerisce Mario sperare in una imposizione parlamentare dei famosi 9 euro/ora minimi.

  • Patrizia

    21/03/2019 - 18:10

    scusami davvero mario .. avevo proprio letto male il nome e ho messo insieme i due commenti . Sono un po' fumina e ogni tanto mi parte un embolo. A fine giornata ho l'abitudine di ricontrollare quello che ho scritto e se ho sbagliato nei toni e nella sostanza , mi correggo subito . La tua riflessione è molto importante , la propaganda non la fai certo tu.. temo che quest'argomento, così delicato venga agitato e non correttamente affrontato, come è già successo per vari argomenti , uno per tutti l'apertura domenicale dei negozi, agitato e poi lasciato cadere. Sono contenta che ti sei informato . Ti dirò che io personalmente sono favorevole a patto che il minimo legale si armonizzi con la contrattazione , Il perché te lo spiega il commento dopo il tuo , alla fine interesserebbero solo il minimo definito per legge e tutto il resto perderebbe importanza , con il rischio di perdere tutto quello che è stato costruito in materia di diritti contrattuali e di rapporti bilaterali (casse, fondi pensione , protocolli di intesa , contrattazione integrativa ) , bisogna fare attenzione e non fare male una discussione importante Grazie ! patrizia CGIL

  • Mario

    21/03/2019 - 12:39

    Buongiorno Patrizia, mi dispiace tu abbia risposto alla mia riflessione in maniera impulsiva, confondendo il mio commento con quello di un altro utente. La mia considerazione voleva essere un attimino piu' profonda, non di propaganda. Ho letto entrambe le proposte di legge, e vari articoli a riguardo. Credo che per un settore come il nostro, dove c'è davvero uno sfruttamento non indifferente, un minimo sia necessario visto che con tutti gli sforzi possibili, colmare una differenza di 1,60€ l'ora (nel caso di inquadramento da quinto livello) sia davvero impresa ardua. Colgo l'occasione per ringraziarti per il lavoro svolto, e per quanto ancora ci sarà da fare. Sono certo che le cose andranno meglio, il nostro lavoro è prezioso, e solo quando la nostra presenza si farà sentire con un'assenza (sciopero) chi di dovere ci darà il rispetto meritato.

  • Roberto

    21/03/2019 - 10:07

    Buongiorno, provo a portare il mio contributo alla discussione. Sicuramente sarebbe importante rendere obbligatori i buoni pasto, ipotizzando 7 euro x 20gg lavorativi sarebbero 140€ al mese, un aumento di lameno il 10% dello stipendio in molti casi. Poi tenuto conto, proprio della discussione che si è aperta sul salario minimo, prevedere una base salariale al 5° livello da 9 € e andare ad aumentare di conseguenza tutti gli altri livelli con le attuali proporzioni. Ottenere queste due cose sarebbe straordinario e renderebbe finalmente dignitosi i nostri stipendi. Mi rendo conto però che dubito fortemente possa accadere e non ci spero troppo, Io dal canto mio ottenute queste due cose in sede di contrattazione rinuncerei a qualsiasi altro "benefit", ad una tantum per il periodo di vacanza del contratto e agli aumenti per i prossimi 3 anni (ipotetica durata del nuovo contratto) o cmq per tutta la sua durata.

  • Patrizia

    20/03/2019 - 20:09

    scusate , ho letto male , pensavo che i messaggi fossero entrambi di mario .. a marco la sua risposta e a mario la sua , scusatemi ancora , l'età… patrizia CGIL

  • Patrizia

    20/03/2019 - 18:55

    caro mario, mi dispiace veramente molto leggere post come il tuo, siamo colleghi se non sbaglio: la differenza tra me e te qual è ? io faccio attività sindacale a favore di tutta la categoria, insieme ad uno sparuto gruppetto di coraggiose colleghe, tu non so , e tu dici a me , da collega, che il nostro lavoro è ridicolo, che potremmo farlo in 10 minuti … scusa c'è qualcosa che non quadra , non credi ? un ragionamento dovrebbe avere una coerenza . Siamo talmente deboli che non siamo nemmeno in grado di eleggere una rappresentanza sindacale , quello che noi facciamo è solo volontario e gratuito e tu vieni a dire a noi che non facciamo abbastanza , scusami, mario, ma sei tu a non fare abbastanza . Per quanto riguarda il salario minimo : è una discussione molto complicata e delicata, al di là della superficialità propagandistica con cui viene affrontata. Non è una idea originale dei 5 s , c'è una proposta di legge del Pd depositata in parlamento che riguarda i lavoratori non coperti da contratto. L'argomento prima o poi dovrà essere affrontato seriamente e non a spot. Ti faccio solo notare che il salario minimo per legge mette in pericolo la contrattazione per come l'abbiamo vista oggi fin qui , con conseguenze c non immaginabili , infatti i contratti non sono fatti di soli tabellari, ma di molto altro. Ti invito ad informarti bene. patrizia CGIL

  • Mario

    20/03/2019 - 6:56

    Buongiorno Forse andrò leggermente fuori tema, ma credo sia necessario parlare anche di questo. Il nostro contratto, come risaputo ormai, ha dei minimi fissati per ciascun livello ridicoli. Addirittura con 1300€ lordi si può assumere un ragazzo e tenerlo sotto scacco per 8 ore al giorno (come minimo) 5 giorni su 7. Vista la novità del disegno di legge attualmente in discussione, parlo di quello previsto dai 5stelle, che prevede un minimo salariale da 9€ l'ora lordi, mi domando se, ovviamente, andando a colpire tale limite gli ultimi 3 livelli del nostro attuale contratto, tutti gli altri a seguire verrebbero adeguati di conseguenza. Dal quinto livello al minimo salariale, se non erro ci sono circa 1,60€ di differenza ad ora. Dato assurdo ma che rispecchia la realtà delle cose. E se in fase di contrattazione non otterremo rispetto, spero entri in vigore una norma simile e che soprattutto sia la volta buona per adeguare tutti i minimi a seguire in %

  • Marco

    19/03/2019 - 22:59

    Quanti mesi ci sono ancora da aspettare x avere il solito RIDICOLO rinnovo di pochi euro distribuiti col contagocce? .... x la miseria che ottenete invece di far passare più di un anno basterebbero 10 minuti

  • Silent

    19/03/2019 - 18:29

    Buongiorno a tutti, non ho potuto leggere tutti i commenti ma, come immaginavo, il trend della soddisfazione è alquanto preoccupante. Purtroppo, questo settore è indirettamente in mano alla Politica, più di quanto si possa immaginare. La situazione generale, per dipendenti e collaboratori, è al limite del grottesco. E i passi fatti in questi ultimi 10 anni hanno portato poco, veramente poco sia in termini economici sia in termini di qualità del lavoro. Non direi nulla di nuovo, elencando le "attività" avvilenti e spesso mortificanti che siamo (chi più chi meno) obbligati a svolgere. Non credo di aggiungere altro sostenendo che, anche nello svolgimento delle attività lavorative "standard", non si riesca mai ad arrivare ad un punto di incontro soddisfacente. Sebbene, come correttamente segnalato anche da altri, i carichi di lavoro siano in costante aumento, anche in relazione alle novità legislative introdotte negli ultimi anni, non ci sono stati, nella maggioranza dei casi, corsi di formazione, istruzioni e, ben più grave, il riconoscimento dell'impegno profuso nell'interesse dello studio professionale di turno. Un piccolo (recente) esempio? Con l'introduzione dell'obbligo della fatturazione elettronica, molti dipendenti sono stati costretti dal proprio datore di lavoro a svolgere, oltre al carico di lavoro esistente, anche questa incombenza, senza che vi sia stato un riconoscimento retributivo. E pensare che professionisti del settore contabile fanno pagare questo tipo di servizio ai proprio clienti... Anche gli istituti introdotti nel CCNL vengono spesso aggirati con la costante minaccia di licenziamenti e/o provvedimenti di altra natura. Solo per fare un piccolo esempio, basti considerare gli straordinari e gli orari "aggiustati" ad uso e consumo del/i titolare/i dello studio professionale. In ultimo, ma questo è trasversale nel mondo del lavoro, è inconcepibile il c.d. "scatto di anzianità". Parliamo di qualche euro netto al mese ogni 3 anni che non pareggia nemmeno l'aumento del costo della vita, senza considerare che, con l'aumentare dell'età, mutano anche le prospettive di vita e le conseguenti spese da affrontare. E' quindi fondamentale fare la voce grossa in sede di contrattazione perchè siamo veramente arrivati ad un punto di non ritorno. Date le premesse, le proposte (sogni?!), a mio giudizio, più importanti sono: - buoni pasti obbligatori a prescindere dal n. di dipendenti dello studio; - scatti di anzianità ogni 2 anni in luogo dei 3 attuali; - promozioni e/o premi legati all'anzianità ed all'aumento del carico di lavoro o alla maggiore professionalizzazione del dipendente; - istituzione di controlli rigidi sull'orario di lavoro anche con l'ausilio di badge; - esplicitare nel CCNL le mansioni tipo dello studio professionale adeguandole alle ultime novità. Spero di aver dato, nel mio piccolo, un contributo. Un saluto

  • Patrizia

    19/03/2019 - 17:42

    caro lorenzo, il facciamo presto, dipende moltissimo da noi lavoratori . Vedo che dici "facciamo" sono d'accordo ! patrizia CGIL

  • Lorenzo

    19/03/2019 - 11:34

    #facciamopresto. Perché se non allineamo i ns minimi tabellari ad un livello adeguato, non introduciamo buoni pasto e non aumentiamo il quantum per gli scatti di anzianità con tutti gli aumenti contenuti anche nell ultima finanziaria vedi lo sblocco del divieto di aumentare le addizionali regionali e comunali fra poco saremo veramente e non solo a parole i nuovi poveri. #rinnovoimmediato.

  • Patrizia

    18/03/2019 - 20:02

    caro nicola , ti ringrazio molto del tuo post propositivo , abbiamo bisogno di far conoscere il nostro lavoro e di rivendicarne la complessità, perché sia riconosciuta la ns. professionalità. Voglio rassicurarti, Il tema delle competenze informatiche è stato posto subito, è sul tavolo anche per la revisione del profili professionali. Tutti noi sappiamo bene che il nostro lavoro è completamente cambiato e le competenze informatiche sono obbligatorie , la responsabilità è aumentata sena contare che dobbiamo formarci da soli . Un esempio per tutti : il processo telematico negli studi legali , 10 anni di vita per ogni invio. Le difficoltà nel confrontarsi con le controparti su questi temi sono enormi .. soprattutto quando si deve monetizzare. Una precisazione : cadiprof non è in alternativa ai minimi tabellari , i contributi rimangono gli stessi , casomai aumentano le prestazioni . Ti ringrazio per i complimenti .. questo è un settore micidiale !!! se hai altre idee , proposte saremo felici di leggerle ! patrizia cgil

  • Nicola

    18/03/2019 - 18:08

    Buongiorno a tutti, visto lo spazio che viene dedicato alle proposte ho pensato di dire la mia, con una remota speranza che sia una cosa di cui venga tenuto conto in sede di trattativa. Una skill che di cui non viene minimamente tenuto conto nel CCNL, è la competenza informatica che molti di noi devono avere (forse più nei piccoli studi, dove non ci sono addetti specifici ma bisogna essere poliedrici) per restare al passo con la crescente telematizzazione del nostro lavoro. Desktop telematico, cassetto fiscale, fatturazione elettronica, comunicazioni obbligatorie ecc. ecc. che una volta erano una parte marginale del nostro lavoro, ora inglobano gran parte della giornata lavorativa e spesso riguardano competenze che devono essere sviluppate individualmente senza formazione alcuna da parte dello studio. Non sarebbe male prevedere livelli superiori per chi ha responsabilità tecniche di utilizzo e aggiornamento delle procedure telematiche. Fermo restando che l'aumento dei minimi, che sono veramente miseri per la mole di lavoro e la responsabilità previste da gran parte delle mansioni degli studi professionali, è la cosa principale, in maniera diretta (aumento retribuzione) o indiretta (buoni pasto o indennità). Spero non ci si fossilizzi solo sul rafforzamento del cadiprof (ben venga ma che non sia la priorità). Approfitto per manifestare la massima ammirazione per chi svolge attività sindacale in questo settore complicato. Saluti.

  • Patrizia

    13/03/2019 - 21:30

    caro lorenzo, credo che siamo ancora molto molto molto indietro, la cosa più semplice è iscriverti alla pagina fb della filcams , chiedi direttamente nella chat oppure mandi un messaggio dalla posta di fb , ciao ! patrizia cgil

  • Lorenzo

    13/03/2019 - 19:51

    Grazie Patrizia per la rapidità e le preziose informazioni. Mi stupisco di non trovare assolutamente nulla online, nessuno che ne parla!! Sai se magari è possibile vedere la piattaforma e sapere su cosa i sindacati vorrebbero puntare? Grazie infinite di nuovo!

  • Patrizia

    13/03/2019 - 17:34

    caro lorenzo, ti ringrazio dei complimenti , faccio semplice attività sindacale. Ti rispondo volentieri , il contratto confcommercio terziario distribuzione e servizi è scaduto il 31. 7.18. Siamo ancora alle fasi preliminari, presentazione piattaforma e discussione e votazione nei posti di lavoro . Il contratto del commercio è sempre stato un contratto tormentato. Puoi andare sulla pagina fb della filcams e chiedere notizie e iscriverti alla news letter o andare in filcams della tua città! ciao patrizia cgil

  • Lorenzo

    13/03/2019 - 15:59

    Scusate se uso questo spazio impropriamente, ma leggendo la discussione ho notato che Patrizia è una persona molto competente, disponibile e soprattutto informata, quindi se posso vorrei chiederle un'informazione. Lavoro nel settore del commercio (CCNL Commercio Confcommercio), e so che i rappresentanti sindacali per la CGIL è sempre la FILCAMS come per gli studi professionali. Mi pare di aver letto che anche il nostro contratto nazionale è scaduto, ma non riesco a trovare nessuna informazione online sullo stato delle trattative, e neanche sui siti dei vari sindacati leggo informazioni di alcun tipo (nemmeno informano che è effettivamente scaduto!). Posso chiederti se tu sai magari qualcosa? Scusate di nuovo per "l'incursione"! Grazie mille!!

  • Elena-78

    12/03/2019 - 11:06

    Cara Patrizia e cari tutti, mi sembra che già il fatto che a seguito dell'incontro di Roma si possa iniziare a vedere una disponibilità per incamerare una trattativa sia positivo. D'altronde, cari colleghi, sappiamo bene che non abbiamo a che fare con una controparte semplice, e come ho già avuto modo di affermare nel mio post del 3 marzo scorso le difficoltà nel settore non ci aiutano. Facciamo un lavoro pesante e di grande responsabilità nella maggior parte dei casi e vorremmo, giustamente, che questo ci sia riconosciuto; ma la realtà è ben altra. La filosofia è volere la botte piena e la moglie ubriaca, e noi dobbiamo cercare di recuperare le gocce. So bene che è brutto sapere che ci sono altre persone che fanno meno di noi o sono meno preparate che solo per il fatto di avere un diverso contratto hanno un netto in busta paga migliore del nostro, ma bisogna solamente cercare di lavorare come brave formichine a che chi decide delle nostre sorti possa rendersi conto che anche noi abbiamo qualche diritto e bisogno di qualche incentivo. Purtroppo nella nostra realtà non si comprende che il dipendente va premiato, altrimenti non rende. Non vi voglio però tediare con altri sproloqui, ma sono fiduciosa che continuando nel nostro lavoro di confronto e proposta e con l'aiuto di Patrizia e di chi con lei collabora cercheremo di raggiungere un discreto compromesso ed avere, magari prima dell'estate, un nuovo accordo che ci possa almeno dire "qualcosa abbiamo recuperato". A presto

  • Patrizia

    07/03/2019 - 18:11

    caro savros, è la trattativa che è difficile … molto difficile . Le cose che elenchi le sappiamo bene , lavoriamo tutte in studi professionali , figurati se non conosciamo i contratti precedenti e i 10 anni saltati , ma vedi , bisogna fare un passo in più nell'analisi, chiedersi il perché. Chissà come mai non mi seguite nel ragionamento fino in fondo , domandati , perché? e datti una risposta. Le categorie che citi hanno tutte una organizzazione dei lavoratori consolidata e sostengono le loro richieste con le iniziative sindacali , noi no . Sai, individuare la malattia ma non il farmaco è praticamente inutile. La trattativa sindacale è difficile per il sindacato che va senza esercito al tavolo , perché mai dovrebbero darci l'una tantum solo perché è giusto? si tratta , si tratta , si tratta e si porta a casa quello che l'abilità dei ns. sindacalisti riescono a strappare , con grandissimo impegno e bravura. Spero di essere stata chiara patrizia CGIL

  • savros

    07/03/2019 - 11:15

    Per noi che lavoriamo negli Studi "Professionali" nulla è semplice sappiamo e intuiamo il lavoro che c'è dietro ad una trattativa, è per questo che ci preoccupiamo per i tempi, siamo ad 1 anno esatto dalla scadenza, ora passerà altro tempo per le trattative... sperando che questa volta ci vengano riconosciuti gli arretrati una tantum, per il mancato rinnovo, che invece ci vennero sottratti nel rinnovo scorso. Lavorando in un gruppo industriale diversificato con colleghi che hanno contratti diversi metalmeccanici, chimici, commercio, stesso periodo di assunzione hanno avuto negli anni aumenti maggiori rispetto a noi, con il contratto studi professionali io mi ritrovo con quasi 20% in meno al mese rispetto agli altri! almeno 2/3 rinnovi in meno, siamo fanalino di coda di tutti i contratti nazionali!

  • Patrizia

    06/03/2019 - 18:45

    Caro lorenzo, rispondo a te e alessandra e a tutti i colleghi in attesa di notizie sul contratto. ieri sono andata a Roma per rappresentare il blog e la Filcams cgil in un convegno al CNEL sul dialogo sociale (il volantino lo trovare sulla ns. pagina fb) . Erano presenti tutte le parti sociali del nostro mondo , cgil, cisl , uil , confprofessioni . Queste iniziative servono per mantenere e sviluppare i rapporti bilaterali tra le parti sociali . Si è parlato anche della scadenza contrattuale e confprofessioni ha rinnovato il suo impegno, difronte al sindacato e alle delegazioni presenti ( molti funzionari sindacali , noi del blog e Unica ), per aprire la trattativa , quindi è tutto quasi pronto per iniziare , stiamo facendo gli ultimi passaggi unitari (cgil, cisl e uil) . Mi domanderete .. ma è così complicato fare una trattativa ?? si lo è , molto. Da fuori sembra incredibile ma chi fa attività sindacale sa che è difficile molto difficile. ciao patrizia cgil

  • Lorenzo

    05/03/2019 - 22:07

    Bene per questo primo incontro romano. Attendiamo aggiornamenti.

  • Patrizia

    04/03/2019 - 21:11

    cara elena, mi fa sempre enorme piacere leggere che ci seguite da anni e anche un po' impressione per la responsabilità .. ti ringrazio molto per il tuo post dai toni misurati , non abbiamo bisogno di urla ma di risolvere problemi e quelli che elenchi tu sono veri , lo so, molto difficili da risolvere . Nel nostro paese , oltre alla disoccupazione , c'è un problema enorme di "lavoro povero" umiliante , ne siamo consapevoli . Ce la metteremo tutta per portare a casa un risultato che dia al nostro lavoro anche una dignità economica migliore di quella che abbiamo ora. Credimi elena, conosco e capisco le cose che scrivi. Seguiteci durante la trattativa abbiamo bisogno di un confronto continuo con voi , aiutiamoci tutti ma con i toni di elena ! grazie Patrizia CGIL

  • Alessandra

    04/03/2019 - 17:46

    Patrizia, tienici informati sull'incontro di Roma! In bocca al lupo. Grazie Alessandra

  • Alessandra

    04/03/2019 - 17:43

    Patrizia, facci sapere come va l'incontro a Roma! In bocca al lupo! Grazie ALESSANDRA

  • Elena Foroni

    03/03/2019 - 20:03

    Cara Patrizia, sono parecchi anni che seguo con interesse il Vostro blog e trovo sempre spunti molto utili per qualsiasi problematica. In tema di rinnovo purtroppo contrattare non è semplice e si deve sempre tener conto di non spingere troppo oltre. Ho visto gli innumerevoli commenti che i miei "colleghi" hanno scritto in questi mesi. Sarebbe bello che le nostre retribuzioni potessero essere adeguate a quelle di altri settori, ma abbiamo una storia diversa . In più, purtroppo, abbiamo anche a che fare, come giustamente hai detto Tu, con il fatto che il nostro potere sindacale è molto più debole rispetto ad altre categorie; e se negli accordi integrativi ci si basa sulla produttività, almeno il mio settore , che è quello legale, non gode certo di aumenti produttivi rilevanti. E, soprattutto, abbiamo a che fare con una categoria di professionisti (avvocati, notai, commercialisti) che vogliono la competenza, la versatilità e la disponibilità senza che questa venga poi correttamente riconosciuta a livello remunerativo. A volte veniamo assunte per seguire uno o due avvocati (e spesso anche le loro famiglie o le loro cose personali) e poi se arrivano altri colleghi a condividere stanze o ad associarsi non viene adeguato lo stipendio al carico di lavoro. La cadiprof la trovo una delle cose che funzionano bene di questo contratto, io la utilizzo da anni e recupero parecchio. Di quanto discusso secondo me potrebbe valere la pena di cercare di ottenere quanto meno i buoni pasto obbligatori per contratto che, se non erro, allo stato sono previsti solo per chi ha più di 15 dipendenti. Purtroppo spesso i dipendenti degli studi professionali sono costretti a mangiar fuori perché non si può mangiare in studio perché "dà fastidio" e Ti assicuro (almeno qui a Milano) che vedo parecchie persone mangiare per strada (soprattutto d'inverno al freddo) perché troppo oneroso spendere per mangiar fuori avendo uno stipendio che non supera i 1.200€ da cui bisogna decurtare spese di trasporto o figli a carico. Sai se fossero obbligatori per contratto non si dovrebbe andare ad elemosinarli o a richiedere somme in più trovando spesso un rifiuto. Auguro a Te e a tutti coloro che si prodigano per la nostra causa che nell'incontro a Roma di martedì si possa dare una smossa per il rinnovo. Spero di vedere buone nuove scritte sul blog. A presto

  • Patrizia

    01/03/2019 - 17:52

    caro lorenzo , ti sbagli , ci siamo quasi, martedì vado a Roma. Purtroppo per le ragioni che ho detto innumerevoli volte i percorsi della nostra trattativa sono rovesci .. prima date e impegni precisi e poi la discussione sulla piattaforma qui sul blog che non è esattamente una assemblea normale dei lavoratori. Nelle altre categorie prima si discute con i lavoratori e poi si inizia la trattativa. Se vogliamo rientrate nelle categorie con un percorso normale, dipende solo ed esclusivamente da noi. Ho 62 anni , ho lavorato 42 anni degli studi , dal 1974 ho visto e vissuto tutti i rinnovi contrattuali , nella contrattazione non c'è posto per lo sconforto ma solo per il costante e instancabile lavoro sindacale, siamo tutti formiche laboriose. Caro lorenzo , fiducia e lavoro ! in veneto diciamo duri i banchi! la discussione riprenderà, in 15 anni di blog non si è mai fermata , anzi ci stiamo attrezzando per l'assalto. ciao patrizia CGIL ps ATTENZIONE tutti i messaggi di questo pagina sono stampati e nelle mani del nazionale , la piattaforma affronterà temi generali ma non è chiusa .. è solo l'atto preliminare di una trattativa , quindi tutti i temi si possono allargare, aggiungere in corso di trattativa. Tutto è aperto , dobbiamo lavorare insieme qui sul blog , faremo un collegamento costante con il tavolo.

  • Lorenzo

    01/03/2019 - 16:20

    Apparte tutte le buone intenzioni tutte le proposte che un anno fa arrivavano da tutte le parti é passato 1 anno e non c è traccia di trattative di rinnovo e non si vede come possa cambiare qualcosa. Nessuno scrive più proposte perché nessuno ha più la speranza di un rinnovo a breve. Mai vista la famosa piattaforma. Sarà così per anni.

  • Patrizia

    28/02/2019 - 17:37

    cara giovanna, cito i riders ad esempio perché la vertenza che li riguarda è notizia conosciutissima e molto dibattuta , approfitto di questo per spiegare sul blog l'importanza dell'organizzazione sindacale a sostegno di una vertenza. Noi siamo una categoria diversa , ma l' esigenza di organizzazione è la stessa. E' interessante quello che dici , anch'io penso che non ai adattano a noi le forme tradizionali forme di protesta , il blog ne è una prova , in questo siamo state delle pioniere. Spero che ti rispondano in tanti , il mio personale pensiero è che noi potremmo arrivare a degli ottimi risultati solo con l'organizzazione sindacale , non è detto che sia sempre necessario fare sciopero, anzi. Abbiamo il blog , potremmo facilmente organizzarci per regione attraverso le pagine regionali che abbiamo costruito apposta . Avere una rete nazionale fisica attraverso il blog è possibile , abbiamo gli strumenti e l'esperienza. L'ha già fatto Unica per i notai. Una struttura sindacale ci permetterebbe di avere una rappresentanza vera fatta di tanti di noi. Mi sembrerebbe una prova di grande maturità e consapevolezza , in realtà è questo che noi ci aspettiamo da tanto tempo. In quanto al padrone .. no ti prego , io non ho mai avuto padroni, titolari, datori di lavoro … ciao e dimmi che ne pensi ! patrizia CGIL

  • GIOVANNA

    28/02/2019 - 14:49

    Buongiorno, leggo spesso questo blog ma in merito alla discussione sul rinnovo del contratto non mi è chiaro il riferimento ai riders. Riconosco il merito di questa nuova categoria professionale che in poco tempo è sata in grado di organizzare scioperi e manifestazioni per il riconoscimento dei sacrosanti diritti dei lavoratori ma questo caso non è paragonabile al nostro ! I datori di lavoro dei riders sono multinazionali con sede ad esempio a Londra o a Berlino. Il mio datore di lavoro, nonchè titolare dello studio professionale è colui che mia mamma definisce, giustamente, "il tuo padrone" ! Noi non possiamo scioperare purtroppo. Forse le iniziative sindacali tradizionali non sono efficaci nel nostro caso. Cosa ne pensate ?

  • mimma

    27/02/2019 - 22:25

    Ciao a tutti, io sono prossima alla pensione .......... Ciao Mimma ti preghiamo di postare il tuo "quesito" nel posto giusto. Qui si parla di contratto scaduto. Mentre il tuo quesito lo potresti postare in "contratto diritti e doveri" lo trovi usando "cerca" in altro a destra. Preghiamo tutti i navigatori di postare i propri quesiti nei "posti giusti" altrimenti si mescolano tutti e poi vanno persi. Grazie Blog Admin

  • daniela

    26/02/2019 - 11:37

    grazie mille patrizia, sei stata molto chiara Daniela

  • Patrizia

    25/02/2019 - 10:37

    cara daniela, è un po' più complesso di così. La procedura normale nelle categorie con strutture sindacali organizzate è questa: preparazione della piattaforma unitaria (cisl cgil uil) e discussione nelle assemblee dei lavoratori, aperte anche ai non iscritti, nei luoghi di lavoro con i rappresentanti sindacali , voto e se viene approvata , verrà inviata alla controparte e alla fine della trattativa lunga o corta che sia , ci sarà il voto di approvazione nelle assemblee dei lavoratori iscritti e no. Questo percorso noi non lo possiamo ancora fare , non c'è organizzazione sindacale. Quindi siamo costretti ad un percorso della ns. piattaforma tutto interno e rovescio rispetto alle altre categorie. Tranquilla la strada è aperta anche se rovescia. ciao Patrizia CGIL

  • daniela

    25/02/2019 - 10:16

    Grazie per la delucidazione, in riferimento a questo punto "7) la piattaforma è pubblica , infatti la metteremo qui sul blog per discuterla con voi. " il verbo al futuro mi fa capire che ad oggi non abbiamo ancora presentato nessuna piattaforma, e siamo ancora nella fase iniziale della contrattazione, e' corretto? grazie di nuovo Daniela

  • Patrizia

    21/02/2019 - 17:55

    cara daniela, la domanda è molto intelligente , anzi ti ringrazio di averla posta in modo così semplice senza fronzoli , rende bene l'idea. Ti risponderò in modo altrettanto semplice, per tappe , se non sarò stata chiara , ti prego di dirmelo , anzi è molto importante che questo argomento sia chiarissimo e quindi fatemi tutte le domande che volete, risponderò fino ad esaurimento mio e del blog ! 1) il contratto di lavoro è un contratto privato non è una legge dello stato . L'articolo 35 della costituzione e segg tutela il lavoro , vi invito a leggerli. 2) La contrattazione è libera tra le parti rappresentative dei lavoratori e datori di lavoro , Il governo può intervenire solo da mediatore se non si trova una intesa 3) La contrattazione è regolata da parti rappresentative. 4)Alla scadenza di un contratto nazionale per iniziare una trattativa per il rinnovo di un contratto nazionale il sindacato dei lavoratori deve presentare una piattaforma Normalmente i contratti nazionali di categoria scadono ogni 3 anni . 5) dopo la presentazione della piattaforma da parte dei lavoratori , verrà convocato un tavolo fisico di trattativa con le delegazioni dei lavoratori e dei datori di lavoro . Inizierà la trattativa che non ha un tempo definito per concludersi , dipende da come si evolve la discussione , può anche bloccarsi , interrompersi , rompersi e in questo caso le iniziative dei lavoratori per spingere e sostenere le proprie ragioni sono molto importanti (scioperi, presidi , ecc. ) 6) il contratto non essendo obbligatorio non è nemmeno detto che venga firmato , ci sono categorie che rimangono anni e anni senza contratto è successo anche a noi per ben 10 anni ! 7) la piattaforma è pubblica , infatti la metteremo qui sul blog per discuterla con voi. Nelle categorie organizzate questo passaggio viene fatto subito nelle assemblee dei lavoratori , purtroppo noi abbiamo solo il blog e non è semplicissimo discutere via web , seguiremo passo dopo passo , in diretta anche tutta la trattativa qui sul blog, Il ritardo con cui iniziamo le trattative è dovuto alla nostra debolezza sindacale , non facciamo nessuna pressione sui nostri datori di lavoro . spero di essere stata chiara , ma sono a vostra disposizione patrizia CGIL

  • Daniela

    21/02/2019 - 12:29

    buongiorno la domanda sara' forse stupida, ma mi chiedevo ....nel concreto come si sviluppa la trattativa? nel senso.... il sindacato invia le richieste....e dopo del tempo la controparte risponde....poi di nuovo si rielaborano delle richieste...e poi di nuovo ripondono....e. cosi' via attendendo (non so) 1-2 mesi tra le varie "corrispondenze" ? oppure le parti si incontrano contemporaneamente e fisicamente insieme in un luogo e discutono tipo botta e risposta, dandosi appuntamento alla volta successiva se non si raggiunge un punto di incontro? E' possibile conoscere le richieste avanzate dal sindacato? esiste un documento pubblico? grazie Daniela G

  • Patrizia

    13/02/2019 - 19:38

    caro maurizio, bisogna intendersi … quando fanno sciopero i servizi , vengono interrotti con una serie di fasce di garanzie , c'è un codice di autoregolamentazione . Lo sciopero deve seguire delle regole , altrimenti è sciopero selvaggio e si rischiano i reati ..oltre che cause di risarcimento. Gli autoferrotranvieri che hanno bloccato le stazioni hanno tutti subito un processo penale.. fare sciopero in momenti caldi va bene , causare danni no. In ogni caso il problema non si pone … non abbiamo strutture sindacali e se dichiariamo sciopero non lo fa nessuno… non abbiamo nemmeno il coraggio di iscriverci al sindacato e quindi siamo molto lontani da tutto ciò. Facciamo cose che possiamo fare ! ciao Patrizia CGIL

  • maurizio

    13/02/2019 - 12:28

    beh...scusa quando fanno gli scioperi i benzinai, i ferrovieri, i bus in città od i medici non bloccano creando disagi alla gente che ne può zero? non mi sembra di essere drastico... gli scioperi si fan sempre sotto qualcosa di importante o ti fila nessuno. stai tranquilla che incrociassimo le mani tipo in sto periodo che hai iva ed inps il 18.02 entro fine mese hai spesometro e comunicazioni iva e poi veloce al 07 marzo le cu per correre poi entro il 16 altra mensile ... e fortuna che le trimestrali x fare le comunicazioni e spesometri te le stai togliendo. e mi dici che son drastico? possiamo giusto dare anche una pulita ai vetri se vogliono... 🙂 quindi la carogna ti sale...non è come negli anni 90 che facevi la tua iva e prima nota SENZA tutto il resto. ora oltre ad impiegato devi essere un abile programmatore x assimilare i programmi che nessuno ti spiega... e lo stipendio ne tiene conto di questo ??? non credo. manco ci riconoscono 7euro di ticket a pranzo... e datecele due gioie ogni tanto...cari confprofessioni... sanno benissimo che assumono tutti al 4°livello, i piu', e ti ci fanno morire anche se chiudi bilanci e fai dichiarazioni dei redditi. lo sai bene patrizia....come funziona. diteci poi le iniziative... se a roma continuano a far finta di nulla...

  • Patrizia

    12/02/2019 - 18:16

    caro Maurizio, allora hai una "brevi manu" che scade ogni anno non hai la trattenuta in busta paga.. Hai mai parlato con il funzionario sindacale che si occupa degli studi ? la tessera è importante ma serve per appartenere ad una libera associazione e organizzare attività sindacale. Vai a fare due chiacchiere .. di che città sei, nel gruppo di gestione siamo di varie città , io sono in pensione da due anni , però continuo ad occuparmi del blog insieme ad angela , irene carmen ed emilia , do una mano! Per le iniziative sindacali, sei un po estremo.. non si possono causare danni economici si rischiano cause di risarcimento , lo sciopero è regolamentato , come è giusto che sia. Intanto facciamo il primo passo .. ci vogliono tanti tanti tesserati al sindacato per organizzare una sacrosanta protesta , quando hai organizzazione sindacale si possono fare tante cose ti assicuro , senza … facciamo esercizio di fantasia cn il blog , ci viene anche bene ! ciao patrizia cgil

  • maurizio

    12/02/2019 - 13:15

    pago annualmente... con bonifico. Certo che le mail non risolvono e ci vuole qualcosa che lasci il segno tipo incrociare le mani per l'iva e mandare i capi in tilt visto che con sta fatturazione elettronica noto che le cose non filano proprio in maniera liscia... e poi chiudere le trimestrali x lo spesometro e comunicazioni iva da fare e subito le CU... e ripartire con le mensili. insomma... scopette dietro e facciamo pure due pulizie.... ovvio a gratis che il livello nostro salariale è da vergogna nel 2019 con l'iter delle scadenze che abbiamo. tu dicci che fare... e noi lo facciamo. peccato tu non sia nella mia citta' o con il tuo carisma sarei un tuo discepolo... Forza lo so non ne abbiamo anche perchè non lavoriamo in ditte ma in studi spesso piccoli e...sai lo stipendio a fine mese serve e conosco tanti Dott.ri viscidi che farebbero ripicche se non pieghi la testa e dici sempre "si padrone". come i notai, avvocati e professionisti in genere. NON TUTTI ovvio ma la vecchia "casta" è così... che dire... forza filcams... e fagli un mazzo tanto al primo tavolo di contrattazione... :))

  • Patrizia

    11/02/2019 - 21:05

    caro maurizio, la nostra controparte si chiama confprofessioni. Stiamo costruendo un'iniziativa sul blog, ci andiamo piano , ne abbiamo fatte molte e stiamo attente a non usare le stesse modalità, vorremmo fare un salto di qualità. Vorrei che fosse chiaro a tutti èche mandare mail , petizioni, lettere (cosa che facciamo da molti anni) può essere utile ma non fa rappresentanza , dovremmo riuscire a costruire un'organizzazione , mi segui? altrimenti sono iniziative, proteste estemporanee e alla lunga perdono di forza. Tutte le proposte contrattuali fatte qui sul blog sono state stampate e sono in mano alla filcams cgil. Caro maurizio , capisco molto bene quando dici che non è solo questione di stipendio ma anche di avere un riconoscimento del nostro lavoro , è proprio così , non siamo rispettati , ma per essere rispettati ci vuole più di una mail , ben di più. La tessera sindacale: se è con delega si rinnova di anno in anno salvo disdetta. Se viene fatta brevi manu vale 1 anno e poi dipende dall'iscritto se rinnovare l'iscrizione. Non so dove sei andato e con chi hai parlato , di che città sei? non ti abbattere, vedo che hai voglia di partecipare e di dire quello che pensi , infondo il sindacato è anche questo condivisione , collettivo. Per noi , che gestiamo il blog da tanti anni , il fare le cose insieme ha contato molto , condividere, discutere , proporre , trovare soluzioni , studiare , approfondire argomenti , essere utili, il sindacato è soprattutto questo :crescere nella consapevolezza , scambio , migliora anche l'umore. pensaci Patrizia CGIL

  • maurizio

    11/02/2019 - 19:10

    LO so che tu sai… e non era affatto un lamento. DICIAMO un ricordare a Roma che ci legge i fatti. punto… poi sapessi come contattare la controparte gli spediamo una raffica di mail e la coscienza resta poi a loro che girano in bmw e lamentano di non avere soldi x aumenti o materiale quando li vedi che passano la giornata a bambinare e noi a sbatterci. A me il problema è che piace il mio lavoro. piace essere risolutivo e non creare problematiche come fanno alcuni titolari che te la fan cadere sempre dall'alto. Guarda la fatturazione elettronica. uhhhhhhhhh sembrava cascasse il mondo. basta un minimo di impegno e voilà… tutto funge. Certo dopo grande impegno nel capire come si dovesse fare leggendo, studiando, imparando da soli. Poi dopo facile… allora la controparte… ha un nome? cerchiamo le mail e tutti quanti li sommergiamo di mail ricordando i punti importanti o riportando un testo comune in modo da fargli capire che STARE IN SILENZIO NON SIGNIFICA subire qualsiasi cosa… al sindacato posso anche andare ma...senza che ti innervosisci… qui manco ti chiedono il rinnovo. devi sbatterti tu a chiedere e farlo. una volta che uno è socio che costa alla scadenza mandarti una mail x far rinnovare la gente? nel mucchio poi magari qualcuno si dimentica...e si perde peso e forza. W I TICKET, livellarci al commercio, riconoscimento responsabilita' e qualita' del lavoro cambiato dai tempi delle sole fatturine meccanografiche, aumento livelli dopo tot anni… vabbè è carnevale...crediamoci 🙂

  • Patrizia

    11/02/2019 - 11:10

    caro maurizio , lo so , le tue ragioni sono le nostre , visto che lavoriamo tutte negli studi e nelle tue stesse condizioni, leggo te e vedo me , anche se sono in pensione da 2 anni ricordo benissimo il modo in cui si lavora negli studi , oltretutto in questi ultimi anni è addirittura peggiorato. A Roma la parte sindacale che noi rappresentiamo sa tutto dal blog , tanto è vero che è al nostro fianco . A Roma però c'è anche la controparte con cui confrontarsi .. La contrattazione è confronto tra due parti con interessi contrapposti. Il nostro interesse va sostenuto .. non basta affacciarsi al blog , con la speranza si ottiene nulla, si aspetta. Cito sempre i Riders , per sostenere le loro ragioni hanno scioperato il 9 febbraio .. sono una categoria giovanissima , eppure si sono organizzati in poco tempo e tutti parlano di loro, perché dico questo ? perché noi abbiamo l'illusione che bastino le buone ragioni per raggiungere un risultato , siamo spaventati e molto pigri . Caro maurizio .. tutte le conquiste costano fatica , basta conoscere un po' di storia . Quindi le cose che elenchi, che sono anche nostre , dovrebbero diventare lo stimolo per una azione sindacale e non di rassegnato lamento . Andiamo tutti in sindacato e allora si comincerà a ragionare! patrizia CGIL

  • maurizio

    11/02/2019 - 10:06

    Buondì Patry ogni tanto leggo x vedere aggiornamenti che da ottimista prevedi. Speriamo seriamente che a Roma chi di dovere legga i nostri suggerimenti e vogliano realmente darci dignità al nostro lavoro che non è meno di un impiegato statale o di banca visto che come detto piu' volte NOI spesso senza aiuto in studio DOBBIAMO svolgere il lavoro dei bancari con i pagamenti telematici, il lavoro degli impiegati agenzia entrate-camera di commercio- inail- inps con le pratiche Comunica & co ED ora con la fatturazione elettronica? non so da voi ma qui mi son dovuto da solo sbattere x sistemare i clienti, provvedere alle varie deleghe senza un corso, senza aiuto di nessuno e sempre al medesimo stipendio da 4°livello da oltre 20anni. ma si può? certo il grazie dei clienti nobilita ma al supermercato o dentista x i figli non li prendono come acconto sulle parcelle. confido nei ticket (gli impiegati degli studi non mangiano fuori casa se son lontani?) ed almeno portarci ai livelli del commercio. dico almeno… noi siamo un valore aggiunto agli studi visto che i capi solitamente tendono a spendere zero in formazione, strumenti e dobbiamo arrangiarci come le casalinghe in casa ed l frigo mezzo vuoto x preparare cena! sono ottimista che sicuramente a roma nella stanza dei bottoni avranno pensato al cambio di lavoro negli studi in continua evoluzione e responsabilita' che abbiamo. VERO? 🙂

  • irefi

    07/02/2019 - 22:35

    ciao Letizia, ti aspetto quando vuoi. In via Roma siamo aperti ogni mattina da lunedì a venerdì 9 12,30 il giovedì anche nel pomeriggio oppure il sabato dalle 9 alle 12. Non questo sabato (9 febbraio) perché saremo tutti a Roma. Possiamo anche fissare in un momento diverso, se preferisci un diverso orario. Se chiami il centralino, puoi chiedere che ti passino Irene, Filcams così fissiamo. Ciao, a presto Irene

  • Patrizia

    05/02/2019 - 17:58

    Cara letizia, come dicevo a Mariella , le iniziative via web sono semplici da organizzare ma difficili da misurarne l'effetto. Stiamo elaborando …non vogliamo ripetere nemmeno le stesse cose , abbiamo un paio di idee , appena fatta la quadra pubblichiamo sul blog. Siamo quasi pronte. Naturalmente la cosa migliore è quella classica : iscrizione in massa al sindacato , sarebbe un bel colpo al tavolo delle trattative , nell'attesa dobbiamo fare esercizio di fantasia… virtuale. In filcams a reggio hanno fatto bene a rimandare al blog e donna fortunata .. a Reggio c'è la nostra Irene , colonna del blog , cercala, avrai un canale diretto , il migliore . patrizia CGIL

  • Letizia

    05/02/2019 - 11:07

    Mi riferisco alla risposta di Patrizia a Mariella. Io ho chiesto informazioni alla Filcams di Reggio Emilia; loro mi hanno rimandato al blog. Possiamo fare qualcosa per smuovere la situazione? Grazie in anticipo.

