impiegate
15

BONUS 200 EURO: PARLIAMONE

17/06/2022 - 17:23

PROVIAMO A FARE CHIAREZZA – INDENNITA’ UNA TANTUM 200 EURO

IL Decreto Legge 17 maggio 2022, n. 50 (c.d. Decreto Aiuti), tra le diverse misure in esso contenute, ha introdotto una indennità una tantum dell’importo di € 200,00, come misura a sostegno di svariate categorie di soggetti che hanno subito una perdita del potere di acquisto dovuta all’inflazione.

In questo articolo, ci soffermeremo, naturalmente, su quanto disposto nel Decreto per la categoria dei lavoratori dipendenti.

Tale indennità verrà erogata direttamente dal datore di lavoro in aggiunta alla retribuzione del mese di luglio 2022.

Le condizioni necessarie per aver diritto alla suddetta misura sono:

  • NON essere beneficiari di reddito di cittadinanza di cui al decreto-legge 28/01/2019, n.4, convertito con modificazioni dalla legge 28/03/2019, n.26;
  • NON essere titolari di uno o più trattamenti pensionistici a carico di qualsiasi forma di previdenza obbligatoria, di pensione o assegno sociale, di pensione o assegno per invalidi civili, ciechi e sordomuti, nonché di trattamenti di accompagnamento alla pensione;
  • AVER BENEFICIATO, nel primo quadrimestre 2022, almeno per un mese, della riduzione di 0,8 punti percentuali dell’aliquota contributiva IVS (riduzione spettante in presenza di imponibile previdenziale non superiore a 2.692,00 euro) stabilita dalla Legge di Bilancio 2022. Vi invitiamo a controllare la busta paga se è applicata la riduzione dello 0,8, nel caso non fosse applicata il bonus non sarà pagato.

È bene specificare, però, che al fine dell’ottenimento dell’indennità una tantum, a ciascun lavoratore verrà richiesta la sottoscrizione di una autodichiarazione con la quale si conferma di possedere tutti i requisiti (sopra elencati)

Questa indennità spetta UNA SOLA VOLTA, anche nel caso in cui un dipendente abbia in corso più rapporti di lavoro.

Tale indennità, inoltre, non è cedibile, non è sequestrabile, né, tantomeno, pignorabile e, soprattutto, non costituisce reddito né ai fini fiscali né ai fini della corresponsione di prestazioni previdenziali ed assistenziali.

Peraltro, il credito maturato dal datore di lavoro per effetto dell’erogazione dell’indennità una tantum verrà poi compensato attraverso la denuncia UniEmens.

Al momento è stata pubblicata la circolare recante le disposizioni da parte di INPS, attendiamo altre circolari in quanto esistono ancora dubbi su come dovranno essere trattati alcune tipologie di dipendenti, quali, ad esempio, coloro che risultano cessati prima dell’erogazione dell’indennità o per gli assunti successivamente al mese di aprile 2022.

Naturalmente, appena ne avremo notizia, Vi aggiorneremo!

Se volete consultare il testo integrale del decreto https://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2022-05-17&atto.codiceRedazionale=22G00059&elenco30giorni=false lo trovate qua come pure la circolare INPS https://servizi2.inps.it/Servizi/CircMessStd/VisualizzaDoc.aspx?sVirtualUrl=/messaggi/Messaggio%20numero%202397%20del%2013-06-2022.htm .

Noi restiamo sempre a disposizione per qualsiasi domanda o chiarimento.

Daniela e le altre ragazze della redazione del blog

  • DanielaV

    19/07/2022 - 12:53

    Cara Daniela, al momento è prevista l'erogazione dell'indennità Una Tantum a tutti i lavoratori con contratto in essere nel mese di luglio e che abbiamo usufruito della riduzione 0,80 almeno in un mese da gennaio a giugno quindi potrebbe spettarti, se non escono nuovi chiarimenti dall'Inps, perché arrivano anche all'ultimo minuto!

  • Daniela Naccari

    18/07/2022 - 16:32

    Ciao a tutte, scusatemi ma volevo chiedervi una cosa a proposito del bonus di 200 €. Io sono stata in cassa integrazione a zero ore da aprile 2019 fino a fine dicembre 2021, poi con un pò di ferie e permessi legge 104 mi hanno fatto rimanere a casa e a i primi di gennaio mi hanno licenziato. Ora sono stata assunta in un'altro studio legale a marzo 2022 con contratto part time pomeridiano di 4 ore al giorno e a termine a marzo 2023 che forse diventerà a tempo indeterminato. Ho chiesto qui in studio x il bonus ma il consulente non sa se mi spetta. Io nella busta paga sia della liquidazione che ho ricevuto a gennaio che quelle seguenti da marzo in poi ho ricevuto mi hanno applicato la riduzione dello 0,8% dell’ aliquota contributiva, a parte febbraio che ero in disoccupazione. Ora mi chiedo mi spetta o no il contributo, devo insistere con il consulente xchè mi faccia avere il modello dell'autocertificazione da compilare o no? Grazie se mi farete chiarezza. Daniela da Venezia

