impiegate
7

14 luglio Firenze abbiamo conosciuto Beppe – il pensiero di Angela

14/07/2017 - 23:50

Ieri 14 luglio durante il pranzo del gruppo colleghe di Firenze, che facciamo ogni tanto per aggiornarci sulle varie situazioni lavorative, sulle novità, e chiacchiere varie,  abbiamo conosciuto il nostro nuovo referente Filcams per gli Studi Professionali su Firenze “Beppe” (non ricordo il cognome). Un ragazzone alto, giovane, e carico di proposte, un bellissimo sorriso ed un cestone di capelli!!!! 🙂

Beppe ha voluto incontrarci per conoscere le “guerriere del blog” ed il gruppo di colleghe di Firenze! In questa occasione sono arrivate nella “calura fiorentina” …. da Padova Patrizia e da Verona Carmen.

Dopo aver conosciuto personalmente diversi  e vari “referenti” su Firenze, Beppe ci è piaciuto ed è il primo che ci ha dato la carica e vi spiego perché.

Beppe si è presentato, viene dal ramo edile, ed invece di parlarci del nostro contratto, del lavoro della Filcams etc etc, ci ha posto un quesito molto importante, che riguarda anche il nostro futuro di IMPIEGATE.

La proposta di legge :

Leggi https://www.impiegate.org/mga-mobilitazione-generale-avvocati-vi-racconto-liniziativa-di-siena-del-13-giugno-2017/ .

Lui ci ha spiegato in cosa consiste questa proposta di legge. E ci ha chiesto cosa ne pensavamo, se eravamo a favore o contro. Ne è nata una bella discussione creativa fra di noi e con lui, non tutte siamo d’accordo fra di noi sul da farsi, se la nuova proposta di legge (da non prendere “sottogamba”) venisse approvata, c’è a chi piace e a chi no!

IL MIO PENSIERO PERSONALE SULLA PROPOSTA DI LEGGE:

Io sono contro questa proposta di legge che se sarà approvata porterà al “vacillare” del proprio posto di lavoro di impiegate/segretarie perché se l’Avvocato per cui Tu lavori decide di assumere un avvocato come dipendente, andrà sicuramente a finire che lui il “nuovo avvocato dipendente” prenderà il tuo posto e Tu a quel punto sarai inutile.

Sono anche contraria ad inserire queste nuove “figure lavorative” all’interno del nostro contratto di lavoro.

Naturalmente il mio pensiero va contro TUTTI o quasi!!!!

Questa  discussione ripeto creativa mi ha fatto capire (ancora una volta) quanto siamo “fragili”, come è facile attaccare il nostro contratto di lavoro, e che non siamo poi più tanto sicure del nostro “orticello” che coltiviamo da sole senza aiuto sindacale.

Beppe chiede a ciascuna/o di Voi:

  • Siete contrarie o a favore di questa proposta di legge?
  • che soluzione proporreste per “blindare” il proprio posto di lavoro?
  • Come inquadrereste queste “nuove figure”?

Discutiamo qui :

cosa RISPONDIAMO ALLE DOMANDE DI BEPPE?

 

Beppe alla fine del “pranzetto” era stremato non si era mai ritrovato da solo con donne/segretarie/impiegate animatissime e pronte alla discussione; non siamo certo timide noi!!!!!!

La mia opinione personale su “Beppe”: un piccolo Landini!

Angela

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
  • irefi

    14/09/2017 - 17:29

    ciao Katia, da me lo faccio io. tutto.. da capo a piedi. inserisco dati formo busta firmo e invio. ho imparato da sola ma ho messo le mani avanti proprio per la mancanza di partecipazione a corsi di formazione in tema. da quando ho iniziato a usare il telematico ho chiesto che mi venisse cambiato il livello. ecco.. questo è molto sindacale. se ti viene data questa nuova mansione e responsabilità, è il momento di fare un passo avanti. ciao cara

  • patrizia

    14/09/2017 - 17:24

    cara Katia, come puoi vedere dalle palle in alto sul blog , gli argomenti che affrontiamo qui sono temi contrattuali e sindacali . è una scelta per che abbiamo fatto per dare un indirizzo preciso al blog , altrimenti si rischia di essere dispersivi . E' un po' complicato fare un corso via web sul processo telematico ...e noi non possiamo farlo . Su Fb ci sono pagine , che frequentiamo anche noi, di colleghe che si aiutano anche su questioni lavorative processo telematico compreso ! prova a cercare patrizia cgil

  • katia

    14/09/2017 - 16:56

    Mi scuso sin d'ora se posto il mio quesito in questa sezione, ma la nuova grafica mi ha spiazzata. Sono dipendente di uno studio legale, mi interesserebbe sapere da altre colleghe chi si occupa nei Vostri studi dei depositi telematici/notifiche. Per me rappresenta un problema dato che il titolare dello studio si aspetta che io li sappia fare, ma fin'ora se n'è sempre occupata una collaboratrice/avvocato che, nonostante le mie richieste, non ha tempo di mostrarmi come funzionano... Grazie. P.S. Qualcuno può dirmi dove si postano i quesiti?