  • Patrizia

    31/01/2019 - 17:42

    cara mariella, ti do ragione , condivido ogni parola Abbiamo imparato con l'esperienza che la riuscita di una iniziativa via web è fondamentale il tempismo, il momento giusto. Ci arrivano notizie un po' contrastanti dal nazionale e francamente non sappiamo che pensare, ti assicuro che ne stiamo discutendo molto, anche su cadiprof. Per le iniziative di "piazza" tu vedi che è facile organizzare via fb un qualsiasi flash mob , può farlo chiunque, ma sono iniziative estemporanee e difficili da controllare,(v. francia ) meglio organizzare iniziative sindacali usando il web . Tutti noi possiamo andare nelle sedi sindacali e proporre assemblee , manifestazioni ecc ecc. facciamolo tutti è da tanto tempo che lo chiediamo , il solo blog non basta ,però potrebbe svolgere un ruolo straordinario per coordinare, organizzare diffondere , gli accessi che abbiamo parlano da soli. Dipende da tutti noi come sempre .. pubblicheremo ogni iniziativa che viene organizzata , , daremo indicazioni, consigli, appoggio . Solo così riusciremo .. i riders sono una lezione per tutti patrizia CGIL

  • Mariella

    31/01/2019 - 11:44

    BUONGIORNO scusate il disturbo, ma visto che non ci sono ancora novita' del nuovo contratto, mi chiedevo se non fosse necessario e utile dare come fu per il precedente contratto una spinta ... mi ricordo che inondammo via fax le varie controparti e riuscimmo a smuoverli, forse il fax oggi e' in disuso e magari viene in mente un altro modo per dimostrare che ci siamo e siamo tanti anche se mal organizzati ; possiamo far intervenire qualche giornale o scendere una volta anche noi in piazza in modo pacifico ma facendo vedere che esistiamo, un passaparola con i social potremmo organizzarci per una giornata nella varie piazze italiane.. o se ci sono altri modi provate a consigliare qui su questo blog che gentilmente ci ospita e cerchiamo di darci da fare ...il nostro futuro e' anche nella nostre mani e nella nostre azioni . Mariella -Torino

  • Patrizia

    28/01/2019 - 20:33

    mi spiace piera.. va subito in filcams cgil della tua città ufficio vertenze, così puoi fare anche la domanda della Naspi. In linea teorica per le ferie è così , se vuoi prenderle le prendi ma ricordati che allungherà il preavviso , se prendi 7 giorni il preavviso diventerà 57. I giorni non goduti ti saranno pagati . Facci sapere come sta andando ! auguri tantissimi , sono passaggi difficili è successo anche a me . Patrizia CGIL

  • Piera

    28/01/2019 - 16:04

    Scusa Patrizia ho dimenticato di scriverti quanti dipendenti ci sono in studio, siamo 3 di cui: 1 a tempo pieno 1 part-time 70% (che è la moglie del titolare) e io attualmente part-time 50% grazie

  • Piera

    28/01/2019 - 15:34

    "bis : devi guardare il linlk qui sotto ebipro : sostegno al reddito . Inoltre, quanti dipendenti siete ? patrizia CGIL" Ciao patrizia, grazie per le risposte. Su tuo consiglio andrò presto a parlare con i sindacati. Oggi, nel frattempo, mi è stato comunicato che mi arriverà la lettera di licenziamento e che a partire dal 1° febbraio scattano i 50 gg di preavviso. Siccome ho parecchi giorni di ferie ho chiesto chiarimenti e il mio datore di lavoro mi ha risposto che lui non può obbligarmi a farli (anche se in tutti questi anni lo ha fatto eccome!!!), quindi se li voglio fare o me ne serve qualcuno da qui a fine rapporto per lui non ci sono problemi e in caso contrario li pagherà in busta paga. é corretto procedere in questo modo? grazie

  • Patrizia

    23/01/2019 - 12:09

    Hai ragione , la domanda andrebbe fatta ai nostri colleghi .. chi deve reagire sono i lavoratori . Come vedi gestendo questo blog abbiamo creato uno spazio importante e lo teniamo aperto per l'organizzazione sindacale della categoria. Siamo in 5 , non c'è partita , non credi? ciao patrizia cgil

  • savros

    22/01/2019 - 18:10

    tra poco siamo ad 1 anno dalla scadenza del contratto e neanche un incontro informale è mortificante! tutto aumenta tranne le nostre buste paga ferme a 15 anni fa! pensare che siamo una delle categorie con piu dipendenti ma "fermi" nessuno si ribella!

  • Patrizia

    21/01/2019 - 20:18

    cara Letizia, come vedi dalle risposte che ho dato nei giorni scorsi , non ci sono date ufficiali ma sappiamo che ci sono movimenti informali per avviare il tavolo . Aspettiamo ancora la settimana prossima e poi vediamo , a seconda delle notizie che ci arriveranno dal nazionale, decideremo insieme se lanciare una iniziativa sul blog . ciao! patrizia CGIL

  • Letizia

    21/01/2019 - 14:35

    Ciao a tutti. Si è mosso qualcosa o è ancora tutto fermo? Possiamo lanciare qualche iniziativa? Mail mobbing o qualche pubblicazione sui giornali? Grazie mille per la risposta...

  • Patrizia

    20/01/2019 - 20:53

    caro giovanni, il sindacato non è un prodotto e fare un contratto non è come andare al supermercato. Qui sei in sindacato , il blog nel quale sei entrato è gestito gratuitamente da lavoratori degli studi professionali . Lo gestiamo da 20 anni , dal 2000 abbiamo organizzato iniziative di tutti i tipi e se vai nell'archivio potrai verificarlo di persona. Abbiamo chiesto a gran voce e per anni la collaborazione dei nostri colleghi con risultati modesti. Secondo te ci siamo fatti bene la pubblicità?? Il sindacato è l'organizzazione dei lavoratori se non ci sono i lavoratori che spingono non c'è sindacato , è chiaro ? dipende anche da te , sei andato in sindacato a proporre di organizzare qualche iniziativa ? ci vuole da parte nostra una richiesta di rappresentanza se non c'è si fa molta fatica e, comunque il sindacato si occupa di noi, ed è già molto e,dopo il tuo messaggio non sono così sicura che ce lo meritiamo. Un esempio per tutti : i riders , guardare e imparare. Cari frequentatori del blog mi piacerebbe leggere meno lamentele da mouse e più partecipazione patrizia CGIL

  • Giovanni

    19/01/2019 - 17:23

    Quando si rinnova il contratto? Possibile che nessun sindacato organizza nulla?non esiste che si lasciano passare mesi senza nessuna iniziativa. I sindacati si fanno sentire solo quando capiscono che possono farsi pubblicità.

  • Patrizia

    18/01/2019 - 18:01

    cara claudia, scusami .. ti ho risposto nello stesso post di rita , mi è scappata ! ciao patrizia cgil

  • Claudia

    18/01/2019 - 11:35

    Buongiorno! Ci sono novità riguardo i tempi di rinnovo del contratto? A che punto sono le trattative? Grazie e buon lavoro! Claudia.

  • Patrizia

    17/01/2019 - 21:13

    caro lorenzo, non ci sono novità ufficiali , altrimenti le avremmo pubblicate subito. Tu hai novità ? sei andato in sindacato ? puoi darci una mano a spingere ? sai aspettare novità non è un grande aiuto. Hai seguito i riders ? hai visto come si sono mossi ? ecco quello è un esempio di organizzazione sindacale che ottiene dei risultati, noi non ne abbiamo neanche una millesima parte. I contratti costano molta fatica e lavoro , non è un servizio e non è obbligatorio. ciao patrizia cgil

  • Lorenzo

    17/01/2019 - 19:48

    Novità? Incontri? Bozze? Piattaforme programmatiche?

  • Patrizia

    09/01/2019 - 12:44

    bis : devi guardare il linlk qui sotto ebipro : sostegno al reddito . Inoltre, quanti dipendenti siete ? patrizia CGIL

  • Patrizia

    09/01/2019 - 12:41

    cara piera, non aspettare , vai subito in sindacato , non dare per scontata una giusta causa . Ci sono alcune cose che si possono fare , poche ma ci sono . Guarda il sito di ebipro , ci sono delle misure per le crisi degli studi . Facci sapere , se possiamo aiutare , guarda l'indirizzo della Filcams - cgil della tua città, ufficio vertenze , chiedi un appuntamento e non aspettare 1 giorno in più. patrizia cgil

  • piera

    09/01/2019 - 11:51

    Ciao Patrizia, no la lettera non l'ho ancora ricevuta ma non credo tarderà molto. Mi è stato ridotto l'orario di lavoro circa 2 anni fa da fultime a pat-time a 20 ore e adesso mi è stato detto che non c'è più lavoro per tutti! Questo perchè si è laureata la figlia del titolare e tra poco entrerà a pieno regime in ufficio e da quello che si intuisce prenderà il mio posto. Non penso che verrà assunta come impiegata in quanto socia al 25% della società dello Studio Tecnico quindi, da quel che so, non posso contestare il mio licenziamento per il suo inserimento in studio. La situazione è critica!

  • Patrizia

    08/01/2019 - 17:35

    cara Giulia, intanto auguri! un matrimonio fa sempre allegria ! art. 85 del contratto (lo trovi qui sul blog tra i documenti ). 15 giorni di calendario con decorrenza dal terzo giorno antecedente la celebrazione del matrimonio. So che in molti studi si concorda il permesso in date diverse , questo dipende dai rapporti che hai con il tuo titolare , ma le norme sono queste ! w la sposa ciao patrizia CGIL

  • Patrizia

    08/01/2019 - 17:28

    cara piera, non ci sono novità. il preavviso è di 50 giorni oltre i 10 anni di anzianità. Hai ricevuto la lettera di licenziamento ? hai verificato che ci sia la giusta causa ? va in sindacato per tutelarti , e tienici informate se hai bisogno di altre informazioni. patrizia CGIL

  • piera

    08/01/2019 - 14:03

    Buongiorno, vorrei sapere se ci sono novità per il nuovo contratto. Nel caso di licenziamento di impiegata tecnica livello 3s assunta da oltre 10 anni, vale ancora il preavviso di 50 giorni come indicato nel vecchio contratto? grazie

  • Patrizia

    07/01/2019 - 18:00

    bis per lucia, dimenticavo di farti un esempio concreto … le novità cadiprof ed ebipro arrivano dal nazionale della Filcams , quindi il silenzio non c'è , le difficoltà si ! patrizia CGIL

  • Patrizia

    07/01/2019 - 17:37

    cara lucia, perché triste ? c'è questo blog ! il sito della filcams cgil riporta le notizie ufficiali di incontri fissati e fatti . Questo non vuol dire che tutto sia fermo. Lo abbiamo detto tante volte , il blog è nel circuito Filcams cgil e quindi è fonte di notizie certe . Quindi stai con noi . Noi facciamo anche rappresentanza in un certo senso. Ricordo a tutti che la rappresentanza bisogna chiederla con il tesseramento , non è automatica ne scontata . Nella nostra categoria la richiesta di rappresentanza dei lavoratori è molto bassa e questo è anche motivo della nostra enorme fatica a d avviare la trattativa . Fidatevi di noi, appena si muove qualcosa di ufficiale lo saprete subito. Nota finale non consolatoria : date un occhio a tutti i contratti fermi , ce ne sono tantissimi fermi da anni , per esempio le farmacie . E' un momento molto duro per tutti . Patrizia CGIL

  • Lucia

    07/01/2019 - 14:07

    Ho visitato il Sito Filcams. Sezione studi professionali. Nemmeno un accenno a possibili lavori in corso per il rinnovo. Nessun accenno a nulla di nulla. Ma chi ci rappresenta? Ma chi sta facendo qualcosa? In nessun luogo si sente parlare di trattative. Triste.

  • Patrizia

    06/01/2019 - 15:26

    caro lorenzo, appena avremo notizie le pubblicheremo subito. Tu hai novità? sei andato in sindacato ? vedi , anche noi dobbiamo fare la nostra parte . ciao patrizia CGIL

  • Lorenzo

    05/01/2019 - 14:46

    L estate è passata. Adesso sono passate anche le feste di Natale. C é qualcosa di concreto per quanto riguarda il rinnovo oppure stiamo ancora al 31 marzo 2018?

  • Patrizia

    18/12/2018 - 9:38

    sono assolutamente d'accordo con te Paolo , non possiamo stare inermi. Siamo tesserate filcams e partecipiamo all'attività sindacale non c'è nulla di segreto ma di informale si , come ho spiegato altre volte nella ns. categoria i rapporti bilaterali sono consolidati , non è questione di umani o meno , siamo tutti colleghi , i tesserati sono pochi e quindi in pochi partecipiamo all'attività sindacale tutto qui, purtroppo. Appena avremo notizie certe 1 minuto dopo le pubblicheremo sul blog, fidatevi ! ciao patrizia CGIL

  • Paolo

    17/12/2018 - 23:32

    Esatto Patrizia, proprio perché gli arretrati non sono automatici ogni mese che passa "a vuoto" per noi diventano perdite economiche, ecco perché non dovremmo permetterci di restare inermi a guardare. Per quanto riguarda "le buone ragioni", sai magari qualcosa che a noi umani non è dato sapere? ;D

  • Patrizia

    17/12/2018 - 17:29

    caro paolo, credimi capiamo bene quello che scrivi, anche noi siamo preoccupate per il grande ritardo cumulato nell'avvio del rinnovo contrattuale. La nostra è una categoria debole e facciamo molta fatica a spingere e fare pressione , a mia memoria ricordo solo uno sciopero della categoria , nel 1980 a Treviso .. neanche nazionale . Certo gli scioperi ci vorrebbero ma per organizzarli dovremmo avere una struttura sindacale ,, non possiamo dichiarare uno sciopero senza avere un'idea di chi lo farà , può essere un boomerang .La nostra pressione , per ora , la esercitiamo tramite il blog , è un po pochino , ma lo faremo . Stiamo aspettando il momento giusto per lanciare un'iniziativa. E' importante cogliere il momento adatto. Per quanto riguarda il mio ottimismo .. leggi bene la frase "ho buone ragioni " significa che non spero a vuoto, iniziare la trattativa è fondamentale. infine , attenzione paolo , gli arretrati ( o una tantum non sono automatici .. sono frutto anche questo di una trattativa . Sarebbe di grande aiuto che chi è iscritto al sindacato andassse nelle sedi sindacali a chiedere notizie e iniziative , Grazie patrizia cgil

  • Paolo

    16/12/2018 - 11:03

    Cara Patrizia, apprezzo il tuo ottimismo per il rinnovo del contratto e sono fiducioso che veramente passate le feste le trattative entreranno nel vivo come da te auspicato (anche se, prima di "entrare nel vivo" dovrebbero quantomeno "iniziare" dato che a distanza di più di un anno dal termine previsto ancora non è accaduto....). Vorrei solamente ricordare i colleghi che ogni mese che passa (e ne sono già passati quasi 9), è un mese in cui perdiamo gli aumenti che ci spettano, sapendo che la forza sindacale che abbiamo difficilmente ci permetterà di vedere riconosciuti TUTTI gli arretrati dalla scadenza. Leggevo che a ottobre pensavate di fare un'iniziativa per vedere di accelerare le cose, ma a 2 mesi di distanza non avete fatto sapere nulla. Io ci sono, e se ci sono anche scioperi da fare io sono pronto a scioperare. Solo teneteci informati!

  • Patrizia

    13/12/2018 - 17:58

    caro savros, è difficile spiegare tutte le dinamiche della contrattazione. Diciamo che ci sono varie ragioni del ritardo che si sommano insieme . I congressi sindacali e di confprofessioni , la nostra categoria non ha struttura sindacale e così siamo al traino un po' degli eventi . Non dovremo aspettare anni , abbiamo buone ragioni per sperare di entrare nel vivo della trattativa passate le feste . Patrizia CGIL

  • savros

    13/12/2018 - 12:50

    Come mai ancora non c'è stato nessun incontro o bozza di nuovo accordo del contratto scaduto a Marzo scorso? mi sa che anche questa volta aspetteremo anni per poi non farci riconoscere nessuna una tantum. Ma fateci capire in queti casi il rallentamento da chi è dovuto? Non certo dai sindacati che sono dalla nostra parte! come diciamo a Napoli chi è u "malament"? ( scusate la battuta )

  • Patrizia

    12/12/2018 - 18:06

    Cara alesiani, conosco bene la materia , credimi. la tua situazione è simile a tanti giovani professionisti , dovresti indirizzare la tua rabbia nella direzione giusta : gli ordini professionali e le associazioni professionali, sono loro che organizzano la libera professione. La cgil (e solo la cgil ) negli ultimi anni ha fatto un grandissimo lavoro per dare voce alle associazioni dei giovani liberi professionisti , ne sono direttamente testimone. La cgil non organizza i professionisti , sono bensì ns. controparte , nonostante ciò già una decina di anni fa ha deciso di farsi carico delle grandi difficoltà dei giovani professionisti. Nel contratto degli studi professionali nn a caso è stato esteso il welfare ai praticanti e alle partite iva. Ti consiglio di consultare il sito "La Consulta delle professioni" della cgil , troverai il materiale prodotto , potrai anche entrare in contatto con la consulta e le associazioni dei professionisti che collaborano con la consulta e che hanno ispirato le norme della legge sul lavoro autonomo del 2017, quindi come vedi è stato fatto già un gran lavoro. E' evidente che sei (e con te tanti ) in una situazione anomala e ingiusta che ha a che fare anche con la crisi economica e la crisi della libera professione , devi però individuare i tuoi interlocutori . Contatta la consulta . Sappimi dire poi ! patrizia cgil

  • Alesiani IppocastaNI87

    12/12/2018 - 17:31

    Cara Patrizia, la mia è si rabbia perché, dopo 3 anni di pratica forense gratis 40 h a settimana sotto scacco di un dominus, la rabbia verso il sistema italia è molta e, accentuata da fatto che, dopo tanto studiare svolgo attività poco concettuali ma piuttosto amministrative data la mia posizione. Mi sta bene, rischiavo di lavorare gratis se continuavo nell'avvocatura senza amici, parenti e/o agganci. Non sarò di certo l'unica che svolge mansioni inferiori rispetto a formazione e titolo, sono, piuttosto, il risultato di un paese in cui, gli "overeducated" in materie umanistiche, sono di fatto, in eccedenza e, allo stato, col blocco del turnover, non assorbibili dal mercato del lavoro italiano, ormai, in coma decennale. Detto questo, vivo all'ombra delle due Torri, in terra emiliana, che di rosso ormai non ha quasi più nulla. Con la CGIL ho avuto dei piccoli scontri in passato, ma, magari, potrei ricredermi conoscendo qualche sindacalista serio. La speranza c'è, se vuoi lascio la mia mail per contatti esterni finalizzati a dialoghi costruttivi e, perché no, normativi. 🙂 Grazie. Mail: eleonora.alesiani87@gmail.com

  • Patrizia

    06/12/2018 - 17:17

    Genova.. oh bene la Nadia Cabella! ci conosciamo bee, so che è andata in pensione. Ora il responsabile si chiama Mascia , hai provato a cercarlo ? sono d'accordo con te assolutamente , questo è un modo di lavorare assurdo. Sulla pagina "dai territori" la pagina liguria è on line. Puoi partecipare anche da qui ! patrizia cgil

  • maurizio

    06/12/2018 - 13:08

    genova. con chi ci seguiva prima, andata in pensione purtroppo c'era in progetto di fare assemblee x discutere, raccogliere le varie problematiche negli studi e fare come dici tu qualcosa di costruttivo senza vivere da spettatore come i vecchietti ai muretti che guardano i lavori e criticano. disponibile certo... per crescere e migliorare sto modo di lavorare assurdo

  • Patrizia

    05/12/2018 - 21:45

    cara Giulia , ok allora ti conviene aspettare gennaio. Sei fortunata a reggio emilia c'è la ns. irene ! ti faccio contattare da lei ! patrizia cgil

  • Giulia

    05/12/2018 - 20:45

    Ciao Patrizia io vorrei fare la tessera senza addebito in busta perché la ritengo una cosa personale per cui preferisco non far sapere al mio datore di lavoro se risulto iscritta o meno.. Ho cercato su internet un incaricato nel mio paese (provincia di Reggio Emilia) e ho inviato una mail.. Sono in attesa della risposta.. Grazie mille!

  • Patrizia

    05/12/2018 - 18:30

    cara Giulia, hai ragione basta poco per capirsi .. ormai ti conviene fare la tessera per il 2019 , se la fai con delega puoi farla anche ora. Per te e per tutti : se andate in filcams della vostra città ditecelo , possiamo fare rete qui sul blog .. stiamo completando le pagine territoriali , le trovate in alto "dai territori" , possiamo usare quelle pagine per metterci in contatto , la tessera va bene , aggiungere l'organizzazione è molto meglio. e noi in testa abbiamo delle idee!! patrizia CGIL

  • Patrizia

    05/12/2018 - 18:26

    mi spiace maurizio che non ci capiamo… non dico cose diverse da te e da cinzia , sono diverse le considerazioni finali . La lamentela va benissimo ma poi ci devono essere le scelte conseguenti . Ho lavorato esattamente nelle tue condizioni , quello che descrivi l'ho vissuto , sono andata al lavoro anche con il gesso , quindi puoi immaginare se non capisco. Proprio per questo faccio attività sindacale da 20 anni , non basta fare la tessera , con la tessera non acquisti un pezzo di contratto o i tiket , bisogna partecipare alle discussioni sul nostro contratto come fanno tutte le categorie . aiutando il sindacato che ci rappresenta a portare a casa buoni risultati . Il sindacato è una libera associazione ed è composta dai suoi associati che partecipano alle sue iniziative. Guarda i video del congresso Filcams , ti chiarirà quello che voglio dire. Dove sei iscritto ? libero di non dirmelo.. , cerchiamo di capirci maurizio , io non sono la tua controparte nemmeno il sindacato lo è , la controparte è dall'altra parte del tavolo , la rabbia indirizzala dalla parte giusta e falla diventare costruttiva , questo volevo dire io e anche cinzia. Per cortesia non usare il maiuscolo, qui non lo facciamo mai .. e soprattutto il mio nome , ti prego. patrizia CGIL

  • GIULIA

    05/12/2018 - 11:54

    Ciao, penso che se leggessimo l'introduzione tutti ci risponderemmo da soli alla maggior parte dei quesiti... e cioe' perche' abbiamo meno tutele e meno forza? Perche' ci sono pochi iscritti. Altra domanda, cosa possiamo fare per rimediare? Iscriversi!...io non sono iscritta ma mi sono ripromessa di iscrivermi appena ne avro' il tempo...gli ultimi gg di dicembre saro' in ferie (spero) e ne approfittero' per farlo.

  • maurizio

    05/12/2018 - 10:19

    Cinzia...è quello che si vive negli studi dove SI DEVE saper far tutto senza formazione, al minimo sindacale ed ovviamente farlo bene. IO SON ISCRITTO COME TE e penso come tanti ma sarà la citta' non ho trovato tutta sta comprensione quando ho chiesto aiuto. anzi mi son sentito ancora piu' solo ad affrontare una malattia in famiglia di un genitore ma pazienza. Resta che l'adesione al sindacato è scontata e non si sa mai nella vita… quanto meno si ha un'agendina gratis 🙂 PER IL RESTO tu hai espresso quel che io scrivo da lungo tempo ma che Patrizia prende come lamentele… i concetti sono uguali. Come Cinzia ho espresso LA REALTA' di quel che accade negli studi e le soluzioni Patrizia come ben sai non esistono davanti a cerci datori di lavoro. lavorare dobbiamo farlo x pagare le bollette quindi… si sopporta sperando che I SINDACATI che esistono con piu' o meno forza raccolgano davvero quello espresso e lo portino al tavolo di contrattazione. SIAMO TUTTI a livelli iniqui. il lavoro è cambiato. il telematico non esisteva ai tempi del meccanografico. GLI F24 non si facevano, LE VISURE, IL CASSETTO FISCALE, LA COMUNICA non si facevano… insomma tutto è cambiato ma i livelli son sempre quelli. la responsabilita' è aumentata e come ha ben evidenziato Cinzia alla fine? devi sapere tutto x non far spendere lo studio, ovviamente in tecnici od informatici, sbatterti e saper far tutto da subito. il TICKET non ci cambia la vita… ma sarebbe un incentivo a farci considerare persone come tutti gli altri che lavorano sminuendo la nostra professionalita' perché diciamocelo MA QUANTI CAPI san mettere mano negli invii telematici od ora far deleghe massive e fatturazione elettronica? PATRIZIA non te le prendere, nessuno disconosce il tuo impegno o quello dei sindacati ma ...la situazione è questa. Poi fortunato chi ha riconoscimenti, formazione e tutto quel che vuole. qui pure la carta igienica ci portiamo…

  • Patrizia

    04/12/2018 - 18:56

    cara cinzia , tu hai fatto splendere il sole oggi ! non potevo credere a quello che leggevo , brava ! se tante di noi ragionassero così non avremmo tutte queste difficoltà , lo hai spiegato benissimo. Sei dei nostri , che bello ! di che città sei ? se vuoi possiamo anche tenerci in contatto attraverso la rete del blog e organizzare qualcosa insieme , noi non aspettiamo altro . Se potessi farei un manifesto con quello che hai scritto , è così semplice , lineare vero ! grazie grazie grazie patrizia CGIL PS riconosco tutte le situazioni che descrivi , le ho vissute tutte dalla prima all'uiltima per questo faccio attività sindacale , tutto ha un limite.

  • cinzia

    04/12/2018 - 10:51

    Nell'ignoranza di certi datori di lavoro credo poco, credo più che altro nella furbizia (grande)!! Il mio titolare dice che prendo troppo rispetto agli stipendi che sente in giro, nonostante in otto anni (da quando sono passata a part-time) gli abbia spiegato che il mio stipendio prevede meno trattenute (e meno versamenti contributivi che graveranno il giorno del pensionamento ... se ci arriveremo mai) e le detrazioni per i figli a carico. Niente lui non capisce e dice che rispetto agli altri che lavorano 8 ore prendo troppo (aiuto, dovrebbero prevedere un'abilitazione con tanto di esame sudato per i titolari che vogliono dipendenti!!!). Detto ciò volevo, orgogliosamente, comunicarvi che mi sono iscritta UFFICIALMENTE alla Filcams, non sotto mentite spoglie di un tesseramente ufficioso, ma con tanto di indicazione di trattenuta in busta paga. E' un mio diritto, gliel'ho fatto presente al titolare anticipandogli "so che la cosa non ti piace, ma è così!!". Il colloquio che ho fatto presso l'ufficio Filcams è stato rassicurante e mi sono sentita finalmente NON più sola, tutti gli scambi di mail erano precisi e puntuali ed anche la divergenza sulla modalità di pagamento della quota è stata appianata con una mail alla direzione centrale. Per ora sono soddisfatta, molto più sicura di me (e questo fa tanto con i titolari) e con il cuore sereno perchè so che Filcams può vantarsi ai quattro venti (con i numeri in mano) anche della mia tessera ed avere più forza contrattuale!! Invito ad iscriversi tutti coloro che mi leggono, un piccolo sacrificio che può portare ad un grande risultato!!! E per coloro che non sanno come giustificare l'iscrizione in ufficio ecco la dritta che mi è stata suggerita (ma che io non ho usato): ho dovuto fare una pratica presso di loro (come il 730, una pratica catastale, inps, imu ecc) e mi sono iscritto per usufruire della tariffa agevolata. Ciao a tutti e speriamo che almeno per gennaio 2019 si possa FINALMENTE parlare di contratto nuovo, di ticket (anche per i part-time a 6 ore per favore!!), di aumenti, di una-tantum, di allungamento degli scatti di anzianità (visto che in questi posti ci veniamo ragazzine e spesso ci andiamo in pensione), di una migliore disciplina delle ferie (perchè nei piccoli studi parlare di planning delle ferie ad inizio anno è come gridare parolacce a destra e manca), di considerare questo come un lavoro altamente stressante (perchè oltre alle tempistiche strette, ai sempre più pressanti obblighi di Legge, dobbiamo gestire anche il contatto col pubblico e lo stress del capo e delle sue richieste assurde del tipo: ti sommergo la scrivania e poi ti chiedo se hai fatto tutto dopo 10 minuti!!!) ... paradossalmente a me è stato addirittura contato il numero di fatture da registrare e dato un tempo massimo entro quale finire il lavoro (insomma come buttare all'aria il lavoro di concetto e fare il mero lavoro di catena di montaggio ... poi non lamentatevi se il Mondo va a farsi friggere)

  • Patrizia

    03/12/2018 - 15:05

    cara Eleonora, è meglio ragionare che farsi prendere dalla rabbia . Io ho lavorato 42 anni negli studi e ho scelto di dare una risposta sindacale alla mia alle mie insoddisfazioni, la partecipazione sindacale è un'ottima medicina , si danno le risposte giuste e la rabbia prende la strada che deve prendere : dire la propria nella contrattazione. Quindi.. Eleonora, non parliamo di pretese (parola che non mi piace e non uso) ma di diritti. C'è solo una risposta alle cose che scrivi : attività sindacale , dicci di dove sei e noI ti diciamo a chi rivolgerti .. , inoltre , se vuoi, puoi collaborare con noi , come abbiamo sempre detto : basta dirlo : pronti! ora tocca a te ! naturalmente l'invito è esteso a tutti /e Certo che un quarto livello per una laureata … grida vendetta , vedi questo succede perché non abbiamo potere contrattuale e siamo ricattabili . Bene .. c'è da fare quindi siamo a tua disposizione patrizia CGIL ps domani ripubblicheremo i video sul blog , guardateli !

  • eleonora

    02/12/2018 - 20:54

    Sono da poco meno di un anno lavoratrice in uno studio legale come segretaria, nonostante io abbia laurea e titolo d'avvocato. Ma sorvoliamo sulle mie scelte (la partita iva e i clienti non paganti non allettavano). Al mio boss, consigliere dell'ordine di....meglio evitare, fa molto comodo avere una persona impiegata e molto preparata. Sono l'unica che sa utilizzare il telematico (consolle avvocato), l'unica che sa fare le visure, l'unica che conosce il programma per le firme digitali e che sa che scadono e vanno controllate, l'unica che sa utilizzare decentemente il pc e i vari dispositivi ormai essenziali. A breve sarò anche l'unica capace di fare le fatture. Ovviamente sono stata inquadrata al IV livello...nonostante io sia assolutamente autonoma in tutti gli uffici del tribunale e faccia notifiche e o addirittura scriva alcuni atti (l'ultimo un preavviso di rilascio...ma vabè). Ma la questione che mi sta a cuore è: i ticket del pranzo che non ci sono. Ma ci rendiamo conto che anche il più scarso dei CCNL li ha? Oh meglio, per essere tecnici, la contrattazione di 2 livello delle cooperative della mia zona lo prevede. Ergo, anche il terzo settore sta messo meglio di noi!!!Abbiamo meno degli ultimi e francamente è insopportabile. Facciamo tutti degli orari moooolto e dico moolto prolungati (io in ufficio fino alle 19,30) e nemmeno un ticket pranzo che alzerebbe un poco l'asticella di questi stipendi da fame. E pensate veramente che in città come Bologna, Milano, Roma sia veramente possibile con il traffico che c'è, tornare a pranzo a casa ed essere alle 15,30 a lavoro?Allora, inizio a credere agli asini che volano! Inoltre, qualcuno mi deve spiegare perché le competenze informatiche dobbiamo averle tutte..ma quando si tratta di diritti e quattrini, quello no, non è per tutti ma solo per alcuni. Il mio capo cambia Mercedes assiduamente e non credo che inquadrarmi correttamente e/o darmi buoni pasto sarebbe per lui così gravoso. Pertanto, auspico che nella nuova contrattazione siano presenti e che qualcuno abbi la decenza di rimodellare e controllare effettivamente come vengono fatti gli inquadramenti. Capisco che pretendo molto, ma se bisogna metterci la faccia, nelle richieste, io ci sono. Ho una tesi in diritto del lavoro e non mi vergogno né di dire quello che penso, né di quello che voglio.

  • Patrizia

    30/11/2018 - 18:23

    caro maurizio , quando leggo post così , mi dispero .. mi viene in mente una scena di guerre stellari 2 , in cui Luke Sky wolker veniva redarguito dal maestro Yoda " .. sempre tu dici che non si può fare". Sai pensassimo tutti come te non avremmo mai raggiunto nulla e dopo vent'anni di attività sindacale ti posso dire che non è così, la contrattazione è sempre stata fatica , molta fatica di tanti , di tutti , sperare e aspettare non serve , lamentarsi che notoriamente non porta a nessun risultato. Il congresso della Filcams si chiama "collettiva " lascio a te le considerazioni. Il lavoro da fare è tanto , tu cosa sei disposto a fare oltre che sperare? cosa suggerisci ?patrizia cgil

  • maurizio

    30/11/2018 - 13:01

    Eh si… hai scritto bene: la lunga lista di contratti scaduti perché ahimè la situazione è questa. IMPORTANTE che chi ci legga prenda bene appunti sulla situazione negli studi. Le mansioni son cambiate ed i livelli son tutti sballati. LA PARTE del telematico dove è inserita? la comunica? gli f24? entratel? tutta la parte ora di configurare i clienti per la fatturazione elettronica? le deleghe massive? a leggere il contratto dovremmo solo rispondere al telefono e fare la contabilità base. ma chi la fa piu' ormai? siamo nel 2018 bisogna aggiornare i livelli e mettere aumenti programmati che si sa che negli studi uno entra con il livello base ma fa ben altro. L'idea che se non danno aumenti congrui ci riducano le ore l'avevo gia' detta… invece di 40 faremo meno… a partita' stipendio. Del resto svolgiamo mansioni da bancari ed impiegati statali con le pratiche che facciamo ma prendiamo meno di un portinaio? E POI il famoso ticket che chi è full time ed abita lontano da casa deve pagare o portarselo ogni giorno… ed i ticket li hanno quasi tutti. Sperare costa poco… :)) poi se proprio si vuole esagerare polizze malattia, previdenziale??? nelle aziende le fanno ai dipendenti. A tanti datori lo so viene un colpo ma se han le belle macchine e case non è certo x tanti alla loro collaborazione in studio…

  • Patrizia

    29/11/2018 - 18:19

    Per Giorgio e per tutti , dovevamo esserci anche noi al congresso della FILCAMS di questi giorni ma i delegati erano talmente tanti che hanno dovuto contenere , però ci siamo lostesso , per noi c'è Danilo Lelli e siamo anche nel lungo elenco dei contratti fermi, sob. Stiamo seguendo il congresso sulla ns. pagina fb , se volete potete seguirlo per intero sulla pagna Fb della filcams nazionale. Fa venire veramente voglia di esserci con tutta quella gente , è il mio mondo e il mio cuore batte un bel po' , credetemi fare attività sindacale è davvero appassionante. Per chi volesse nel blog c'è il video di presentazione del blog con susanna camusso e la ns. Irene è stata grandiosa , per noi una giornata storica. C'è anche il video della festa per 1700.000 accessi , presente in video anche la segretaria nazionale Filcams , ci siamo , ci siamo però dovremmo aumentare un bel po! ciao patrizia CGIL

  • Patrizia

    29/11/2018 - 18:10

    cara Giulia, puoi fare la tessera brevi manu senza addebito in busta paga. Contatta la Filcams cgil della tua città e parla con il segretario . Siamo qui apposta , grazie a voi che scrivete , senza di voi non esisterebbe il blog ! smak! patrizia CGIL

  • giorgio dandini

    29/11/2018 - 17:48

    27/28/29 Novembre, in questi giorni ad Assisi c'è stato il XV Congresso FILCAMS CGIL, con 775 delegati, sapete se hanno parlato di noi? del nostro contratto?