  • Patrizia

    15/07/2022 - 19:07

    Cara Ilaria, questa legge ha talmente tante interpretazioni che veramente si fa fatica a dare risposte certe. Vai in filcams per questo e il licenziamento. Meglio se vai.. i centralini sono intasati da mille richieste. Va in borgo dei greci e chiedi di Valentina berti. Se hai difficoltà scrivici sulla posta di fb che ti do il numero diretto di cellulare. Molte sono le cause vinte dalla cgil con l'INPS , quindi vale la pena andare a fondo! Facci sapere patrizia cgil

  • Ilaria

    15/07/2022 - 16:52

    Ciao Patrizia, secondo quanto mi ha risposto INPS Risponde non avrei diritto al bonus in quanto sono stata licenziata per giustificato motivo oggettivo dopo la metà di giugno e quindi non sono più in organico a luglio. Percepirò la Naspi da luglio, quindi secondo la circolare sono esclusa anche dall'erogazione da parte di INPS stessa. Specifico che: 1. ho avuto lo sgravio per tutti i mesi fino al licenziamento; 2. lo studio mi ha pagato l'indennità di mancato preavviso, altrimenti sarei stata ancora dipendente per buona parte di luglio. Non mi sembra corretto secondo l'intento dell'agevolazione e per il punto 2. (decisione unilaterale del datore di lavoro). Che ne dici? Ci si può rivolgere direttamente alla Filcams anche per la questione licenziamento andando direttamente alla sede di Firenze, per telefono non si riesce a parlare, attese tutti i giorni oltre 20 minuti!

  • Giovanni

    28/06/2022 - 11:03

    Con circolare Inps del 24.06.2022 si prevede che anche chi ha beneficiato dello sconto dello 0,8% solo a Maggio ha diritto al bonus 200 euro.

  • Patrizia

    27/06/2022 - 11:38

    Grazie Daniela bravissima! Patrizia cgil

  • DanielaV

    27/06/2022 - 9:52

    Cara Angela, purtroppo secondo quanto previsto sembra che tu non ne abbia diritto. Ma aspettiamo gli ultimi chiarimenti da parte dell'Inps. Daniela Blog

  • Angela

    24/06/2022 - 0:24

    Salve, sono rientrata dalla maternità a metà maggio e fermo restando che come RAL rientro nella categoria che potrebbe recepire il bonus non mi è chiaro se riuscirò a prenderlo a causa di questo 0,8%, poiché in busta mi è stato messo solo per il mese di maggio e non per i precedenti, essendo la maternità pagata dall'INPS voi cosa ne pensate? Se a causa della maternità non dovessi prendere il bonus mi sembra proprio una fregatura per le donne madri lavoratrici...

  • Giovanni

    22/06/2022 - 17:11

    Per Roberta sì ti spetta. Per Gabriele mi sembra molto strano hai verificato che non ci sia qualche trattenuta a qualche altro titolo?

  • DanielaV

    22/06/2022 - 11:48

    Caro Gabriele, se ti hanno applicato lo sgravio dei 0,80 punti percentuali qualcosa in più lo hai sicuramente. Ma trattandosi di un importo minimo scontato dai contributi che oltrettutto si compensa un po' pagando più tasse, si tratta di pochi euro. Daniela Blog

  • DanielaV

    22/06/2022 - 11:45

    Cara Roberta, se nel cedolino di maggio ti hanno dato gli arretrati per i mesi da gennaio ad aprile e hai anche tutti gli altri requisiti, allora si, ne hai diritto. Daniela Blog

  • DanielaV

    22/06/2022 - 11:43

    Cara Tania, si lo studio paghe o il datore di lavoro, dovrebbe consegnarti l'autocertificazione da compilare e riconsegnare. Se entro fine mese non ricevi nulla prova a richiederla! Daniela Blog

  • Gabriele

    22/06/2022 - 1:48

    Salve, una domanda: mi hanno applicato la riduzione dello 0,8% dell’ aliquota contributiva nella busta paga di maggio per i mesi di gennaio, febbraio, marzo, aprile e maggio 2022, ma avendo un super minimo assorbibile di 250€ non ho usufruito di alcun aumento del netto. È lecito? Io pensavo che il super minimo assorbibile riguardasse solo eventuali scatti contrattuali e non misure, come questa, a vantaggio di lavoratori con stipendi bassi. E a questo punto mi chiedo se anche il bonus di 200€ di luglio non sarà uguale a nessun aumento del netto nella busta paga di luglio! Non so se questa è la sezione giusta per porre questa domanda. Attendo Vs. Indicazioni e saluto. Grazie per la risposta. Gabriele

  • Roberta

    20/06/2022 - 16:06

    Salve, lo sgravio contributivo per i mesi da gennaio ad aprile è stato applicato nella busta paga di maggio, in questo caso ho comunque diritto al bonus di € 200,00? Grazie

  • Tania

    20/06/2022 - 15:50

    Scusate ma dobbiamo attivarci noi per avere questo bonus? oppure l'autocertificazione ci viene data dal consulente che fa le buste paghe? Grazie

Lascia un commento

You have to agree to the comment policy.

*

↓