impiegate
32

Spese per le attività sportive – EBIPRO – rimborso parziale

25/03/2019 - 10:42

Buongiorno a tutti,

finalmente EBIPRO ha pubblicato i modulo ed il regolamento per poter usufruire del rimborso parziale per spese per le attività sportive, sostenute dal lavoratore (iscritto all’EBIPRO) per se stesso e per i propri figli

 

ATTENZIONE le attività sportive devono essere riconosciute dal CONI.

Leggete attentamente il Regolamento

Per comodità vi indichiamo qui di seguito il link per accedere direttamente alla pagina dove troverete il regolamento e il modulo in formato .pdf

EBIPRO rimborso spese per le attività sportive

Il rimborso è pari al 50% delle spese sostenute fin ad un massimo di 500 Euri per ciascuna richiesta

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
  • Patrizia

    03/06/2019 - 20:01

    caro mario, 20 anni fa quando abbiamo costruito il blog ci abbiamo messo un po' di tempo a trovare il giusto approccio , non è stato facile , abbiamo discusso molto tra noi su come rispondere , toni , argomenti . Abbiamo fatto molti errori , come era naturale fosse. In tanti anni le situazioni affrontate sono state centinaia e centinaia , le più diverse e questo ci ha permesso di accumulare esperienza e di dare un taglio al blog che forse è il motivo del suo innegabile successo. Sul web è facile fraintendere parole , affermazioni , si percepisce un'aggressività che magari non c'è e come su fb finisce tutto in una violenza verbale fine a se stessa. Quindi , ci siamo sforzate di stare agli argomenti e di usare un linguaggio colloquiale , per superare il muro del virtuale, abbiamo anche deciso di non dare risposte di mera consulenza , per non dare l'impressione di dare solo un "servizio" noi non siamo un ente , siamo il sindacato . Proprio per questo discutiamo sul blog con voi , perché non dovremmo farlo ? perché non dovrei dirti quello che penso , puoi dirlo solo tu ? siamo colleghi, io sono nella scrivania accanto alla tua e ti parlo da collega , e dico quello che penso , perchè non dovrei farlo ? Non ho usato luoghi comuni , è la realtà purtroppo , alle volte ci sentiamo dei supermercati anche noi e tu ne sei la dimostrazione , i lavoratori , i ns. colleghi , si aspettano il servizio , pago , anche no, e voglio il servizio , questo non è sindacato, Mi spiace tu abbia avuto una cattiva esperienza con la cgil , capita è capitato anche a me tante volte , mi sono difesa anch'io da sola , però la mia esperienza sindacale è stata decisiva. il sindacato è una grande organizzazione fatta di uomini e di donne c'è il buono e il cattivo. Magari tu , se aderissi , potresti migliorarla no? Il punto non è cosa fai individualmente .. cosa fai perché collettivamente la categoria sia più rappresentata e forte, i comportamenti individuali hanno peso solo per se stessi e li finiscono. Caro Mario, questo è un blog di confronto e quindi io dico la mia e tu la tua senza infingimenti e ipocrisie . Io esco dal mio cerchio ma anche tu devi farlo e considerare le mie di ragioni. Mi darai atto che sul blog il confronto c'è … pubblichiamo tutti per principio , meglio se arrivano critiche, cosi ci da modo di discutere, che è la cosa che ci piace di più! Un chiarimento : il sindacato non può fare nulla se non c'è il tesseramento , tu non paghi un servizio ma chiedi di essere rappresentato in una vertenza , il sindacato deve chiedere la tessera , se vai dall'avvocato cosa ti chiede ? il mandato , altrimenti non puo agire in tua rappresentanza, Dovresti guardare le cose con meno pregiudizi e abbasare qualche difesa che qui non serve. ciao patrizia CGIL