  • GIULIA

    29/11/2018 - 17:29

    Ciao Patrizia, scrivo qui perche' non so in che sezione e' piu' oppurtono chiedere...Se volessi tesserarmi senza addebito in busta paga mese per mese, (in modo che il datore di lavoro non lo venga a sapere) posso farlo?? posso pagare tutto in un'unica soluzione? e' di aiuto anche questo per la Vs causa? perche' purtroppo siamo ancora Grazie mille per la risposta e per il tempo. Giulia

  • GIULIA

    29/11/2018 - 17:24

    ciao a tutti, sono d'accordo anche io con Alessandra G., che se i datori di lavoro rifiutano un aumento retributivo DIGNITOSO allora ci riducano l'orario di lavoro, anche una o due ore a settimana sarebbero importanti...abbiamo una vita anche fuori di qui!!! E Spesso ci facciamo carico noi impiegate dei problemi dello studio quando veniamo considerate meno di niente nella maggior parte dei casi! dovremmo disimparare dal fare cio'!!

  • Patrizia

    29/11/2018 - 9:32

    E' vero alessandra , cadiprof è un gioiellino lo dicono in tanti ed è vero, l'ho vista nascere e ti dirò che senza un lavoro sindacale serio , costante e intelligente non sarebbe nata , all'epoca è stato un azzardo, per fortuna sta andando bene. ciao ! patrizia cgil

  • AlessandraG

    28/11/2018 - 23:31

    Grazie Patrizia per la tua risposta, so che paragonarci ai metalmeccanici è un po' "forzato" ma anche loro, per assurdo, ci hanno invidiato qualcosa fino a poco fa... una cassa di assistenza sanitaria integrativa obbligatoria... tra l'altro ancora ci invidiano l'efficienza della nostra cadiprof, perché metasalute è tutta un altra storia.... ma non divaghiamo! Nel nostro piccolo va detto che comunque abbiamo tante cose che funzionano, e anche bene! E questo soprattutto grazie a voi che ci rappresentate.

  • Patrizia

    28/11/2018 - 10:16

    grazie ragazze per i vostri ragionamenti . E' proprio quello che serve , proporre , ragionare , ne abbiamo tutti bisogno , sindacato compreso. Brave. le vostre proposte sono tutte fondate e logiche. Tutto quello che viene detto qui verrà girato alla nostra delegazione al tavolo delle trattative, naturalmente sappiamo tutti che quello che è logico per noi può essere Ilogico per la controparte ma ci proveremo di sicuro. Cara alessandra, ti farei riflettere solo un aspetto fondamentale .. la forza contrattuale e sindacale dei metalmeccanici non è paragonabile neanche lontanamene alla nostra che è pari a zero , concludiamo così: le cose logiche e giuste vanno sostenute , altrimenti rimangono solo logiche e giuste che proviamo a sostenere .. però farlo almeno sul blog è già molto ed è importante , quindi prendiamo l'esempio da chi propone e ragiona e facciamolo tutti questa è la strada. patrizia CGIL ps per alessandra nella classificazione ci sono già degli automatismi per i laureati nell'area sanitaria , siamo riusciti solo li ed è stata una faticaccia immensa (art. 24 area sanitaria) però la strada è quella

  • AlessandraG

    27/11/2018 - 22:58

    Ciao a tutte/i, in sede di rinnovo contrattuale sarei felice se riuscissimo a cambiare almeno una di queste cose: l'integrazione della maternità al 100% per esempio, che molti ccnl prevedono; la percentuale delle retribuzioni degli apprendisti è attualmente 70/85/93, un 75/85/95 sarebbe chiedere troppo? Le retribuzioni sono cosi basse che a volte anche qualche punto percentuale può fare la differenza; e i livelli? Sarebbe bello mettere per iscritto qualche automatismo, ad esempio un laureato, con una laurea inerente al proprio lavoro, dovrebbe vedersi riconosciuto un livello minimo, e non essere sempre l'ultima ruota del carro! Sarebbe bello se il mansionario fosse un po' più chiaro, adesso c'è molto spazio per l'interpretazione. Sarebbe bello poter maturare i permessi rol fin da subito, perché dobbiamo aspettare un anno? Per poi maturarli al 50%? Una persona nuova non ha diritto di assentarsi? Non ha bisogno di assentarsi? Sarebbe almeno un traguardo maturarli al 100% dopo un anno... ovviamente detto e ridetto sarebbe un miracolo anche riuscire ad ottenere dei minimi più alti, proporzionati allo sforzo che ci viene richiesto ogni giorno, alle responsabilità, ai pensieri che ci portiamo a casa tutte le sere, alle competenze tecniche/linguistiche/giuridiche ecc che i nostri datori di lavori pretendono. Un riconoscimento una tantum previsto dal contratto? Come il welfare per i metalmeccanici o un elemento economico di garanzia, o qualcosa di simile, una somma a cadenza annuale che sicuramente non guasterebbe, in denaro o in natura poco cambia, a fine mese tutto fa brodo. Non vogliono "spendere"? Non possono "spendere"? Allora che riducano l'orario di lavoro settimanale, ci guadagniamo almeno di salute... speriamo che arrivino presto buone notizie, sarebbe un bel regalo di Natale.

  • Martina

    27/11/2018 - 13:14

    Concordo pienamente con Franca. Cosa vuol dire "Impiegato d'ordine" o "Impiegato di concetto"? E' solo un modo per permettere ai datori di lavoro per classificarci nel livello più basso garantendoci meno diritti...

  • franca

    26/11/2018 - 19:43

    ragazze buonasera! un'altra proposta per il rinnovo del contratto è quella di rendere più chiari e comprensibili i profili professionali, che così come sono pubblicati sono di non facile interpretazione, tanto che ogniuna di noi potrebbe essere tranquillamente inserita dal 3° al 1° livello, a seconda di come vengono letti! Naturalmente indovinate dove siamo collocate?!!. Vanno inserite tutte le nuove mansioni che con il telematico sono sopraggiunte: invii, consultazioni, scarico agende, gestione conti on line, fatturazione elettronica etc Questo non costa nulla in termini di esborsi e ci sarebbe molto utile. Un caro saluto a tutte

  • Patrizia

    26/11/2018 - 10:39

    caro Paolo, fai pure tutte le domande che vuoi , non c'è problema , rispondiamo volentieri , soprattutto sulla contrattazione , è fondamentale capire come funziona perché aiuta a fugare sospetti e impressioni sbagliate. Ho risposto "è già qualcosa " perché non è scontato che ci siano relazioni sindacali , è la precondizione perché ci sia una qualsiasi trattativa che inizia se ci sono parti rappresentative e che si riconoscono reciprocamente . Non è scontato, negli anni '90 abbiamo saltato 2 rinnovi contrattuali perché non avevamo una controparte organizzata e rappresentativa ma bensì 33 associazioni datoriali che non riuscivano a trovare un accordo su niente . 10 anni senza contratto per questo motivo.. ecco perchè è già molto che ci sia una controparte organizzata e che ci siano relazioni sindacali consolidate e costanti, è premessa perché la trattativa inizi presto, se ci fossero i lavoratori organizzati il tavolo sarebbe già stato convocato da mo! ma questo non è! Se non sono stata chiara chiedi , rispondiamo volentieri ! patrizia CGIL

  • Paolo

    26/11/2018 - 7:32

    Cara Patrizia, grazie per la risposta. Sarà che non capisco certe cose, ma riusciresti a chiarirmi le idee? Perché se alla mia domanda hai risposto dicendo che ancora non si sta discutendo di nulla, a Mastro hai detto "è già qualcosa"? Non riesco a capire... Ti ringrazio

  • Patrizia

    26/11/2018 - 0:02

    Caro paolo, il sospetto non è mai una buona cosa, mi spiace molto il tuo tono , sei fuori strada credimi. Non sembriamo informate , siamo informate perché facciamo attività sindacale , il blog serve anche per condividere le notizie che abbiamo per fortuna , il problema è che siamo … siamo pochi troppo pochi se fossimo in tanti a fare attività sindacale nella nostra categoria tutti sapremmo le stesse cose no? Vedi .. le parti firmatarie del nostro contratto cgil cisl e uil del settore commercio e servizi e confprofessioni per i nostri datori di lavoro, sono nei consigli di amministrazione di cadiprof ed ebipro , siamo in periodo congressuale sia cgil che di confprofessioni , ci sono molti incontri e naturalmente rapporti .. sono questi gli incontri informali ,.. non si è discusso di niente e non è ancora iniziato niente perché siamo sempre controparti al tavolo delle trattative . I contratti non si rinnovano automaticamente ci vuole la volontà e la forza delle parti, l'ho spiegato mille volte ma vedo che non si vuole capire…. c'è un anno di ritardo ? vero.. hai avuto notizia di qualche agitazione della categoria? che so assemblee sindacali ? proteste ? scioperi ? eh no tutti aspettano .. questo è il motivo del ritardo caro paolo .. guardiamoci tutto allo specchio , come dico spesso e troverai la risposta ! patrizia CGIL

  • Paolo

    24/11/2018 - 12:08

    Contatti informali tra chi? E soprattutto, di cosa si è parlato? Sembrate molto informate ma per avere quale informazione in più sembra di doverla elemosinare 🙂 Comunque tu dici "che è già qualcosa", che potrebbe essere vero se si fossero avanzate delle proposte e se ne stia discutendo, ma se a oltre un anno dall'inizio prefissato per le trattative stessero solo avendo contatti informali per fissare la data o per scegliere la sede dell'incontro, sarebbe solo aria fritta... Capiamo prima di tutto di cosa stanno parlando

  • Patrizia

    22/11/2018 - 18:46

    tavoli formali no, molti contatti informali si, è già qualcosa ! patrizia CGIL

  • mastro

    22/11/2018 - 17:21

    Buongiorno... Ma a tutt'ora quindi non ci sono stati tavoli per il rinnovo per il nostro contratto? Grazie Nadia

  • Patrizia

    19/11/2018 - 17:37

    cara martina , nessuna domanda è idiota se posta con cortesia come fai tu ! rispondiamo volentieri. Puoi fare tutte le domande che vuoi, non ci stanchiamo mai di parlare di questi argomenti. Il sindacato è una associazione di rappresentanza degli interessi dei lavoratori , costruita sull'adesione libera e volontaria dei lavoratori . La rappresentanza è costruita sui numeri di aderenti, la cgil ha 5 milioni di iscritti , può rappresentare con forza i lavoratori grazie a questi numeri , mi segui? oltre alla rappresentanza, grazie a questi numeri , il sindacato ha anche una struttura di servizi per i lavoratori (patronati, caaf ecc.). La tua adesione sarà stata brevi manu senza delega , è una adesione annuale. Se vuoi che sia automatica devi fare la tessera con delega con una trattenuta mensile sulla busta paga , che non supera i 10/12 euro mensili, anche se capisco che contano anche quelli !. Gli enti bilaterali come ebipro sono cose diverse , hanno una gestione mista sindacato dei lavoratori e associazioni dei datori di lavoro , l'adesione al sindacato è libera non si può intervenire con soggetti terzi. Spero di essere stata chiara martina, altrimenti chiedi ! facci sapere come va ! ciao patrizia cgil

  • Martina Capannoli Gherardi

    19/11/2018 - 16:01

    Grazie mille Patrizia per le risposte, cercherò di informarmi e documentarmi meglio sull'attività sindacale e sul sito Filcams come mi hai suggerito. Capisco quello che ribadisci continuamente e cioè che senza una forza sindacale non si va da nessuna parte. Ma come si fa a creare questa forza sindacale? Per esempio, la tessera sindacale anni fa l'avevo fatta, credevo che di anno in anno fosse automatico il rinnovo con richiesta del pagamento da parte del sindacato, una volta fatta la prima volta... così non è stato. Mea culpa che dico sempre di rifarla e poi non la rifaccio mai perché anche quei cento euro all'anno a volte fan la differenza... ma non potremmo richiedere che ci venga pagata l'iscrizione al sindacato obbligatoriamente dai datori di lavoro, o quantomeno a metà come per Edipro? Magari le mie sono domande idiote, alle quali forse avrai anche risposto in abbondanza....

  • Patrizia

    11/11/2018 - 20:25

    per alex , ti ho risposto ancora , è scomparsa l'anteprima ma c'è! patrizia cgil

  • Patrizia

    11/11/2018 - 20:24

    ecco fabio , sei arrivato al centro del problema è lì che bisogna lavorare , noi ce ne siamo accorte da molto tempo, tanto è vero che lanciamo delle iniziative dal blog solo quando vediamo che ci sono le condizioni , ciao! Aspettiamo sempre le tue proposte. patrizia cgil

  • Fabio

    11/11/2018 - 19:48

    Scusa Patrizia, non intendevo essere malfidente, ero semplicemente dubbioso sul perché non avessi ricevuto vostre email. Come potevo sapere che avevate tolto il mio indirizzo dalla mailing list perché avevo già risposto? Comunque considerando che per la natura del nostro lavoro siamo sempre connessi e diamo molta importanza alle email, sono davvero dispiaciuto che nemmeno un contatto per email abbia suscitato risultati migliori... se la mancanza di partecipazione non è dovuto alla mera non conoscenza delle iniziative del blog ma a un vero disinteresse verso queste tematiche, siamo veramente Messi male 🙁

  • Patrizia

    11/11/2018 - 15:16

    caro fabio, tu hai risposto, perché avremmo dovuto mandarti una mail? mi spiace ma le ragioni del mancato interesse dei colleghi sono più complesse di una semplice mail , credi . Mi spiace tu sia malfidente non ne capisco la ragione. le mail inviate sono circa 400 , vediamo cosa nasce , noi siamo sempre speranzose e propositive. ciao patrizia cgil

  • Fabio

    11/11/2018 - 14:03

    A me di vostre email non ne sono mai arrivate. Può essere che ci sia stato qualche errore tecnico nell'invio? Forse per questo così pochi colleghi hanno deciso di inviarvi delle proposte...

  • Patrizia

    11/11/2018 - 13:56

    caro fabio, è vero abbiamo contatti quotidiani con la filcams , se avessimo novità concrete , cioè una data di inizio delle trattative, l'avremmo comunicata 1 minuto dopo. Ma così non è , i contatti ci sono ma sono informali , nulla di concreto . Dal nazionale ci rassicurano che ci siamo quasi, questo ci dicono e questo noi riferiamo sul blog . Vedi, Fabio, abbiamo lanciato un questionario con le proposte per le iniziative e oltre te, le risposte sono state una decina .. chiedo conferma a Carmen ! stiamo usando anche le mail , come suggerito da te, e non mi pare che il risultato cambi, Ecco , il problema sta qui , possono passare 14 mesi senza che ci sia la minima spinta della categoria e così aspettiamo gli eventi , o cambia il comportamento dei nostri colleghi oppure non ci schiodiamo . Per fortuna esiste il blog che almeno non c'è il buio assoluto. ciao e grazie patrizia cgil

  • Fabio

    11/11/2018 - 11:55

    Ho letto tra i vari commenti che più e più volte avete scritto di essere in contatto pressoché giornaliero con la Filcams nazionale. Posso chiedervi se avete modo di farci sapere cosa dicono e cosa si sa sulle trattative per il contratto? Ricordo a me e a tutti i colleghi che le trattative avrebbero dovuto iniziare a settembre 2017 (quasi 14 mesi fa) mentre da quanto ne so ancora non ci sono stati contatti, è corretto? Grazie

  • Patrizia

    29/10/2018 - 15:06

    cara Alessandra, si è vero questa è stagione congressuale per la cgil. soappiamo di sicuro che parleranno di noi , come di tutti i contratti nazionali fermi . Noi speriamo che si muova qualcosa prima del congresso nazionale , siamo in contatto giornaliero con il nazionale Filcams che ci segue . Nei prossimi giorni decideremo una qualche iniziativa dal blog , magari proprio in vista del congresso Filcams cgil. Teniamo sempre a mente bene che il sindacato è dalla nostra parte e la controparte è confprofessioni. Facci una proposta per una possibile iniziativa e inoltre puoi andare nella sede Filcams cgil della tua città per chiedere notizie. ATTENZIONE PER TUTTI il blog è collegato con la filcams cgil e ha un gruppo di gestione , le iniziative devono essere concordate , se ognuno di voi parte con un ' iniziativa personale senza concordarla qui sul blog si fa una confusione terribile con una potenza di fuoco ridotta perché individuale e non COLLETTIVA , vi preghiamo anche di non usare il nome del blog per qualsiasi iniziativa personale non concordata ma che potrete fare individualmente non usando il blog , va da se che saremmo costrette ad intervenire per evitare la confusione più totale quindi, per cortesia, facciamo le cose insieme concordate ed ordinate , solo così sono efficaci patrizia cgil

  • adriana DAINI

    29/10/2018 - 11:59

    Ciao Martina, grazie per quello che hai fatto spero tanto che tutti prendano parte a questa iniziativa, io l'ho fatto ho inviato la segnalazione alle IENE sperando che almeno loro possano darci una mano. incrociamo le dita. buon lavoro a tutti! adriana

  • Alessandra

    28/10/2018 - 23:21

    Buonasera, ho letto sul sito filcams che dal 27 al 29 novembre 2018 si terrà ad Assisi il XV Congresso Filcams CGIL. Sarà possibile in quell'occasione magari, avere più certezze riguardo al rinnovo del nostro contratto? E cosa potremmo fare? Grazie Alessandra

  • Fabio

    28/10/2018 - 10:04

    Per Martina, bella idea, esattamente il genere di cose che speravo! Ho inviato anche io la segnalazione, spero che Le Iene sappiano darci una mano! E perchè no, magari tanti impiegati che non conoscono il blog potranno venirne a conoscenza e inizieranno a seguire con maggior interesse quanto accade a livello sindacale... Un grande GRAZIE per te, bellissima idea!

  • Patrizia

    27/10/2018 - 22:53

    cara martina , sei stata brava invece , hai pensato scritto e fatto un atto sindacale. Tutto serve . Cercavo solo di ragionare con te su alcuni argomenti che per noi sono importanti, cerchiamo di farlo sempre dal primo giorno dell'esistenza del blog 15 anni fa. Non riusciamo a spiegare cos'è la rappresentanza , cosa non è chiaro aiutami tu a capire Martina visto che ne parli. Io provo a rifare il ragionamento che molto spesso faccio. Partiamo dall'ultima frase della tua lettera , vedi se metti insieme confprofessioni e sindacato sembra che siano entrambi nostra controparte , la nostra controparte è la parte datoriale , il sindacato invece rappresenta noi . Questo blog è collegato alla Filcams cgil , che non a caso ti ha risposto, ma qui sei in Filcams cgil , se vedi la pagina fb del blog c'è scritto in ogni angolo .. ecco se ci metti tra i silenti , noi ci sentiamo un po' come dire ? male , con il gran lavoro che facciamo sul blog e con il nazionale Filcams come dobbiamo sentirci ? deluse, amareggiate? noi facciamo lavoro di rappresentanza con chi tratterà te lo assicuro, ogni giorno . Vedi, siamo colleghe , giusto? quando ho fatto la tessera sindacale cgil tanti anni fa sono andata in Filcams, il contratto nazionale non veniva rinnovato da 6 anni , ho chiesto di organizzare assemblee , riunioni con le mie colleghe di allora, la rappresentanza si esercita in questo modo , così ha fatto Irene , angela e carmen , il sindacato sono i lavoratori organizzati non è qualcosa di diverso da noi , se non ci sono i lavoratori non c'è sindacato e nemmeno contratti . In sostanza devi chiedere ed esercitare rappresentanza attraverso l'iscrizione , non la ottieni solo perché sei un lavoratore e se non c'è rappresentanza forte dei lavoratori non c'è contratto. Nel nostro caso , faremo sicuramente mail , lettere, tutto quello che volete ma la vera pressione la fa una categoria organizzata che arriva alla Tv e ai giornali , perché altrimenti il rischio è che arrivati alla firma di un contratto nazionale tra 4 anni ci ritroviamo da capo senza struttura sindacale e per forza si ricomincia con il solito tormentone . Non so se sono stata chiara ti prego di dirmi cosa non va nel mio ragionamento . Se non ci capiamo qui sul blog su questo punto non c'è verso di uscirne. Patrizia CGIL

  • Martina

    27/10/2018 - 13:49

    Cara Patrizia, qui sarò anche in sindacato, ma non è qui chi deve rappresentarmi durante le trattative con la controparte. Io ho contattato la sigla ridi categoria della Cgil, della Cisl e della UIL e solo la filcsms mi ha risposto, dando le poche info a disposizione, mentre gli altri sindacati hanno risposto solo col silenzio. È a questo che facevo riferimento. Comunque credo che male la cosa non faccia quindi mi auguro che altri seguiranno il min esempio, e se la cosa andrà in porto la rappresentanza sindacale non potrà che trarne beneficio

  • Patrizia

    27/10/2018 - 13:36

    cara martina, tutto va bene .. ma qui sei in sindacato e ci stai parlando .. hai messo il tuo post in un blog sindacale , abbiamo aperto questo spazio per avere le vostre opinioni e proposte non puoi chiedere alle iene di parlare con il sindacato , perché ci stai già parlando, ora. Vi ricordo che accanto alle iniziative di protesta deve esserci un'organizzazione sindacale , il sindacato è questo …. non c'è nulla che lo possa sostituire , la mancanza di organizzazione sindacale nei nostri studi è la ragione delle nostra debolezza , non cercate nemici o capri espiatori improbabili, noi siamo i peggiori nemici di noi stessi. Un'altra cosa non abbiamo nemici ma controparti . patrizia cgil

  • Martina

    27/10/2018 - 9:57

    Io ho provato a mandare una segnalazione alle Iene per cercare di portare la nostra situazione fuori dal nostro settore. Chi pensa che possa aiutare copi il messaggio qui sotto e vada sul sito delle Iene, sessione segnalazioni e lo inoltri... se riuscissimo a farci aiutare da loro nel fare un'iniziativa a livello nazionale credo che ci aiuterebbe non poco... Buongiorno, vi contatto a nome di tutta la categoria dei dipendenti degli studi professionali, che ricomprenda i lavoratori che lavorano presso gli studi di professionisti come commercialisti, avvocati, ingegneri, medici, architetti, geometri ecc. Come potete immaginare, il nostro lavoro richiede competenze acquisite dopo anni e anni di studio, e comporta forti responsabilità. Dal nostro lavoro dipendono responsabilità fiscali di milioni di aziende italiane. Dipende se una persona finisce o meno in carcere. Dipende la solidità della progettazione di edifici e infrastrutture. Nel nostro settore non abbiamo margini di errore. Eppure, nonostante tutto questo, i nostri stipendi sono tra i più bassi in Italia. Un apprendista comincia a lavorare 40 ore a settimana (senza considerare gli straordinari non pagati) per 700-800 euro al mese, per arrivare dopo 3 anni a 1100 euro, che sarà lo stipendio con cui arriverà alla pensione. Come potete vedere a pagina 2 del Ccnl (https://www.impiegate.org/site/wp-content/uploads/2016/05/CCNL-Studi-Professionali-17-aprile-2015-1.pdf), il nostro contratto è scaduto a marzo, e le trattative per il rinnovo sarebbero dovute iniziare 6 mesi prima, a settembre 2017. Peccato che a fine ottobre 2018 non ci sia stato nemmeno un incontro, e non c'è ancora nessuna data per l'inizio del confronto. Basta guardare i rinnovi contrattuali degli anni scorsi per pronosticare come andranno le cose. Anni e anni per rinnovare il contratto, aumenti retributivi praticamente nulli e, a differenza di tutti gli altri settori, non verrà nemmeno riconosciuto l'aumento sui mesi arretrati dalla scadenza del vecchio contratto. Confprofessioni, rappresentante dei datori di lavoro, non ha il minimo interesse a venire incontro a noi dipendenti. Aggiungo solo che l'inquadramento professionale della categoria è molto "di parte". Nonostante a pagina 18 del contratto siano definiti gli inquadramenti in base alle attività svolte, non conosco nessuno che neanche dopo anni e anni di servizio abbia superato il quarto livello. Si entra al quarto e da lì non si esce. Il mio caso ancora peggiore, sono addirittura al quinto, il livello degli addetti alle pulizie.... Vi sarei molto grato se poteste far sentire la voce di milioni di dipendenti che lavorano nell'ombra, dimenticati da tutti, e poteste far capire le ingiustizie che subiamo. Magari promuovendo un'iniziativa che potrebbe farci valere durante le trattative. E magari Confprofessioni e sindacati almeno con le Iene potrebbero voler parlare 😉 Vi ringrazio, confidiamo in voi!!

  • irefi

    27/10/2018 - 9:43

    buongiorno, non parlavamo di andare a prendere un caffè.. la pausa la facciamo più o meno tutti, ma di come sfruttare quel tempo per un'iniziativa. probabilmente allo scorso rinnovo non partecipaste a questa iniziativa https://www.impiegate.org/coffeestrike-lunedi-13-aprile-iniziativa-dei-dipendenti-degli-studi-professionali-proclamano/ è ovvio che ai nostri boss poco importa se beviamo un caffè o una tisana. quando parliamo di iniziativa si pensa a concordare un giorno, concordare la modalità e un testo. buon fine settimana

  • Fabio

    27/10/2018 - 9:20

    Anche per me la pausa caffè non ha senso. Il mio datore sta sempre chiuso nel suo ufficio, neanche si accorgerebbe se io mi alzo per una pausa (che tra l'altro già faccio). Dobbiamo colpire Confprofessioni, è lei il nostro "nemico" al momento. Sono loro che hanno voce in capitolo nel riconoscerci nel contratto più o meno diritti e più o meno aumenti retributivi, e sono sempre loro che stanno frenando le trattative sindacali che avrebbero dovuto partire un anno fa. Io sarei più per fare qualcosa di mediatico sperando che diventi virale, e che arrivi addirittura in televisione. Dobbiamo far capire anche alle persone che non lavorano negli studi il livello delle nostre paghe, e far capire che non sono per niente proporzionate alle nostre professionalità, alle nostre competenze e ai nostri studi

  • Raffaele

    26/10/2018 - 23:46

    Per me la pausa caffè o altro non ha nessun effetto!! Io mi fermo tutt'ora e mi faccio le mie pause, anche più di una. Per il mio datore di lavoro l'importante e che, a fine giornata li porti risultati, anche se mi fermo un ora!!

  • Patrizia

    26/10/2018 - 19:04

    cara mariella, grazie a te ! questa è una fase "interlocutoria" .. diciamo così, non ci sono stati incontri ufficiali , altrimenti l'avremmo detto 1 minuto dopo qui sul blog! stiamo aspettando una data e spero veramente si tratti di un'attesa breve! siamo costantemente in contatto con il nazionale Filcams cgil e dovremmo esserci. Pubblicheremo la piattaforma e ne discuteremo sul blog. Non abbiamo struttura sindacale .. purtroppo e quindi la nostra attività sindacale passa per il blog e non è semplicissimo, il web è bellissimo ma è come l'aria. L'ultima iniziativa è andata bene sappiamo che è arrivata ma , appunto, la pressione di queste proteste è bassa. cosa possiamo fare ? quando inizieranno le trattative dovremo mantenere comunque una pressione , pensavamo di mettere in cantiere qualcosa per metà novembre al massimo . Dateci delle idee : mail , fax , lettere aperte ne abbiamo fatte molte , possiamo anche ripeterle , una cosa originale che abbiamo fatto è lo "sciopero del caffe" , secondo me possiamo ragionare su una cosa così : ad un ora precisa 5 minuti per caffè tutte insieme o un tramezzino o quel che vogliamo . Oppure qualcosa d'altro , ci vuole una fantasia virtuale! dacci qualche idea ciao e grazie patrizia

  • Mariella

    26/10/2018 - 16:50

    BUONGIORNO, ci sono novità? si sa se le parti si sono già incontrate o se e' stata fissata una data? possiamo fare qualcosa per aiutarvi a spingere la contrattazione? ha dato qualche esito il precedente tentativo di sollecitare il contratto? Esiste una bozza della proposta di rinnovo, da leggere e valutare con il vostro e nostro ausilio? Grazie del tempo che ci dedicate. Mariella

  • Patrizia

    20/10/2018 - 19:35

    caro fabio, sinceramente dispiace tu non capisca delle questioni per noi fondamentali e lungamente discusse: l' attenzione al linguaggio e all'approccio . L'approccio "colloquiale" , semplice e diretto che può diventare anche spiritoso è voluto , vogliamo che qui sul blog nessuno si atteggi a "fenomeno" nemmeno noi , ma che tutti si sentano a proprio agio. Forse questa scelta deriva dal fatto che siamo 5 donne , infatti vedo che le donne apprezzano. Si può discutere dei nostri problemi senza usare parole grosse come "ridicoli" o liberando il testosterone, anzi , ti assicuro che una buona dose di "allegria" fa bene alla comunicazione via web, te la consiglio, rasserenati. Il blog ha delle regole che ci siamo date insieme e che la Filcams cgil ha accettato , funziona da 15 anni e ha gli accessi che ha , come usarlo lo decidiamo noi , i contenuti sono liberi , assolutamente liberi. Noi accettiamo tutti i contenuti, le critiche le proposte le idee, ma c'è un confine: la gestione del blog, anche verso la filcams cgil . Tu ci hai chiesto delle mail e noi ti abbiamo risposto con cortesia , doveva finire li .. non si tratta di un'opinione o di critiche ma di come si usano degli strumenti. Abbiamo le nostre ragioni. In quanto a me .. il blog non lo gestisco da sola e vedi ho 42 anni di lavoro negli studi sulle spalle e 30 di attività sindacale dura difficile , 15 anni di blog ,.. si mi hai mancato di rispetto, un po di umiltà non guasterebbe , io la uso tutti i giorni non so se in farmacia la vendono chissà. Patrizia CGIL

  • Fabio

    20/10/2018 - 8:10

    Cara Patrizia, non mi sembra di aver mancato di rispetto a nessuno. Se non sai accettare delle critiche ed opinioni diverse dalle tue, forse non dovresti gestire un blog. Comunque anche noi colleghi meritiamo rispetto, anche se sei mezza toscana e se a volte ti parte un embolo. Le regole credo valgano anche per te. Tante buone cose.

  • Patrizia

    19/10/2018 - 20:07

    caro Fabio, se leggi le regole del blog , vedrai che chiediamo rispetto per noi e per il sindacato , non mi pare tu lo faccia , ti abbiamo chiesto un testo mettendoci a tua disposizione , hai detto che non sei in grado , non capisco francamente cosa vuoi da noi. Il blog ha un gruppo di gestione , Irene ti ha parlato della privacy ma le ragioni sono più complesse e francamente non dobbiamo dirle a te , è una scelta sindacale precisa nostra e dell'organizzazione, vorremmo che quest'argomento non fosse più toccato, è di nostra responsabilità e ce l'assumiamo tutta, ti pregherei di rispettare dove sei e con chi parli . patrizia CGIL

  • Fabio

    19/10/2018 - 19:53

    Be se non contattate gli iscritti al blog perché pensate di non rispettare la privacy, credo che siate un po' in ritardo. È dal 2003 che esiste il codice della privacy e ancora nel 2018 nel form di iscrizione non richiedere nessun consenso alle condizioni di servizio né alla privacy. È evidente che non siete in regola, è palese non devo venire a dirvelo io (strano poi che un sindacato non lo sappia...). Comunque mi spiace vedere che dopo tanto rumore saranno ancora urla al vento... rischiamo veramente di fare un polverone solo per passare per ridicoli. Spero che quando vi aggiornerete alla normativa comunitaria ci saranno più risultati. Buona serata!

  • Patrizia

    19/10/2018 - 18:43

    caro Giorgio, noi la rabbia l'abbiamo messa nell'attività sindacale , ci lavoriamo negli studi come te e le stesse situazioni che vivi tu le viviamo anche noi , cosa si fa in questi casi ? si fa gruppo come dice carmen, se tu facessi attività sindacale capiresti anche come funziona la contrattazione e la tua rabbia la useresti per costruire non per attaccare proprio chi è dalla tua parte. Vorrei tanto trovare le parole adatte per farti capire … non so mi dai il tuo numero di telefono ? forse parlandosi ci si spiega… Spero almeno che sia chiaro un punto : questo blog è della filcams cgil gestito da lavoratori degli studi professionali , tuoi colleghi, se tu dici "vergona" alla filcams , lo dici a noi capisci? se vuoi dare uno scopo alla tua rabbia lavora con noi. Non so se mi sono spiegata, spero tanto di si. Le istituzioni non centrano nulla con i contratti nel privato .. nel senso che non possono intervenire. Questo sito è stato creato per organizzare sindacalmente la categoria, Il solo modo per farci sentire e rispettare è: andare in sindacato , organizzare assemblee e iniziative insieme ai funzionari sindacali , così si fa sui giornali e TV . Il perché non siamo considerati è presto detto : dipende da noi .. non diamo forza al sindacato , basta che ci guardiamo tutti allo specchio ,quando le co se non fanno bisogna chiedersi : io cosa ho fatto per cambiarla? fatti questa domanda e avrai trovato la risposta. Chi vuole lavorare con noi è il strabenvenuto se vogliamo dignità nel nostro lavoro è ora che ci attiviamo no? patrizia CGIL (COSì SI NOTA)

  • Carmen

    19/10/2018 - 18:01

    Ciao a tutti sono Carmen. Iscritta alla Filcams dal 2011 . Ho optato per la trattenuta in busta paga che è pari all'1% della mia retribuzione lorda . In pratica ho una trattenuta di circa € 11,40 mensili per 14 mensilità e la mia retribuzione netta mensile è pari a circa 930,00 euro. Ho un'anzianità trentennale, sono inquadrata al III livello Super ed il mio orario è di 30 ore settimanali. Sono giunta sul blog di impiegate.org nel 2004. E chi avevo come interlocutore all'epoca? Ma naturalmente la nostra Patrizia! Lei è una banca dati UMANA. Ha una profonda conoscenza del nostro contratto, di come si fanno i contratti e della nostra storia: quella dei dipendenti degli studi professionali. Dunque: sono giunta nel 2004 ma mi sono iscritta nel 2011. Non subito ... Avevo dei dubbi anch’io, non perché avessi avuto un’esperienza negativa diretta con il sindacato, che per la verità non avevo mai contattato, ma piuttosto grazie a questo blog, alle persone che ho conosciuto ed alla serietà che Patrizia ci mette. Persona più appassionata di lei della nostra CATEGORIA non c’è! Mi sono iscritta anche perché ho compreso che è meglio far gruppo, che adoperarsi individualmente. Non ho mai ottenuto nulla per conto mio. Non che avessi chiesto tanto… Ultima mia richiesta risale a un paio di anni fa. Avevo chiesto un superminimo di 50,00 euro, che mi è stato rifiutato, eppure sono qui da trent’anni! Ecco perché quando arriviamo alla scadenza del contratto io sono contenta, perché so che qualcosa lo portiamo a casa. Certo non è esattamente quello che vorremmo, ma d’altronde la Filcams fa quello che può con quello che ha (o non ha). Per quanto riguarda le proposte, personalmente chiederei di migliorare Fondoprofessioni. Non sono mai riuscita a trovare un corso che potesse aiutarmi nel mio lavoro. Corsi sul PCT, PAT, oppure Fatturazione Elettronica, mai visti! Insomma mi sono sempre arrangiata come tanti altri di voi , ma se dovessero un giorno farli sti benedetti corsi a beneficio di colleghi nuovi e giovani, ben venga. Ne sarei contenta. Cadiprof funziona bene, ma se con un ulteriore contributo da parte del dipendente si potessero ampliare le coperture, non sarei certo contraria: anzi! Per l'iniziativa che è stata ventilata nei commenti, prego inoltrare la mail a dipendentistudiprofessionali@gmail.com Grazie

  • giorgio dandini

    19/10/2018 - 17:27

    la rabbia è tanta!! dico solo che noi degli studi professionali che lavoriamo come dipendenti in studi di analisi cliniche o chi lavora negli studi notarili o di avvocati o di ingegneria dove si costruiscono case scuole ecc.ecc. in posti di lavoro di altissima responsabilità dove NON SI PUO' MAI SBAGLIARE! se sbagli arrechi danni irreparabili... allora perchè proprio in questo contratto degli studi professionali è sempre tra i piu' dimenticati? è solo questa la domanda che mi pongo giornalmente... ma non è una domanda da fare qui ma alle istituzioni, riusciamo tramite questo sito che ha una visibilità incredibile a formulare quasta domanda?

