impiegate
19

Proposta lettera al Sindacato

01/02/2008 - 10:43

Nel sito https://www.impiegate.org/ è nata pochi giorni fa l’idea di scrivere una lettera per far sentire la nostra voce . Lo scorso settembre è scaduta sia la parte economica che normativa del CCNL studi professionali e nonostante la categoria sia poco sindacalizzata, tutti sentiamo l’esigenza di far conoscere la nostra opinione ai nostri rappresentanti sindacali e ai rappresentanti della parte datoriale. E’ stata proposta una lettera da Eddy che tutti avete letto. Nei giorni successivi abbiamo lavorato io angela e patrizia su questa testo che consideriamo per così dire” ufficiale” del sito e che vi proponiamo, come vedrete sono state avanzate delle proposte che riguardano anche per l’importantissima parte normativa del contratto che infondo riassumono un pò le cose dette sul sito e sul blog. Invito tutti i colleghi a leggere attentamente la lettera che riporto e di indicare eventuali aggiunte da fare, stabiliamo un tempo massimo di una settimana per i commenti e i ritocchi, quindi la lettera in versione “prova” sarà disponibile da oggi fino a giovedì 7 febbraio, dopodichè sarà redatta la versione “ufficiale” con tanto di numeri di telefono fax mail etcc. e sarà pronta per l’invio. Grazie “Alle Segreterie nazionali di FILCAMS-CGIL FISASCAT – CISL UILTuCS – UIL Oggetto: Proposte per il rinnovo CCNL Studi Professionali Gentilissimi, il nostro contratto nazionale è scaduto lo scorso 30 settembre. Grazie alla esperienza quotidiana nei nostri piccoli studi siamo riusciti, con molta fatica, ad elaborare alcune proposte che potrebbero esservi utili in sede di trattativa contrattuale e vorremmo sottoporvele. Siamo perfettamente consapevoli del ruolo del sindacato e che le poche iscrizioni non ci danno forza a sufficienza al tavolo delle trattative, riteniamo comunque importantissimo che il nostro Sindacato e la Controparte vengano a conoscenza, attraverso questa lettera aperta, del nostro interesse per le trattative che, speriamo, si stiano avviando. Il percorso di sindacalizzazione nella nostra categoria è arduo e complesso ed è aggravato purtroppo dalla situazione economica generale. In un periodo di aumento insopportabile del costo della vita siamo in seria difficoltà con i nostri stipendi e ci sentiamo demoralizzati ma, vogliamo avere fiducia nel futuro e l’auspicato rinnovo del nostro contratto rappresenta una parte di quel futuro. Le proposte che seguono sono frutto di discussioni nate nel sito https://www.impiegate.org/, “luogo” diventato molto importante per tutti noi sia per le informazioni che possiamo reperire che per l’aiuto sindacale che otteniamo. – Aumento del tabellare che ci consenta una vita dignitosa. -Indicazione nel CCNL dei principali siti internet delle parti sottoscriventi contratto. -Revisione dell’istituto degli scatti con una cadenza biennale invece che triennale, oppure che il numero di scatti passi da 8 a 10. -Integrazione malattia dal 4° al 20° al 100% e maternità obbligatoria al 100% -Polizza infortuni/vita aggiuntiva che copra eventuali sinistri nell’adempiere ad uscite di servizio -Indennità di cassa per il maneggio di denaro ipotizzabile con un 5% del mimino tabellare. -Rimborso chilometrico secondo le tabelle ACI per l’utilizzo di mezzo proprio nelle uscite di servizio. -Buoni pasto -Aumento dei permessi sindacali -Per le lavoratrici madri: orario elastico in entrata e uscita,facilitazione per l’ottenimento del part-time -Riduzione termini di preavviso per dimissioni lavoratore -Corsi di formazione e aggiornamento obbligatori -Obbligo di pagamento stipendio con bonifico bancario (questo x evitare i ritardi dello stipendio che si va a riflettere sulle scadenze di mutui e utenze varie che tutti abbiamo – anche x evitare, come è emerso dal sito web www.impiegate.org , che ad una buona percentuale di lavoratrici (specialmente nel centro-sud) venga corrisposto uno stipendio inferiore a quello della busta paga effettiva) -Nei permessi familiari retribuiti inserire la persona del convivente. Grazie per l’attenzione”

  • SARA

    15/07/2008 - 9:35

    della lettera proposta al sindacato solo pochissimi punti sono stati realizzati ma tutti gli altri punti verrano presi in considerazione a settembre oppure dobbiamo rinunciare a sperare per ora??? Patrizia io lo chiedo a te se sai rispondermi perch? sei la nostra unica fonte preziosa..

  • patrizia cgil

    14/04/2008 - 12:32

    per M: con tutto il rispetto ? un punto di vista individualistico. Il contratto collettivo di lavoro si chiama cos? proprio perch? stabilisce il minimo per tutti (economico e normativo) e serve per tutelare anche i pi? deboli che non hanno forza contrattuale individuale. Quindi il contratto collettivo non esclude la possibilit? di fare anche trattative indiduali, tanto ? vero che c'? una norma contrattuale che lo prevede. Anch'io a suo tempo ho contrattato un assegno ad personam, ma io e te siamo stati fortunati abbiamo potuto farlo, ma gli altri? chi non riesce a contrattare nulla ? mai pensato? la solidariet? nel mondo del lavoro ? fuori moda? il mondo ragazzi non finisce fuori dalla propria ombra! ciao patrizia cgil

  • Leti

    14/04/2008 - 9:20

    Salve a tutte/i, lascio il messaggio solo per informarvi che la mia commercialista mi ha detto che il contratto ? in fase di rinnovo! Speriamo che sia proprio cos?!!!! Buon lavoro!