  • Mario

    03/06/2019 - 12:50

    Buongiorno Patrizia. Parlare per luoghi comuni come "Criticare , pretendere è lo sport più facile del mondo, fare invece .. " non credo sia la risposta migliore da dare su un blog che cerca di dare confronto, anzichè chiudere porte. Per la Cronaca, sono passati quasi 70 Giorni dalla mia richiesta presentata ad Ebipro, non c'è stata neppure la visione della pratica da me presentata. Pertanto questo la dice lunga. Ti parlo della mia esperienza, visto che mi hai chiesto personalmente cosa io intenda fare per migliorare il nostro contratto, sinceramente circa 9 anni fa mi recai in CGIL per una consulenza su di un contratto dove non percepivo stipendio da mesi. Ho avuto una pessima assistenza, all'epoca ero poco più che ventenne. La lettera, il format, lo elaborai personalmente e lo feci valutare al responsabile della mia zona, il quale mi disse è perfetta così, puoi procedere con l'invio. Egli si prodigò solo per chiudere la pratica, per elaborare e formalizzare l'accordo. Il tutto ebbe un costo chiamato tessera, ma tutto ciò che avevo ottenuto dalla risoluzione del contratto, con conseguente perdita del posto di lavoro, si tramuto per me in un costo verso l'ente sindacale. Quindi oltre al danno la beffa. Pertanto, io credo che alla base ci sia un problema, ossia il rapporto che si mette in piedi tra i sindacati di zona, ed i cittadini. Se non c'è trasparenza, non c'è neanche volontà di entrare a far parte di un mondo così importante ma complesso al tempo stesso. Purtroppo la mia forma mentis mi porta ad essere preciso e scrupoloso, e quando ho a che fare con gente che neanche mi chiede se sono soddisfatto o meno della proposta, o prova a fare una riflessione con me, a darmi un consiglio, ma chiede, in maniera preventiva, un corrispettivo, mi viene solo il mal di stomaco. Pertanto come lavoratore, cerco di lottare ogni giorno per ottenere ciò che nel contratto non c'è. Cerco di chiedere aumenti facendo notare le differenze con altre categorie, le disparità verso altri colleghi che lavorano magari da aziende clienti. Non sono abituato ad avere, ma a rimboccarmi le maniche. Buon lavoro

  • Patrizia

    22/05/2019 - 11:46

    caro mario, non ci capiamo sai… .. io non sono la cgil , sono una lavoratrice degli studi professionali iscritta alla cgil , non sono un funzionario , non sono in distacco , sono una volontaria . Ti rispondo da lavoratrice, per questo mi permetto di dire alcune cose che possono sembrare spiacevoli ma sono la semplice verità. Le dico da lavoratrice esattamente come te. In tanti anni di esperienza sindacale, precisamente dal 1974 , ho purtroppo assistito con preoccupazione prima e un po di angoscia poi, la delega sindacale trasformarsi da attiva a passiva , i lavoratori hanno pensato che non ci fosse più bisogno della partecipazione ma che i contratti , i diritti fossero scontati o addirittura arrivassero per legge in modo automatico. Questo modo di pensare errato ora è predominante , sta producendo tanti guasti e ancora ne produrrà purtroppo. Per questo parlo di pretendere e mai dare .. perché ormai si pensa al sindacato come un centro servizi o ad una sorta di ministero , niente di più sbagliato e fuorviante. Se credi nel confronto prova a prendere in considerazione le cose che ti dico, come faccio anch'io. Il confonto è sempre reciproco , credo che tutti abbiamo delle responsabilità , qualsiasi ruolo rivestiamo . Buoni pasto e ebipro sono cose diverse contrattualmente l'una non esclude l'altra. Noi tutti invece lavoreremo perché ebipro funzioni meglio per dare risposte ai bisogni dei lavoratori. Tu cosa intendi fare per migliorare il nostro contratto ? mi pare che la responsabilità personale sia un argomento che viene evitato da tutti. Criticare , pretendere è lo sport più facile del mondo, fare invece .. patrizia CGIL

  • Mario

    22/05/2019 - 7:47

    "pretendere e mai dare nulla è troppo facile". Credo che un'esponente CGIL non dovrebbe mai rivolgere una frase simile ad un lavoratore che dà quotidianamente, oltre a rinunciare a parte del compenso per un assistenza che in realtà non c'è. Io spero Ebipro cessi di esistere, e tali fondi vengano dirottati su altre forme di assistenza più immediate, tipo i buoni pasto. Buona giornata, e ad ogni modo credo sempre che il confronto sia meglio di un non confronto.

  • Patrizia

    21/05/2019 - 18:17

    caro mario, permettimi : mi pare tu faccia molta confusione , oppure non leggi quello che scrivo. Abbiamo tallonato ebipro tutti i giorni e posso darti delle risposte per questo . Non difendo l'ente , ti spiego quali sono i motivi delle difficoltà, poi se vuoi capire quello che vuoi tu, fai pure. Negli enti senza fine di lucro la struttura viene pagata, e cosa normale, non ci sono dividenti , le risorse sono tutte destinate all'assistenza. per anni ho fatto parte del consiglio di amministrazione di cadiprof , che ho visto nascere, ho percepito solo il rimborso delle spese , ho usato le mie ferie e permessi per partecipare alle riunioni , quindi ti sarei grata tu rispettassi il grandissimo lavoro fatto , da tanti e anche da me, a favore della categoria. Pretendere e mai dare nulla è troppo facile. patrizia CGIL