  • Patrizia

    19/10/2018 - 16:20

    per maria addolorata ed Emilia, con l'avvento del telematico stanno cambiando molto i profili professionali , le cose che scrivete sono molto interessanti , si potrebbero fare delle proposte per modificare la classificazione dell'area , vi posso chiedere di leggere la classificazione sul contratto (art. 24 area economica/amministrativa) e fare delle proposte di modifica? Vedo con piacere maria che il tuo studio valorizza la professionalità , il livello, il superminimo , scommetto che lavorate con grande serenità e passione ! complimenti al tuo studio , ha titolari intelligenti . Mi pare tu sia al sud , vero? ancora più merito. Aspettiamo le vostre proposte che gireremo al nazionale Filcams cgil per il tavolo . Patrizia cgil ps naturalmente l'invito è rivolto a tutti i colleghi di tutte le aree

  • Patrizia

    19/10/2018 - 15:12

    mi è rimasta una domanda : perché nessuno di voi ci chiede " ragazze , posso dare una mano ?" patrizia cgil

  • IreFi

    19/10/2018 - 15:03

    Per Giorgio e Fabio Ciao Giorgio, credo tu abbia visto male. Probabilmente hai navigato superficialmente solo in una parte dell'area dedicata agli studi professionali del sito Filcams che di aree a noi dedicate come lavoratori di studi professionali ne ha almeno 2 nel suo sito che non è poi così fermo come dici http://www.filcams.cgil.it/aree-tematiche/studi-professionali/?categorie=473. Probabilmente anche su questo sito non sei andato nel chi siamo altrimenti ti saresti reso conto che anche qua, su questo sito, sei in Filcams CGIL; che poi Patrizia lo scrive sempre in tantissimi commenti lo si vede. Detto questo mi spieghi cortesemente la ratio che ci dovrebbe condurre a scrivere solo alla FILCAMS per il rinnovo? Ricordo a tutti che la Filcams non è che se la canta e sa la suona. Ha degli interlocutori. Il contratto si chiama tale perchè ci sono più parti come noto a tutti. Però forse mi sfugge qualcosa che non ho inteso circa la tua volontà di scrivere solo alla Filcams.. ti prego spiegami. Ciao Fabio, ci stiamo attrezzando per vedere se riusciamo per il 31 a tirare su qualcosa.. dobbiamo anche noi lavorare nel frattempo. Non è facile ed è per questo che in vari post ho chiesto a tutti di essere sì attivi ma di scriverci anche dei testi da poter poi elaborare, sulla mail. Facciamo tutto nel nostro tempo libero/pause pranzo/dopo cena/we. E' un periodo bello pieno di cose da fare per noi e, se da un lato ci fa piacere vedervi belli attivi qui, dall'altro però non sempre riusciamo a stare dietro alle tante sollecitazioni che non si concretizzano con uno scritto sul quale possiamo lavorare ma su meri consigli. Fanno comodissimo i consigli ma ci aiutereste di più buttando giù dei testi anche per maggior condivisione delle iniziative fra di noi. Abbiamo, come spiegato altre volte, un modo tutto nostro per concordare le inziative, che necessita di vari passaggi mail (non viviamo tutte nella stessa città e non ci possiamo incontrare una sera e risolvere tutto!) fino a giungere al pezzo finale. E questo ci penalizza anche nei tempi. Quanto alle mail il cui uso è stato più volte sollecitato, ti spiego chiaro chiaro perchè non lo facciamo per il momento: abbiamo un dubbio sulla privacy per l'utilizzo degli indirizzi e anche questo è un nodo da sciogliere e non so se riusciamo nel termine del 31. Vi prego di non pensare che sia tutto semplice stile "sollecito ed ottengo" non funziona così purtroppo. Ma nemmeno dovete pensare che non si stia facendo nulla. Credetemi, ogni giorno o per whatsapp o per mail noi 5 ci sentiamo per tutti noi del settore. Capisco cosa dici sul non arrivare all'ultimo minuto Fabio, è anche nostro interesse non farlo succedere e se dovesse accadere, come abbiamo fatto anche in passato, spostiamo la data di invio. Irene

  • Patrizia

    19/10/2018 - 15:01

    fabio e tutti mandateci delle proposte (dipendentistudiprofessionali@gmail.com), noi lavoriamo come voi , siamo colleghi, proponiamo , aiutiamoci , partecipiamo. Intanto condividete il post di emilia patrizia cgil

  • Patrizia

    19/10/2018 - 14:58

    CARI GIORGIO E REBECCA SCRIVO IN MAIUSCOLO … QUI SIETE IN FILCAMS CGIL E' CHIARO? LA FILCAMS CI HA COSTRUITO QUESTO BLOG APPOSTA PER POTERCI ORGANIZZARE NOI SIAMO TESSERATI FILCAMS CGIL COSA NON E' CHIARO ? NEL SITO FILCAMS CI SONO LE CIRCOLARI UFFICIALI CHE TROVATE ANCHE QUI ? IN CHE LINGUA DEVO DIRLO ? MI TIRATE PROPRIO PER LE ORECCHIE, DEVO USARE IL CINESE ? ! QUESTA E' LA FILCAMS , IO SONO LA FILCAMS MA GUARDA UN PO' ! REBECCA LE RAGAZZE CHE TU CITI E' LA FILCAMS! CARO GIORGIO E' INUTILE SCRIVERE ALLA FILCAMS PERCHE' SCRIVERESTI A NOI !! E PER FORTUNA CHE C'E LA FILCAMS CHE CI ASCOLTA . NON SO PIU COME DIRLO , ABBIAMO PRODOTTO VOLANTINI , INIZIATIVE DI TUTTO E DI PIU COME FILCAMS DA 15 ANNI NELLA SOLITUDINE PIU ASSOLUTA DEI COLLEGHI , VOI DOVETE MUOVERVI VOI. Ragazzi suvvia il sindacato non è un centro servizi contratti , possibile che non capiate che noi siamo il sindacato e se COLLETTIVAMENTE non ci tesseriamo non abbiamo forza sindacale ??? perché non capite un concetto così semplice ? patrizia cgil

  • Fabio

    19/10/2018 - 13:22

    L'unica cosa che vi chiedo è, qualunque cosa a cui stiate pensando per il 31, non arrivate a dirlo all'ultimo minuto e soprattutto informate tutti gli iscritti al blog via mail! Solo così la partecipazione potrà essere alta e potrà avere delle conseguenze... E se la CGIL mandasse una newsletter per informare i nostri colleghi iscritti che non seguono il blog sarebbe il massimo. Vi prego, fare una cosa annacquata potrebbe solo avere degli svantaggi e dimostrare a tutti che non siamo nemmeno in grado di organizzare una cosa e farebbe vedere che la partecipazione è bassa... Se invece tutti fossero informati per tempo e decidessero di partecipare, anche chi guarda da fuori avrebbe un'idea diversa

  • giorgio dandini

    19/10/2018 - 12:02

    Il sito FILCAMS è scandaoloso "studi professionali" fermo al 2015! neanche un post con riferimento alla scadenza del contratto o news! loro ci dovrebbero rappresentare? con tutto il rispetto per la gente che ci lavora ma siamo messi male! è palese il loro disinteresse verso il nostro settore! secondo me dovremmo inviare una mail e chiedere di darci una mano piu' concreta! posta@filcams.cgil.it segreteria@filcams.cgil.it organizzazione@filcams.cgil.it amministrazione@filcams.cgil.it

  • emiliaschiavoni

    19/10/2018 - 11:38

    Ciao Maria Addolorata.come sai sono anche io dipendente di uno studio di commercialisti e in questo periodo siamo tutti in fermento ed in attesa per la novità della fatturazione elettronica. Anche in studio da me abbiamo partecipato a corsi e visionato video dimostrativi del gestionale (noi usiamo e-bridge di buffetti).sicuramente i vantaggi ci saranno in termini di recupero documenti che saranno sempre disponibili sul programma, se i nostri clienti aderiranno anch'essi al nostro gestionali, altrimenti vanno recuperati dal cassetto fiscale o dalla loro pec. comunque non ci potranno più essere documenti persi, si spera.Finalmente il rischio di contabilizzare duplicati di fatture e confusione tra note di credito e fatture, sarà scongiurato. Ci sono dei però...a cui dovremo far fronte noi. il primo sicuramente sarà quello di "educare" il cliente alla fattura elettronica, che vuol dire non dare per scontata l'emissione della fattura, ma aspettare la conferma o lo scarto. Inoltre è sempre un nostro compito visionare l'oggetto della fattura per l'inserimento corretto dei conti di costo e ricavo che non sono sempre standard e unicamente riconducibili al singolo fornitore e/o cliente. L'altro controllo importantissimo sarà quello della percentuale di detrazione iva da attribuire alla fattura. In conclusione non credo (e questa è un'opinione di tutto il mio studio) che sarà tutto rose e fiori, ma il nostro lavoro diventerà diverso, più di controllo, ma sempre necessario. Infine il fatto di poter reperire le fatture da registrare, su qualsiasi computer può essere un'ottima possibilità per presentare il telelavoro, come una risorsa da utilizzare al meglio. è utilissimo confrontarsi con persone che vivono la stessa realtà lavorativa. grazie per l'opportunità.

  • Rebecca

    19/10/2018 - 10:06

    Perfetto, adesso ho capito. Grazie. Purtroppo devo ammettere che nemmeno io mi sento ben rappresentata dalla Filcams ed è il motivo per cui non sono tesserata. Da un sindacato mi aspetto che: preso atto della gran insoddisfazione dei dipendenti degli studi professionali sotto vari profili (dall’economico allo psicologico) intervenga direttamente per promuovere iniziative di protesta, mi aspetto che riporti il nostro malcontento sul sito nazionale (e non solo) attraverso, chenneso, volantini, slogan, comunicati ufficiali (cosa che io non ho visto). Probabilmente se si battesse un po’ di più per noi avrebbe anche un maggior consenso in termini di tesseramento (non credete?). Almeno (e per fortuna) è stato pensato ed ideato questo blog e ci siete voi che ci aiutate. Detto ciò, pensiamo e buttiamo giù l’iniziativa per fine mese senza tentennare ancora... se no tra 1 anno siamo ancora qua ad insultarci l’uno con l’altro.

  • Irene Greco

    18/10/2018 - 23:32

    Ciao Maria Addolorata, benvenuta. Effettivamente temo non ci sia un posto più giusto di questo per la tua domanda che, volenti o no, riguarda tutti noi dipendenti degli studi professionali se pur in maniera diversa e indubbiamente, a parer mio, questo avvento sarà per voi come dici tu un risparmio di tempo, per noi invece, impiegate di altre aree tipo giuridica legale, sarà probabilmente più dispendioso in termini di tempo ed energie. ci sono dei programmi di gestione per quanto ci hanno detto a noi in studio, che costano svariati soldini, che gestiscono anche le fatture in entrata e che dovremo necessariamente imparare a usare pur non avendone competenze specifiche. Per voi giustamente può essere anche fonte di preoccupazione sul fronte di eventuali ripercussioni sul lavoro. io credo che sia necessario che tu ci spieghi meglio ed esattamente cosa intendi perché, già che siamo in fase di rinnovo contrattuale, conviene capire bene anche questo aspetto per verificare se possiamo fare qualcosa agendo sul contratto. tutti questi avvenimenti determinano cambiamenti come fu nel 2014 l'avvento, per gli studi legali, del processo civile telematico. e detti eventi comportano sempre ripercussioni sul lavoro. parliamone e approfondiamo. magari Emilia può capire meglio di me Carmencita Patrizia e Angela quello di cui parli. grazie per il tuo spunto. assolutamente meritevole di una bella riflessione. buonanotte

  • Maria Addolorata Barletta

    18/10/2018 - 23:14

    Ciao a tutti. Non so se è il posto giusto dove scrivere. Ho letto tanti commenti in questo sito e devo dire che sono molto interessanti. Ho imparato tanti da tutti. Sono impiegata ragioniera presso uno studio di dottori commercialisti che ha un organico di 5 contabili compresa me. Siamo tutte di secondo livello e abbiamo un superminimo di circa 800 euro non assorbibile con tutti gli straordinari pagati durante le dichiarazioni dei redditi. Faccio questo lavoro da 20 anni. Da quello che sto capendo l'avvento della fatturazione elettronica confermata per il prossimo 01/01/2019 comporterà notevoli " benefici" in termini di tempo impiegato. L'estenuante immissione di dati delle fatture e la continua richiesta di fatture ai fornitori che il cliente non ti consegna saranno solo un ricordo. In pratica TUTTE le fatture (nessuna esclusa) te le trovi già nel programma gestionale e già contabilizzate. Nei giorni scorsi abbiamo visionato il video dimostrativo della nuova piattaforma che useremo e devo dire che sono rimasta di stucco! Per noi significa risparmiare almeno il 70% del tempo precedentemente impiegato. Volevo chiedervi se c'è qualche ragioniere in questo blog che ha messo la testa sulle future conseguenze lavorative per i contabili di studio causate dall'avvento della fattura elettronica perché navigando sul blog non ho trovato nulla al riguardo. Probabilmente sono fuori tema e il blog non è pensato per accogliere considerazioni di questo genere ma bensì per supportare gli iscritti riguardo i propri diritti. Comunque complimenti per il sito!!!

  • Patrizia

    18/10/2018 - 18:59

    caro raffaele, aggiungo poche parole a quello che ha già detto irene. Vedi , noi abbiamo scelto uno stile preciso per comunicare sul blog , quindi non ci facciamo scappare l'occasione di fare una battuta , noi 5 lo facciamo sempre , aiuta .. le ragazze mi prendono sempre in giro perché ogni tanto "sbrocco" , le avverto anche .. irene sa come intervenire. Non sono mica una santa! sono mezza toscana e ogni tanto si fa sentire. Quanto alle questioni sindacali , mi pare tu non capisca un concetto , il contratto non è individuale ma collettivo , tu con la tua tessera , io con la mia , irene con la sua non fa collettivo , fanno 3, ok? tu con la tessera non compri un pezzo di contratto , tu con la tua tessera e io con la mia ci prendiamo l'impegno di fare attività sindacale per la categoria , è il contrario di quello che pensi tu . La filcams con 3 tesserati ha pochissima forza con 3000 magari andrebbe meglio … non credi ? Le proposte vanno tutte bene , basta che abbiamo un minimo di logica . Mandatele alla mail che poi vediamo un po'. Perché no il ministero ? perché non centra nulla in questa fase , lo abbiamo fatto quando si è trattato degli ammortizzatori sociali per esempio. Sappiamo per certo che non risponde nemmeno alla richiesta di incontri dei tavoli di crisi .. tanto per dire ! Quindi va bene tutto , vediamo di fare qualcosa per il 31 ottobre , aspettiamo ! Peace and love patrizia cgil ps non siate aggressivi vi prego siamo tutti dalla stessa parte , Filcams compresa ,collaboriamo , aiutiamo, ragioniamo non aggreditemi perché mi parte un embolo

  • Patrizia

    18/10/2018 - 18:47

    Per Rebecca: si fai bene a chiedere , brava . Forse non è chiaro abbastanza , oppure non lo spieghiamo bene : Proverò. Il blog ha 15 anni ed era nato da una esperienza sindacale cgil del veneto , poi l'abbiamo trasferito in un blog di tiscali per poi tornare nel circuito della filcams cgil e insieme a noi ha ristrutturato il blog. Noi 5 ci siamo conosciute nel blog e in modo autonomo abbiamo gestito questa macchina . La filcams ci ha sempre aiutate e sostenute lasciandoci l'autonomia di gestione , ha giustamente scelto di darci spazio in categoria , per questo siamo in contatto con il nazionale costantemente , direi tutti i giorni. E' una rappresentanza un po' strana per il sindacato ma ci prendono così come siamo ! se non sono stata chiara chiedimi!| patrizia cgil

  • Patrizia

    18/10/2018 - 18:40

    per Mariella: si questo riguarda cadiprof e non il contratto , però hai visto nel pacchetto famiglia ? ci sono già molte coperture. In ogni caso l'aumento delle coperture dipendono dalla discussione con le assicurazioni e non dalla contrattazione . Ciao! patrizia cgil

  • Irene Greco

    18/10/2018 - 18:09

    eheheh lo immagino ma ti giuro che ancora non riesco ad abituarmi al "signora". collega va benissimo, grazie per la comprensione 🙂 per il resto no problem, mi pareva parecchio strano infatti! bon, adesso buon lavoro davvero 😉

  • Cannas

    18/10/2018 - 18:04

    Scusa Irefi, il dirti signora e per un fatto di cordialità e gentilezza 🙂 Inoltre, ti ho detto una cavolata prima, nel senso che, sono andato a rivedermi i cedolini del 2015 e mi decurtavano 18 euro e non 30!! Perdon 🙂

  • irefi

    18/10/2018 - 17:37

    ciao Raffaele, no ti prego signora no.. non l'affronto a 36 anni! la filcams siamo tutti noi e ci siamo sempre stati non solo negli ultimi sette mesi durante i quali, se fosse sfuggito, abbiamo anche aggiunto tasselli importanti alla bilateralità di settore. mi fa molto piacere che tu prenda una retribuzione più elevata di me che di trattenuta ho 13 euro, e che tu sia comunque qua a darci manforte. ti chiedevo la mail per agevolare noi e renderti maggiormente partecipe ma prendo atto del fatto che ti fidi e ti senti rappresentato da ciò che facciamo. abbiamo sempre fatto gran scambi di mail per condividere tutto e trovare la quadra sai, ma va bene così. prendo atto e ne parlo con le ragazze per dare corpo ad una nuova iniziativa. buon lavoro collega!

  • Cannas

    18/10/2018 - 16:57

    Sig.ra Irefi, io ho ben capito, ma non capisco perchè in sette mesi di lamentele, proposte e iniziative non abbia portato a nulla. Filcams dov'era? Dov'è? La domanda mi sorge spontanea, perchè? Ma visto la mia esperienza presso un sindacato, so gia la risposta. Sa cosa mi dicevano quando mi recano da loro? portero le sue proposte a chi di dovere! Lasciamo perdere, con questo ho lasciato e mi sono risparmiato 30 euro al mese! Vogliamo sollecitare le OOSS e Confprofessioni? Facciamolo!! Vogliamo mandare un messaggio al Ministero del lavoro? facciamolo! qual'è il problema di tutto questo polverone? Io propongo e lo scrivo qua che tutti lo vedono, di: Inviare il ministero del lavoro, anche solo per presa visione un messaggio e, inoltre, di inviare alle email di tutti i sindacati, patronati, e testate televisive un messaggio di presa visione della situazione che si ha. Il mondo va molto velocemente, i costi sono sempre piu alti e le persone ed io compreso non arrivano a fine mese, e, non mi sembra corretto andare a lemosinare ad ogni scadenza di contratto un adeguata remunerazione. I 55 euro al mese del 2015 ben vengano, ma sicuramente non aiutano a lenire la povertà che c'è oggi.

  • IreFi

    18/10/2018 - 16:07

    Caro Raffaele, Patrizia si è alterata non per le iniziative e le frustrazioni che sono pure le nostre in quanto lavoratrici degli studi professionali (puoi vedere il chi siamo, guardarci in faccia oltre a vedere cosa facciamo!) ma perché 1) ancora facciamo fatica a fare capire che tutte le proposte che passano da qua vengono lette, trascritte e consegnate alla Filcams 2) perchè tutta l'attività che noi facciamo per tutti noi lavoratori e lavoratrici degli studi la facciamo da anni e anni in maniera volontaria e, se pur non ci aspettiamo certo il "grazie" da nessuno, neanche vogliamo che si insultino i piccoli passi ogni volta fatti anche grazie al tempo che dedichiamo al blog alla categoria e a tutti i lavoratori del settore. Scelta tua e liberissima di togliere la tessera ma la domanda mi nasce spontanea: tu ti sei mai adoperato a fianco del tuo funzionario per organizzare rinunioni assemblee pranzi o cene in qualsiasi orario per raccogliere quante più persone possibili del settore e da lì far nascere qualche iniziativa? Forse passa un'idea sbagliata di sindacato.. quella corretta è che il sindacato è dei lavoratori e se noi lavoratori per primi non ci attiviamo, non possiamo poi arrabbiarci..con noi stessi! Un'altra cosa: prima di toccare il Ministero non trovi sia il caso di fare un passaggio con le OOSS e Confprofessioni? D'altra parte sono loro che devono sedersi ad un tavolo e loro vanno sollecitati. Il Ministero lasciamolo alle crisi serie che coinvolgono tanti lavoratori messi molto peggio di noi e che in questo paese, in questo periodo storico, certo non mancano purtroppo. E' inutile cercare scorciatoie. Dobbiamo muoverci noi, con i passi giusti. L'altra volta abbiamo compiuto varie iniziative, che peraltro hanno anche raggiunto obiettivi importanti e che a mio parere andrebbero replicate in una data importante che, appunto, rilancio l'idea, potrebbe essere quella del 31 pv. L'indirizzo mail è dipendentistudiprofessionali@gmail.com inviaci la tua idea di iniziativa. Come chiunque altro volesse mandarci la propria. Fatelo, ci lavoriamo su insieme e andiamo avanti! Credo che criticare e manifestare disappunto sia sempre utile quando costruttivo e dunque accompagnato da proposte concrete e realizzabili. E credo che sforzarsi di trovare soluzioni sia ancora meglio. Aspettiamo le mail. Ciao a presto

  • Raffaele

    18/10/2018 - 15:28

    Buon pomeriggio. premetto che, tempo addietro, prima o durante la scadenza del contratto avevo posto il problema se era il caso di muoversi prima, ma (non ricordo chi), mi dicevano che era troppo presto. Mah!! Parlo da impiegato in studio di consulenza. Di scadenze ne vedo tutti i giorni, e, per la mia professionalità e perle regole del sistema, io le devo rispettare. Visto che mi citate in causa, premetto che ero iscritto al sindacato, ma vista la loro applicazione alla scadenza precedente del nostro contratto (2015) e alle continue mie pressioni, mi sono cancellato in quanto erano soldi buttati al vento!! Tornando alla domanda posta sull'iniziativa di porre un quesito al Ministro del lavoro, a mio parere non mi pare cossi assurda, d'altronde è il Ministro del lavoro, perchè non ascoltarci? Perchè andava bene l'iniziativa passata e questa non va bene? Perchè? Inoltre, visto che questo blog è collegato al sindacato perchè in sette mesi non ci ha tutelato? Sette mesi sono troppi per me e penso per tanti italiani!! Sette mesi di continue lamentele, di proposte ect ect. cosa ha prodotto? Chi è che oggi in Italia dice che sette mesi sono pochi? mi sento di dire beati loro, saranno sorretti da genitori, nonni ect ect!! In ogni caso mi sembra eccessivo che alla mia proposta si sia alzato un polverone da utilizzare idranti e quant altro!! siano persone in difficoltà che si stanno battendo per un pugno di denaro, e vista la situazione, il sindacato in sette mesi a prodotto ben poco!! Io sono serio e non ritengo che Lei mi dia di persona poco seria o per una persona che si applica. Se fossi stato la persona che mi delinea nel suo post, non sarei a lavoro in uno studio di Consulente del lavoro! Incomiciate ad essere seri voi in primis che "siete" o vi "firmate" come sindacato, senza puntare, insultare e giudicare persone che si battano per arrivare a fine mese. Ultima considerazione sui contratti del turismo, faccio presente che sono stati aggiornati a gennaio 2017.

  • Raffaele

    18/10/2018 - 12:41

    Buongiorno. Ho sempre posto delle domande e delle iniziative, quindi si mi avete risposto, ma il senso di questo? Ho espresso una mia possibile iniziativa niente di che! Mi sembra assurdo che da una mia semplice proposta ci sia bisogno di prendersela così!! Se questo è un blog collegato al sindacato, ebbene, deve ascoltare le frustrazioni di noi lavoratori, e allo stesso tempo deve sentire le nostre proposte ed iniziative! Per me sette mesi sono tanti anzi troppi e sinceramente si è fatto poco! Perché la scorsa iniziativa di mettere su Facebook o altri social andava bene, mentre ora mandare un messaggio o altro sistema social al ministro del lavoro sembra assurdo? Io non trovo nulla di così irreale, ma trovo irreale che si parli di idrante o di persone che sbrocchino per una semplice proposta di iniziativa, e, dai commenti precedenti, a mio avviso, le risposte sono poco signorili!! penso si stia uscendo fuori strada. Io non ho offeso nessuno e tantomeno insultato nessuno, e chiedo che le risposte vengano date con gentilezza e non come beffeggio!! Inoltre faccio presente che nel settore turismo, parlo in generale, le retribuzioni sono state aggiornate lo scorso anno (gennaio 2017). Io le cose le faccio seriamente!

  • Rebecca

    18/10/2018 - 12:31

    Scusate ma, da ignorante in materia, io continuo a non capire una cosa. Voi del blog siete rappresentanti sindacali ovvero raccogliete, attraverso il blog, le richieste dei lavoratori e poi fate da portavoce direttamente ai responsabili Filcams nazionale. E' corretto?

  • Mariella

    18/10/2018 - 8:59

    BUONGIORNO a tutti , oggi pensavo che visto l'allungarsi dell'eta' in cui si andra' in pensione per molti di noi ci sarà la difficolta' di poter accudire i nostri genitori anziani, si potrebbe chiedere di integrare i permessi, ma piu' che altro aggiungere a cadiprof l'assistenza per gli over 65 che offre unisalute al quale gia' si appoggia cadiprof? qui sotto copio le caratteristiche dell’assicurazione UniSalute Assistenza domiciliare over 65, per indicare un esempio di copertura: ( prese direttamente dal sito di unisalute) "Gratis direttamente a casa, servizi di assistenza medica, riabilitativa, infermieristica e farmacologica, a seguito di ricovero da infortunio o grande intervento, fino a € 2.500 Consulenza ed organizzazione delle prestazioni medico/riabilitative necessarie per attivare tempestivamente le cure e recuperare lo stato di salute Tariffe scontate per tutte le prestazioni erogate da personale medico e paramedico convenzionato, anche in seguito ad un ricovero per malattia con un importante risparmio rispetto alle normali tariffe" Inoltre per il nostro contratto visto che sicuramente la parte economica potrà crescere poco, si potrebbe far integrare con dei benefit tipo buoni pasti, abbonamento trasporti, o parcheggi per chi e' in zona ztl. Concordo naturalmente con la richiesta di aumentare gli scatti sia in valore, che fino a fine carriera e non solo 8; e l'innalzamento automatico del livello direi dopo 5/8 anni, visto che e' cosi' difficile farselo aumentare e comunque sono invece state aggiunte molte attivita' in piu' in studio ( parlo nel mio caso di commercialisti), molte scadenze in piu', tutte sulle nostre spalle. grazie del tempo che ci dedicate. Mariella

  • irefi

    17/10/2018 - 22:10

    Siete fantastici. Stimolanti. Meravigliosi.. Anche quando fate "sbroccare" Patrizia 🙂 che poi il retro ve lo dico io "Ire, vai a fare da idrante"..testuale termine utilizzato da Patri in un messaggio WhatsApp 🙂 Non è facile ragazzi ottenere quello che tutti noi vorremmo, ma sicuramente possiamo provarci tutti insieme!! prima cosa: chi vuole ci invii un messaggio con la propria idea per partecipare attivamente dal blog a qualche altra iniziativa con relativo testo. lo sistemiamo insieme,possiamo farlo. lo abbiamo sempre fatto e continueremo a farlo!!secondo: chi è iscritto per favore vada in sindacato e chieda notizie - ok seguire il blog (che è sindacale) ma non dimentichiamoci di frequentare le sedi fisiche dell'organizzazione - e chi non è iscritto, può comunque andare, e diamo forza alla struttura. terzo punto: il 31 ottobre sono 7 mesi. potremmo fare qualcosa precisamente in quella data. ogni azione fatta da tanti nello stesso momento avrebbe maggior risalto. che ne dite?

  • Patrizia

    17/10/2018 - 21:14

    caro fabio, perché no ? mi pare che tu abbia le idee chiare sul testo, che problema c'è? siamo tutti colleghi sul blog , il gruppo di gestione è di 5 persone. E' entrata nel gruppo da qualche mese Emilia , domani pubblicherà il suo primo articolo lo ha scritto , lo abbiamo sistemato insieme su w.app. e per mail , ci siamo sentite anche al telefono e domani esce. E' semplice , davvero. Il blog è di tutti , noi non siamo più brave , non c'è nulla di complicato ,tutti possono partecipare. Se tu scrivi una bozza , quello che ti senti , quello che ti viene , ce lo mandi per mail e poi lo sistemiamo insieme , è bello e stimolante sai , noi ci aiutiamo. Questa è attività sindacale. dai ! patrizia cgil

  • Fabio

    17/10/2018 - 21:00

    Scusami tanto ma il testo proprio non lo preparo. Non ne ho le competenze e non credo di essere la persona adatta. Io ho avanzato una proposta, indicato i punti che toccherei e, se da esperte nelle relazioni sindacali credete che possa aiutare benvenga, altrimenti sono disposto praticamente a tutti affinchè ci si dia una svegliata. Ritengo comunque imprescindibile una massima condivisione tra tutti i colleghi, dapprima agli iscritti al blog, ma anche da parte delle varie organizzazioni sindacali ai propri iscritti così che tutti gli interessati siano messi nella condizione di valutare se partecipare o meno. Io spererei in qualcosa di virale, che finisca addirittura sui giornali o in televisione. E perchè no, mettere a conoscenza anche il ministero come proposto da Raffaele potrebbe aiutare. Non servirà a molto perchè il ministero non può ovviamente entrare nelle trattative, ma potrebbe far capire alla controparte che noi ci siamo, siamo pronti a farci ascoltare e sappiamo farci valere.

  • Patrizia

    17/10/2018 - 20:39

    caro fabio, non me la prendo assolutamente. Dimentichi che sono del settore e ho subito gli stipendi bassi , lo so che sono bassi , come faccio a negarlo ? l'ho subito. Non è giusto che si definisca "da ridere" , le parole sono importanti e bisogna saperle usare , dietro le parole "da ridere" c'è un'idea sbagliata , mi segui? dietro ogni contratto c'è il lavoro di qualcuno , bisogna rispettarlo anche con la scelta delle parole , e allora vi provoco , non c'è altro modo , sono un po brutale apposta , , aspettavo che qualcuno mi rispondesse , sono contenta che l'hai fatto . Sulla sostanza hai perfettamente ragione ma strade diverse dalla organizzazione sindacale non ce ne sono , facciamola insieme no? c'è molto da fare ti assicuro. Intanto prepara il testo .. e se c'è un po di discussione calda , non ti devi spaventare , è tutto normale! patrizia cgil

  • Fabio

    17/10/2018 - 20:19

    Patrizia, posso farti un commento sincero, senza che te la prendi? Onestamente è bruttissimo vedere che ad ogni critica sugli stipendi che abbiamo (che oggettivamente sono bassi, basta guardarsi in giro) prendendotela sul personale ("quello che tu chiami "stipendi da ridere" a noi è costato , tempo, sacrificio, soldi , ferie e rol" cit), e scrivendo come se le trattative del rinnovo dipendono da voi 5. E' ovvio e palese che facciate molto, ma le trattative vengono seguite dai vari sindacati a livello nazionale... E' davvero mortificante leggere risposte di questo tipo, anche perchè sembra che ogni volta ribalti a noi lavoratori tra i 20 e i 35 anni le responsabilità di lavoratori che negli ultimi 50 a differenza di altre categorie non si sono mai attivati sindacalmente. Noi, più che tesserarci, non possiamo fare e si dovrebbero cercare nel passato le responsabilità. Noi siamo qui per guardare al futuro, e onestamente speriamo sia migliore. Ti dico solo che mia madre, assunta in un albergo da 3 mesi come donna delle pulizie, guadagna più di me che lavoro da 2 anni in uno studio, ed entrambi facciamo 40 ore a settimane. Tu lo trovi giusto? Io no e mi batterei per vedere riconosciuti i miei studi e la mia professionalità, ma se questo ti fa male pensando alle ferie e ai ROL che hai buttato via per avere quello che un'altra utente ha chiamato "stipendio ridicolo", allora è inutile avviare discussioni.

  • Patrizia

    17/10/2018 - 18:44

    caro raffaele, ti ho risposto altre volte vero? mi pare tu sia iscritto al sindacato : bene , devi andare in sindacato e parlare con chi si occupa degli studi professionali e cominciare a fare attività sindacale seriamente e darci una mano. QUI SIENTE IN FILCAMS CGIL , IO MI FIRMO PATRIZIA CGIL questo è un sito sindacale , raffaele.. parliamo ogni giorno con il nazionale, sui siti vengono pubblicate le circolari, se non ci sono novità non c'è comunicato ufficiale . La filcams cgil ci ha messo a disposizione questo blog proprio per parlare con i lavoratori , quindi è qui che trovi le notizie e anche la possibilità di fare organizzazione sindacale. Certo che è possibile stare senza contratto per 7 mesi … guarda cosa succede nelle altre categorie al turismo , alla vigilanza , si fa fatica in tutti i contratti , noi siamo rimasti senza contratto per 6 anni!! non è un bello sport cercare le colpe al di fuori di noi , o sperare di risolvere con un clik o un twitter o un messaggio privato ! ma suvvia siamo seri . Dovresti anche sapere che il governo non ha nessuna funzione nei contratti privati , la contrattazione è demandata alle parti , nessun ministro del lavoro può intervenire se non sollecitato dalle parti , non c'è nessun Robin Hodd nella foresta , dobbiamo organizzarci noi la nostra controparte si chiama confprofessioni , non cerchiamo scappatoie per non fare fatica !! sono stata dura ma spero chiara , ogni volta quando si arriva al rinnovo si fanno questi discorsi , magari un salto di qualità potremmo tentare di farlo ? si ricomincia da capo perchè noi vogliamo ricominciare da capo su ! patrizia cgil

  • Alessia

    17/10/2018 - 18:43

    Grazie Patriza per la risposta tempestiva, buon proseguimento 😀

  • Patrizia

    17/10/2018 - 18:22

    cara alessia, questo è un blog sindacale nel sistema Filcams cgil ed è gestito da lavoratrici del settore. Il contratto che ti viene applicato a noi è costato moltissimo lavoro e fatica sangue sudore lacrime e anche ferie e permessi e molte volte anche soldi di tasca nostra oltre al tempo speso gratuitamente. Detto ciò si può migliorare con la partecipazione di tutti i lavoratori del settore siamo 1.500.000. In 5 non otteniamo granchè.. : Per venire alla tua domanda : la scelta è tua , puoi chiedere un assegno ad personam oltre al tabellare , fa un accordo scritto firmato da te e il tuo datore di lavoro e che l'assegno sia non assorbibile. ciao patrizia cgil

  • Alessia

    17/10/2018 - 17:14

    Buona sera a tutte/i. Mi chiamo Alessia, ho 34 anni, ho appena scoperto questo blog...e siete fantastiche, ci date parecchio supporto a noi del settore Studi Professionali. Una cosa che non sopporto di questa categoria è che gli stipendi sono bassi rispetto alle altre categorie (se è possibile farlo presente al prossimo rinnovo del contratto Studi di Settore), nonostante quello che facciamo e la responsabilità che abbiamo. Sono segretaria, e lavoro tutt'ora da 14 anni negli studio legali. Ne ho cambiati due; in uno studio legale associato con all'interno 8 avvocati invece di tenere le due segretarie (compresa me), hanno scelto di tenerne una e al mio posto hanno preferito assumere un praticante (ovviamente questione di costi); il secondo studio ho dovuto cambiare per motivi di mobbing. La cosa positiva è che nell'arco dei 14 anni ho cambiato studi legali, però non sono mai stata casa. La parte negativa è che lo stipendio è sempre lo stesso: € 800,00 - € 900,00, sempre inquadrata al 4° livello. Vorrei tanto ottenere almeno l'avanzamento 3° livello. Ora lavoro per un avvocato solo da quattro anni, mi trovo bene, prendo sempre lo stesso stipendio, inquadrata al 4° livello, 25 ore settimanali, qual'ora ne faccio 35 ore, contratto a tempo indeterminato. Ora sono propensa a chiedere l'aumento. Me lo darà? Ho qualche dubbio (non so se faccio bene o male)... Tante volte sarei disposta a cambiare categoria completamente pur di avere uno stipendio maggiore ( € 1100 - € 1.300), però nello stesso tempo mi spiace perchè questo lavoro mi piace e mi spiace buttare via 14 anni di esperienza. Se possibile mi potete dare un consiglio? Grazie per la Vostra disponibilità.

  • Raffaele

    17/10/2018 - 17:05

    Ciao a tutti. sarebbe meglio iniziare con altre iniziative a tamburo battente. Non si può oggi anno 2018 dopo 7 mesi non avere un rinnovo di contratto e una retribuzione equa. Sono entrato nei vari siti filcams cisl e uil e, del nostro rinnovo non ne parla nessuno. Io propongo di fare una lettera al nostro ministro del lavoro, mettendolo a conoscenza del nostro problema che si ripete ad ogni rinnovo. Possiamo taggarli con facebook, instagram o altri social che sono alla portata di tutti o addirittura mandando messaggi privati.

  • Patrizia

    17/10/2018 - 15:48

    bis per rebecca : sul sito Filcams devi andare : home page aree tematiche : studi professionali e troverai tutte le circolari ufficiali, sempre sulla home page della filcams- cgil troverai anche il nostro link, infatti noi siamo collegati al sistema Filcams e la comunicazioni con i lavoratori la curiamo noi. Difatti qui sei virtualmente in sindacato , non solo ma in collegamento diretto con il nazionale , da questo punto di vista è tutto perfetto ti assicuro. Sono d'accordo non ci rispettano ma noi dobbiamo cominciare a farci rispettare. Bis per martina : in parte di ho risposto prima , completo: la contrattazione è libera tra le parti non è una legge dello stato è un principio costituzionale , quindi le scadenze non sono perentorie ma sono frutto di accordi che possono anche non essere rispettati . Per fatti un esempio ; abbiamo saltato due rinnovi contrattuali per mancanza di rappresentanza datoriale e purtroppo sono solo … persi. Il sindacato è l'associazione dei lavoratori non un ministero , è una associazione cui si aderisce liberamente , Se è forte ottiene risultati , altrimenti non si ottiene nulla. Ci vuole , quindi, forza contrattuale. Da qui non si scappa in nessun modo . So che è difficile trovare il tempo per fare qualsiasi cosa , lo è stato e lo è tuttora anche per noi .. deve essere chiarissimo questo punto : senza partecipazione si fa una fatica del diavolo anche solo per ottenere un incontro .. i contratti non sono automatici, né scontati , né obbligatori , ogni piccola conquista costa fatica, un diritto non basta che sia sacrosanto , bisogna conquistarlo . Purtroppo sono stati firmati solo 2 contratti regionali: Liguria e Bolzano. Li trovi in altro "dai territori" , sempre per i motivi di cui sopra , no organizzazione : no party. Per lo sciopero : certo che possiamo farlo : è legale , ma come si fa a dichiare sciopero senza un'organizzazione sindacale ? lo fai tu , lo fa irene e poi? prima organizzazione poi lo sciopero. Se non sono stata chiara martina chiedi pure senza problemi , rispondo volentieri a queste domande perché senza capire fino in fondo come funziona rappresentanza e contrattazione non se ne esce, quindi domanda pure senza problemi ! patrizia cgil ps se vai sul sito della filcams cgil vedrai che si stanno facendo le assemblee congressuali con l'elezione del segretario, direttivo ecc. ecco quella è organizzazione sindacale seguile !

  • Patrizia

    17/10/2018 - 15:23

    Cari rebecca , fabio e Martina , a noi fa piacere che sentiate bisogno di protestare , questa è buona cosa , il blog esiste anche per questo , ma abbiamo esperienza di almeno 5 rinnovi contrattuali nazionali sul blog, ogni volta molte attese , molte proteste , molte iniziative sul blog ma alla firma del contratto spariti tutti. Di iniziative sul blog ne abbiamo organizzate tante , se ne possono fare altre , diverse e fantasiose ma quello che conta cari ragazzi e ragazze, quello che deve rimanere per non ricominciare ogni volta da capo .. è l'organizzazione sindacale stabile , fisica , attiva che ci consentirebbe di arrivare 6 mesi prima della scadenza del contratto con le assemblee, presentazione della piattaforma , discussione e invio alla controparte , inizio delle trattative e delegazione al tavolo dei lavoratori. Tutto ciò si ottiene andando in sindacato , iscrivendosi e facendo attività sindacale . non ci sono altri modi . Quella che conta è : quando andate alla Filcams cgil della vostra città? noi ci siamo andate , voi quando ci andate ? Per essere operativi sul blog : aspettiamo la settimana prossima , abbiamo sentito il nazionale stamattina e forse dovrebbe muoversi qualcosa . Intanto Fabio butta giù un testo per un fax o mail ce lo mandi per mail al blog e lo lavoriamo insieme Non fare un testo lungo altrimenti non lo leggono , lo pubblichiamo e lo apriamo ai suggerimenti di tutti . Le trattative possono anche essere lunghe , quindi non spariamo tutto ora , dobbiamo sostenere il tavolo con i mezzi che ora abbiamo : il blog . Lo sciopero del caffè è riuscito molto bene quando lo abbiamo fatto , è stata una bella idea , ma ce ne possono essere delle altre . Fabio e Rebecca al lavoro ! patrizia cgil

  • Rebecca

    16/10/2018 - 23:16

    Sono d’accordo con Fabio. Saremo anche una categoria debole ma neanche farci mettere i piedi in testa tutte le sante volte... Facciamo in modo di essere un pochino più duri e facciamogli capire che ci siamo e oltretutto siamo tanti! Io manderei comunque anche le mail in modo che oltre ad avere gli uffici pieni dei nostri fax, si ritroverebbero anche le caselle di posta piene e se tutto ciò si facesse proporrei alla Filcams di riportare, attraverso un comunicato, il nostro malcontento generale (probabilmente sono sbadata io ma sul loro sito non ho trovato nulla che riguardi noi). Buona notte.

  • Fabio

    16/10/2018 - 22:59

    PS Senza dimenticarci gli arretrati! Ok che l'indennità di vacanza contrattuale è stata abolita, ma questo per permettere la libera contrattazione delle parti che potrebbe essere anche migliorativo.... Quantomeno vedersi riconosciuto il minimo previsto ante 2009 come da questo link http://www.confprofessionilavoro.eu/wp-content/uploads/2014/02/Indennità-vacanza-contrattuale-2014.pdf

  • Fabio

    16/10/2018 - 20:05

    E se si facesse davvero secondo me non dovremmo limitarci a delle filastrocche in rima, ma dovremmo spedire un documento che contenga i punti che riteniammo irrinunciabili (come i buoni pasto, aumenti consistenti che ci portino ai livelli di professionalità simili di altri settori, aumenti di livello automatici, nuove regole di inquadramento che non ci facciano passare da semplici passacarte ecc...)

