impiegate
4

La pazienza del giardiniere – ciao Piero!

13/02/2018 - 15:33

Oggi abbiamo ricevuto un pugno nello stomaco: ci ha lasciati il nostro caro Piero.

Il nostro “babbo”.

E’ sempre stato al nostro fianco fino alla pensione e ci ha lasciate, lavorativamente parlando, in ottime mani quando raggiunse meritatamente l’età pensionabile (https://www.impiegate.org/piero-marconi-un-saluto-speciale/) perché, nella sua lungimiranza, aveva già cominciato a tracciare la strada anche per il settore degli studi professionali.
Sapevamo, per non aver mai perso i contatti e aver avuto sempre sue notizie, che prima o poi questo momento sarebbe arrivato, ma nessuna di noi, in realtà, era pronta.
Non lo siamo mai davanti a questi addii.
Non abbiamo veramente parole, oggi. Oggi è un giorno veramente triste.
Ci limitiamo a condividere le splendide righe ricevute.

La pazienza del giardiniere

Piero Marconi non è mai stato soltanto Piero.
Nell’essere Piero Marconi c`era tutta la sua dedizione al lavoro.
Credo che egli stesso non abbia mai distinto tra l`uomo e il sindacalista.
Storie di altri tempi, di quando si correva per rabbia o per passione.
Piero Marconi ha percorso la sua strada con passione.
Una passione ferma e tranquilla temperata dalla perseveranza e dalla convinzione che “le cose devono maturare” e per questo mai sopra le righe.
Le cose più importanti di cui abbiamo parlato non le abbiamo mai dette.
Dopo una giornata di lavoro significativa diceva sempre “ecco oggi abbiamo gettato un seme” ed io, contadino nel profondo, capivo bene che è nel rischio del gettare che sta il valore del seme .
Molti dei suoi semi hanno attecchito, alcune “architetture contrattuali” hanno retto al tempo.
Ma quello che mi resterà per sempre sarà il valore di lavorare per il futuro, con la pazienza del giardiniere.
Ciao Piero Marconi
Che la terra ti sia lieve

Danilo Lelli

Non aggiungiamo nemmeno una virgola alle parole di Danilo Lelli della Filcams CGIL Nazionale, nella consapevolezza di essere noi stessi, dipendenti degli studi professionali, uno dei suoi semi gettati durante tante delle sue giornate lavorative.

CIAO PIERO!

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
  • Patrizia

    15/02/2018 - 17:44

    tania scusami ho sbagliato sezione rispondimi dal tuo !!! patrizia cgil

  • Patrizia

    15/02/2018 - 17:37

    cara tania, le tabelle vanno lette al lordo . Il terzo livello studi professionali è 1.511,37 , quindi non quadra.. o ti viene applicato un altro contratto (es. commercio) oppure hai concordato un assegno ad personam , controlla la busta paga in alto gli elementi della retribuzione oppure il contratto che ti hanno fatto . Bp immagino siano i buoni pasto ? La distribuzione dell'orario è su 5 o 6 giorni con termine ore 13 del sabato . E' prevista anche la banca ore o la flessibilità . Nessuno può fare quello che gli pare se non gli è consentito... quindi quando un grande poliambulatorio , come quello dove lavori tu, ha un'esigenza di organizzare il lavoro al meglio dovrebbe confrontarsi con una rappresentanza dei lavoratori e discutere un accordo aziendale per soddisfare le esigenze di tutti , in assenza di un confronto è chiaro che vi troverete delle decisioni già prese. Tieni conto che poi se si fanno degli accordi aziendali si può anche accedere alle detassazione e tante altre cose . Andate in filcams cgil a Milano , per controllare le buste paga e anche per vedere se c'è la possibilità di aprire un confronto con l'azienda .. ti assicuro ne vale la pena. Se vai in alto e linki dai territori trovi la pagina lombarda con tutti gli indirizzi delle sedi contattali, se vuoi puoi lasciare anche un messaggio sulla pagina ! a Milano sono bravissimi , qui sul blog trovi anche gli accordi territoriali sulla detassazione ciao patrizia cgil scusa ho sbagliato sezione non rispondermi qui ma sul tuo post !!! ps se hai difficoltà contattaci che ci pensiamo noi !

  • Patrizia

    13/02/2018 - 21:04

    Le parole possono essere poche oppure troppe , magiche o di circostanza e retoriche . Oggi non trovo le parole giuste per salutare Piero , troppo difficile per me, non voglio dirgli addio. Il suo impegno per la nostra categoria è stato totale , costante e generoso , Piero era un porto sicuro , rispondeva sempre allegramente al telefono a qualsiasi ora e a tutti . Una sua intuizione costruire il piccolo sito , navicella lanciata verso il nostro pianeta, lui la chiamava "giocattolo" e mai avrebbe pensato che dopo 15 anni sarebbe stata ancora in orbita e in piena salute. Conserverò per sempre il ricordo della sua voce allegra ,l'ultima volta che l'ho sentito a dicembre prima della festa del blog " patri amo fatto un macello" .Davvero Piero che soddisfazione ! patrizia cgil

  • Irefi

    13/02/2018 - 16:19

    oggi è uno di quei giorni che vorrei soltanto non fosse mai esistito. la notizia della tua scomparsa ci ha profondamente colpite. A Roma anni fa.. io ero una bimba e tu, caro babbo, come affettuosamente ti abbiamo chiamato per tanto tempo, mi hai presa per mano nel percorso del ccnl degli studi professionali. non ci sono parole, non esistono, mi auguro solo che tu possa volare libero, compagno. noi qui, non demordermo mai, te lo prometto. passione, tenacia e pazienza sono solo alcune delle armi che ci hai trasmesso (per la pazienza ci stiamo ancora attrezzando in verità) e che non si spegneranno mai. ciao Piero. la fiorentina.

Lascia un commento

You have to agree to the comment policy.

*

↓