  • Mario

    21/05/2019 - 17:44

    Attività benefica? Quindi chi svolge tale attività non percepisce compensi? L'organigramma in essere non ha compensi? Devo dire grazie, per un attesa che sino ad ora si è sempre protratta oltre le tempistiche di regolamento, e mai entro? E perchè dovrei? La risposta informativa è arrivata entro 5 minuti dall'inoltro della mail. Credo lo stesso tempo che ci voglia per valutare una modulistica già compilata in ogni suo campo. Io credo che il "Grazie" vada a tutti quei lavoratori che "simbolicamente" fanno sì che tali enti esistano. Ad ogni modo è un riscontro che da lavoratore vi dò, non credo sia il caso di prenderla sul personale e difendere sempre l'ente. Al massimo sarebbe opportuno farglielo presente, visto che il canale diretto dipendente (che contribuisce in busta paga) ente, non funziona. Buona serata

  • Patrizia

    15/05/2019 - 19:57

    cara federica, vedo ora il tuo quesito .. è sfuggito , perdono. Il pilates , dovrebbe essere ginnastica di mantenimento , se vai sul sito ebipro attività sportive , c'è anche l'elenco delle discipline riconosciute, le trovi tutte. Ho notizie che ci sono solo delle difficoltà solo con lo yoga. se hai difficoltà ricontattaci che provo ad approfondire ciao ! patrizia CGIL

  • Patrizia

    15/05/2019 - 19:53

    caro mario, ebipro è un ente senza fine di lucro di origine contrattuale , e stato costruito proprio per dare servizi al settore degli studi professionali, converrai con me , a costo molto basso, quasi simbolico . Non è un centro servizi privato o pubblico, è un ente per così dire "benefico" ,in questo momento si sta riorganizzando perché la mole di competenze sono molto aumentate e le conseguenti domande da evadere. Le difficoltà le abbiamo riscontrate per primi noi . I tempi sono dichiarati dal regolamento , basta portare un po' di pazienza non credi ? senza il contratto non avresti nemmeno questa possibilità di avere dei rimborsi, gli enti bilaterali non sono obbligatori , ne scontati , si ottengono con la contrattazione che altri hanno fatto per noi, quindi…. almeno la pazienza è dovuta. patrizia CGIL

  • Mario

    15/05/2019 - 10:33

    buongiorno, ho presentato richiesta il 26 Marzo, ad oggi, 15 Maggio l'unica risposta che ho avuto, informativa a seguito di una mia mail è stata la seguente: "la pratica non è stata ancora elaborata, e lo sarà entro i termini come da regolamento, dei 120 giorni". Diciamo che sarebbe più corretto lavorare le pratiche per dare ossigeno a chi contribuisce a questo ente mensilmente., purtroppo non è la prima volta che in Ebipro c'è poca volontà ad essere più pratici e meno burocatrici

  • Federica

    18/04/2019 - 19:18

    E' possibile sapere se il Pilates rientra fra gli sport riconosciuti dal Coni e quindi se si possono chiedere a rimborso le spese sostenute per questa costosa pratica sportiva?

  • MICHELA

    11/04/2019 - 21:15

    Grazie mille, ora mi è tutto chiaro! Sei stata molto gentile. Michela

  • Patrizia

    11/04/2019 - 21:12

    cara michela, beh dai rispondendo a te può essere utile a anche a chi ha dei dubbi simili! è utile. 1) cadiprof è figurativa perchè è a carico del datore di lavoro , i 2 euro è il tuo contributo a ebipro , quindi bene sei iscritta. 2) le richieste sono 3 cumulative , nel senso che conviene fare 1 richiesta ogni tanto cumulando i costi perché al massimo ne puoi fare 3 per quanto tempo rimarrai nel settore , per seguire il tuo esempio . se rimani 10 anni le richieste sono 3 , come anche se rimani 5 o 20, nei limiti dei 500,00 euro , devi regolarti. Tieni conto che di anno in anno le prestazioni di ebipro possono cambiare su valutazione dei consiglio di amministrazione , quindi può essere che anche i rimborsi sportivi vengano modificati. 3) ebipro , prima di fare il rimborso , controllerà sul registro del coni , usando i dati che troverà nella ricevuta. ciao patrizia cgil