  • Fabio

    16/10/2018 - 20:00

    Che ne direste se invece di mandare mail spedissimo tutti dei fax? Le email sono veloci da cestinare ed è un attimo ignorarle, se invece arrivano decine e decine di fax al giorno non possono ignorarli... Io proporrei di mandare ogni giorno un fax ad ognuno dei contatti visualizzabili http://www.confprofessioni.eu/contatti Ci sono siti come faxator.com che ti permettono di inviare fax gratuitamente, se tutti lo facessimo, E IL BLOG INVITEREBBE TRAMITE EMAIL TUTTI GLI ISCRITTI AL SITO, sarebbe facile organizzare qualcosa che non potrebbero fingere di non vedere... Se tutti lo facessimo e invitassimo tutti i nostri amici a farlo riempiremmo tutti i loro uffici delle nostre richieste... Poi sarebbero loro a correre da noi per pregarci di fissare un incontro pur di farci smettere 😀

  • Patrizia

    16/10/2018 - 17:59

    cara rebecca, sono assolutamente d'accordo con te .. ho capito cosa vuoi dire . Bah.. le altre categorie hanno un'organizzazione sindacale , noi il blog , dobbiamo partire da qui . Fateci delle proposte , discutiamone ! ciao patrizia cgil

  • Martina Capannoli Gherardi

    16/10/2018 - 17:59

    Buonasera, intanto un grazie a chi come voi ci mette anima, energie, tempo anche per quelli come me che dicono sempre di voler fare e poi si trovano sempre incastrati in mille impegni e non riescono mai.... il vostro impegno è importante e decisivo e apprezzo davvero ciò che fate! Volevo dire che la proposta di Giorgio mi pare interessante! Poi io non mi intendo di sindacati e del lavoro che c'è dietro che immagino non sia facile, ma mi domandavo come mai si arriva ogni volta alla scadenza del rinnovo senza mai avere quantomeno almeno una data per il primo incontro tra le parti. Nel mio lavoro saltare una scadenza vuol dire far perdere migliaia di euro ad un cliente. i nostri datori di lavoro pretendono che le scadenze vengano evase per tempo. Non riuscirò mai a capire quindi come si possa tener così in poco conto le scadenze di noi lavoratori (che poi di una ogni tre anni si parla....) che non perderemo migliaia di euro ma a cui anche quei pochi spiccioli possono far comodo per arrivare alla fine del mese. Spero con tutto il cuore che quantomeno con questo rinnovo, oltre all'accettazione delle proposte contrattuali che avanzeremo si riesca ad ottenere anche un riconoscimento economico maggiore rispetto al precedente, e che quantomeno ci vengano corrisposti anche gli arretrati per i mesi di ritardo che nel rinnovo precedente non son proprio figurati, nonostante la clausola presente nel contratto se non ricordo male! Mi domandavo un'altra cosa.... so che è utopistico.... ma perché non possiamo scioperare? Il diritto di sciopero è garantito anche a noi.... e proprio perché siamo realtà piccole con pochi dipendenti per studio, se in diversi scioperassimo creeremmo enormi disagi ai nostri datori di lavoro. So che non è facile perché poi, anche se non possono certo licenziarci per questo visto che è un sacrosanto diritto, possono farci mobbing e renderci difficile stare sul posto di lavoro.... ma direi che tanto l'aria e irrespirabile nei nostri ambienti lavorativi comunque, quantomeno faremmo sentire che siamo stufi! ripeto... so che tutto ciò è probabilmente utopistico, ma mi piace pensare che prima o poi tutti si riesca a farci rispettare un po' di più! Ho un'ultima domanda. Ma la contrattazione di secondo livello in Toscana che fine ha fatto? sapevo che era stata presentata una piattaforma... poi non si è saputo più niente. Ma magari mi sono confusa! Buon proseguimento e buon lavoro a tutti.

  • Rebecca

    16/10/2018 - 17:55

    Facciamo il coffee strike come per il precedente rinnovo; possiamo anche scrivere una lettera nella quale riportiamo le nostre condizioni lavorative ed i relativi stipendi e poi inviarla ai giornali. Non so, continuo a pensare...

  • IreFi

    16/10/2018 - 16:53

    Cara Rebecca, attendiamo una proposta concreta da poter valutare.. guarda la pagina che diceva Patrizia.. potremmo organizzare qualcosa di analogo. Indubbiamente non possiamo incatenarci alle porte degli studi. Dai, proponici/ proponeteci idee. Ciao a presto. Ire

  • Rebecca

    16/10/2018 - 16:22

    Cara Patrizia, mi sono spiegata male, scusa. Quando ho scritto "proviamo a prendere spunto da altri sindacati" intendevo dire prendiamo spunto da iniziative già intraprese da altri settori ad esempio metalmeccanici piuttosto che trasporti (e dico settori a caso), perché sembra e ripeto SEMBRA che noi degli studi professionali non facciamo abbastanza per farci sentire. A distanza di 7 mesi siamo ancora qua ad aspettare zitti zitti... di scioperi, è vero, non ne possiamo fare ma qualche altra cosa probabilmente si. Questa è comunque la mia modesta opinione. Grazie.

  • Patrizia

    16/10/2018 - 15:33

    naturalmente ho sbagliato i nomi… carlo , rebecca e Giorgio !

  • Patrizia

    16/10/2018 - 15:29

    cari carlo , marcello, daniele risposta cumulativa: cara rebecca, questo blog è collegato alla filcams cgil che è l'unica e sottolineo unica sindacato che organizza i dipendenti degli studi professionali, se tu hai notizia di altre sigle sindacali , diccelo perché francamente non abbiamo notizie in merito e non so a che cosa ti riferisci. Detto ciò , le trattative sul contratto sono unitarie e ci saranno cgil cisl e uil . i ritardi fanno disperare anche noi .. ma sembra che non manchi molto alla fissazione del primo incontro . Caro carlo è vero ci sono tutti i congressi sindacali non solo della cgil ma anche di confprofessioni ed è quest'ultimo che causa i maggiori ritardi. Sentiamo il nazionale un giorno si e uno anche , non piace nemmeno a noi questo passare del tempo senza una data , non è facile credetemi senza spinta molto energica dei lavoratori. Concordo pienamente su fonte è assolutamente importante. Per le inziative: certo che possiamo farlo , proponete , le possiamo discutere sul blog : andate a vedere nell'archivio il Coffe break che abbiamo organizzato tempo fa ! potremmo ripeterlo , oppure proponete anche altro , magari con creatività! patrizia cgil

  • Rebecca

    16/10/2018 - 12:33

    Possiamo fare qualche altra iniziativa per farci sentire? O dobbiamo aspettare e basta? Proviamo a prendere spunto da altri sindacati...

  • Carlo

    16/10/2018 - 9:22

    Buongiorno, spero tanto di sbagliarmi ma ho il sospetto che il sindacato sia congelato fino alle elezioni del nuovo segretario.

  • giorgio dandini

    15/10/2018 - 12:35

    Ben vengano tutte le proposte, ma la cosa che piu' mi preoccupa è che siamo già a 7 mesi dalla scadenza del contratto e non si vede nulla di concreto. Nel 2013 quando il contratto scadde fu rinnovato nel 2015 due anni dopo e perdemmo tutti gli arretrati del mancato rinnovo di 2 anni e vedendo nella storia dei contratti ( lavoro da 27 anni sempre con contratto studi professionali ) è sempre cosi rispetto agli altri conttratti rimaniamo indietro di tanto! questo chiaramente dipende anche da tutti noi che non partecipiamo con un numero maggiore nella protesta, comunque è mortificante, anche dal punto di vista pensionistico come diceva EMANUELE "12/09/2018 - 15:58 Buongiorno e buon lavoro a tutto lo staff, non sò quanto riusciremo ad ottenere come aumenti dal lato economico, una cosa però che proverei a chiedere nel rinnovo di contratto è l'aumento del contributo che il datore di lavoro versa, a suo carico, nel fondo pensione di categoria. Attualmente tale percentuale è 1,55% del reddito lordo e visto che per quelli della mia età (ho meno di 40 anni) se "andremo" in pensione prenderemo circa il 60% dell'ultimo stipendio, portare il valore a circa il 2% o più, come hanno fatto con il rinnovo dei contratti dei metalmeccanici, sarebbe già un buon risultato. Grazie per quanto potrete fare... Buon Lavoro…" questa sicuramente è la cosa piu' importante altrimenti non solo siamo stati derubati degli aumenti durante tutta la vita lavorativa ma patiremo di uregime pensionistico ridotto rispetto agli altri contratti

  • Patrizia

    13/10/2018 - 12:07

    si la logica ci sta! ci lavoriamo , in sindacato abbiamo fantasia! patrizia cgil

  • Martina

    12/10/2018 - 23:33

    Discorso analogo si potrebbe fare per i dipendenti di commercialisti: inquadramento in base al numero di aziende seguite. Considerando che i colleghi di altri studi della mia zona mi dicono di seguire 20 massimo 30 aziende a testa, e che dice lavoro superiamo tutti i 50 senza considerare minimi e forfettari (senza poi considerare IMU e dichiarazioni di soci e privati...) non mi sembra giusto che loro abbiano un inquadramento superiore. Certo che è difficile provare nero su bianco il numero di ditte, e difficile che in caso di variazioni il titolare si metta a contare prima di pagarci... però a logica ci sta

  • Patrizia

    12/10/2018 - 19:00

    Oggi pomeriggio mi ha chiamato una vecchia amica del Blog : Daniela. lavora in uno studio medico e mi ha un po' rimproverata .. ,giustamente, per non aver detto alcune cose sui profili professionali in area medica. Mi ha chiesto di anticipare le sue ragioni e poi lei integrerà appena riesce a collegarsi con il blog. Parliamo di classificazione in area medica . Non ho detto che ci sono degli automatismi nel passaggio di livello (art. 24 Lett. D area medico sanitaria ed ondondiatrica) Al secondo livello devono essere inquadrati i lavoratori con diploma di laurea (triennale) in scienze infermieristiche e professioni sanitarie varie , sono tutte specificate le trovate nell'articolo, non si può inquadrare al 4 livello queste professionalità, è chiaro ? Ma Daniela ci teneva giustamente a richiamare l'attenzione degli assistenti di studio medico di famiglia sulla Dichiarazione a Verbale che è contenuto nell'articolo : " il lavoratore inquadrato al quarto livello dovrà essere riqualificato al livello quarto super qualora abbia iniziato il corso formativo specifico previsto dal protocollo di intesa del 25 ottobre 2012. "i corsi non sono mai partiti , Daniela ci racconterà perché! E' giusto che mettiamo sul tavolo anche questa richiesta e che si sblocchino i corsi per non rischiare una norma scritta sull'acqua e una vicenda trentennale come quella dell'ASO . ecco daniela completa te ! chi lavora in studi medici sarebbe bene dicesse la sua !patrizia cgil

  • Patrizia

    12/10/2018 - 14:48

    ciao franca, la tua proposta è molto interessante , aveva proposto una cosa simile anche un dipendente di studio medico,. da un criterio diverso e soprattutto un riferimento preciso , lo proporremo senz'altro. grazie patrizia cgil

  • Patrizia

    12/10/2018 - 14:45

    lorenzo hai ragione ! non c'è giorno che passi senza una nostra richiesta di una data , ti assicuro. La controparte è stata "pressata" a dovere. So che è difficile da capire per chi è fuori dalle cose sindacali, ma i passaggi da fare sono un po' complicati. Stiamo aspettando tutti che ci sia una data. Ti posso rassicurare su una cosa : le cose che ci diciamo sul blog non ce le diciamo tra noi. Questo è un blog collegato al sito nazionale della Filcams cgil e viene seguito dai funzionari sindacali . Non solo ,abbiamo già stampato e consegnate la prima parte delle proposte che sono state fatte , te lo posso assicurare , quindi vale la pena continuare a discutere e a proporre , abbiamo la fortuna di avere un canale diretto con il nazionale attraverso il blog e , vi assicuro, non è cosa da poco visto che non abbiamo struttura sindacale. Appena ci sono novità sarete aggiornati 1 minuto dopo ciao patrizia cgil

  • Franca

    12/10/2018 - 9:48

    ragazze/i buongiorno. non so se la cosa è già stata detta, ma appurato che non avremo quell'aumento contrattuale che tutte/i ci meritiamo, ho pensato che un'altra cosa che potremmo far presente in sede di rinnovo è, oltre all'aumento di livello per anzianità, anche un incremento dello stipendio in base al numero dei professionisti per i quali si lavora. il mio studio è passato da 3 a 6 avvocati e vi assicuro che la mole del lavoro è ben diversa. Daltra parte gli avvocati se difendono più parti hanno un aumento del 20% sulla parcella! Patrizia so che, come dici tu siamo noi che dobbiamo farci rispettare, ma un conto è chiedere qualcosa che ci spetta da contratto e un'altra è chiedere qualcosa che non è riportata. La loro risposta è che rispettano il contratto. E poi non otterremo tutto ciò che chiediamo ma più chiediamo e, forse, più otterremo! non potranno dirci no su tutto. Un saluto a tutte/i

  • Lorenzo

    11/10/2018 - 20:48

    Cerchiamo di essere pragmatici non spaventare la controparte e portare a casa un rinnovo in tempi rapidi. Abbiamo proposto tante idee tutte molto interessanti qualcosa si porterà a casa qualcosa no è chiaro è una trattativa e siamo la parte debole. Ma ad oggi giovedì 11 ottobre dopo 6 mesi e mezzo di vacanza contrattuale e 12 mesi da quando per contratto sarebbero potute iniziare le trattative esiste una data di un primo incontro fra le parti? Noi abbiamo tante idee ma apparte dircele tra noi via web o di persona nei luoghi opportuni etc la controparte è stata sollecitata dai sindacati sul mettersi attorno ad un tavolo? Quando si parte? Data. Data. Data. Grazie perché al di fuori di questo blog di noi non parla nessuno.

  • Impiegato

    07/10/2018 - 22:42

    Grazie Patrizia! I risultati del sondaggio sono visibili una volta compilato. Rinnovo il mio invito a compilarlo e condividerlo con più colleghi possibili... Facciamoci sentire! https://goo.gl/AiStpS

  • Patrizia

    07/10/2018 - 22:00

    certo , poi ci giri i risultati che avrai analizzato ! ti prego datti un nome finto ma un nome! patrizia cgil

  • Impiegato

    06/10/2018 - 13:03

    Vorrei sfruttare questo importante spazio di condivizione di idee per raccogliere qualche idea da parte dei colleghi che lavorano in studi commercialisti. Se lo staff di impiegate.org me lo consente, sarei molto felice se poteste rispondere a questo sondaggio (https://goo.gl/AiStpS), che potrebbe aiutare a confrontarci sul nostro lavoro, anche in vista del rinnovo contrattuale. Se vi va, condividetelo anche coi vostri colleghi, più risposte abbiamo, più sapremo analizzare la realtà del nostro lavoro su scala nazionale! Grazie infinite!

  • Patrizia

    05/10/2018 - 11:40

    caro daniele , la tua proposta mi sembra molto interessante , rovescia la logica dell'acquisizione del livello. Il passaggio di livello legato alle mansioni è un tasto irrisolto e molto dolente , non solo nella nostra categoria , . Negli anni abbiamo cercato di introdurre alcuni automatismi ma non è facile, soprattutto perché i lavoratori spesso rinunciano ad usare gli strumenti contrattuali per esigere un diritto scritto nero su bianco. Il protagonismo dei lavoratori è quindi irrinunciabile , ci sono delle norme dobbiamo chiederne il rispetto. Non c'è nessuno che lo puo fare per noi, questo è un punto nonsi può aggirare , possiamo scrivere le più belle norme del mondo ma se non le usiamo , è inutile. Ho dovuto affrontare anch'io la discussione sul livello nel mio studio con fortuna.. zero ! Per Maurizio: tutto quello che viene scritto sul blog arriva al nazionale della Filcams cgil e quindi verrà portato al tavolo delle trattative, è un canale diretto . Portare al tavolo significa solo che si tratterà con la controparte , non occorre che spieghi il significato della parola "trattativa" vero? ovviamente un conto è una piattaforma e altro il risultato di una trattativa. In quello che scrivi Maurizio vedo che hai voglia di partecipare e di farti sentire , c'è un unico modo possibile: andare in filcams cgil della tua città e darci una mano fisicamente, le iniziative che abbiamo fatto qui sono importanti ma possono solo sostenere una vera organizzazione sindacale che si fa solo "fisicamente" . Io non amo il verbo "sognare" in materia contrattuale e sindacale e neanche politica: è deviante , il sogno appartiene ad una categoria diversa . Io sono pragmatica: lavoro /risultati a sostegno di una piattaforma. Per concludere , maurizio, il web è come il vento impetuoso ma passato il vento che tutto travolge enon sempre quello che rimane è positivo , c'è bisogno di molto di più, noi continueremo a lavorare sui due livelli , entrambi sono importanti ma non si raggiungono risultati senza organizzazione sindacale, lo dimostra quello che abbiamo innegabilmente raggiunto fino ad ora, nonostante la nostra condizione di debolezza sindacale , quindi lavoro lavoro, lavoro, lavoro fisico e sul web . Lamentarsi non serve a nulla credimi. patrizia cgil

  • maurizio

    04/10/2018 - 10:44

    Daniele Daniele… tu sei con i medici ma negli studi professionali? entri 4° e ci muori anche se ti ritrovi a far il lavoro del titolare e risolvergli ogni problematica. Ma dopo 20anni sempre 4° resti che a parole tanti discorsi ma se non ESISTE UN OBBLIGO ciaoneeeeeeeeeee che ti riconoscono la professionalità acquisita. Manco ti riconoscono il ticket che lo trovo assurdo: stipendi veramente tra i piu' bassi x la responsabilita' del lavoro che si fa e i full time manco il ticket? e che cavoli dai…. news sul rinnovo? l'iniziativa proposta ha smosso qualcosa a Roma magari facendogli ricordare che il nostro contratto slim che han messo sotto ad un tavolino per non farlo traballare è scaduto???? Meno teoria, che tanto poi negli studi non si attua una mazza lo sapete meglio di noi, è miglior riconoscimento economico. Sognare costa poco… poi Patrizia se dobbiamo mandare una mail a roma, sollecitare qualcuno, indicare i punti che vorremmo far migliorare diccelo. siamo tanti, nascosti con forza contrattuale pari a zero ma esistiamo… e lavoriamo!

  • Daniele

    02/10/2018 - 18:00

    Buonasera sono Daniele e sono un collaboratore presso uno studio associato di medici di medicina generale. Dal momento che i miei datori, cioè i medici con i quali collaboro, non né vogliono proprio sapere di far avanzare di livello e quindi dopo 8 anni lo stipendio è sempre lo stesso, sarebbe interessante se al tavolo di trattativa si proponesse di avere un incentivo in base al numero di pazienti iscritti al medico. Difatti un conto è il collaboratore che lavora in uno studio singolo dove al massimo il medico può avere 1500 pazienti, diverso è chi lavora in associazione dove magari ci sono 5 medici ognuno con 1500 pazienti

  • Patrizia

    28/09/2018 - 20:17

    rispondo ad un post di Giulia che ci era sfuggito . Cara giulia , ci chiedevi dell'Aso. Ci dici che stai facendo uno stage .. e fai tutte queste cose ? I professionisti sono incredibili davvero , i dentisti poi superano l'incredibile. Lo stage non è un contratto di lavoro , temo che il tuo anno di stage servirà solo al tuo datore di lavoro . Leggi la risposta che ho dato a Silvia , le informazioni sono le stesse che avrei dato a te. Scaricati il decreto 10.4.18 sul profilo Aso e troverai tutte le informazioni necessarie. Faremo un articolo, comunque per approfondire , se non sono stata chiara chiedi! patrizia cgil

  • Patrizia

    25/09/2018 - 10:49

    caro fabio, il video da solo non serve a nulla.. mi spiace , dice in modo efficace cose che si sanno già, per cambiare le cose servono i vecchi sani metodi , pressione , proteste, azioni collettive , educazione e sensibilizzazione , in due parole cittadinanza attiva. Il video fa parte degli strumenti come il blog e i social in genere , ci vuole carne e muscoli . ciao ! patrizia cgil

  • Patrizia

    25/09/2018 - 10:45

    caro Maurizio, se vai su "dai territori" trovi la regione Liguria , troverai pubblicato anche un accordo regionale contatta da li mettendo un messaggio , poi telefona a Mascia (il responsabile) fatti vivo , in sindacato arrivano centinaia di mail , difficile stare dietro a tutti , credimi. Bisogna andarci ! domandi cosa si può fare, intanto stare qui sul blog e seguire le ns. iniziative e andare in filcams a genova e parlare con chi si occupa degli studi professionali e partecipare all'attività sindacale. Noi siamo un punto di riferimento per la categoria ne siamo consapevoli resta in contatto con noi. Patrizia cgil

  • maurizio

    25/09/2018 - 10:15

    INIZIATIVA per il rinnovo letta ora e provveduto via mail anche dai colleghi copiando quanto avete indicato. SPERIAMO IN TANTI lo abbiano fatto tra social e mail… io son all'antica e non ho social. Che altro si puo' fare? io sono tra gli iscritti al sindacato qui a genova ma... due volte chiesto un consiglio via mail ma considerato zero. Spero siano piu' partecipi nei rinnovi considerando l'evoluzione del nostro lavoro...non per ultimo la rogna della fatturazione elettronica. Ormai non serve essere ragionieri ma informatici e questo non ti viene riconosciuto… come i famosi ticket eh eh eh Grazie Patry & co x l'impegno che ci mettete.

  • Fabio

    24/09/2018 - 20:59

    Ma credete che un video del genere potrebbe sollevare tempi che potrebbero portare a consistenti aumenti salariali dell'intero settore (ovviamente donne e uomini)?

  • Patrizia

    24/09/2018 - 20:02

    caro fabio, ho visto ora il video, si è molto efficace. La questione del lavoro delle donne è al centro di ogni nostro ragionamento e naturalmente anche il tema delle diseguaglianze . Il nostro approccio al sindacato è femminile , nelle nostre proposte abbiamo sempre messo al "centro" i problemi della donna che lavora. Abbiamo in cantiere una iniziativa su maternità e lavoro , continuano ad arrivarci tante segnalazioni di dimissioni volontarie delle donne che hanno figli. Purtroppo si sta consolidando una tendenza negativa che ci allarma. Ne abbiamo già parlato ma vogliamo che diventi il tema principale del blog . Come vedi sfondi una porta aperta e mi fa piacere che un uomo dimostri questa sensibilità, grazie davvero fabio . Continua a proporre, noi siamo aperte a qualsiasi argomento. ciao patrizia cgil

  • IreFi

    24/09/2018 - 14:34

    Grazie Fabio. Personalmente non avevo mai visto quel video. Spacca!

  • Fabio

    23/09/2018 - 21:04

    Non so se ne avrete l'occasione, ma se possibile vi chiederei se al tavolo riuscirete a portare questo video https://goo.gl/iVF8Pp facendo presente che la stragrande maggioranza dei dipendenti degli studi professionali sono donne, magari prendendo contatti anche con "Valore D", promotore della campagna No Pay Gap per fare pressione a Confprofessioni... che ne pensate? Non credo possa fare male...

  • Patrizia

    22/09/2018 - 10:47

    caro fabio, mi spiace vedo che continui a non capire. Sappiamo benissimo che il blog è uno strumento potentissimo e lo usiamo con mille riguardi e umiltà , essendo tutte e 5 della categoria, conosciamo a fondo il settore e il sindacato . Vorrei che tu rispettassi la nostra lunga esperienza e ti fidassi delle scelte che facciamo proprio partendo dai ragionamenti che fai tu. Se sei così motivato , ti ripeto , va in sindacato e partecipa. non vorrei che tu fossi solo appassionato dello strumento, mai confondere lo strumento con il fine , lo abbiamo imparato con l'esperienza. Il blog è solo uno strumento e va usato come tale, sono i contenuti che hanno valore . Pensaci , forse per te è anche un occasione per confrontarti , fa sempre bene , anche a noi. . Stai con noi patrizia cgil ps ma scusa di che città sei e in che tipo di studio lavori?

  • Fabio

    21/09/2018 - 22:44

    Come volete. Io da ultimo vi ricordo che se tra voi 5 studiate, mettete a punto qualcosa e ovviamente ci mettete tempo e fatica, questo qualcosa sarà certamente conosciuto da voi ma non automaticamente da tutti coloro che vi seguono. Se molti colleghi non sono mai andati in sindacato, non è NON inviando newsletter e aggiornamenti che li invoglierete ad avere una coscienza sindacale, anzi è vero il contrario. Credo che abbiate in mano uno strumento potentissimo (il blog), che potrebbe connettere migliaia di impiegati che forse non hanno troppa consapevolezza su quanto sta accadendo... A voi il compito di gestirlo al meglio. Buona fortuna

  • Patrizia

    21/09/2018 - 18:47

    caro fabio, nel tuo post dici che non è un'iniziativa "sconvolgente" , non so cosa vuoi dire , ma la mia risposta è riferita a questo. Per quanto riguarda il blog : ha 15 anni , a gestirlo ora siamo in 5 , tutte donne. Due anni fa lo abbiamo ristrutturato in collaborazione con la filcams cgil , questo lavoro, faticosissimo, è durato più di 1 anno , abbiamo ragionato su tutto anche sull'uso della nostra banca dati e soprattutto sul ruolo della filcams e del gruppo di gestione. Ogni cosa che vedi qui è frutto di scelte precise e condivise in completa autonomia , la filcams cgil ci ospita e ci supporta , è un rapporto chiaro e ragionato. Abbiamo lungamente discusso dell'uso delle mail che non è cosa da poco, questo è un sito sindacale e non commerciale , quindi i ragionamenti sono diversi, ti basti sapere che è stata la discussione principale che abbiamo fatto. In ogni caso sono stati studiati i "rimbalzi" sul blog e il 70% torna, la fidelizzazione al blog vogliamo farla per scelta non per altre ragioni. Quando e se usare la mail lo decideremo. E' un ragionamento sindacale preciso. Per arrivare ai nostri colleghi facciamo altre cose che è inutile dire qui . Ripeto : il nostro intento è di riuscire a convincervi ad andare nelle sedi sindacali , solo così otterremo più risultati, vedo che su questo non rispondi ed è la cosa più importante , se i numeri del blog sono quelli che sono ma nessuno va in sindacato , non serve a nulla mi segui? usare un mouse sono tutti capaci e non fa rappresentanza . Patrizia cgil

  • IreFi

    21/09/2018 - 17:12

    Vedremo come fare per le prossime. potrebbe essere un'idea se si va troppo in là con i tempi 😉 grazie per il consiglio!

  • Fabio

    21/09/2018 - 17:01

    Ottimo. Quello che manca è informare i colleghi delle situazione è delle iniziative per aumentare la partecipazione e la consapevolezza, ma se ritenete che siano elementi di secondo piano fate vobis, siete voi le gestrici (o i gestori?) del blog. Se mi capiterà in futuro di venire a sapere di future iniziative non mancherò di dare il mio contributo. Saluti

  • Irene Greco

    21/09/2018 - 16:46

    ciao Fabio, ti dico solo questo (poi hai tutti gli elementi per decidere cosa fare) non abbiamo mai avvisato per mail i naviganti delle iniziative. eppure abbiamo bloccato le caselle di posta elettronica qualche anno fa 😉 ire

  • Fabio

    21/09/2018 - 16:28

    Grazie Irefi per il riscontro. Ammetto che mi aspettavo che i numeri fossero inferiori, ciò non toglie che le visualizzazioni potrebbero essere in gran parte di persone non rientranti nel nostro contratto e che quindi non hanno interesse nel prendervi parte, mentre gli iscritti al blog (che non sono stati avvisati tramite mail dell'iniziativa) sarebbero stati sicuramente più partecipi... a questo punto non so se continuerò a inviare mail ai sindacati e a confprofessioni... non vorrei essere l'unico pesce fuor d'acqua ad averlo fatto

  • IreFi

    21/09/2018 - 15:52

    Ciao Fabio, grazie per il consiglio. Intanto ti rassicuro: la copertura di quel post "prima inizitiva", pubblicato ieri alle 16,17 su Facebook, è pari, dati di Facebook visibili da noi, a 1,7mila persone raggiunte con 292 interazioni direttamente dalla pagina. I dati dell'Hashtag #vogliamoilrinnovo visibili almeno a noi, sono 48 al momento..in ogni caso, invitando a ripetere quanto già operato per i prossimi 7 giorni, ribadiamo come sempre che vorremmo che fossero i colleghi a seguirci nell'interesse di tutti, ma valuteremo se fare come da te proposto nelle eventuali altre iniziative. Grazie ancora per i consigli Ire

  • Fabio

    21/09/2018 - 15:19

    Scusa Patrizia, ma io non ho parlato di "parole grosse". Mi piace l'idea dell'iniziativa, infatti vi ho aderito, ma non vedo come possa coinvolgere i colleghi se il blog, per primo, non la sponsorizza coi suoi iscritti, che immagino siano migliaia e migliaia. Vedo che sulla vostra pagina Facebook avete meno di 500 like, e provando a vedere gli hashtag il primo giorno i post pubblici (che quindi escludono quelli che hanno impostato privacy elevate) sono una decina. Credo che sarebbe stato più utile inviare a tutti gli iscritti del blog un email spiegando l'iniziativa per renderli partecipi e per motivarli, che avrebbe generato molti più risultati. Io ho scoperto che il ccnl è scaduto capitando per caso sul vostro blog, altrimenti non ne avrei avuto idea e chissà quanti ancora non lo sanno. Ho scoperto l'iniziativa solo perché per caso ho visitato il blog, che non controllo tutti i giorni, quindi mi chiedo come possano tutti gli iscritti partecipare se non sono stati informati di nulla? Chissà quanti si sono registrati magari anche anni fa per un dubbio su ferie o informazioni generali, che ottenute le risposte cercate hanno dimenticato il blog, che sarebbe possibile riavvicinare e coinvolgere per l'iniziativa, dandole un giusto risalto anche mediatico... e mi dispiace che non sia stato fatto

  • Patrizia

    21/09/2018 - 15:02

    infatti fabio, è impossibile prevedere una norma contrattuale che ancora deve essere discussa ma nemmeno proposta ma nemmeno pensata .. vedremo. ciao patrizia cgil per fabio : non dobbiamo pensare che usando parole grosse via web si arrivi da qualche parte. Queste sono le illusioni di questi tempi un po' "difficili" , presto ci accorgeremo che ci vuole di più , che la partecipazione fisica e la democrazia rappresentativa è fondamentale , spararle grosse da un po' di adrenalina , poi l'effetto scompare e rimane la frustrazione. Quello che conta nel nostro caso lanciando questo messaggio via we è far venire ai colleghi voglia di partecipare . Vedo che sei molto motivato , quindi va alla Filcams cgil della tua città e dacci una mano con idee , lavoro ecc. La contrattazione è fatica , molta fatica e senza soldati si perde la guerra. Grazie dei tuoi suggerimenti , usiamo tutti le potenzialità del blog in accordo con la Filcams cgil ! patrizia cgil

  • Cristian

    21/09/2018 - 11:59

    Buongiorno Marco, probabilmente il prossimo titolare in quanto solitamente la tantum e/o gli arretrati vengono dati a chi è assunto nel momento della sottoscrizione del nuovo CCNL. Poi bisognerebbe leggere cosa verrà deciso nel rinnovo del CCNL ma potrebbe anche essere che non vengano dati gli arretrati e quindi non avrai nessun problema

  • Marco

    21/09/2018 - 8:25

    Sto per cambiare Studio. Avrò diritto agli arretrati dell'aumento ccnl? Se sì chi dovrà pagarli, vecchio o nuovo datore di lavoro? Ringrazio. Matco

  • Fabio

    20/09/2018 - 16:57

    Ho appena visto l'iniziativa e ho già mandato la mail agli indirizzi indicati. Invierò tutti i giorni fino a giovedì prossimo come indicato. Anche se non è nulla di "sconvolgente" spero sia un segno per far capire che noi ci siamo. Come già scritto in un altro post, spero sia possibile inviare un link al post dell'iniziativa per email a tutti gli iscritti al sito, in modo che non solo i fortunati che regolarmente visitano il blog ma TUTTI i potenzialmente interessato possano dare il proprio contributo... se sono iscritti al sito dovreste avere i loro indirizzi e non dovrebbe essere difficile invitarli a partecipare per moltiplicarne gli effetti....

  • IreFi

    20/09/2018 - 16:27

    Ciao Fabio, se tutti avessimo lo stesso giorno per le scadenze sarebbe moooolto più facile.. siamo di molteplici aree e dunque non tutti hanno quel termine... noi degli studi legali abbiamo scadenze tutti i giorni che variano da fascicolo a fascicolo. L'iniziativa, già online, è la prima ed è piuttosto soft come è sempre stato anche negli anni passati.Dacci comunque suggerimenti.. Vedremo per le prossime cosa poter fare....... se ce ne sarà bisogno! Puoi aderire intanto a questa! Ciao Ire

  • Fabio

    20/09/2018 - 16:18

    Ciao Irefi. Aspetto con speranza di scoprire l'iniziativa che volete mettere a punto, sperando sia qualcosa di eclatante anche a livello mediatico come uno sciopero, magari il 16 del mese, che potrebbe ritardare i pagamenti delle imposte di milioni di ditte.... Se pensano di poterci sfruttare senza riconoscerci retribuzioni adeguate solo perché per la maggior parte siamo donne devono capire che è meglio cambiare atteggiamento... ma vi immaginate cosa vorrebbe dire fermare il versamento di tasse imposte contributi, smettere di elaborare cedolini ecc? Facciamo lavori essenziali per l'economia del paese e veniamo pagati meno di un cameriere o un barista alla prima esperienza!! E i nostri datori di lavoro diciamocelo che non fanno la fame....

  • IreFI

    20/09/2018 - 11:10

    Ciao Luisa, il rinnovo è frutto di trattative. Non possiamo sapere quando sarà rinnovato. ... stiamo predisponendo un'iniziativa da mettere in capo.. a breve l'articolo. Seguici. Ire

  • Luisa Meccia

    20/09/2018 - 10:12

    Buongiorno a tutti, vorrei sapere se c'è già una data utile per il rinnovo del contratto scaduto a marzo 2018..... Luisa

  • IreFI

    18/09/2018 - 11:38

    Ciao Angela, grazie per i tuoi suggerimenti. Un precisazione però.. gli scatti di anzianità sono 8. Un abbraccio

  • Giulia

    18/09/2018 - 11:37

    Buongiorno, scrivo questo messaggio nella speranza che un vostro riscontro possa aiutarmi a chiarire la situazione in cui mi trovo,perchè purtroppo, come ben saprete, ancora ci sono alcune zone d'ombra sulla delineazione della figura professionale dell'assistente di studio odontoiatrico. Lavoro presso uno studio dentistico da settembre 2017 con un contratto a stage con area professionale di segretaria, nonostante le mie mansioni in studio non si limitino alla segreteria. in particolare il mio ruolo comprende la gestione degli appuntamenti, ricevimento pazienti in studio e in poltrona e quando non è il titolare a volerlo fare personalmente gestisco la parte finanziaria/preventivi, prima di salutarli. Mi occupo degli ordini dei materiali, dei contatti con i laboratori tecnici, di sistemare lo studio, della disinfezione del riunito dopo ogni paziente, relativa preparazione per l’appuntamento seguente, sterilizzazione dello strumentario e tutto quel che rimane (cambio filtri, liquidi, varie procedure per gli aspirasaliva ecc). L’unica mansione da “assistente alla poltrona” che comunemente non è tra i miei compiti è quella di aiutare l’odontoiatra in poltrona, perchè il 90% delle volte è aiutato dall’igienista dentale. Solo quando lui non è presente in studio o in altre occasioni mi è stato possibile fare dell'effettiva assistenza in poltrona. Con queste premesse volevo capire se comunque rientro nella figura dell’ASO o meno, e se quindi allo scadere del mio anno di stage posso avere delle basi per rifiutare un contratto come semplice segretaria che mi verrà offerto. Vi ringrazio anticipatamente

  • Angela

    18/09/2018 - 11:30

    Ciao a tutti, sono Angela da Genova ormai in dirittura di arrivo se così si può dire, volevo dare un supporto alla nuova stesura ccnl studi professionali . Dopo 38 anni di lavoro presso uno studio legale, devo dire che dall'1980 ad oggi sono stati fatti numerosi passi . Il mercato del lavoro in tutti questi anni è ovviamente cambiato, e soprattutto è cambiato il modo di lavorare. Oggi ci troviamo in una situazione particolare, in quanto gli impiegati odierni degli studi professionali, molto spesso sono Laureati in Giurisprudenza, anche perchè proprio per loro è cambiata la prospettiva. Rispetto al passato vi è una figura totalmente nuova in un contesto diverso, Sono molti gli studi che sono diventati grandi Studi Legali, e laddove prima esisteva un solo Avvocato e gli impiegati ora esiste un grande Studio formato da diversi avvocati e pochi impiegati e soprattutto quest'ultimi sono in grado di fare tutto . Pertanto fatta questa premessa dobbiamo pensare che in primis chi si affaccia ora nel mondo del lavoro ed in questo settore, sappia che bisogna acquisire più professionalità e quindi studiare più a lungo. Le migliorie da apportare in sede normativa al nostro contratto come prima cosa mi viene in mente che l'anzianità di servizio è poco gratificante, e non va bene che siano solo 5 scatti triennali, perchè c'e questo blocco ? Trovo che debbano essere fino alla fine dell'attività lavorativa laddove questa si perfezioni nello stesso studio. Poi in punto permessi inserirei almento 3 giorni annuali ( 24 ore) fruibili anche in ore relativi a visite mediche o analisi del sangue con documentazione che ne attesti la veridicità. I livelli potrebbero essere visti oltre che per le mansioni assegnate , anche per avere un allineamento al livello attraverso l'anzianità di servizio e creare un automatismo di aumento di livello. Un saluto Angela

  • Patrizia

    13/09/2018 - 10:03

    per emanuele e tutti i naviganti , sulla home page troverete la pagina : pensa ora al tuo futuro "on the road" apritela , parla proprio del fondo pensioni. Le tappe del viaggio, che è ricominciato in questi giorni, le stiamo condividendo su fb ! patrizia cgil

  • Patrizia

    12/09/2018 - 16:58

    caro emanuele, ti ringrazio moltissimo di questo intervento. L'argomento del fondo pensioni lo affronteremo senz'altro. Condivido parola per parola quello che hai scritto. Sui fondi pensioni faremo più avanti un'iniziativa qui sul blog , abbiamo già fatto affrontato l'argomento tempo fa , in archivio blog con il certa troverai i precedenti ma è un argomento vitale per tutti noi! patrizia cgil

  • Emanuele

    12/09/2018 - 15:58

    Buongiorno e buon lavoro a tutto lo staff, non sò quanto riusciremo ad ottenere come aumenti dal lato economico, una cosa però che proverei a chiedere nel rinnovo di contratto è l'aumento del contributo che il datore di lavoro versa, a suo carico, nel fondo pensione di categoria. Attualmente tale percentuale è 1,55% del reddito lordo e visto che per quelli della mia età (ho meno di 40 anni) se "andremo" in pensione prenderemo circa il 60% dell'ultimo stipendio, portare il valore a circa il 2% o più, come hanno fatto con il rinnovo dei contratti dei metalmeccanici, sarebbe già un buon risultato. Grazie per quanto potrete fare... Buon Lavoro...