  • patrizia

    20/07/2017 - 18:54

    bis : faccio un esempio : uno studio che conosco molto bene, ora è così organizzato : 1 titolare avvocato , 1 collaboratore che nel frattempo è diventata avvocato pagata a borsa di studio 800,00 euro e ora a partita iva e 1 avvocato a partita iva separata con prole e che chiede di fare sostanzialmente la dipendente. In tre si dividono il lavoro di segreteria , Tribunale e lavoro d'ufficio sono bene organizzate , non c'è bisogno di segretaria .. già ora . Non avere dipendente significa per uno studio non pagare Irap (credo che sia ancora così, ditemi voi) . Quello che mi chiedo è questo :eliminano le segretarie già ora senza bisogno di normative particolari , secondo me gli studi piccoli si stanno già riorganizzando in questo modo , appena arriva un giovane avvocato che sa fare il processo telematico e tutto quello che sappiamo fare noi ... costando praticamente la metà di una segretaria. Il dubbio che non so risolvere è : ma è meglio avere un avvocato dipendente così almeno sarebbero costretti a pagarlo di più o no? , dal punto di vista della competizione sleale con le segretarie cosa è meglio? come se ne esce ? ciao patrizia cgil

  • patrizia

    18/07/2017 - 18:43

    C'ero anch'io a firenze con il cardo ... e carda è stata la discussione. Intanto benvenuto a Giuseppe ai suoi capelli e al suo entusiasmo ne avremo bisogno! Dico anch'io la mia : è un argomento molto complicato che va affrontato da molti punti di vista. Intanto precisiamo che riguarda solo gli avvocati nelle altre professioni non c'è incompatibilità ra lavoro dipendente e professione e se passasse la legge eliminerebbe solo un divieto , la cgil appoggia questa proposta di legge nel quadro nelle iniziative per combattere il lavoro precario giovanile e noi sappiamo che negli studi c'è di tutto ... Condivido i timori di angela carmen e isabella nei nostri piccoli studi la scelta tra 1 avvocato dipendente e un dipendente si tradurrebbe in una competizione per il posto di lavoro , negli studi grandi con tanti dipendenti sarebbe molto diverso . Detto ciò certamente di sicuro bisogna intervenire nella giungla del lavoro "atipico" negli studi ma attenzione ai danni collaterali. Giuseppe ci ha proposto di confrontarci con i giovani avvocati.. a me piacerebbe tantissimo ! facciamolo , intanto confrontiamoci qui ogni opinione è ben accetta , sono contenta di averti letta isabella ! patrizia cgil

  • Carmen

    17/07/2017 - 9:48

    Ho partecipato anch'io al pranzetto. Sono partita da Verona per arrivare, con largo anticipo, a Firenze (ma che “cardo” c’era?!) Abbiamo conosciuto Beppe, il quale ci ha fatto una bella impressione: un ragazzo simpatico e sa ascoltare! Ci ha parlato della proposta di legge… Ne è sorta una bella discussione, ma condivido il pensiero di Angela ed Isabella. Io non sono d'accordo. Lo trovo pericoloso per la figura della segretaria. All'avvocato-dipendente saranno pagati, oltre allo stipendio, anche i contributi INPS, INAIL etc. e a beneficiare di ferie, permessi, mensilità supplementari, Cadiprof, al contempo dovrà essere iscritto all'Albo professionale e, a quel punto, obbligatoriamente, dovrà iscriversi alla Cassa Forense… che casino! Sono assalita da mille domande e preoccupazioni. Se il nostro contratto stabilisse un profilo per questa figura, l'avvocato-dipendente, dopo aver fatto due anni di pratica e dopo aver superato l'esame di stato, si farebbe mai assumere come dipendente da un altro avvocato? E con quale stipendio? Ed un avvocato professionista, sarebbe disposto a pagare profumatamente l'avvocato-dipendente? Chi controlla, poi, che l’eventuale assunzione avvenga correttamente: inquadramento nel nuovo profilo? Chi mi dice che il professionista a quel punto (se nessuno lo controlla) lo inquadrasse al III livello? E che fine farebbe la segretaria di quello studio, dopo che avrà insegnato al neo assunto quanto ella ha faticosamente e con le proprie forze acquisito durante tutto l’arco della sua vita lavorativa? Sembra che questa proposta agevoli l’estinzione della segretaria dello studio legale! Secondo me tale proposta non sarà mai approvata. E’ surreale. E poi come mai non ci sono proposte simili anche per tutte le altre figure facenti parte del nostro mondo (dentisti, commercialisti, notai, tecnici, etc. etc.)? Questo problema andava sì affrontato, ma da altre realtà, come le associazioni per gli avvocati…

  • Isabella

    15/07/2017 - 13:24

    Ero presente anche io al pranzo e mi associo al giudizio positivo su Beppe, giovane preparato e pieno di energia . Premetto che non sono contraria a questi giovani avvocati, anzi se si trova il modo di farli lavorare in un momento storico in cui il lavoro decisamente scarseggia ben venga, ma ho bisogno di avere risposte ai dubbi che ho già esternato durante il pranzo . E' stato detto che l'avvocato dipendente verrebbe inserito nel nostro contratto con mansioni diverse dalle nostre . Sinceramente nel nostro contratto (diciamolo chiaro) le mansioni contano come il due di briscola, una segretaria fa tutto e di più e non rientra solo in una mansione. Chiedo: come avviene il controllo sul tipo di lavoro che effettivamente svolgerà l'avvocato proteggendo così il lavoro della segretaria di quello studio ? Viene stabilito per l'avvocato uno stipendio ben superiore al nostro così che negli studi un avvocato/una segretaria sia più difficile che venga assunto ? Viene stabilito che un avvocato dipendente possa essere assunto solo in studi con un minimo di 5 (?) avvocati ? Viene fatto un controllo del tipo lo studio x assume un avvocato e l'ufficio competente controlla se prima in quello studio x c'era una segretaria e ora è "sparita" ? Ecco, se avrò una risposta chiara e precisa a queste domande (le prime che mi sono venute in mente ma sicuramente potranno essercene altre) allora potrò dire se sono favorevole o meno alla legge. Isabella Fi

Lascia un commento

You have to agree to the comment policy.

*

↓