  • MICHELA

    11/04/2019 - 21:00

    Buonasera Patrizia, grazie mille per le risposte ma ho ancora dei dubbi: 1) in busta paga ho visto che ho 2 voci: Cadiprof come trattenuta di €2,00 e Cadiprof tra parentesi di €20,00, come se fosse figurativo. Questo vuol dire che il contributo Ebipro c’è? 2) non mi è ancora chiaro il concetto delle 3 richieste. Cioè se io lavoro in uno studio professionale per 10 anni, posso fare solo 3 richieste nell arco di 10 anni? 3) Nel caso della società riconosciuta Coni, ho letto sul regolamento che nel caso di abbonamento non deve esser specificata la disciplina precisa. Ma in questo caso, loro per accettare la richiesta di rimborso su che dati si basano? Cioè fanno una ricerca con la partita iva nel registro del CONI per vedere se la società è iscritta? Grazie mille per la pazienza, Michela

  • Patrizia

    11/04/2019 - 15:19

    ciao michela , benvenuta! vado con ordine 1) vale anche per gli apprendisti, se regolarmente iscritti a ebipro 2) puoi controllare la tua iscrizione direttamente con ebipro , oppure controllando sull'F24 mensile il versamento ASSP : deve essere di 22 euro , comprende cadiprof ed ebipro e poi sulla busta paga dovresti trovare la trattenuta di 2,00 euro a tuo carico ,con indicazione ente bilaterale o ebipro. 3) puoi fare 3 richieste durante il rapporto di lavoro nello studio professionale , quindi se esci dalla categoria , esci anche dal sistema bilaterale. 4) se vedi sul regolamento c'è l'elenco delle discipline riconosciute dal coni , è la disciplina che deve essere riconosciuta , le società devono avere uno statuto e un atto costitutivo riconosciuto dal Coni , altrimenti non possono fare attività, ci son obblighi precisi , non si scherza. Di solito le società mettono nella propria carta intestata il n. di registrazione coni , controllare è semplicissimo , basta consultare il registro Coni. Ciao patrizia CGIL

  • MICHELA

    11/04/2019 - 14:11

    Buongiorno Patrizia, sono nuova nel gruppo e sono una dipendente di uno studio professionale. Ho letto del rimborso delle spese sportive e avrei delle domande, se possibile: - EBIPRO vale anche per gli apprendisti? - EBIPRO quando parla di "nel corso dell’intera iscrizione ad E.BI.PRO" cosa intende? Ogni quanto posso fare le 3 richieste se il mio datore versa i contributi regolari? - E’ possibile fare una verifica se la contribuzione e’ regolare? - Ho letto che per usufruire del 50% la palestra o centro sportivo deve essere iscritto al registro Coni. Affinché la pratica sia accettata, EBIPRO fa una ricerca per partita iva/codice fiscale per accertarsi che tale palestra o centro sportivo rientri tra i convenzionati? Scusa le tante domande, Grazie, Michela

  • MICHELA

    11/04/2019 - 14:07

    Buongiorno Patrizia, sono nuova nel gruppo e dipendente di uno studio professionale. Ho letto in merito al rimborso delle spese sportive e avrei qualche domanda, se possibile: - EBIPRO vale anche per i contratti di apprendistato? - EBIPRO nel regolamento parla di "nel corso dell’intera iscrizione ad E.BI.PRO" cosa si intende? cioè ogni quanto posso fare le 3 richieste se il mio datore paga regolarmente i contributi? - E’ possibile fare una verifica se la contribuzione e’ regolare? - Ho letto che per usufruire del 50% la palestra o centro sportivo deve essere iscritto al registro Coni. Affinché la pratica sia accettata, EBIPRO fa una ricerca per partita iva/codice fiscale per accertarsi che tale palestra o centro sportivo rientri tra i convenzionati? Scusa le tante domande, Grazie, Michela

  • Patrizia

    10/04/2019 - 15:11

    cara marzia, non si può utilizzare la stessa fattura per avere rimborsi da due fondi , quello che puoi fare e chiedere il rimborso sul 730 per la differenza non rimborsata. ciao patrizia cgil

  • marzia de vecchi

    10/04/2019 - 10:48

    Buongiorno a tutte/i. Ho un dubbio e scusate se è nel posto sbagliato. Sia io sia mio marito abbiamo un fondo sanitario che rimborsa parte delle spese mediche sostenute. Ora io ho una fattura per prestazioni di un dentista. Posso mandare la richiesta ad entrambi i fondi visto che il rimborso non è al 100% in nessuno dei due casi? Grazie marzia