  • Patrizia

    12/09/2018 - 10:11

    bene ivano, facci sapere , possiamo fare delle cose insieme qui sul blog patrizia cgil

  • Ivano

    11/09/2018 - 23:30

    Grazie Patrizia per tutte le informazioni, prcedero' sicuramente come da tue indicazioni . Buon lavoro Ivano

  • Patrizia

    11/09/2018 - 18:15

    caro ivano, si mi ricordo del tuo post . Conosciamo il tema.. Innanzitutto una preghiera : non scrivere in maiuscolo, viene percepito come aggressivo e qui siamo tutti colleghi sulla stessa barchetta. Grazie Tu parli dell'una tantum , eh si non è solo quella ma anche l'EDR , indennità in caso di mancato contratto regionale. Indennita ricevuta da pochissimi e soprattutto impegno contrattuale disatteso da confprofessioni . L'una tantum è stata riassorbita dall'EDR , impegno che poi non è stato rispettato. A questo proposito abbiamo dato battaglia durissima qui sul blog (fai ricerca nell'archivio del blog e troverai tutto ) ma purtroppo la ns. forza è proprio poca cosa , non abbiamo ne scioperato , ne fatto proteste eclatanti . Questo per dire che non basta che io e te angela irene carmen ed emilia siamo sindacalizzati, ci vuole molto di più , la contrattazione è collettiva non individuale , spero ti sia chiara la differenza! se sei iscritto al sindacato benissimo , ci dai una mano? va nella sede sindacale della tua città a dire le stesse cose che dici qui . Per raggiungere qualsiasi risultato ci vuole pressione , la tessera serve a questo non a chiedere un pezzettino di contratto , questa è una pia illusione. Bisogna fare fatica tutti insieme e più siamo e meglio è! stai con noi . Patrizia cgil ps sull'area territori in alto troverai quasi tutte i regionali filcams on line , vedi se c'è la tua regione e contattala

  • ivano

    11/09/2018 - 10:59

    BUONGIORNO, FABIO E BUONGIORNO PATRIZIA, CI TENGO VERAMENTE A SOTTOLINEARE E RIBADITE UNA COSA CHE HO GIÀ' COMUNICATO MA CHE CONTINUERÒ' A SOTTOLINEARE. PER LA PRIMA VOLTA, CON LO SCORSO RINNOVO E' SUCCESSO QUANTO SEGUE:....NORMALMENTE TUTTI GLI ALTRI RINNOVI ,( COME NEGLI ALTRI CCNL) IL PERIODO CHE INTERCORREVA TRA LA SCADENZA E IL RINNOVO ( ALL'INCIRCA 1 ANNO) VENIVA LIQUIDATA PER I MESI INTERCORSI CON L'IMPORTO DEL'AUMENTO ECONOMICO MOLTIPLICATO PER I VARI MESI..... L'ULTIMA VOLTA IN FASE DI TRATTATIVA E' STATO DECISO DI NON PAGARE QUANTO DETTO (PERDENDO MOLTO DENARO A NOSTRE SPESE). MI AUGURO E CHIEDO ALLA RAPPRESENTANZA SINDACALE ( AL QUALE SONNO ISCRITTO E TESSERATO) DI NON PERMETTERE IL RIPETERSI DI QUANTO ACCADUTO E DI LOTTARE CON FERMEZZA IN QUESTA DIREZIONE. GRAZIE MILLE IVANO (21 ANNI DI LAVORO PRESSO STUDIO PROFESSIONALE).

  • Patrizia

    10/09/2018 - 14:39

    caro fabio , certo che puoi , anzi devi ! il blog è aperto al contributo di tutti., quindi fabio di con libertà quello che vuoi. Quello che descrivi lo fa la filcams -cgil alla quale il blog è collegato, sappiamo che è importante . Grazie ciao ! patrizia cgil

  • Fabio

    10/09/2018 - 13:41

    Se posso permettermi di darvi un consiglio per raccogliere informazioni e consigli da molti colleghi, credo che potrebbe essere utile inviare agli utenti registrati del blog (dei quali dovreste conoscere gli indirizzi email) e invitarli a compilare un sondaggio che potete creare gratuitamente su it.surveymonekey.com, così da raccogliere dati che saranno facili da studiare, e potreste utilizzarlo anche per sensibilizzare la gente sui temi sindacali. Purtroppo non avendo una newsletter, ho paura che molte persone che si sono iscritte magari solo per porre una domanda, col tempo possano essersi dimenticati del blog, o comunque possono non visitarlo con regolarità... E probabilmente queste persone nemmeno sanno che il contratto è scaduto e che possono collaborare alla stesura del nuovo contratto...

  • Patrizia

    10/09/2018 - 9:53

    caro fabio , non abbiamo questa funzionalità, puoi iscriverti alla news letter della filcams cgil attraverso il sito che trovi anche qui. Abbiamo anche la pagina fb , pubblichiamo anche li. Mah .. la discussione serve per chiarirsi e capirsi , è difficile farlo via web lo sappiamo , sarebbe meglio fare assemblee , però cerchiamo comunque di discutere in modo costruttivo. Mi pare tu sia rimasto sulle tue posizioni , spero che frequentandoci ci capiremo. Di dove sei e dove lavori ? puoi darci una mano , andare in una sede sindacale e dire le cose che ci hai detto qui , il "quanto dovremo aspettare" non serve , serve essere attivi e partecipi i risultati si ottengono così. Spero di avere chiarito , noi ti aspettiamo .. come tutti i colleghi di buona volontà ciao patrizia cgil

  • Fabio

    09/09/2018 - 22:35

    Grazie per la risposta Patrizia! Non so esattamente su cosa vorresti che ti rispondessi, comunque mi terrò informato sull'evolversi della situazione del rinnovo e staremo a vedere. PS sarebbe possibile ricevere una newsletter dal sito in caso di novità? Mi sono registrato al sito ma non sono riuscito a trovare funzionalità aggiuntive rispetto agli ospiti o impostazioni in cui settare le nostre preferenze... Sto magari cercando nel posto sbagliato?

  • Patrizia

    09/09/2018 - 22:17

    caro fabio, ti sbagli non la prendo sul personale, la questione è assolutamente sindacale. Noi facciamo rappresentanza in questo modo perché non ci sono lavoratori organizzati nel nostro settore , vedo che non hai letto con attenzione quanto ho scritto , quando si tratta di donne si pensa sempre che la prendono sul personale .. no no ti sbagli di grosso ! la rappresentanza si fa con i lavoratori che ti danno la delega , se non ci sono si fa quello che si può. Certo che è responsabilità dei lavoratori di categoria , di chi sennò ? noi lavoriamo negli studi professionali , noi dobbiamo prenderci la responsabilità di sostenere le nostre richieste. E' un errore gravissimo non rendersi conto che abbiamo delle responsabilità . Il sindacato è un'associazione di lavoratori , non è il ministero de i contratti e nemmeno un supermercato dei contratti , si muove se i lavoratori chiedono rappresentanza , noi l'abbiamo chiesta ? no e quindi la responsabilità è nostra . Abbiamo la fortuna che il sindacato comunque è forte grazie alla rappresentanza dei lavoratori degli altri settori e riesce a fare contratti anche di categorie sottorappresentate come la nostra , altrimenti se fosse stato per noi saremmo senza contratto dal 1974 in poi . Allora , caro fabio, vogliamo renderci conto che oltre a i diritti ci sono anche i doveri ? e il nostro dovere è di prenderci anche le nostre responsabilità e non solo di "pretendere" . Tu in questo momento stai parlando con chi ha seguito tutti i contratti e anche i 10 anni di buco , quindi io ti posso dire il perché , perché io in questo momento rappresento il sindacato. Io non la prendo sul personale ti sbagli , mi dispero perché tanti la pensano come te , si pretende da altri mai da se stessi. Mi piacerebbe che tu riflettessi , discutiamo pure non c'è problema, non abbiamo paura di discutere e questi sono temi importanti e senza discuterne fino in fondo non si va molto lontano. Mi aspetto che tu risponda ciao ! patrizia cgil ps. mi pare di averlo già detto ma i 10 anni senza contratto sono dovuti alla mancanza di controparte e senza controparte non si ha la trattativa . Leggi bene e senza pregiudizio quello che scrivo

  • Fabio

    09/09/2018 - 20:06

    P.S. Non conosco esattamente le statistiche dei dipendenti col CCNL degli Studi Professionali, ma non faccio fatica a immaginare che la stragrande maggioranza siano donne. Visto che si parla molto di differenze retributive a livello nazionale per genere, e visto che oggettivamente i nostri minimi sindacali sono inferiori alla media di altri contratti con pari responsabilità, non c'è modo di far pesare la situazione in sede di rinnovo?

  • Fabio

    09/09/2018 - 19:59

    Mi spiace Patrizia che tu l'abbia presa sul personale, ma quanto ho detto credo sia abbastanza oggettivo e basato su fatti concreti. Tempistiche di inizio trattative in ritardo, contratto in passato rinnovati con anni di ritardo, retribuzioni non paragonabili ad altri contratti per mansioni di carattere impiegatizio... Costanza e determinazione saranno anche buone virtù ma nell'ultimo anno in cui si sarebbe potuto aprire le trattative non hanno portato a molto... Quanti mesi dovremo aspettare prima della firma definitiva? Perderemo gli aumenti da marzo 2018 alla stipula? Saranno anche interessanti le discussioni su carattere sindacale, ma i fatti concreti derivanti da un'inadeguata (o quantomeno non ottimale) gestione della contrattazione di pochi va ad incidere profondamente nella vita di migliaia e migliaia di lavoratori... Non mi fa troppo piacere vedere che si cerchi di ribaltare la colpa sui lavoratori che obiettivamente non hanno voce in capitolo, invece di spiegare cosa è stato fatto nell'ultimo anno e i motivi per cui si è scelto di prorogare tacitamente un contratto senza nemmeno fissare un calendario per i lavori... Prima di creare fraintendimenti, il mio sfogo non è rivolto alle singole persone quanto alla gestione della situazione... Non sarò del mestiere e non capirò tutto quello che ci sta sotto, ma quantomeno mi sarei aspettato che se il contratto prevedeva l'inizio delle trattative a settembre 2017, a settembre 2018 non dovremmo essere a zero...

  • Patrizia

    09/09/2018 - 14:24

    caro fabio, eccoci qui .. piacere siamo le rappresentanti sindacali che dici di voler conoscere , quando vuoi o dove vuoi , naturalmente. Ti confermo non abbiamo le palle , siamo 5 donne e anche volendo .. proprio non ce la possiamo fare! Non pensi che ci sia in giro abbondanza di testosterone ? le virtù femminili sono preferibili sai : costanza e determinazione . Di queste , ti assicuro, siamo ben dotate visto che sono 15 anni che lavoriamo gratuitamente a questo blog e facciamo attività sindacale con i nostri permessi e ferie , io continuo a farlo , nonostante sia in pensione da due anni. Veniamo a noi : rovescio la tua domanda : dove sono i lavoratori di questa categoria, hanno le palle ? davvero credi che per ottenere dei risultati basti un sindacalista che batta i pugni sul tavolo così non cala le braghe ? Ho lavorato 42 anni negli studi professionali e ho sempre fatto attività sindacale e so come nella categoria ragioniamo .. purtroppo. Allora comincia a domandarti : cosa sei disposto a fare per organizzare sindacalmente la categoria , sei il benvenuto . Finora non ho visto folle in sindacato per dare forza a chi va al tavolo . Un bagno di umiltà starebbe bene a tutti. Un ultima cosa, così integro anche la risposta a Giulia: le categorie organizzate , quando scade il contratto, hanno un percorso definito e quindi si comincia 6 mesi prima con la costruzione della piattaforma nelle assemblee dei lavoratori , l'approvazione e l'invio alla controparte ecc. fino al referendum alla firma del contratto. Noi non abbiamo quasi nulla di rappresentanze dei lavoratori dovevamo scegliere un'altra strada , così ci siamo inventate il blog e qui tentiamo di fare quello che non ci riesce a fare nel modo definito dalla democrazia sindacale , cerchiamo di fare partecipazione qui sperando che si traduca poi in quella vera ,e cose che scriviamo qui hanno grande importanza , arrivano al nazionale e al tavolo delle trattative, ve lo assicuro. E' molto faticoso ma ci crediamo per questo ci dispiacciono messaggi come i tuoi , perché vuol dire che non si vuole capire qual' è il problema : noi .. è più facile buttare addosso la responsabilità a un x sindacalista che non ha le palle piuttosto che guardarsi allo specchio. esercizio sempre salutare. Vorrei tu mi rispondessi , altrimenti buttare il sasso lascia il tempo che trova , in quanto alla polemica , io non ho problemi sono mezza toscana e la polemica è il mio pane. Patrizia cgil

  • Fabio

    08/09/2018 - 0:20

    Ma è possibile che dopo più di 5 mesi dalla scadenza del contratto ancora non si sappia NULLA e che nemmeno ci siano stati degli incontri preliminari? Il CCNL scaduto prevedeva l'inizio delle trattative sei mesi prima della scadenza, quindi ormai il ritardo è di quasi un anno ormai... Non conosco i nostri "rappresentanti" sindacalisti attivamente impegnati nelle trattative, ma sarei curioso di sapere cosa hanno fatto finora per far sentire la nostra voce, oltre a piegarsi alla controparte che naturalmente ha tutto il vantaggio di vedersi rinnovato tacitamente il contratto di anno in anno... Scusate lo sfogo ma qui si parla tanto di peso fiscale e importanza del tesseramento... Ma a cosa serve tutto questo se in un anno neanche sono iniziate le trattative? Forse servirebbero semplicemente rappresentanti con le pa*** che sappiano farsi valere... E qui finisce la mia polemica

  • Patrizia

    07/09/2018 - 18:29

    cara giulia, non è meccanico il rapporto iscritti /contratto ovviamente , diciamo che più iscritti si ha e pià forza sindacale si ha per sostenere le proprie ragioni , con pochi iscritti il sindacato fa più fatica , e noi ne abbiamo fatta tanta! In ogni caso i contratti si fanno sempre ma con 4 stuzzicadenti non si fa in guerra con una cannone è meglio! Dici tante cose stimolanti che ci porterebbe lontano , è vero il sindacato è molto lontano dai ragazzi come te , le ragioni sono molte , diciamo che andrebbero riscoperte le ragioni della rappresentanza , fondamentale per la democrazia. Di che città sei? magari sei vicina ad una di noi e due chiacchiere di persona le facciamo sempre volentieri ! ciao e buona domenica a tutti ! patrizia cgil

  • giulia

    07/09/2018 - 18:06

    ciao Patrizia, grazie per le risposte... 🙂 mi pare di aver capito che i nostri rinnovi di contratto sono ridicoli perche' i sindacati hanno pochi iscritti dagli studi professionali??? giusto?? mentre chi ottiene contratti migliori e' perche' su scala nazionale ne ha di piu'.... sempre giusto??? quindi tutte queste buone e giuste osservazioni che facciamo qui...a volte anche ripetute..in sede di contrattazione non varranno nulla o quasi nulla perche' cmq mancano gli iscritti...direi che stiamo combattendo una battaglia persa in partenza a meno che non ci sia una sensibilizzazione immediata di tutti noi poveri (in tutti i sensi) impiegati degli studi professionali al tesseramento...quindi no alle campagne di tesseramento ma direi si alle campagne di sensibilizzazione!non so se mi sono spiegata....un'altra cosa: i sindacati rappresentano tutti i lavoratori..iscritti e non..perche' lavorano tutti alla fine!!!quindi sono i soldi dei tesserati iscritti a dare la forza a chi ci rappresenta, o il numero?ti spiego dove voglio arrivare....non so quanto costi il tesseramento perche' non mi sono mai informata (lo ammetto) ma x favorire un maggior numero di iscritti di solito la tecnica migliore e' sempre rendere meno onerosa l'adesione!parlo da completa ignorante in materia..e non voglio offendere nessuno!grazie anche a cristian per la risposta..in risposta a cristian dico no non e' giusto neanche quello...ma non esiste una mentalita' sindacale nei giovani....non vengono sentiti i vantaggi dall'iscrizione a un sindacato..forse perche' non si vedono, non si sentono e non si capisce che lavorano per noi...parlo per le persone piu' o meno della mia eta'... (io sono sulla trentina). grazie e buon week a tutti!

  • Patrizia

    07/09/2018 - 12:06

    sempre bis: qui rispondiamo a tutti senza chiedere il tesseramento, noi tutte rispondiamo sempre personalmente in cgil per telefono a tessserati e non tesserati siamo tutti lavoratori. patrizia cgil

  • Patrizia

    07/09/2018 - 12:04

    caro cristian , si ha l'idea che il tesseramento sia una sorta di buono acquisto no, il tesseramento è soprattutto una adesione. Il sindacalista interviene sempre in difesa del tesserato e del non tesserato ma se il lavoratore deve essere rappresentato con l'azienda c'è bisogno di una delega , come l'avvocato ha bisogno di un mandato, altrimenti non può rappresentare quel lavoratore. Quindi il tesseramento è una delega alla rappresentanza oltre , come dicevo prima, non solo da la possibilità di partecipare alla vita democratica dell'organizzazione. Naturalmente il tesseramento ha un costo come lo ha qualsiasi tesseramento ad altra associazione : arci, uisp, wwf, acli ecc. il costo del tesseramento si paga attraverso la busta paga. E' tutto chiaro ? ciao grazie cristian , andiamo pure in profondita chiarendo tutti ma proprio tutti i dubbi.

  • Patrizia

    07/09/2018 - 11:56

    bis… naturalmente il tesseramento serve soprattutto per partecipare , discutere ciao patrizia cgil

  • Patrizia

    07/09/2018 - 11:35

    cara giulia, devi rispondermi , me lo aspetto , voglio che tu mi risponda , perché attraverso te posso chiarire i dubbi e rispondere alle domande che non sono solo tue ma di tutti. In 15 anni non abbiamo mai , dico mai , promosso una campagna di tesseramento al sindacato e non lo faremo mai. Ne parliamo questo si . Il tesseramento è una scelta personale di adesione ad una organizzazione. Parliamo di tesseramento perché attraverso i numeri di adesione passa la rappresentanza , cioè la forza. La cgil ha 5 milioni di iscritti in totale , questo le da la forza di parlare e di trattare a nome dei lavoratori , non occorre che tutti i lavoratori siano iscritti ma un buon numero si per essere rappresentativi. E' evidente che chi è iscritto ottiene i risultati per tutti , iscritti e non iscritti. Tanto è vero che ai referendum per approvare un contratto partecipano appunto tutti. Nelle categorie che tu citi evidentemente ci sono abbastanza iscritti sul piano nazionale da poter essere rappresentativi. Noi abbiamo invece questo problema, Mi segui? è importante per il lavoratore essere rappresentato , il problema non è tanto del sindacato in quanto struttura ma se calano gli iscritti , la rappresentanza dei lavoratori si indebolisce, mi segui? quando vedi le buste paga degli altri lavoratori di altri settori , la risposta non è la rabbia ma devi farti la domanda giusta : perché , e quella te la sei fatta, e subito dopo . cosa posso fare ? io tanti anni fa nel 1974 mi sono data una risposta che è arrivata fino a qui . Domandami quello che vuoi , fai un piacere a me , non aspetto altro che parlare di questi argomenti, girano molti luoghi comuni, idee distorte , false convinzioni. E' bene discuterne! grazie a te Patrizia cgil

  • Cristian

    07/09/2018 - 11:35

    Ciao GIULIA, penso di interpretare il pensiero di Patrizia. Io per 2 anni nel periodo universitario ho affiancato un sindacalista Fiom - Emilia Romagna e dovunque, visto il peso sindacale che avevamo, ci ascoltavano, se per ipotesi un nostro iscritto si lamentava di qualcosa entro 24 ore ci chiamavano dall'ufficio del personale per risolvere la questione. Se fosse stato iscritto al sindacato pincopalla e non iscritto magari avrebbero aspettato una settimana. E' Giusto? Non penso ma è cosi. Altro lato della stessa medaglia però se il sindacato firmava un accordo con il quale si alzavano i minimi contrattuali questo valeva sia per il tesserato che per il non (Il tesserato ha una trattenuta sulla busta). Questo è giusto?

  • giulia

    07/09/2018 - 9:54

    Ciao Patrizia, mi permetto di risponderti per capire meglio...quindi quello che vuoi dirci e' che non otterremo mai risultati se non ci tesseriamo? questo lo posso capire e anche accettare...allora cercate di promuovere un tesseramente collettivo a partire da questo blog... leggo da poco quindi forse mi sono persa le discussioni....un'altra cosa...nel nostro studio gestendo anche il personale dipendente in parte ti posso dire che su 200 dipendenti circa e di svariati contratti collettivi...(sono tutte piccole imprese..nessuna supera i 15 dipendenti) nessun dipendente e' iscritto al sindacato....NESSUNO.. parlando anche con amici, parenti, conoscenti che magari lavorano in imprese di dimensioni maggiori....nessuno mi risulta iscritto....non che sia positivo per voi...ma quello che vedo e' che in ogni caso comunque gli altri contratti hanno rinnovi migliori....e purtroppo li vedo in prima persona...a volte preferirei non vedere!!!perche' questa cosa?

  • Patrizia

    06/09/2018 - 21:04

    caro fabio, i tempi di un rinnovo non sono certi , non ci sono automatismi , il contratto stabilisce un iter per l'invio della piattaforma , atto formale necessario per avviare il tavolo, prima non si può. Questi mesi che sono passati sono normali , il cambio del governo , con un'attesa di alcuni mesi , la modifica delle norme sul lavoro a tempo determinato sono tutti eventi che stanno un po' rallentando l'avvio della trattativa. Dobbiamo tenere presente che tutte le modifiche legislative possono essere o meno recepite dai contratti , quindi è tutto normale. Tieni conto che di libera trattativa tra le parti , quindi i tempi li stabilisce la libera contrattazione e l'azione di pressione di ciascuna parte ma anche i fattori esterni di qualsiasi tipo, per noi , per esempio, negli scorsi difficili rinnovi ha contato molto le difficoltà della controparte ad essere un interlocutore credibile , una decina di anni fa confprofessioni non esisteva e al tavolo ci siamo trovati anche con 33 sigle sindacali di professionisti e infatti quei rinnovi sono arrivati dopo un bel po di tempo. Questo problema ora non c'è perché confprofessioni è solida e soprattutto ci sono relazioni costanti con il sindacato, come si vede dagli accordi continui che vengono firmati dagli enti bilaterali , v. la pubblicazioni dell'articolo di oggi. Abbiamo continui contatti anche noi con il nazionale , quindi io sono fiduciosa che a breve sarà convocato il tavolo, non vedo impedimenti particolari , portiamo un po' di pazienza e magari attiviamoci tutti e andiamo in sindacato. ciao ! patrizia cgil ps se non sono stata chiara chiedete , non ho problemi a darvi tutti i chiarimenti possibili

  • Fabio

    06/09/2018 - 20:22

    Ho solamente una curiosità... È la prima volta che seguo l'iter di rinnovo di un CCNL e non so nulla su tempistiche ecc... Ma è normale che il tavolo di trattativa non sia stato convocato PRIMA della scadenza del vecchio contratto e che ancora, dopo tutti questi mesi, ancora non si sappia nulla? Quanto tempo potrebbe servire per raggiungere un accordo? Grazie!

  • irefi

    06/09/2018 - 10:10

    Ciao Impiegato.. ma ce lo dici il tuo nome?? 🙂 E' scaduto nella sua interezza il ccnl... viene da chiederti una cosa: che contratto ti applicano? Un salutone! Irene

  • Cristian

    06/09/2018 - 10:07

    Ciao IMPIEGATO, il 31/03/2018 è scaduta sia la parte normativa che quella economica. Tutti i vostri pareri/consigli sono condivisibili ma penso che equiparare i vari CCNL sia oltre che sbagliato anche una idea utopica. Sono troppe le differenze lavorative ed ambientali. Poi se si vuole sognare l'ideale sarebbe un unico CCNL con 10/20 livelli 😉

  • Impiegato

    06/09/2018 - 7:51

    Scusatemi ma vorrei fare una domanda per chiarirmi le idee. Vedo che molti colleghi parlano di aumenti di stipendio dovuti al rinnovo del CCNL... Mi era però parso di capire che fosse scaduta solamente la parte normativa del contratto e non anche quella economica, quindi credo che gli aumenti tabellari non dovrebbero essere all'ordine del giorno della trattativa, o sbaglio? Potrebbero comunque aumentare i minimi anche in sede di rinnovo della parte normativa? Grazie

  • Patrizia

    05/09/2018 - 20:59

    cara giulia, gestiamo questo blog da 15 anni, siamo 5 dipendenti degli studi professionali, quindi siamo colleghe , giusto? ok , bene . Se scorri l'archivio che trovi sulla home page sui rinnovi contrattuali , troverai discussioni interessanti proprio sulle questioni che poni tu. Ad ogni rinnovo contrattuale si susseguono le stesse domande e , ahimè, le nostre stesse risposte. La risposta è semplice: i contratti di categoria non sono obbligatori , non sono leggi dello stato, sono libere contrattazione tra le parti , significa che ci sono due parti : datori di lavoro e dall'altra parte del tavolo rappresentanti dei lavoratori, entrambe le parti mettono sul tavolo di trattativa la loro forza contrattuale . E' decisiva la forza di rappresentanza , quindi quanti tesserati e l'organizzazione sindacale se non ne hai, ottieni quello che si può… non basta dire "è giusto , e mio diritto " bisogna avere la forza per ottenerlo , chissà perché questo passaggio non si riesce mai a comprendere, mah , eppure è fondamentale , senza forza contrattuale non si va da nessuna parte , per questo "banalissimo" motivo abbiamo saltato due rinnovi contrattuali e sulla ns. busta paga si vede , eccome ! ti faccio un esempio pratico : la vertenza ilva , come vedi in questi giorni il sindacato ha dichiarato sciopero e ha chiesto un tavolo di trattativa urgente , funziona così , segui la vertenza e ti sarà chiaro quello che ti sto dicendo e poi fa il confronto con la ns. categoria : abbiamo mai fatto sciopero? abbiamo una struttura sindacale ? Cara giulia, se anche tu , come noi, pensi che la ns. categoria sia trattata male e che meriteremmo di più , non c'è altra strada che l'attività sindacale, cosa che noi facciamo con la filcams - cgil, ne abbiamo bisogno , escludo che in 5 si possa far paura alla nostra controparte ma su circa due milioni di dipendenti possiamo sperare di essere molti di più a sostenere le ns. ragioni ?? naturalmente se non sono stata chiara chiedetemi , io parlo molto volentieri di questi argomenti , a dire la verità molto di più che di mere informazioni , stile bancomat, siamo anche a vostra disposizione per prendere contatti con la filcams cgil , basta chiedere, vero ragazze ? ciao patrizia cgil

  • giulia

    05/09/2018 - 18:42

    io sono a favore di un rinnovo dei minimi contrattuali (che corrispondo anche ai massimi perche' difficilmente i datori di lavoro danno qualcosa in piu'..anzi se potessero li ridurrebbero) che dovrebbe essere CONSISTENTE in modo da allinearci alle impiegate degli altri settori...facendo le buste paga siamo le impiegate con maggior professionalita' ma piu' sottopagate d'italia....perche' questa cosa??? oltre tutto abbiamo dei tempi di preavviso in caso di dimissioni biblici...una riduzione non sarebbe male...siamo pagate poco ma quando troviamo un lavoro nuovo improvvisamente diventiamo indispensabili e abbiamo i preavvisi piu' lunghi?? perche'??? poi sono d'accordo coi precedenti post di obbligare a un passaggio di livello dopo un determinato numero di anni...altrimenti stiamo freschi...e anche dei buoni pasto come hanno gli altri contratti sarebbe utile..purtroppo abbiamo questo brutto vizio di mangiare anche noi...

  • irefi

    03/09/2018 - 15:06

    Ciao Ivano e Ciao "impiegato" (.. fa un po' strano chiamarti così...!) grazie per averci scritto i vostri pensieri sul rinnovo. Spulciate ancora il CCNL! a presto Irene

  • Impiegato

    03/09/2018 - 13:22

    Per me la cosa più importante su cui puntare è una migliore chiarezza nelle mansioni per l'inquadramento. In particolare, nel'area economico-amministrativa, cosa si intende esattamente per "Impiegato d'ordine" (4^ livello)? E' ovvio che quando un commercialista assume un nuovo dipendente lo fa per fargli gestire in autonomia le ditte clienti, e quindi sarebbe più opportuno l'inquadramento dal livello 4^ super (quale commercialista "detta" le singole scritture da registrare??! Invece molti datori di lavoro se ne approfittano e inquadrano gli impiegati nel 4^ livello, che dovrebbe essere per le attività più "base"... Per me sarebbe proprio da eliminare la dicitura "impiegato d'ordine" (che mi sembra una cosa superata) così da non lasciare adito a interpretazioni poco rispettose nei confronti dei lavoratori

  • IVANO

    30/08/2018 - 11:22

    SPERIAMO CHE IN QUESTO RINNOVO RIUSCIREMO AD OTTENERE ANCHE "GLI ACCUMULI" PASSATEMI IL TERMINE, MATURATI DA MARZO AL RINNOVO SLL'AUMENTO CHE OTTERREMO, COME ACCADDE PER IL COMMERCIO, VISTO CHE, ALL'ULTIMO RINNOVO PURTROPPO ABBIAMO PERSO QUESTA POSSIBILITÀ' IN FASE DI CONTRATTAZIONE E ALLA FINE NEGLI ANNI SI ACCUMULANO LE DIFFERENZE CON GLI ALTRI CONTRATTI .... FORZA RAGAZZI QUESTO E' IL MOMENTO PER FARCI SENTIRE!!! IVANO

  • Patrizia

    28/08/2018 - 21:54

    cara Marzia , ah saperlo ! sono decisioni che verranno prese nella legge di stabilità entro l'anno. Attenzione il bonus non è di renzi ma del governo renzi ed è uno sconto fiscale sull'imponibile annuale irperf e può ridursi o annularsi a seconda del variare dell'imponibile , è importante conoscerne bene il meccanismo per evitare sorprese a fine anno ! Per consolarti un po' : siamo in fase di rinnovo contrattuale qualche soldo arriverà patrizia cgil

  • Marzia

    13/08/2018 - 15:57

    Buongiorno a tutti. La butto lì ... e se veramente tolgono gli 80 euro del bonus Renzi? Ci sono alternative per noi povere impiegate /i di studi professionali che come ne mio caso dopo 24 anni di sevizio posso dire di arrivare a 1.300 e rotti euro con il bonus? Grazie Marzia

  • irefi

    02/08/2018 - 16:13

    Cara Alessia, non sai che piacere leggerti. Il tuo post ci permette, ancora una volta, di ribadire che il dialogo è importante in studio. Siamo altrettanto felici di leggere del clima che si respira nello studio dove lavori tu. Disteso e sereno. Purtroppo però non in tutti gli studi è così. Ci sono studi dove entri a 20 anni ad un 4° livello e, nonostante le reiterate richieste, esci 30 anni dopo a 50 sempre con un 4° livello. Ci sono studi dove avere l’iscrizione a Cadiprof è ancora un miraggio. Ci sono studi dove addirittura la maternità o il matrimonio sono "problemi" tali da comportare addirittura licenziamenti. Ci sono studi dove il dialogo è pura utopia. Ci sono studi dove i lavoratori, nostre colleghe e colleghi cara Alessia, stanno molto peggio di noi due. E sto parlando di diritti! Non mi addentro nelle richieste di cose non ancora qualificate come tali. Per esigere un “diritto” a qualcuno basta chiedere. Qualcuno ha la fortuna di non dover neppure chiedere. Altri invece, nonostante le richieste fanno una fatica bestiale a vederselo riconosciuto. Per avere qualcosina in più di un diritto (es. buoni pasto o superminimi), qualcuno viene ascoltato ed accontentato, altri chiedono e rimbalzano, altri ancora non chiedono nemmeno perché già fanno fatica a vedersi riconosciuti i diritti contrattualmente stabiliti. Mi dai lo spunto per spiegare perché è importantissima la contrattazione nazionale: nessuno deve sentirsi escluso e tutti devono avere almeno la stessa base di partenza e gli stessi diritti fondamentali (permettimi i termini). Non so se ve lo abbiamo mai detto, ma è proprio questo il motivo per il quale abbiamo deciso di buttarci a capofitto nel blog e nelle dinamiche sindacali. Perchè, lo ricordo a te ed a tutti, questo blog è sindacale. Siamo molto felici se nello studio dove lavori tu, il tuo titolare è così lungimirante da capire che avere dipendenti sereni e soddisfatti è la chiave di tutto, ma credi, tuo padre è una goccia nel mare. Per molti, invece, è solo grazie al CCNL se riescono ad ottenere qualcosina. Quello strumento non è certo perfetto, ma possiamo tentare di migliorarlo ricordandoci sempre che senza quel contratto, probabilmente tante colleghe e colleghi non avrebbero neppure quel po' di diritti che oggi hanno (abbiamo!). Dunque, venendo allo scopo del post che hai commentato, anche tu che nello studio non hai problemi, potresti darci dei suggerimenti per aiutarci a migliorare questo strumento e conseguentemente le condizioni di lavoro delle nostre colleghe e dei nostri colleghi. Se hai voglia, leggilo e dicci la tua. Lo trovi anche qua sul blog nell’area dei documenti. Buona giornata,buone ferie e complimenti a tuo padre! Irene

  • Alessia

    02/08/2018 - 7:56

    Salve, mi permetto di intromettermi in ottica costruttiva, essendo io un ibrido tra titolare e impiegata in quanto lavoratrice figlia del titolare, che umilmente e felicemente sta alla pari del resto del personale. Prima di pensare a buttarsi ambito sindacale, sarebbe opportuno iniziare a parlare apertamente con il proprio datore di lavoro che 98 volte su 100 (da noi ma anche in tanti altri studi) non sa o non si rende conto dei problemi/pensieri/opinioni/aspirazioni/disagi dei lavoratori (non tutti ma tanti) che borbottano o fanno battutine o parlano tra di loro pensando che magicamente l'aura dello studio, intrisa di mezze parole, illumini il titolare su aspetti che non gli sono mai stati nemmeno riportati. Considerate che il professionista non sempre è uno psicologo che intuisce o capisce tutto al volo… non si possono esporre i problemi dopo aver dato le dimissioni!! Ci vuole chiarezza. Ovvio che mi riferisco ai datori di lavoro corretti, presupposto fondamentale. Sui furbetti non posso che essere d'accordo con le vostre recriminazioni.

  • Patrizia

    01/08/2018 - 19:31

    caro marco , per quello ce lo siamo perse anche noi .. non ci sono notizie , ma a settembre ci saranno di sicuro ! buone calde ferie

  • Marco

    31/07/2018 - 23:23

    Scusate se me lo sono perso ma quando sarà convocato il tavolo per la contrattazione?

  • Patrizia

    27/07/2018 - 18:15

    caro maurizio , so bene com'è , ho lavorato 40 anni negli studi . Ho solo risposto a marco che , al di là della contrattazione nazionale, si possono contrattare alcune cose in studio , per esempio se in studio riusciamo ad ottenere i buoni pasto non si deve aspettare il contratto nazionale , tutto qua. L'è dura si , altroché ! quante volte in studio fino alle 21 per poi nemmeno una pacca sulla spalla , ecco perché ho cominciato a fare attività sindacale . Se lo facessimo in tanti faremmo molto meno fatica al tavolo delle trattative , caro maurizio , c'è una buona cura per rabbia e frustrazione : l'attività sindacale per poter dare un senso alle cose che giustamente lamenti. ciao patrizia cgil

  • maurizio

    27/07/2018 - 10:38

    Marco concordo… e Patrizia lo sai benissimo: SE NON SI OBBLIGA con un contratto qui manco ti darebbero lo stipendio. I TICKET sarebbe un minimo riconoscimento a chi lavora full time o minimo 6ore considerandoci persone che come loro mangiano a pranzo e non darci scontati. Qui pure la carta igienica ci compriamo...hai da aspettare che ci riconoscano il buono pasto o minimo di rispetto se non previsto da un contratto. Poi certo… sotto scadenze tutte ore regalate per senso civico del lavoro e responsabilita' ma ti devi sbattere da solo, farti l'auto formazione che gia' il titolare le evita falsificando l'entrata e l'uscita puoi capire se manda noi dipendenti. La situazione è triste ed avvilente… x questo confidiamo in un rinnovo SENSATO al 2018 realistico alle situazioni degli studi e vita attuale. i titolari sappiano che noi impiegati siamo quelli che li fanno andare nei club e far la bella vita… ma riconoscerci un minimo di professionalita' no? potrebbero pure passarci una pensione integrativa come in tante aziende e banche. il nostro lavoro ha ben piu' responsabilita' di un bancario o statale. E se non obblighi un passaggio di livello qui muori al 4° livello anche se ci lavori da 20anni. Ehhhhhhhhhh cara Patrizia… l'è dura. Sul telelavoro sarebbe stupendo come fan tante aziende ma almeno qui che viaggia tutto cartaceo sarebbe impossibile. per le donne sarebbe doveroso poterlo fare...mandano avanti famiglia, figli e gli imprevisti sono all'ordine del giorno. RIASSUMENDO: CARI DATORI DI LAVORO CHE SICURAMENTE CURIOSATE QUI...considerateci persone e non oggetti scontati che devono fare… :))

  • Patrizia

    26/07/2018 - 18:55

    si è vero marco, infatti molti studi li hanno adottati in modo unilaterale , Nulla impedisce di farlo ed è anche nell'interesse del datore di lavoro in tutti i sensi ma purtroppo se non si vede più in la del proprio naso.. patrizia cgil

  • Marco

    26/07/2018 - 14:01

    Ciao Patrizia. Ci siamo, ci siamo. Nello studio dove lavoro io, tra le varie cose, faccio anche le buste paga dei dipendenti, tra cui anche la mia. Comunque va be... Rifiutare di concedere i buoni pasto è proprio da poveri. A parte che sono pure deducibili per le tasse, e poi, secondo me, è pure un modo per incentivare il dipendente a venire a lavoro visto che vengono erogati solo se si lavora.

  • Patrizia

    25/07/2018 - 18:44

    cara sonia, si ho visto abbiamo pubblicato solo una parte dell'accordo , lo trovi intero sull 'home page nell'archivio 2018 c'è l'articolo intero con lavoro tutto l'accordo. Per la formazione ricorda che c'è fondoprofessione il nostro ente contrattuale per la formazione ! leggi e fatti venire qualche idea! patrizia cgil

  • Sonia

    25/07/2018 - 13:56

    Patrizia scusa, cercavo l'accordo territoriale di Bolzano, ma quello pubblicato nella sezione territori non parla di lavoro agile o telelavoro. A meno che non sia impazzita (io) e non sappia più leggere parla di lavoro a chiamata. Potrebbe inoltre essere interessante stabilire nel contratto le modalità di fruizione dei corsi di aggiornamento (che a mio parere dovrebbero essere obbligatori) vista la mole di novità che ci sono ogni anno (quantomeno nel mio ambito contabile/fiscale/gestione del personale)

  • Patrizia

    24/07/2018 - 19:22

    Caro marco , siamo contente che ci siano finalmente gli uomini ! ci vuole il vostro punto di vista. Anch'io credo che per l'orario sia dura , ho sempre lavorato oltre l' orario anch'io mah! Hai ragione sai siamo dei piccoli professionisti .. l'ho sempre pensato , ecco dovremmo dirlo in tanti al tavolo delle trattative , la professionalità si paga ! se stiamo zitti credono che in fondo siamo contenti … patrizia cgil ps buoni pasto ci proviamo da 15 anni ...

  • Marco

    24/07/2018 - 8:52

    Per me diminuire l'orario contrattuale da 40 a 38 ore oltre che ad essere un'utopia, visto che non ci credo nemmeno se lo vedo che lo faranno, è una cosa assolutamente inutile: io già ora faccio più di 40 ore settimanali in media e dello straordinario non vedo nemmeno l'ombra. Sai a quanto serve passare a 38... tanto se devi fare una cosa che ti scade la devi fare a prescindere dall'orario. Noi siamo piccoli professionisti pagati come il cassiere del supermercato. Comunque... secondo me sono semplicemente da aumentare le retribuzioni magari mettendo un passaggio di livello obbligatorio in base all'anzianità e poi si... i buoni pasto... quelli sono un'ottima idea tra l'altro nemmeno troppo costosa per il datore di lavoro quindi è sicuramente fattibile.