  • marzia

    10/04/2019 - 10:26

    Buongiorno a tutti/e Chiedo una informazione su rimborsi spese mediche (non so se sono sul posto giusto) Sia io sia mio marito abbiamo un fondo sanitario che rimborsa parte delle spese mediche. Domanda. Nel caso avessi una fattura di un dentista per prestazioni, il rimborso lo devo presentare solo ad un fondo sanitario o posso presentarlo in entrambi? (in nessun caso viene rimborsato al 100%). Grazie marzia

  • Patrizia

    09/04/2019 - 14:38

    cara denise, mi pare chiaro, ebipro richiede o la fattura o la ricevuta anche in caso di abbonamento, con specificato l'attività svolta. ciao patrizia CGIL

  • Denise Alexandra

    09/04/2019 - 12:37

    Buongiorno a tutte. Ho abbonamento annuale in palestra (riconosciuta CONI, ho controllato sul Registro), addebito mensile in c/c. Non ho fattura, ma solo il contratto stipulato la prima volta ed una ricevutina di rinnovo. Leggendo il modulo di rimborso ed il regolamento, non mi è chiaro, ai fini del rimborso, quali documenti devo inviare. Grazie mille a tutte in anticipo. Denise

  • Patrizia

    04/04/2019 - 15:30

    ottimo ! patrizia cgil

  • Mario

    04/04/2019 - 8:08

    Il 26 ho presentato il modulo di rimborso via mail, appena ho un minimo di riscontro vi tengo aggiornati.

  • Patrizia

    28/03/2019 - 21:05

    cara katia, si hai ragione , ho letto il regolamento , concordo con te. ciao patrizia cgil

  • katia pistolato

    28/03/2019 - 17:57

    Ciao Patrizia, secondo me non conviene farla per il 2018, perchè mi pare si possa chiedere il rimborso solo a partire da settembre 2018, (mi giocherei il primo dei tre rimborsi previsti per pochi euro). Forse sarebbe meglio farla cumulativa dal settembre 2018 ad agosto 2019, se possibile. Comunque non voglio tediarvi oltre. Proverò a presentarla a fine luglio e poi vi saprò dire. Grazie comunque.

  • Patrizia

    27/03/2019 - 18:23

    bis per katia, io farei 1 richiesta per il 2018 e 1 per il 2019. riscrivi… patriza cgil

  • Patrizia

    27/03/2019 - 17:51

    cara katia, non capisco il riferimento alla convenienza, non so ,comunque si fai una richiesta per anno . stiamo sul pezzo con i chiarimenti . ciao patrizia cgil

  • katia pistolato

    27/03/2019 - 16:19

    Rieccomi: ho girato a Ebipro la mia richiesta di chiarimenti, che avevo postato qui ieri, ed ecco la risposta: "Buongiorno, come specificato nel regolamento le richieste possono essere cumulative. La scelta sta nella convenienza". Mah...

  • Patrizia

    26/03/2019 - 18:37

    cara katia, il regolamento è appena uscito e anche noi ci siamo fatte delle domande. Secondo me è come dici tu , si fa una richiesta all'anno per tutte le fatture emesse. Manda una mail ad ebipro per avere conferma dell'interpretazione del regolamento, siamo in fase "sperimentale" magari se poi ci dici sul blog cosa ti hanno risposto ! patrizia cgil

  • katia pistolato

    26/03/2019 - 15:53

    Buongiorno, ho letto che: - si può richiedere il rimborso del 50% delle spese sostenute per un massimo di tre volte, nel corso dell'intera iscrizione a E.Bi.PRO.; - che verranno rimborsati i giustificativi di spese emessi a partire dal settembre 2018; - che verranno rimborsati i giustificativi di spese emessi entro e non oltre 12 mesi dalla data di invio della richiesta. Io ricevo dalla palestra una fattura mensile, mi conviene presentare una richiesta unica con le fatture da settembre 2018 ad agosto 2019? Oppure bisogna presentare una richiesta distinta per ciascun anno? Grazie se potrete rispondermi. Katia

  • Patrizia

    25/03/2019 - 18:49

    le società che organizzano attività sportive DEVONO essere riconosciute dal CONI è il presupposto per organizzare qualsiasi cosa , devono registrare uno statuto e il Coni rilascia una certificazione . Chiedi in palestra. ciao patrizia CGIL

  • Elisabetta

    25/03/2019 - 18:11

    Buongiorno a tutte, scusate non capisco quindi l'iscrizione in palestra riconosciuta dal CONI da diritto a questo rimborso? O deve essere per forza uno sport specifico? Grazie Elisabetta

Lascia un commento

You have to agree to the comment policy.

*

↓