  • Patrizia

    23/07/2018 - 20:03

    caro lorenzo, no non è stato chiesto.. ma in ogni caso ti avremmo risposto lostesso! L'IVC è regolamentata da accordi confederali . Le parti firmatarie del contratto scaduto , possono decidere o meno di sottoscrivere un verbale di accordo per corrisponderla . Il datore di lavoro può anche decidere unilateralmente di pagarla . Sono in ogni caso pochi euro che poi andrebbero detratti dagli aumenti contrattuali . Guarda sulla busta paga è indicata IVG (indennità di vacanza contrattuale). Altra cosa è l'una tantum : è una indennità decisa in sede di firma del contratto che non ha dei parametri di riferimento ma è frutto di una trattativa , non è nemmeno detto che si riesca ad ottenerla , nel 2011 non ci siamo riusciti . Dipende dalla nostra forza contrattuale , come ho detto tante volte! ci sono poi delle questioni pregresse che vorremmo riprendere di mancati impegni da parte di confprofessioni di cui carmen ha promesso vi parlerà! ciao patrizia cgil

  • Patrizia

    23/07/2018 - 19:53

    cara sonia, Abbiamo lungamente discusso con il nazionale proprio della necessità di individuare norme flessibili sull'orario di lavoro adatte alla nostra categoria che è sostanzialmente femmiline. Il telelavoro è già regolato dal contratto di lavoro (art.57) che recepisce la legge. Non è di facile applicazione è vero. Dimmi secondo te quali sono le criticità , Per la ns. categoria , appunto fatta di donne e per le ragioni che tu elenchi.. sarebbe molto interessante "il lavoro agile" o smart working molto meno rigido , ne discuteremo di sicuro in sede di trattativa. Fai così: sul blog ci sono le pagine territoriali (dai territori in alto ) troverai l'accordo regionale liguria e quello firmato a Bolzano . Importante soprattutto in quello di Bolzano dove è ben regolamentato il telelavoro e il lavoro agile , sono sicura che per te saranno stimolanti soprattutto se leggi anche gli accordi sulla detassazione firmati nelle varie regioni. Scoprirai un mondo ! aspettiamo le tue osservazioni patrizia cgil ps sul blog troverai anche l'articolo che abbiamo scritto sul lavoro agile : è sulla home page !

  • Lorenzo

    23/07/2018 - 19:07

    Domanda. Spero non sia stato già chiesto nel caso mi scuso per la ridondanza. Essendo trascorsi ormai 4 mesi dalla scadenza del contratto precedente è previsto come per altri settori anche per il ns il contributo IVC indennità vacanza contrattuale nelle prossime buste paga? Se si quale sarebbe l importo per un IV livello? Se non fosse previsto sarebbe importante provare ad ottenerlo nella trattativa che si terrà con la controparte in autunno (speriamo). Grazie a presto.

  • Sonia

    23/07/2018 - 10:30

    Andrebbe regolamentato meglio il telelavoro. Visto che siamo per la maggior parte donne, e sappiamo bene gli imprevisti che si possono avere con una famiglia. Regolamentare i casi in cui si può usufruire anche saltuariamente del telelavoro potrebbe aiutare a stipulare l'accordo tra dipendente e datore di lavoro in modo che si possa usufruire del contributo per le attrezzature senza problemi.

  • Patrizia

    20/07/2018 - 17:52

    cara sonia, quando avremo novità un nano secondo dopo saranno pubblicate sul blog ! per ora rimaniamo fermi alla risposta ad Alex . Intanto noi siamo in trepidante attesa delle vostre proposte ! ciao patrizia cgil

  • Sonia

    20/07/2018 - 17:17

    Buonasera. Leggo solo ora tutta questa bella discussione. Sono contenta che qualcosa si muova..... c'è qualche altra novità???? Aspetto trepidante notizie di piattaforma e trattativa!!!!!!

  • maurizio

    17/07/2018 - 9:26

    Uhhhhhhhhhhhhhh bene Patrizia… ci fai il regato post ferie con buone notizie, si spera per tutti quanti noi. Io non pretendo miracoli...sappiamo che tipo di contratto abbiamo e forza contrattuale seppur siamo tanti sparsi per lo stivale. Da gennaio pure la fatturazione elettronica ci tocca oltre al resto delle pratiche telematiche in continuo sviluppo e bisogna sempre stare aggiornati. Perché poi il nostro stipendio non è come un bancario?? :)) almeno l'integrazione mensa o ticket… ma cavoli li han praticamente tutti e chi fa full time negli studi nulla? grazie Patry per essere sempre presente

  • Patrizia

    12/07/2018 - 18:00

    ciao alex, fai bene a chiedere notizie così le do a tutti! siamo in trepidante attesa anche noi , la piattaforma sta facendo gli ultimi passaggi , ci sono anche quelli unitari e per ultimo il coordinamento nazionale Filcams e al quale è invitato anche il blog con tutte le vostre proposte , che sono già in mano al nostro nazionale. Speriamo di farcela prima delle ferie ma francamente non so se ci sono i tempi tecnici. Pubblicheremo subito qui la piattaforma e come promesso seguiremo a "microfono aperto" tutta la trattativa ma dobbiamo pazientare qualche altro giorno. Non dovremo cercare la controparte perché per nostra fortuna c'è e il tavolo è pronto e noi anche. patrizia cgil

  • Alex

    12/07/2018 - 12:33

    Salve a tutti, ci sono novità di quanto sotto: "Stiamo aspettando la presentazione della piattaforma e l'avvio del tavolo di trattativa che vivremo via via qui sul blog! e poi scateniamo la fantasia , cosa in cui le donne non hanno rivali! stai con noi patrizia cgil" Grazie mille Alex

  • Patrizia

    05/07/2018 - 19:14

    cari Maurizio ed edo , ho lavorato 42 anni negli studi professionali so quanto ti chiedono in termini di professionalità , disponibillità, autoformazione ecc. , lo so per averlo provato sulla mia pelle , per questo ho iniziato a fare attività sindacale . Cari colleghi vi rispondo come rispondo sempre su questi temi: il sindacato propone e la contrattazione dispone .. significa che le richieste tutte legittime , dall'orario ai buoni pasto a qualsiasi altra cosa devono essere sostenute da lavoratori organizzati che fanno pressione attraverso il sindacato, perché dall'altra parte del tavolo ci sono i nostri datori di lavoro , se non c'è pressione si porta a casa quello che si può e per fortuna che abbiamo un contratto , perché fino ad ora abbiamo fatto pochino ! Ve lo dice chi ha visto tutti i contratti di categoria dal 74 ad oggi ! quindi diamoci da fare le proposte vanno benissimo ma abbiamo bisogno che andiate nelle sedi sindacali , abbiamo bisogno di voi ! ciao patrizia cgil ps Le norme contrattuali sono esigibili non obbligatorie è importante normare bene per questo , quindi i lavoratori devono esigere l'applicazione del contratto le norme ci sono , mi seguite?

  • maurizio

    05/07/2018 - 12:14

    l'idea di EDO90 non è male. visto che gli stipendi sono tra i piu' bassi ma la competenza deve essere altissima almeno invece di 40 diminuiscano le ore a parità di salario e livelli che tanto pure quelli entri con un 4° e ci muori anche se chiudi bilanci, banche, fai fiscale ecc ecc. Sappiamo tutti come si vive negli studi... ed il lavoro aumenta sempre con tutte ste procedure telematiche facendo il lavoro dei bancari con gli f24, di quelli in CCIAA con le pratiche comunica e via dicendo. a noi manco i ticket ci riconoscono e non ne capisco il motivo: negli studi la gente che fa full time non mangia? MICA tutti hanno il lavoro sotto casa. Poi si nel contratto si parla tanto di formazioni e belle parole ma nel pratico... ti devi arrangiare alla meglio. dai 38ore invece di 40 e ticket... sarebbe già un piccolo riconoscimento

  • Patrizia

    29/06/2018 - 10:55

    caro luca, non credo si possa fare ma porremo di sicuro la questione. Sei al corrente della discussione sul profilo professionale dell'Aso, anche alla luce dell'accordo raggiunto con il Ministero? La stiamo seguendo molto da vicino . Che ne pensi ? ci piacerebbe aprire una discussione su questo tema , anche in vista del rinnovo contrattuale. Se prepari un articolo e ce lo mandi per mail , lo pubblichiamo , serve discutere con chi appartiene alla categoria e questo è il posto giusto . Aspettiamo ! patrizia cgil

  • LUCA

    27/06/2018 - 17:37

    Buongiorno, vorrei che nel nuovo rinnovo risultasse che le spese di iscrizione al proprio Albo professionale fosse a carico del datore di lavoro in qualità di dipendente igienisti dentale di uno studio dentistico. Grazie. LUCA

  • irefi

    27/06/2018 - 16:01

    Ciao Edo, grazie. Abbiamo segnato e trasmesso le Vostre proposte. Continuate comunque a "spulciare" il CCNL. Ire

  • EDO90

    25/06/2018 - 20:30

    Buonasera, per quanto riguarda questo rinnovo, in effetti non sarebbe niente male ottenere un orario di lavoro stabilito invece che su 40 ore settimanali, magari su 38 o 35. Ovviamente mantenendo i livelli retributivi. Potrebbe essere un buon compromesso per livellare le retribuzione in termini di tempo libero, con quelle degli altri settori!!!!

  • Patrizia

    25/06/2018 - 19:43

    ciao laura , ti rispondo qui ma l'area giusta è "ferie e permessi" articolo 85 del contratto 15 giorni di calendario con decorrenza dal terzo giorno antecedente la celebrazione del matrimonio , quindi subito ! non puoi prenderlo a natale , se non lo usi decade. Auguri !! patrizia cgil

  • laura lanza

    25/06/2018 - 17:28

    Scusate a ottobre per la precisione il 27.10 mi sposo e mi chiedevo entro quando dovevo usufruire del congedo matrimoniale. Pensavo di usufruirlo per non creare problemi al capo visto che sono l'unica impiegata sotto le vacanze natalizie. Posso farlo?

  • Patrizia

    25/06/2018 - 11:37

    no elena non c'è nulla del genere, però potrebbe derivare dall'applicazione di norme sulla sicurezza , da accordi di categoria o da protocolli o semplicemente da indicazioni dell'azienda che non conosciamo. Facciamo così.. indaghiamo ! ciao patrizia cgil

  • Elena

    25/06/2018 - 9:34

    Buongiorno, ho un quesito da porvi anche se non so se è il punto giusto... Una mia amica mi ha informato che le hanno vietato di rimanere in ufficio da sola. E' capitato addirittura che pur di non lasciare un "solo" dipendente l'attività venisse chiusa in anticipo. Questo perché qualora ci fosse un infortunio o un problema di salute nessuno potrebbe intervenire. Non lavora per uno studio professionale ma è comunque un comune lavoro d'ufficio. Sapete se è previsto qualcosa di similare anche nel nostro contratto? Grazie mille Elena

  • Patrizia

    15/06/2018 - 18:00

    cara Cinzia, siamo delle esperte ! nel corso degli anni siamo passate dalla mailbombing , all'intasamento di fax, appelli pubblici , per arrivare a quelli sul web , il nostro fiore all'occhiello è l'organizzazione di un pausa protesta caffè collettivo ad orario fissato qui sul blog , bellissimo ! qualche risultato lo abbiamo ottenuto e quindi lo faremo ! se cerchi nel nostro archivio con il tasto "cerca" troverai tutti le iniziative che via via abbiamo prodotto. Stiamo aspettando la presentazione della piattaforma e l'avvio del tavolo di trattativa che vivremo via via qui sul blog! e poi scateniamo la fantasia , cosa in cui le donne non hanno rivali! stai con noi patrizia cgil

  • Cinzia

    15/06/2018 - 13:51

    Per noi dipendenti di studi professionali, spesso piccoli e frammentati su moltissime attività diverse tra loro (notai, avvocati, amministratori, medici, dentisti, consulenti, ecc.) è difficile potersi organizzare e "scendere in piazza", siamo troppo sparpagliati per la nazione. Non potremmo utilizzare la tecnologia? Le amministratrici di questo bellissimo ed utilissimo sito potrebbero aprire una di quelle "petizioni on-line" a cui noi dipendenti potremmo comodamente aderire da tutto il territorio con qualsiasi mezzo e tempistica, riuscendo però finalmente ad organizzarci e "contarci fisicamente". Petizione che si potrebbe poi presentare a chi di dovere per far capire che ci siamo, nascosti/frammentati, ma ci siamo!! Chissà magari è fattibile ...

  • Lucia

    14/06/2018 - 23:00

    Buonasera a tutti, Io sono una biologa specializzata assunta come direttore tecnico del lab e come responsabile prelevatore ematico. Ho ennesimo contratto di secondo livello...ma stavolta, presso questa struttura, non mi è stata aggiunta al minimo stipendiale la voce altri elementi. Quindi non solo non ho il giusto livello...ma mi hanno anche tolto 102.44$. È una cosa lecita?ovviamente ho un partime orizzontale. Sono davvero stanca...tanti sacrifici e responsabilita...per cosa??

  • Patrizia

    11/06/2018 - 18:12

    caro alex , solo per dirti che messaggi come il tuo allargano il cuore! è vero siamo sottovalutati , per questo c'è il blog e ti assicuro che il lavoro fatto qui in cgil è stato apprezzato e ci siamo fatti notare, c'è molto da fare , restiamo in contatto , diamo una mano a tutti quelli che vogliono darci una mano … patrizia cgil

  • irefi

    11/06/2018 - 13:45

    Ciao Alex, puoi rivolgerti alla FILCAMS CGIL della tua città per organizzare una riunione e/o assemblea con i tuoi colleghi e comunque per tenerti aggiornato sullo stato delle cose oltre a seguire noi sul blog. Noi quattro siamo di Firenze, Padova e Verona poi su Roma ci aiuta Emilia.. non so di dove sei tu... Puoi postare la tua richiesta anche nella sezione dei territori qui sul blog. Quanto a date di incontri nazionali non ne ho ma so che si stanno muovendo 😉 A presto Irene

  • Alex

    11/06/2018 - 11:09

    Salve a tutti, vi seguo da un po di tempo e vi ringrazio in quanto fino ad ora noto che è l'unico sito in cui la questione del ccnl studi professionali viene preso in considerazione (come se non contassimo nulla in questo paese). Io non sono qui a proporre soluzioni diverse o per lamentarmi, chiedo solamente se avete novità riguardo assemblee o riunioni per discutere del contratto tra colleghi e poi se si conosce già una data in cui inizieranno le contrattazioni con la controparte. Grazie Alex

  • Carmen

    07/06/2018 - 18:30

    Ciao Tamara ben venga la speranza, ma da sola non basta. C'è bisogno di più partecipazione da parte di tutti. E' una "lotta"! Ci sono due parti: se una appare più debole... a casa porta quello che può... Abbiamo anche bisogno di proposte concrete da poter passare a chi si siederà di fronte alla controparte. Attendiamo anche le tue, ciao

  • Tamara

    06/06/2018 - 22:04

    Buonasera a tutti.... nel contratto spero che ci siano del passaggi di livello adeguati questa volta soprattutto per chi svolge mansioni più impegnative come ad esempio RLS. Un aumento di 80 euro in 3 anni è ua beffa... speriamo questa volta sia meglio. Saluti TAMARA

  • Carmen

    04/06/2018 - 20:14

    Ciao Laura, grazie per aver scritto. Il problema del passaggio di livello ci accomuna tutti. Stiamo raccogliendo tutte le proposte ricevute nei vari commenti. Se pensi ci siano altri aspetti che possano migliorare la nostra vita lavorativa, postale qui sul blog. Ciao

  • Carmen

    04/06/2018 - 20:07

    Ciao Lorenzo. Appena avremo notizie, saranno postate in tempo reale qui sul blog. Rimani in contatto!! Ciao

  • Laura

    04/06/2018 - 7:25

    Buongiorno , mi chiamo Laura e anche io lavoro in uno studio di commercialisti . Quest'anno ho iniziato il 18 anni lavorativo , sempre nello stesso studio, quindi si può praticamente dire che lo sento mio . Ma questo non basta perché non cambia il livello 4 S che ho perché il lavoro fatto è tanto e in campi diversi , ma la paga è davvero bassa . Vorrei davvero che per tutto l' impegno e la volontà messa ci fosse uno stipendio adeguato . Le responsabilità sono davvero tante . Spero con tutto il cuore di leggere prestissimo che sia stato aggiornato il nostro contratto con nuovi i lordi rispettevoli del nostro operato !. Buona giornata a tutti . Laura

  • Lorenzo

    03/06/2018 - 19:18

    Buonasera ,ci sono per caso novità sui tempi entro i quali sarà possibile cominciare a prendere visione della piattaforma o della prima bozza del possibile nuovo ccnl? Ci sono per caso delle date gia fissate per gli incontri con la ns controparte? Buon lavoro e grazie per l esistenza di questo blog uno dei pochissimi luoghi dove si discute di studi professionali.

  • Gaia

    29/05/2018 - 22:32

    Grazie mille Patrizia...sulle Maggiorazioni in caso di flessibilità non se ne parla nemmeno..(quelle del 10%) gli straordinari come scritto nell altra sezione li paga si con la maggiorazione,ma se un mese capita che ho bisogno di prendermi dei permessi fa questo ragionamento della "compensazione"che a quanto pare non è per niente giusto. Per il cambio da part time a full time dice che gli costa troppo,ma praticamente faccio sempre straordinari! Grazie ancora

  • Patrizia

    29/05/2018 - 21:24

    scusami gaia ho sbagliato area!! patrizia cgil

  • Patrizia

    29/05/2018 - 21:23

    cara gaia, direi che il tuo datore di lavoro ha deciso di applicare un contratto " a liberissima interpretazione" . Hai ragione tu , i permessi sono una cosa , la flessibilità un'altra. Quindi art. 35 e seguenti del contratto. Part-time. art. 40 clausole flessibili ed elastiche comma 6 pagato con maggiorazione al 10% e art. 42 lavoro supplementare pagato con maggiorazione del 40% . Ti ha mai pagato le ore che hai fatto in più con queste percentuali? come vedi presto trovato il perché usa la compensazione … non c'è incompatibilità tra permessi e straordinario se lo è inventato lui . C'è invece la possibilità che nel caso tu faccia tante ore supplementari possa chiedere il tempo pieno, inoltre, al già citato danno economico , lede il tuo diritto alla libera richiesta dei permessi . Non esiste ! vai sull'area documenti troverai il contratto intero , stampa gli articoli che ti ho detto e consegnali al tuo datore di lavoro per un'attenta lettura ! Facci sapere ! patrizia cgil

  • Gaia

    29/05/2018 - 19:57

    Direi che tutto quello che hanno detto finora sia giustissimo. Automatismo passaggi di livello,scatti di anzianità più consistenti,buoni pasto e soprattutto una paga base maggiore. Io e tutte quelle che lavorano nel mio campo(assistenti alla poltrona) prendiamo veramente troppo poco per quello che facciamo.... Accoglienza dei pazienti,assistenza in ogni campo Dell odontoiatria,gestire la contabilità,il magazzino,pulizie dell intero studio (dato che è uno studio medico) e mille altre cose....

  • PATRIZIA CAPELLI

    24/05/2018 - 16:34

    Salve a tutti! Anch'io vorrei sottolineare come non sia facile "convincere" i propri datori di lavoro delle mansioni svolte. Il massimo del riconoscimento ottenuto è verbale...ma senza eccedere, per non dar luogo a richieste successive. Io lavoro in uno studio tecnico e non mi posso forse lamentare vista la media degli stipendi (anni fa il mio titolare mi riconobbe un aumento una-tantum che mi salva), però diventa secondo me anche una questione di orgoglio il passaggio di livello. Io sono inquadrata al 2° livello da 10 anni, nel frattempo la mole e le responsabilità sono aumentate...ma non il grado. Credo che il passaggio dovrebbe avvenire in base agli anni di assunzione e non per libera scelta del datore di lavoro, in tal modo forse qualcuno guadagnerebbe ciò che non si merita, ma molti invece verrebbero gratificati con certezza. Volevo anche sottolineare che gli importi per gli scatti di anziantà sono ridicoli...non ci si beve un caffè per un mese.. Grazie del Vs. lavoro, appena posso Vi leggo!!

  • irefi

    24/05/2018 - 16:05

    Cara Rebecca, era proprio come immaginavo. Sei una delle tante che pur chiedendo non vede riconosciuta la propria professionalità. Grazie della tua testimonianza. Proviamo a farne tesoro. Spulcia il contratto e vedi se trovi altre cose da proporre! Ciao a presto. Ire

  • Rebecca

    24/05/2018 - 11:04

    Ciao Ire, grazie per la tua risposta. Ho proposto l'adeguamento dei livelli in automatico in quanto è un problema, come si legge anche sul sito, largamente diffuso e pertanto non potendo andare a chiedere, in sede di rinnovo, di equiparare il nostro stipendio agli stipendi di altre più fortunate categorie, chiediamo almeno di riconoscerci le mansioni che effettivamente svolgiamo e, visto che questo non accade quasi mai, l'aggiornamento automatico di un livello che si ottiene con l'esperienza maturata negli anni mi sembra la cosa più appropriata e logica per far sì che una persona dopo anni e anni di esperienza non si ritrovi a percepire uno stipendio da "Addetto alle pulizie; Fattorino, ecc". Io personalmente ho chiesto e richiesto l'aumento ma la loro risposta è sempre stata la stessa: un semplice e secco "NO", oltretutto sanno molto bene che "se non ti va bene, fuori dalla porta ce n'è già un'altra" ed è demotivante. Proprio per questo bisognerebbe cercare di ottenere il suddetto automatismo di regola nel CCNL affinché tutti lo rispettino.

  • irefi

    23/05/2018 - 18:43

    Care Anna e Rebecca, comprendo molto bene e condivido lo sfogo e la richiesta però, care colleghe, bisogna anche un po' farsi avanti noi. Non conosco le Vostre storie ma conosco bene per chi lavoriamo. Con loro non possiamo lasciare nulla così e fidarci delle promesse, occorre chiedere. Tornare sul punto. Non demordere. A volte perchè c'è troppo da fare in studio, lasciamo i nostri contratti dietro tutto e passano anni. Non va bene. Occorre ritagliare anche il tempo per il rapporto di lavoro. Magari avete anche già fatto questo passaggio, però prima di tutto - non conoscendo le vostre storie- vi consiglio di chiedere il passaggio di livello, insistere e pressare. Se lo aveste già fatto senza aver "fortuna", come so che è accaduto ad altre colleghe, comprendo che un meccanismo automatico potrebbe venire incontro a tanti. Anna, ti vedo bella lanciata! Perchè non vai nella sede Filcams cgil a te più vicina e cominci a sentire il funzionario degli studi professionali su qualche iniziativa da porre in essere? sono tante le tematiche da affrontare! Stai anche qua con noi però eh 😉 A presto Ire

  • Rebecca

    23/05/2018 - 12:36

    Ciao a tutti! Io cercherei di migliorare senza dubbio l'aspetto economico. Chiederei di aggiornare automaticamente il livello dopo tot anni di lavoro oppure di applicare una correlazione tra il livello e gli scatti di anzianità maturati in quanto, il più delle volte, il livello assegnato non risulta nemmeno lontanamente equiparato alle mansioni che si svolgono tutti i giorni. Io, ad esempio, lavoro in uno studio legale da 15 anni, sono l'unica impiegata e seguo le attività dello studio dall'A alla Z, l'amministrazione privata di 3 avv.ti e porto anche a spasso il cane dell'avv., sono al 4° livello, prendo 1.100,00 euro e, sinceramente, penso che si tratti quasi di sfruttamento. Grazie mille.

  • anna82

    23/05/2018 - 11:30

    Buongiorno a tutti, ho letto con piacere i vostri suggerimenti per questo rinnovo contrattuale. Al di là di tematiche già sviscerate come l'adeguamento dei minimi contrattuali, per cui siamo tutti d'accoro (diciamocelo, la nostra paga è veramente ridicola per quanto facciamo e per le responsabilità che ci vengono affibbiate, spesso di gran lunga superiori a quelle delle impiegate di altri settori), vorrei porre la vostra attenzioni anche sulla questione dei "livelli" che secondo il mio modestissimo parere, a fronte del processo civile telematico e non ultima della normativa sulla privacy, andrebbero adeguati e meglio specificati. Se mi occupo di depositi telematici, iscrizioni a ruolo, notifiche telematiche oltre a tutto il resto, ci deve essere un inquadramento ben specifico. Come ben sappiamo poi non è detto che il livello ci venga riconosciuto e questo è un grande problema. La mia esperienza personale, da 16 anni impiegata 5 livello (il più basso descritto come "usciere" con semplici funzioni), ho cambiato due studi e nonostante nel secondo ufficio (con 10 anni di lavoro alle spalle nel settore) avessi messo in chiaro che avrei voluto almeno il 4 livello ed essermi stato promesso che dopo un annetto sarebbe arrivato, dopo 5 anni son ancora qui che aspetto (pur occupandomi della segreteria-redazione di atti semplici-utilizzo del PCT perchè in studio nessuno sà come funziona e più di una volta, a casa ammalata anche con bronchite son "dovuta" andare in ufficio a fare un deposito, fatturazione etc). Per non parlare delle ferie (solo due settimane quando lo studio chiude in agosto) e permessi che ho maturato e stan ancora lì. Perdonate lo sfogo, spero di non essere andata fuori tema, ma tutti sappiamo i malumori che crea rivendicare i propri diritti e mi da una grande amarezza pensare che chi la legge l'ha studiata poi la metta sotto al tappeto quando si parla di pagare e dar merito come si deve a chi, di fatto manda, avanti lo studio. Detto ciò, come possiamo dar voce e chiedere un cambiamento dei livelli, mansioni e retribuzioni?

  • Patrizia

    21/05/2018 - 12:03

    caro pietro, i diritti contrattuali sono "esigibili" , nel senso che sono diritti che devono essere rivendicati dal lavoratore , nulla è automatico . Quindi devi chiederlo sul contratto la norma c'è devi farla valere . Ti dirò di più quella norma è stata pensata proprio per le professionalità parasanitarie con laurea breve o con laurea che spesso vengono inquadrate a livelli non propri. Il tabellare del secondo livello è 1.644,37 , qui sul blog tra i documenti troverai contratto e tabellari. Dovrai aprire una vertenza con il tuo datore di lavoro va in Filcams cgil della tua città e farti assistere nella richiesta del livello che comprenderà anche gli arretrati. facci sapere ! ciao patrizia cgil ps se vai su "dai territori " guarda se c'è la tua regione on line , ci sono quasi tutte , ci stiamo lavorando

  • Pietro

    21/05/2018 - 0:58

    Buongiorno, volevo chiedervi un informazione riguardo al contratto. Lavoro come fisioterapista in un centro privato. Ho un contratto da massofisioterapista (3 super), mentre per la mia laurea dovrei essere un 2 livello come è specificato nel ccnl. Il mio datore di lavoro è obbligato a riconoscermi il mio livello reale? Nel caso mi deve degli arretrati? Si tratta di demansionamento? Quale dovrebbe essere l’elemento nazionale di allineamento contrattuale per un 3 super? Vorrei controllare fosse corretto. Grazie

  • Patrizia

    14/05/2018 - 17:34

    cara bianca , anche questa norma l'abbiamo discussa tra noi lungamente . Hai visto il comma dell'art. 93 , che sembra integrare l'art. 81 e un altro pezzo è all'art. 74 ultimo comma con la dichiarazione a verbale , a questa norma è da scrivere meglio , si mangia la coda ! Una cortesia: quando citate norme contrattuali mettete anche i numeri , così non facciamo confusione e andiamo subito sul pezzo . patrizia cgil

  • Bianca

    14/05/2018 - 15:05

    Riagganciandomi ancora una volta al discorso di Alessia, tengo a ribadire che all'interno della normativa sul congedo di maternità e congedo parentale, bisognerebbe scrivere chiaramente quali sono i diritti. Vi chiederei di portare anche la questione dell'integrazione delle festività (se dovuta), magari inserendo la frase indicata nel C.C.N.L. del Commercio "ai sensi della L. 31/03/54 n. 90, per le festività cadenti nel periodo di assenza obbligatoria e facoltativa, la lavoratrice ha diritto ad un'indennità integrativa di quella a carico dell'INPS, da corrispondersi a carico del datore di lavoro, in modo da raggiungere complessivamente il 100% della retribuzione..." Dico questo perchè nel mio caso mi è stata negata l'integrazione in quanto sul C.C.N.L. c'è scritta una frase tipo " è dovuta in caso di assenza per malattia, congedo matrimoniale etc..." e non è specificato chiaramente il congedo parentale... Io so che "etc" dovrebbe far includere tutto ciò che è tutelato dalla normativa, però i datori di lavoro scelgono sempre la chiave di lettura più conveniente per loro... Grazie ancora di tutto!!

  • Patrizia

    10/05/2018 - 18:42

    cara Alessandra , concludo sulla pratica: è un argomento molto discusso e giustamente . Però attenzione , la questione che poni tu è diversa . Il contratto degli studi professionali riguarda i dipendenti non i professionisti . La pratica professionale e le professioni sono regolate dagli ordini e i contratti nazionali di categoria non possono entrare nell'attività degli ordini . L'apprendistato per l'alta formazione previsto per la pratica è stato inserito come strumento nel contratto è vero , ma l'apprendistato è di competenza regionale , ha necessità di accordi regionali e che io sappia è stato firmato solo nelle marche . Per ora rimane nelle buone intenzioni scritte nel contratto. Se vuoi rimanere aggiornata su questa materia , in continua evoluzione cerca la pagina della cgil consulta delle professioni , troverai gli approfondimenti. Se non sono stata chiara , riparliamone ciao e grazie patrizia cgil

  • Patrizia

    10/05/2018 - 10:35

    molto bene Alessandra scusa ancora ... è quello che cerchiamo : suggerimenti , proposte costruttive , non ti preoccupare vai tranquilla se hai altre osservazioni falle ! quello che non va bene è il lamento indistinto , quello non serve a nessuno e men che meno ad una trattativa .. quindi OK Ottima osservazione sui rol ! per la pratica la questione è più complessa , riprendo la risposta nel pomeriggio ! patrizia cgil

  • Alessandra

    09/05/2018 - 22:09

    Buonasera Patrizia, nessun problema, sono cose che capitano! Adesso se non altro ho ben chiaro come funziona la contrattazione ;)) Se posso dire la mia sul contratto vigente, una delle cose che cambierei è la maturazione dei Rol legati all'anzianità aziendale, mi può anche star bene iniziare a maturare i permessi dopo un anno, però questo dovrebbe accadere una sola volta nella vita lavorativa, non con ogni datore di lavoro, perlomeno non da un datore di lavoro all'altro con stesso ccnl. Mi spiego, nel mio caso ho lavorato un anno presso uno studio, e non li ho maturati, dopo 13 mesi ho cambiato studio, e ora sono punto e a capo 🙁 Dovrò aspettare ancora un anno, e comunque tra un anno matureranno solo in misura ridotta, questo non mi sembra molto corretto... poi capisco che non si può solo chiedere, però tra le tante cose ci si può provare... un altra cosa che mi sento di segnalare è la mancanza di regolazione del praticantato per l'accesso alle professioni ordinistiche, in costanza di rapporto di lavoro... cioè il contratto dice che è possibile fare praticantato con un contratto di apprendistato (di alta formazione) ma nulla dice per quelle persone che fanno già quel lavoro da tempo, e tentano la strada dell'abilitazione professionale, un impiegata di uno studio che fa quel lavoro da molti anni che decide di tentare la strada per diventare commercialista, come può svolgere la pratica? Facendosi assumere come apprendista? Facendosi pagare poco o niente, con tutta l'esperienza e le capacità già acquisite? Mi sembra un po' assurdo, ma forse mi sbaglio io e c'è qualche previsione contrattuale che mi sfugge... se qualcuno sapesse dirmi qualcosa in merito lo ringrazio anticipatamente! E grazie a tutte voi per il lavoro che fate!

  • Patrizia

    09/05/2018 - 20:58

    bis del bis... scusa Alessandra , irene si è fatta una risata e mi dice ora che le alessandre sono due .. scusa, sai com'è, la domanda era la stessa e mi è partito un embolo ! patrizia cgil

  • Patrizia

    09/05/2018 - 20:44

    bis : a giorni pubblicheremo il contratto regionale firmato a Bolzano trentino , così vi renderete conto di cosa è un contratto regionale e cosa si può ottenere , tenendo conto che stiamo parlando di una zona ricca del paese , però perché non tendere al meglio ? patrizia cgil

  • Patrizia

    09/05/2018 - 20:43

    cara alessia, non ho figli ma se li avessi avuti Bianca è un nome che avrei scelto per una figlia femmina, bellissimo, è vero. Mi ricordo della tua domanda sui rol in maternità , abbiamo consultato il nazionale per questo e mi ricordo di averti risposto che il sindacato da una interpretazione la più favorevole possibile al lavoratore e quindi considera implicita tale maturazione, ma so che la materia è controversa perché non è esplicita nel contratto. Questo argomento , proprio dopo la tua segnalazione, l'avevamo nell'elenco delle richieste da portare al tavolo, come tutta la partita maternità e part-time è importantissimo ! la contrattazione regionale potrebbe intervenire meglio su questo ma facciamo molta difficoltà ad avviarla, compreso il Friuli. Il Friuli non è ancora on line , sono già passata per aprire le pagine territoriali stiamo aspettando , dovremmo esserci. Puoi cercare a Pordenone Filcams regionale Susanna Pellegrini 0432/980589, l'ho già avvertita del tuo messaggio .. quando chiami di che ti abbiamo mandato noi , facci sapere che interveniamo se non riesci . Continua a mandarci le tue osservazioni sono preziose per noi ! patrizia cgil

  • Patrizia

    09/05/2018 - 20:28

    per Alessandra e Raffaele e per tutti : leggete i messaggi precedenti , soprattutto le nostre risposte , è inutile ripetere sempre le stesse cose ..Alessandra tu hai già scritto 1 settimana fa e hai fatto la stessa domanda e io ti ho risposto , non sono stata chiara ? a me pare di si! Il contratto è scaduto da 1 mese , deve essere ancora avviata la trattativa , anche se ci sono i primi contatti. E' impossibile sapere tempi e modalità , si chiama TRATTATIVA cosa significa secondo voi? i contratti di lavoro non sono obbligatori , la trattativa è tra libere parti per loro volontà, ti chiedo per carità Alessandra hai capito ? Ci sono categorie che non hanno il contratto anche da 5 anni , leggete i giornali e informatevi su come funziona la contrattazione , non c'è nulla di automatico , può durare 1 anno , 6 mesi , 3 anni , 4 anni, mai dipende anche da noi , quindi Alessandra chiedere ogni tanto se ci sono novità non basta. Caro Raffaele è presto per qualsiasi iniziativa , aspettiamo i primi incontri e vediamo come va ? sul blog sarete sempre informati ma c'e una cosa che potete fare , andare in sindacato e darci una mano ! patrizia cgil

  • Raffaele

    09/05/2018 - 12:50

    Buongiorno a tutti.. volevo sapere se ci sono novità in merito al rinnovo!! Qualcuno ha notizie? Altrimenti, non sarebbe male iniziare con qualche attività come negli anni passati?

  • Alessandra

    08/05/2018 - 21:09

    Quando si saprà del rinnovo del contratto? Grazie

  • Alessia

    08/05/2018 - 11:37

    Io ho letto il contratto e come dice Bianca (bellissimo nome, l'ho dato alla mia seconda figlia!) sarebbero necessari chiarimenti proprio sulla parte riguardante la maternità e maturazione dei permessi, cosa che avevo citato qua nell'apposita sezione tempo fa e mi era stato risposto che è "implicito" e che maturano, ebbene purtroppo non è così perchè chi fa le paghe va a confrontarsi con l'associazione datori di lavoro che chiaramente nega e interpreta come fa comodo a loro. Su questo punto vi sono interpretazioni discordanti, che "tirano l'acqua al proprio mulino" da entrambe le parti, ci vorrebbe chiarezza e se effettivamente i permessi devono maturare in maternità, che venga scritto nero su bianco. Poi un'altro tema scottante: il part-time post maternità... (metto i puntini, a buon intenditor poche parole..). Sarebbe quantomeno "carino" (...) che ci sia la possibilità di chiedere un part-time dopo il rientro dalla maternità (magari limitato ai 3 anni del bimbo ad es.) che il datore di lavoro DEBBA accogliere e nel caso in cui non possa deve motivarlo chiaramente (in forma scritta e motivazioni SERIE); questo settore è formato nella quasi totalità da donne, e volenti o nolenti i figli non arrivano dal cielo ma li facciamo noi e magari vorremmo anche seguirli nell'infanzia, senza diventare sceme tra corse mattutine, babysitter/asilo nido, nonni che ancora lavorano (perchè chissà quando andranno in pensione) ecc ecc ecc... e nel frattempo dobbiamo essere produttive come prima... nel contratto del commercio c'è un articolo ben chiaro se non ricordo male che va a disciplinare ciò, si potrebbe inserire anche qua! (la mia è un'idea, ma prevedo una lotta estenuante con la controparte...) Ultima cosa: io sono del FVG, nella pagina "Dai Territori" vedo che la contrattazione di 2° livello è "in corso", vorrei sapere a chi rivolgermi (non vedo link con contatti locali) per avere notizie in merito e sapere se si può contribuire in qualche modo.

  • Patrizia

    04/05/2018 - 22:02

    ottime osservazioni sia franca che Bianca , così ci aiutate davvero! le cose che dici Bianca le avevamo sollevate , dando risposte sul blog ci eravamo accorte che il contratto era poco chiaro su quei punti . Aggiungerei anche l'art. 125 tredicesima pagata in maternità al 20% non si può vedere! Ci piacerebbe che leggessimo insieme il contratto anche per migliorarlo in chiarezza e per correggerli nelle piccole e grandi inesattezze e iniquità. Concordo con franca e Bianca : il nostro lavoro è diventato difficile e complicato , ci viene richiesta sempre più professionalità e preparazione che spesso facciamo da sole , dobbiamo rivendicarlo . Abbiamo un problema di passaggio di livello che non è mai legato alle mansioni , come risolverlo ? Ecco questo modo di discutere mi piace , è costruttivo molto bene! grazie dei complimenti , il blog è bello è vero ! ciao patrizia cgil

  • Bianca

    04/05/2018 - 16:13

    Buongiorno a tutti. Io a parte il lato economico che ci vede di gran lunga distanti da molte altre attività lavorative con meno responsabilità delle nostre, vorrei più chiarezza sulla normativa della maternità. Mi piacerebbe che ci fosse ben specificato se i rol in maternità anticipata ed obbligatoria maturano, perchè sul contratto non vengono nominati, ma sul web ho trovato un quesito posto all'Asociazione dei Consulenti del Lavoro, dove si diceva chiaramente che si intende anche la maturazione dei rol. Inoltre, visto che la questione mi ha toccato proprio da vicino, vorrei che venisse chiaramente specificato che le festività cadenti durante il congedo parentale (comprese quelle soppresse che non vengono accantonate, ma sono retribuite quando cadono) NON devono o devono essere integrate dal datore di lavoro, in modo da raggiungere il 100% della retribuzione. Secondo me su questi temi il contratto è poco chiaro e lascia spazio ai datori di lavoro per l'interpretazione che più gli fa comodo... Vi ringrazio per il grande lavoro che state facendo!! Siete uniche!

  • Emilia

    03/05/2018 - 19:01

    Ogni volta la stessa storia. Ormai seguo quasi da vicino i rinnovi del nostro contratto. La sequenza è sempre la stessa ci lamentiamo, vogliamo tutto e subito, ma il motto è sempre "armiamoci e partite". La situazione è questa, non facciamo paura e non sappiamo essere incisivi. Tornando al rinnovo, l'aumento non è l'unico risultato a cui puntare. Io, in quanto donna e mamma, auspicherei ad un telelavoro che non sia solo previsto genericamente, ma che sia una possibilità più concreta per tutti. Inoltre a livelli che siano più legati alle nuove modalità di lavoro. Ormai sono richieste competenze informatiche importanti che dovrebbero essere riconosciute nell'inquadramento di un dipendente

  • Franca

    03/05/2018 - 10:50

    io credo che potremmo tentare, e dico tentare, perchè dall'altra parte la Confprofessioni non pensa proprio di accordarci quello che chiediamo, ma il meno possibile, di ottenere un aumento degli scatti di anzianità ed un passaggio di qualifica per anzianità , arrivando al primo livello dopo aver maturato tutti gli scatti di anzianità. Questo perchè penso che un allineamento agli altri CCNL non l'otterremo mai. Pensate che ci riconoscano aumenti di 2/300,00 EURO!?!. Si potrebbe anche chiedere una ridefinizione degli inquadramenti, più analitica, aggiungendo ora anche il telematico, la fatturazione elettronica, che ha aumentato la ns responsabilità ma non lo stipendio! Potremmo come arma cercare di farci conoscere mandando lettere ai vari giornali ed associazioni dei consumatori ed altre a ns favore. Mi sembra che nell'altro rinnovo lo abbiamo fatto alla fine. Forse iniziare prima sarebbe più utile. Magari li stanchiamo!!! Dobbiamo farci sentire, perchè siamo tanti, e per questo quando partano delle iniziative dobbiamo partecipare !!!!!

  • carmen

    02/05/2018 - 13:42

    Ciao a tutti. Patrizia ha ragione. Non potete buttare un sassolino e ritirare la mano... Siamo tra colleghi, tutti abbiamo gli stessi problemi e siamo tutti ansiosi a che il contratto si rinnovi in tempi brevi e che sia per tutti migliorativo. Siamo o non siamo dei problem solving in ufficio? Vediamo di "risolvere" o migliorare la nostra categoria a livello di attività sindacale, per far capire alla controparte che ci siamo, che vogliamo un rinnovo "veloce" e migliorativo. Vi ricordiamo anche che nelle Pagine Territoriali avete la possibilità di farvi sentire https://www.impiegate.org/dai-territori/ Per quanto riguarda le proposte, visto che parecchi ancora non sono iscritti a Cadiprof, la composizione di una commissione esterna per verificare/controllare chi non è iscritto e di stabilire delle sanzioni a quei datori di lavoro che non si siano regolarizzati.

  • Patrizia

    01/05/2018 - 23:16

    mah, evidentemente non riesco a spiegarmi ! mi piacerebbe che chi lascia questi post mi rispondesse e in vece non succede mai Vedi Michel non serve ne sperare , ne aspettare , serve fare . Ti rispondo con delle domande : tu cosa sei disposto a fare perché le tue ragioni siano ascoltate ? di chi pensi sia la colpa dei bassi salari nella nostra categoria ? come pensi di sostenere le tue ragioni ? vi prego rispondetemi altrimenti questi post non hanno senso e non facciamo una discussione utile. Rileggete i miei post ed entrate nel merito , si fa così nelle discussioni. Patrizia cgil ps tenete presente che noi siamo tutte lavoratrici di studi professionali esattamente come voi , qui non intervengono funzionari sindacali siamo libere ma per cortesia dimostriamo un po di intelligenza

  • MICHAEL BENEDETTI

    29/04/2018 - 19:27

    Buonasera, anche io sono piuttosto ansioso di sapere quando ci sarà il rinnovo dal momento che spererei in un aumento abbastanza importante della paga base..è vergognoso che un settore tanto importante e qualificato abbia rispetto ad altri (senza mancare di rispetto a nessuno) delle penalizzazioni economiche così profonde.. Vado a fare anzi il magazziniere a questo punto!!!

  • Patrizia

    27/04/2018 - 22:02

    scusate .. mi sono un po arrabbiata , capita! Io angy carmen e irene seguiamo questo blog da 15 anni , abbiamo dedicato energie , tempo , le ferie perché non ci sono permessi sindacali , lavoriamo negli studi come voi e sentire definire "vergognosi " i contratti che ci sono costati tantissima fatica, beh mettetevi nei nostri panni . Preferiremmo leggere "ragazze vi diamo una mano " se siamo in tanti andiamo tutti meglio e la nostra controparte magari prende un po' di paura o no ? voi capirete siamo circa un milione , in quattro + emilia facciamo anche troppo , quindi noi ci aspettiamo tanto da voi , per questo abbiamo aperto il blog alla discussione sul contratto . lo sappiamo tutti che abbiamo i tabellari bassi ma il problema è : come intendiamo risolvere questa cosa visto che nessuno regala niente ??? perdonate lo scatto ma sono anch'io umana patrizia cgil

  • Patrizia

    27/04/2018 - 18:32

    cari ragazzi , vedo che non leggete i miei post .. forse sono stata poco chiara? cara Alessandra il contratto è scaduto il 30 marzo , siamo al 27 di aprile , tu pensi che sia una cosa automatica o burocratica ? sai come si fanno i contratti? mi fa disperare quello che scrivi , eppure dovrei essere abituata dopo tanti anni di lavoro in uno studio , ben 42 , e 20 anni di attività sindacale . Ti rispondo sul merito : non si sa, dipende dalla trattativa che noi come lavoratori dovremmo sostenere con attività sindacale, non è nemmeno scontato che un contratto ci sia , visto che sono trattative libere tra le parti , siamo stati anche 10 anni senza contratto senza che nessuno di noi dicesse "bah" per fortuna il sindacato è intervenuto . Ma scusatemi .. dove vivete ? per sandra e nicola : tutto quello che viene chiesto nelle piattaforme deve essere sostenuto da un'azione sindacale dei lavoratori , nulla arriva gratis e tutto costa fatica. Le vostre richieste come intendete sostenerle ? ci diamo tutti una mano ? bene .. il blog esiste apposta. Il buono pasto ha sempre fatto parte delle trattativa , ma appunto di tavolo di "trattativa " si tratta , lo dice la parola : si tratta ! se un braccio è più debole dell'altro si porta a casa quello che si può. Avevo anche spiegato e lo rispiego, che negli anni i contratti sono molto cambiati il contratto nazionale stabilisce i tabellari minimi legati all'inflazione e i contratti integrativi il salario di produttività , ci sono tavoli regionali aperti , è li che dobbiamo spingere , vogliamo spingere o soltanto lamentarci ? si va in sindacato e ci si da una mano.

  • alessandra rey

    27/04/2018 - 17:44

    Buonasera a tutti, ma per caso si sa qualcosa in merito alla data del rinnovo? quanto tempo dovremo aspettare ancora? Grazie!

  • nicola

    27/04/2018 - 10:43

    Lascio anche il mio pensiero: ferie e permessi secondo me sono numericamente più che sufficienti, anzi nella maggior parte dei casi non si riescono a fare vista la ripetitività delle scadenze, ma questo è un altro problema. I minimi retributivi invece sono veramente ridicoli, totalmente sproporzionati alla mole di lavoro, responsabilità e stress che comporta il lavoro degli studi negli ultimi anni e anche inferiori alla maggior parte degli altri settori. Ma dopo aver letto che eventuali aumenti sono legati solo all'inflazione e non c'è ulteriore margine non mi faccio illusioni. Mi rendo conto che si cerca di compensare con Cadiprof ebipro ecc. ma purtroppo non è la stessa cosa.

  • Sandra

    26/04/2018 - 21:57

    Buonasera a tutte/tutti Oltre a un aumento significativo della retribuzione in considerazione della responsabilità che il tipo di lavoro svolto richiede io personalmente sono impiegata in uno studio di commercialisti inserire dei buoni pasto???

  • Sandra

    26/04/2018 - 21:23

    Buonasera a tutte Io sono impiegata in uno Studio di Commercialisti e vista la responsabilità del lavoro che si svolge direi che un miglioramento significativo della retribuzione sarebbe il minimo visto che siamo da sempre una delle categorie peggio pagate inoltre come proporrei anche l'introduzione di buoni pasto

  • Patrizia

    19/04/2018 - 20:27

    bis .. scusate, solo per dire che non basta che una cosa non sia giusta per ottenerla , i contratti di lavoro sono patti tra privati , lo stato in questo caso interviene nella legislazione e nella contrattazione solo per favorire un accordo come terzo. Ogni cosa nel mondo del lavoro è stata conquistata non ci è stata concessa , guardate la storia e tutto sarà chiaro, bisogna darsi da fare il blog esiste anche per questo patrizia cgil

  • Patrizia

    19/04/2018 - 18:25

    caro Lorenzo , prendo spunto da te per rispondere un po' a tutti . Hai perfettamente centrato il problema , che è un po' il timore anche della Filcams , aprire un dibattito sul blog per una categoria non organizzata con il sindacato è molto complicato. Non facciamo riunioni , non siamo tesserati al sindacato , non abbiamo struttura sindacale , rispetto agli altri lavoratori c'è una bella differenza e questo pesa moltissimo al tavolo, quando ci chiedono: ma voi chi rappresentate ? Nonostante ciò abbiamo deciso di correre il rischio e di aprire il dibattito sul blog , è importantissimo comunque anche se, hai ragione Lorenzo, creare delle aspettative eccessive è pericoloso . Io ho lavorato negli studi per 42 anni , ne ho 62 , ho partecipato al primo contrato di categoria nel 1972 , li ho vissuti e visti tutti , esperienza ne ho ... , potrei raccontarvi tante cose ma veramente tante , mi piacerebbe vedervi ma sob ... non si può. Vedo dalla discussione , molto interessante, che c'è troppa aspettativa soprattutto da un contratto nazionale ma questo può derivare dalla scarsa conoscenza dei meccanismi della contrattazione che segue leggi , regole e protocolli di intesa .. non si può chiedere qualsiasi cosa attenzione. Il contratto nazionale via via nel tempo si è trasformato in una cornice di regole nazionali della categoria , i tabellari sono i trattamenti minimi e gli aumenti seguono l'andamento dell'inflazione non del merito. il merito e la produttività si trattano ma nella contrattazione di secondo livello , alla quale è collegata la detassazione . Quindi parte delle cose, che giustamente fate notare si possono trattare nei secondi livelli regionali , sono aperti tanti tavoli regionali che hanno bisogno della nostro spinta , dobbiamo spingere li. La maternità è una legge dello stato e la facoltativa al 30% e determinata dalla legge e la paga l'inps , quello che si può chiedere è l'integrazione attraverso gli enti bilaterali regionali ma ci vuole la contrattazione regionale, insomma ragazzi se volete vi spiego passaggio per passaggio. Seguite il consigli di angela , leggete il contratto e poi gli articoli qui sul blog che riguardano la contrattazione di secondo livello , non caricate tutto sul nazionale che pure è importantissimo. Per risponderti Lorenzo, mah i rapporti bilaterali sono buoni e la controparte c'è , vediamo, è impossible da prevedere , qualsiasi cosa può interrompere una trattativa , ne ho viste tante.. ricordiamoci che per 10 anni non abbiamo avuto un contratto e quindi nulla è scontato , iniziamo l'avventura e spero che sarete in tanti a darci una mano ne abbiamo bisogno! In alto "dai territori " potete mettervi in contatto con la filcams della vostra città , fatelo! patrizia cgil ps fatemi qualsiasi domanda sulla contrattazione vi risponderò con piacere

  • sara

    19/04/2018 - 17:46

    Buonasera a tutti, ho letto un po' i post e vedo che siamo allegramente tutti sulla stessa barca!! ovviamente ognuno ha le sue esigenze.. io lavoro in uno studio medio diciamo, da 7 anni e mezzo. mi piacerebbe che ci fosse uno scatto "automatico" di livello dopo tot anni. principalmente, perché come tutti sappiamo, nelle realtà piccole, tutti facciamo tutto, senza badare molto alle mansioni specifiche del livello. così mi ritrovo ancora al livello quarto, nonostante svolta mansioni anche di altri livelli. ovviamente non avrò mai il terzo, semplicemente perché dal terzo in su è per i laureati (almeno qui). grazie a tutti voi! buona giornata, sara

  • Michelangelo

    19/04/2018 - 15:38

    Ciao a tutti, come detto, la questione principale resta quella retributiva. Sono riuscito a "strappare" un secondo livello più i buoni pasto ma rispetto ad altri contratti resta sempre estremamente basso. Mi toccherà probabilmente lasciare questo studio per uno più grosso in cui siano disposti ad applicare il commercio. Inoltre, i ROL (40 ore) mi sembra siano più bassi rispetto ad altri contratti. Non sarebbe male, riuscire ad ottenere qualcosa anche su questo versante. Grazie per i vostri sforzi dentro e fuori dal blog!

  • Carolina

    19/04/2018 - 14:48

    Lascio anche il mio messaggio... I nostri stipendi in confronto alle altre categoria (sempre a livello impiegatizio) sono una miseria e non è giusto Concordo che gli scatti di anzianità dovrebbero essere maggiori e non limitati ad un mero numero, ma legati al tempo di permanenza presso lo stesso studio Dovrebbero essere previsti dei bonus..spesso una segretaria assunta da una persona lavora poi di fatto per più persone con il solito misero stipendio Dovrebbe essere prevista una voce "trasferta"......noi che tutti i giorni ci muoviamo in giro per uffici con i nostri mezzi...ma questi costano non sono di benzina ma anche di usura...quindi oltre ai rimborsi spese per spostarsi ci dovrebbe essere dato un qualcosina in più per la "trasferta" La maternità è retribuita all'80%...non ci sono categorie con retribuzione al 100%?? I congedi parentali successivi sono al 30%....se si considera lo stipendio...uno è costretto quasi a rinunciare o i soldi non bastano.....sarebbe forse più giusto e un 50%?

  • Cinzia

    19/04/2018 - 11:38

    Buongiorno, nelle tante "idee" butto nel calderone anche la mia personale: gli scatti di anzianità! Dopo un certo numero di anni gli scatti di anzianità non vengono più riconosciuti e quindi si perde anche quel piccolo arrotondamento di stipendio. Non lo trovo corretto, fedeltà al posto di lavoro, continuità ed esperienza non vengono considerate, ma anzi penalizzate! Lavoro in questo studio da 20 anni e da 10 non ho un aumento se non lo scatto di anzianità ed il rinnovo contrattuale. Si potrebbe quindi andare a trattare anche questo argomento? Grazie mille.

  • Lorenzo

    18/04/2018 - 19:27

    Buonasera Patrizia e grazie per l esistenza di questo blog che è uno dei pochi luoghi dove si parla e ci si confronta su temi che ci riguardano ogni giorno. Ho appena finito di leggere il tuo post di poco fa. Comprendo la volontà di evitare che le troppe aspettative sul rinnovo del ccnl possano poi portare a dei malumori finali da parte di molti di noi. Quindi provo a porre la domanda in termini diversi. Preso atto dei vari ns chiamiamoli 'desideri' cosa pensi in base alla tua esperienza che sia più probabile riuscire ad ottenere in sede di rinnovo? E c è la possibilità di un nuovo contratto già entro la fine del 2018? Grazie mille per quello che fate per la ns categoria.

  • Patrizia

    18/04/2018 - 18:53

    bis tra un po' pubblicheremo la piattaforma presentata alla nostra controparte , è un documento organizzato per temi che durante la trattativa verranno sviluppati. Seguiremo sul blog passo per passo tutta la trattativa. Vi suggerisco un tema : diritti sindacali art. 6 e seguenti patrizia cgil

  • Patrizia

    18/04/2018 - 18:46

    cari mario e mariella grazie , discussione interessante davvero, grazie a tutti ! abbiamo bisogno di proposte per arrivare al tavolo delle trattative anche con il contributo di tanti di voi. Molto complicato parificare semplicemente con confedertecnica , sarebbe un danno per chi viene da quel contratto , è come un superminimo che conservano come diritto acquisito. Vedo che il passaggio a livello e i tabellari sono gli argomenti più trattati. Ho lavorato 42 anni negli studi e purtroppo so che il passaggio a livello è un punto dolente .. non mi sono mai mossa dal 3 livello nemmeno io, sappiamo tutti bene che il nostro lavoro si è complicato moltissimo e le responsabilità tante ! non è facile trovare degli automatismi , vediamo. I tabellari purtroppo si portano dietro 10 anni di mancato rinnovo del contratto , non è facile nemmeno qui . Buoni pasto e altro , ci proviamo sempre anche qui non è facilissimo. Non dimentichiamoci che abbiamo il livello contrattuale regionale e che si può recuperare salario anche da li. E'importante che tutti noi diamo il nostro contributo alla discussione , contattate le sedi sindacali indicate in alto sul blog "dai territori" , dovremo aiutare i nostri rappresentanti sindacali al tavolo delle trattative è decisivo davvero! patrizia cgil ps grazie mario per i complimenti , il nostro blog è davvero bello ce lo diciamo anche tra noi !!!

  • MARIELLA

    18/04/2018 - 10:18

    BUONGIORNO a tutti, vista la risposta data al sig. Edo, si potrebbe pensare dopo 15 anni di allineare tutti a confedertecnica, in modo che non toglieremo a loro un diritto acquisito , ma acquisiremo per gli altri un diritto che gli altri avevano gia' ottenuto 15 anni fa? Inoltre si potrebbe chiedere come visto gia' proposto in altri post, i buoni pasto per tutti, sarebbe comunque un benefit, o/e per chi viaggia l'abbonamento ai mezzi pubblici ( ricordandosi di indicare che non e' facoltativo altrimenti non ce li daranno mai) So che tutto sara' impossibile, ma anche aggiornare gli importi degli scatti che ora sono molto bassi. Naturalmente mi trovo d'accordo con chi ha chiesto di rendere automatico il passaggio di livello dopo 3 o 5 anni si potrebbe differenziare a seconda del livello;, perché nei piccoli studi e' veramente difficile far accettare questo passaggio e ti senti quasi come uno che chiede la carita', quando invece sai di valere molto ed essere pagato troppo poco, specialmente con tutte le nuove procedure e dichiarazioni (parlo di studi commercialisti) delle quali grazie alla "semplificazione"siamo stati caricati ultimamente. Quindi nella richiesta degli aumenti di stipendio farei proprio notare come il lavoro negli studi sia triplicato rispetto un decina di anni fa, e purtroppo le scadenze non si possono rinviare quindi siamo più impegnati e con grande stress per riuscire ad ottemperare tutto. Si potrebbe anche chiedere di estendere con cadiprof la tutela sanitaria ai propri ascendenti (genitori anziani) oltre che discendenti (bimbi /figli) come hanno altri contratti, anche se dovessimo aumentare un po' il versamento. Anche per quanto riguarda l'orario dei nostri uffici, se si riuscisse ad ottenere la riduzione da 40 ore settimanali a 35/38 ore settimanali per permetterci anche un po' di tempo libero in più da dedicare ai nostri cari e a noi stesse. Approfitto anche per ringraziare chi si sta dando da fare per il nostro contratto, per il tempo dedicato per noi. Mariella

  • Mario

    18/04/2018 - 9:46

    Condivido perfettamente quanto dichiarato dall'utente EDO90. Nonostante le rivisitazioni dei minimi tabellari, le paghe del CCNL studi professionali sono basse in rapporto ad altri settori, ancor di più per il ruolo di responsabilità che comporta tale lavoro. Se a questo ci aggiungiamo i problemi cronici nell'inquadrare sempre con il livello più basso i dipendenti, ecco che il gioco è fatto. Prometto che mi impegnerò a trovare l'ufficio competente di zona e a tenermi aggiornato in merito, non conoscevo questa pagina, ma la trovo molto utile e completa. Buona giornata a tutti, e soprattutto buon lavoro (sperando alla fine ci sia un riconoscimento congruo di tale operato!)

  • Patrizia

    17/04/2018 - 21:12

    caro edo , si è così i contratti 15 anni fa erano tre , confedertecnica aveva i tabellari più alti , quando finalmente si è arrivati ad un contratto unico si è dovuto creare quell'elemento distinto per mantenere il diritto acquisito. Continua pure a setacciare il contratto , serve a tutti ! patrizia cgil

  • EDO90

    17/04/2018 - 19:54

    Per quanto riguarda invece l'art.123 del contratto scaduto (minimi tabellari) in fondo, non è chiaro a quali tipologie di lavoratori si debba corrispondere l'elemento nazionale di allineamento contrattuale. Forse perché il problema non mi si è mai proprio presentato!!!! 🙂 Si deve applicare solo a quei dipendenti dei livelli 1, 2, 3S che provenivano dal CCNL confedertecnica e quindi assunti con quel contratto oppure si deve applicare anche ai neoassunti nei predetti livelli? Magari si potrebbe dire in modo più chiaro. Tra parentesi un quadro a tempo pieno (cioè il massimo proprio) con il CCNL scaduto veniva a prendere circa 1500 mensili con l'ultimo aumento di settembre scorso... li prendono gli amministrativi degli altri settori per fare molto meno e con molta responsabilità in meno :'-) in sede di contrattazione bisognerebbe cercare di far leva sulla responsabilità crescenti che comportano i vari livelli (io parlo per la conoscenza che ho dell'area economico-amministrativa) per spuntare qualcosina! (magari!!!) già un 2° livello o un 3°S hanno probabilmente più peso sulle spalle di un 2° o di un 3° del commercio... poi è logico anche che spesso gli studi perdano figure importanti che per convenienza economica e ... maggiore tranquillità sul posto di lavoro passino alle aziende. Un saluto, Edoardo.

  • Patrizia

    16/04/2018 - 12:26

    molto bene edo! ottime osservazioni , ce ne aspettiamo delle altre! Per il sistema bilaterale contrattuale : si il problema è legislativo . I versamenti agli enti sono obblighi contrattuali e non di legge , a rafforzare l'obbligo è intervenuta una circolare del Ministero del lavoro n. 43/2010 che è stata recepita dal contratto e che ha consentito di normare l'EDR., E' un problema molto complicato e non di facile soluzione., ma confidiamo di arrivarci prima o poi, vista l'importanza che sta assumendo il sistema bilaterale. Discorso a parte sono i fondi pensione che hanno una regolazione contrattuale ma anche le norme di legge. grazie degli spunti davvero interessanti patrizia cgil

  • EDO90

    14/04/2018 - 22:29

    Invece per quanto riguarda l'art.43 "principio di non discriminazione e riproporzionamento" del tempo parziale, suggerirei di inserire qualcosa tipo: "il riproporzionamento del trattamento economico e normativo del lavoratore assunto a tempo parziale si determina sulla base del rapporto fra orario settimanale ridotto moltiplicato per 52 settimane ed il risultato del prodotto del divisore orario contrattuale moltiplicato per 12 mesi". Es. 20 ore settimanali p.t. orizzontale = (20x52)/(170x12) = 50,98% che è diverso da 50% a lungo andare!! Non sempre chi elabora le paghe si prende la briga di calcolare effettivamente la giusta percentuale di part-time dei mensilizzati!

  • EDO90

    14/04/2018 - 22:08

    Ciao a tutte/i!! Come già detto in altra sezione del blog, lo scrivo anche qui. Se possibile bisogna cercare di risolvere la situazione di sistematico mancato versamento della contribuzione alla bilateralità di settore (ebipro/cadiprof) e/o la mancata corresponsione dell'E.D.R. (parliamo di 32 euro per 14 mensilità!! controllate che nella busta paga ci sia la trattenuta cadiprof oppure la voce EDR!!) che so essere prassi usuale in tutto il territorio nazionale. Da come ricordo manca la possibilità di delegare l'inps alla riscossione effettiva delle somme (forse un problema legislativo?): mi sembra che ebipro e cadiprof non possano proprio agire per riscuotere le somme dovute previste dal CCNL. Se uno studio decide deliberatamente di aderire al CCNL e di non versare la contribuzione, ad oggi può dormire sonni tranquilli! La mia proposta è collegare l'automatismo della comunicazione Unilav e del flusso Uniemens, dalle quali risulta il CCNL applicato, ad una posizione presso gli istituti della bilateralità, in modo che ebipro possa quantomeno scrivere due righe per far sapere che conosce quel datore di lavoro. A quel punto il nuovo CCNL potrebbe prevedere l'obbligo per il datore di lavoro di comunicare tramite posta certificata la decisione di non versare la contribuzione alla bilateralità e sostituirla con l'EDR (in caso di mancata erogazione di prestazioni al lavoratore in sostituzione della bilateralità di settore) e mettere così almeno l'impegno nero su bianco. Poi, se si possa fare di più, oppure niente, a livello di contrattazione nazionale io non lo so!! Se solo si riuscisse a riscuotere tutte le somme non versate pensate all'implementazione che potrebbero avere ad esempio i servizi offerti da Cadiprof!!! Sono ipotesi, forse imprecise dal punto di vista del diritto, ma spero vivamente vi possano offrire uno spunto! Edoardo

  • Patrizia

    12/04/2018 - 18:00

    ciao sara, beh .. lo chiediamo sicuro , chiedere e ottenere sono due cose diverse ! ciao patrizia cgil

  • Sara Massoni

    12/04/2018 - 12:25

    Ciao a tutti! io lavoro in uno studio professionale da 7 anni al livello 4. pensate che nel rinnovo ci sarà qualche aumento?

  • Patrizia

    10/04/2018 - 17:36

    per lorenzo , L'accordo è molto importante sono passaggi necessari per rendere esigibili le cose che sono scritte nei nostri studi , attraverso la pagina territoriale puoi contattare la filcams Liguria per sapere come muoverti , ti spiegheranno come funziona l'accordo. Potresti sorprenderti! per tutti : le pagine dei territoriali sono on line , usatele! patrizia cgil

  • Lorenzo

    10/04/2018 - 13:32

    Buongiorno a tutti , importante è batterci per aumento livello contrattuale ogni tot anni senza dover elemosinarlo al datore. Lavoro in uno studio professionale in Liguria da 5 anni. Avevo letto che eravamo L unica regione dove si era cominciato con la contrattazione di secondo livello e sono andato a leggermi il testo.....tante buone intenzioni ma di concreto nulla almeno in quel testo al momento. Magari essendo ignorante io in materia di contratti collettivi e accordi tra sindacati e associazioni di categoria non avrò capito bene quello che c è scritto ma non mi pare ci siano concreti passi avanti in quel testo.

  • Patrizia

    09/04/2018 - 19:43

    per marco: dici bene , l'obiettivo più importante è la contrattazione integrativa regionale . Ci proviamo da anni ma senza i lavoratori che premono è difficilissimo ottenere anche solo un tavolo. Comunque in liguria ci sono arrivati . Tavoli aperti ce ne sono ovunque , speriamo di aggiungere alla Liguria qualche altra regione. Per leggere l'accordo della liguria vai sui territori in alto sul blog ci sono le pagine regionali , c'è anche quella del lazio con tutti i riferimenti , puoi metterti in contatto per avere notizie. Per Santina : per essere tutelata devi andare in sindacato non c'è altro modo , quando si è da soli con il datore di lavoro vince il più forte . per matte: non sei informata su cadiprof , conosciamo bene il piano sanitario e mi pare che tu non lo abbia letto , la copertura per l'impianto c'è., come i ticket e molto altro . Le ferie sono 22 lavorativi come in tutti i contratti , oltre ai rol . Non c'è nulla di diverso da altri contratti nazionali anzi rispetto al commercio le norme sulla malattia sono migliori . Poi per fare riunioni in ogni città non c'è problema basta andare nelle sedi sindacali della propria città e proporle, io angela irene carmen lo facciamo da tanti e tanti e tanti anni e stiamo aspettando rinforzi vi diamo una mano dal blog non ci sono problemi. Vi aspettiamo patrizia cgil ps vi chiedo un favore personale .. cerchiamo di essere propositivi non usate parole come vergogna e simili ... a noi fa impressione per tutto il lavoro duro che abbiamo fatto in tutti questi anni in solitudine e usando le nostre ferie e permessi per ottenere un contratto dignitoso per tutta la categoria . Vi chiediamo proposte e partecipazione non lamenti

  • Patrizia

    09/04/2018 - 19:19

    risposte varie: colleghi e colleghe bisogna che ci capiamo... avevo scritto un post per spiegare come funziona la contrattazione , per cortesia leggetelo . non basta dire che vogliamo prendere i soldi del commercio o altro e ci verrà accordato per il solo motivo che è giusto , un tavolo di trattative non è un supermarket , nessuno deve darci per forza per intenderci, il contratto può anche non esserci , o capiamo questo semplice concetto oppure non ci siamo. Vi prego fate uno sforzo ,altrimenti è inutile che discutiamo. Se ci sarà un contratto o la lunghezza della trattativa , la qualità del contratto nazionale dipenderà anche da noi , vi ringrazio ma non basta augurare buon lavoro , , ecco abbiamo fatto tante volte questi discorsi sul blog . Vi chiedo di darci una mano , noi siamo lavoratori degli studi come voi , solo che facciamo qualcosa per il nostro contratto insieme alla Filcams , dovete fare qualcosa anche voi , andare nelle sedi sindacali della filcams della vostra città , e partecipare, più siamo e più contiamo , non ci sono altri modi , certo non una delega al blog . Dateci idee ma anche la vostra partecipazione è assolutamente necessaria patrizia cgil

  • Patrizia

    09/04/2018 - 18:56

    cara mary , questo è un blog dedicato ai dipendenti degli studi professionali non possiamo risponderti , devi rivolgerti al sindacato di categoria. patrizia cgil

  • mary79

    09/04/2018 - 14:30

    salve,lavoro in una ditta artigiana dal 2011 e non ho mai visto in busta aumenti per scatti di anzianità e/o contrattuali , in quale mese dovrebbero essere liquidati? inoltro hanno cambiato tipo di busta da oraria a mensile e hanno così abbassato la retribuzione oraria facendola riportare a un Tot mensile, è corretto? lo possono fare? grazie per la risposta

  • Matte

    09/04/2018 - 9:38

    Periodo non positivo per grandi speranze nel rinnovo del contratto che almeno nella parte economica dovrebbe essere totalmente rivista ed allineati almeno a quelli del commercio vista la professionalita' che viene richiesta a fare il lavoro dei bancari con F24 , con quello degli statali inps/inail/cciiaa/agenzia entrate con i vari moduli di iscrizione, cessazione, scarico f24 art/com, i forfettari, ecc ecc E POI la parte contabile con tutte le news che han messo di liquidazione perdioche, spesometri e fiscale 730/UNICO/IMU/TASI che oltre al saperle fare comporta anche una preparazione informatica. Quindi... allineare gli stipendi almeno a quelli del commercio sarebbe il minimo. Poi corsi formativi? gia' i capi li fanno x finta ma noi ??? Quanto alla cadiprof come sapete rimborsano un max di 60euro e già solo che ti fai la pulizia denti due volte l'anno quasi una è gratuita. ma un impianto? altre spese? si potessero alzare i massimale non sarebbe brutta cosa. così per le ferie... 22gg all'anno se si hanno dei bambini diventano strettini anche perchè nelle feste se non hai parenti tocca stare a casa o li bruci? sarebbe bello riuscire davvero a fare un dibattito magari in ogni citta' e vedere se in qualcosa veniamo ascoltati. Pure il passaggio di livello è vergognoso che in una carriera si resti sempre al minimo ma sfruttati al massimo. l'ambiente è quello che è lo sappiamo tutti e non c'è alternativa dopo una certa età. Ma restare sempre quarti con promesse vane lo trovo umiliante.

  • marco

    09/04/2018 - 8:43

    Patrizia, non credo di meritare nessun grazie, grazie a voi per tutto il lavoro che fate dietro le quinte, per il resto, spero che saremo tutti uniti e compatti durante le trattative, perchè come sempre la forza la fa l'unione di tutti e speriamo che ognuno di noi, in parte rimanga soddisfatto del futuro rinnovo e di iniziare ad avere la forza necessaria per poter iniziare le trattative di secondo livello, che nel lazio, pur essendo una regione con molti contratti della nostra categoria, non è mai riuscita a partire. un saluto a tutto lo staff

  • SANTINA

    08/04/2018 - 21:23

    Salve mi chiamo Santina e sono 39 anni che lavoro presso i Notai. Devo dire che con l'ultimo datore di lavoro ho dovuto accettare di essere declassata e lavorare con contratto part-time con la speranza che dopo un anno mi avrebbe "sistemato" il contratto. A tutt'oggi questo non è ancora successo!! Il mio contratto è sempre part-time ma soprattutto sono ancora al quarto livello (nei precedenti contratti ero arrivata al terzo super) e negli anni di esperienza ne ho accumulata!!!! Purtroppo, data la mia età (54), non ho possibilità di scelta. Sono d'accordo di aumentare dopo qualche anno il livello dal momento che l'esperienza viene acquisita e non aspettare di chiedere al datore di lavoro l'aumento! Anche perché a loro va bene così. Comunque gli aumenti che ci danno sono proprio una miseria!!!! Grazie se vorrete rispondermi e.... buon lavoro a tutte/i

  • Maurizio

    08/04/2018 - 11:33

    Speriamo di poter visionare la piattaforma il prima possibile e che si riesca in pochi mesi a rinnovare il contratto. Battiamoci soprattutto per un aumento automatico di livello contrattuale ogni tot anni presso il medesimo studio o la medesima azienda. I soli scatti di anzianità peraltro remunerati pochissimo non premiano a sufficienza la fedeltà di un impiegato/a al proprio lavoro.

  • Gianluca

    06/04/2018 - 22:04

    Proporrei anche dei buoni pasto\spesa mensili. È sempre una forma di remunerazione

  • Patrizia

    06/04/2018 - 19:01

    siamo molto contente che ci siano stati subito dei commenti , è importante per tutti . Quando pubblicheremo la piattaforma la discussione sarà anche più impegnativa , non manca molto !| Faccio alcune precisazioni per discutere meglio: la contrattazione libera tra le parti ha delle regole , frutto dei vari accordi succedutisi negli anni tra rappresentanti dei lavoratori e datori di lavoro. Il contratto nazionale è rimasto il principale strumento contrattuale , però pezzi importanti della contrattazione si sono spostati negli accordi integrativi (regionali o aziendali) che purtroppo noi facciamo una gran fatica ad avviare, ad oggi solo la liguria è riuscita a firmare un accordo regionale. La parte economica dei contratti nazionali segue un parametro preciso : il recupero dell'inflazione , in questi anni di recessione , non essendoci inflazione , è stata un'impresa portare a casa anche quell'aumento che percepiamo così basso ma che è in linea con tutti gli altri contratti. Il nostro contratto ha tabellari bassi perché abbiamo saltato 3 rinnovi contrattuali a causa dell'assenza della nostra controparte . e purtroppo i 10 anni si sentono tutti , ogni categoria ha la sua storia e la sua controparte noi la nostra , il commercio la sua . Negli accordi integrativi si contratta la parte economica legata alla produttività , la più importante , ma non solo , se leggete l'accordo regionale della liguria ve ne renderete conto, dobbiamo assolutamente arrivarci per avere effettivi benefici nei nostri piccoli studi. Altre cose di metodo : seguite il consiglio di angela leggete il contratto nazionale scaduto , inoltre angela dice : siamo tutte coinvolte , nel blog siamo tutti colleghi e colleghe diamoci una mano tutti insieme , partecipiamo sul blog ma anche nelle sedi sindacali. Infine grazie valentina hai ragione lo sappiamo .. ma discutere con la controparte senza la spinta dei lavoratori non è mai semplice e grazie anche a marco , siamo orgogliose del nostro articolo sulle unioni civili e ti assicuro che è la conciliazione vita - lavoro e il recepimento della legge sulle unioni civili sono in cima ai nostri pensieri Se non siamo chiare chiedete pure qualsiasi cosa ! che la discussione sia ricca , libera e fruttuosa grazie a tutti patrizia cgil

  • Federica

    06/04/2018 - 11:04

    Buongiorno, oltre all'aspetto retributivo già elencato dalle persone precedenti e con cui sono assolutamente d'accordo, si potrebbe proporre qualche forma di "part-time" o orario agevolato per mamme lavoratrici o dipendenti bisognosi almeno una volta nella vita lavorativa!!!

  • Cristina

    05/04/2018 - 21:04

    Sarebbe bello.... Dopo 30 anni di lavoro, poter essere gratificati non solo dalla gloria, ma da una tariffa base che riconosce la vera esperienza e non essere trattati come l 'ultima ruota del carro che oltretutto dobbiamo formare nell' indifferenza più totale dei capi. E comunque il nostro contratto è stato sempre il più basso nelle tariffe remunerative.

  • Raffaele

    05/04/2018 - 17:51

    Ciao a tutti... sicuramente bello che a ogni scadenza ci sia un rinnovo, o perlomeno una base da cui poi modificare. Inoltre sarebbe utile mettere dei paletti sui livelli in base agli anni di lavoro, e cioè, come ho letto in altri post, impiegati che la lavorano da diversi anni senza avere un livello adeguato..

  • Lorenzo

    05/04/2018 - 15:34

    Buongiorno, concordo con quanto letto nei commenti precedenti. Punti chiave dovrebbero essere la celerità nel rinnovo del contratto scaduto il 31 marzo, inserire l'obbligatorietà ogni max 5 anni di un aumento di livello, inserire un adeguamento del trattamento economico che ci permetta di essere al livello di altri settori lavorativi, vedi il ccnl del commercio ad esempio. Concordo infine con chi sostiene che gli aumenti di 12€ ogni 6 mesi, come era previsto nel contratto appena scaduto, sono poco più che mancie.

  • Raffaella

    05/04/2018 - 14:53

    Sarebbe bello lavorare sui livelli..mai presi in considerazione dal datore di lavoro..Io ad esempio svolgo l’attivita Di una segretaria di direzione e amministrativa ..lavoro da 25 anni nello stesso settore è solo due anni fa dopo dure lotte sono riuscita ad ottenere il terzo livello..mi sarebbe spettato almeno il secondo. Perché non renderli obbligatori o automatici i passaggi di livello? Poi c’e La questione ‘arretrati’ del rinnovo contrattuale..perché non ci spettano più? Grazie per quanto potrete fare..siamo nelle vostre mani..Buon lavoro! Raffaella

  • marco

    05/04/2018 - 13:57

    Buongiorno e buon lavoro a tutto lo staff, sinceramente nel rinnovo del contratto mi farebbe piacere solo che risultasse chiaro l'equiparazione delle unioni civili perchè molto importante e che se ci dovessero essere aumenti dal lato economico, che a oggi rimane essere tra i più bassi, non sia elargito in tempistiche così lunghe come nel precedente, perchè realmente nella durata del contratto lo stipendio con l'aumento pieno è stato preso per 6 mesi ...e non voglio calcolare quante centianaia di euro sono stati persi dal rinnovo, altro che aumento medio di 80€...secondo me è stata una presa in giro fare aumenti di 12€ ogni 6 mesi, anche se questo purtroppo non è stato concordato con il sorriso e almeno è stato ottenuto. grazie come sempre per il lavoro che fate quotidianamente

  • Valentina

    05/04/2018 - 13:38

    Sicuramente far aderire tutte le sigle/categorie!! Soprattutto confedertecnica!!!

Lascia un commento

You have to agree to the comment policy.

*

↓