  • m

    12/04/2008 - 18:14

    beh cecilia? se aspetti il rinnovo del CCNL per avere un aumento? campa cavallo? sembra che verr? trattato non prima di giugno? prova a sentire con i tuoi se ti danno un superminimo non assorbibile? io l'ho ottenuto? poi puoi aspettare serenamente il rinnovo?

  • ceclia

    08/04/2008 - 9:38

    Scusate a che punto ? il rinnovo del nostro contratto si sa niente?. Sono stufa dei 994 ? al mese che prendo dopo 7 anni di lavoro!!!

  • lucy riporta eddy

    15/02/2008 - 10:41

    per Lucy: ma vedi che con te si riesce a discutere? cmq lo immagino che non si possa a breve termine, infatti non sto parlando di dopodomani ? una richiesta che dovr? seguire un suo percorso e che necessiter? dei suoi tempi per l'eventuale approvazione. non mi sembra di aver messo urgenza a me basta cominciare magari ponendo semplicemente il quesito ai vertici che meglio piuttosto di un no a priori. -per quanto riguarda le conseguenze di mostrare la piattaforma prima di presentarla, credo di intuire cosa tu intendi, cio? scoprire le carte prima del tempo, mostrare all'avversario le strategie, oppure ricevere migliaia di segnalazioni di pro o contro certi provvedimenti. si sono cose che ho considerato ? tutto ci? si pu? configurare come elemento di rischio per la buona riuscita della trattativa? personalmente credo di no perch? ritengo anche che ci siano molti altri aspetti positivi, come far verificare ai lavoratori se verranno trattati determinati argomenti (ci? non significa dover cambiare tutto ogni volta che qualcuno dice A), per? in base all'osservazione esterna si possono raccogliere informazioni che POTREBBERO produrre indicazionI IMPORTANTI da integrare subito eventualemente. credo molto nel contributo dato dalla collettivit?, potrebbe essere uno sforzo ulteriore scremare gli input che arrivano, ma non si pu? negare che sia un'ulteriore innovazione, la quale ci metter? un po' per arrivare a regime. come ti dicevo ieri o l'altro ieri se ? una strada sbagliata lo sapremo solo dopo. PONIAMO ALMENO IL QUESITO. la senzazione che ho avuto invece ? stata sgradevole. NO a priori senza nessuna alternativa, con attacchi a me rivolti solo perch? non assecondo una linea di pensiero? quando la persona praticamente mi da del duro di comprendonio (praticamente non ha fiducia dell'interlocutore che sarei io ? cio? piano non credo che ci sia qualcuno di superiore) permetterai mi difenda? non metto in dubbio la buona fede di nessuno ma nessuno deve mettere in dubbio la mia di buona fede. invece mi ? stato scritto tra le altre cose che a me interessa soltanto vedere il sindacato come controparte. postato da eddy il 14/02/2008 17:01 ti ho riportato qui perch? il post cadiprf nn era quello corretto su cui parlare

  • patrizia cgil

    11/02/2008 - 19:32

    per bene: ogni singolo studio ha la sua specificit?, magari in un altro studio la situazione ? rovescia? le regole devono essere generali, contano le mansioni ma nel nostro settore 8/10 non basta, nonostante le mansioni superiori rischi di stare al 4 livello tutta la vita, ? questo il problema pi? grosso, la domanda ?: c'? un meccanismo che consenta di introdurre una facilitazione automatica per passare di livello?

  • bene

    11/02/2008 - 17:06

    Dimeniticavo?non hanno titoli di studio?

  • bene

    11/02/2008 - 17:05

    Sinceramente oltre che scatti di livello per l'anzianit? proporrei scatti di livello per il titolo di studio. Io per esempio ho in studio diverse colleghe pi? anziane di me che ?producono molto poco? e non mi sembra giusto che prendano soldi in pi? senza ?fare niente?. Grazie a tutti Bene

  • cris

    05/02/2008 - 21:20

    Salve ragazzi ho scoperto questo sito oggi stesso vorrei solo sapere se riusciremo mai a farci valere. Nello studio dove lavoro siamo in 2 impiegate e la nostra retribuzione non ? neppure adeguata all'ultimo aumento? secondariamente abbiamo la telecamera che ci punta addosso tutto il giorno? ho cercato anche di cambiare lavoro? ma ho trovato solo contratti a tempo determinato..con 32 anni dove vado!!!

  • per patrizia e lucy

    05/02/2008 - 12:39

    DETTO DA PATRIZIA CGIL??ribadisco un concetto con molta serenit? : attenzione, quello che stiamo facendo non deve creare l'illusione che basti una lettera per ottenere quello che ? giusto, l'attivit? sindacale ? molto pi? difficile e complessa.? ***************************************** Non condivido ***************************************** Condivido al 200% il modo ed i contenuti esposti da Lucy grande Lucy eddy

  • lucy

    05/02/2008 - 12:34

    safi credo che l'importante sia comunque farci sentire.sicuramente l'iscrizione vale come rappresentanza al Tavolo. Questa lettera ? stata pensata cneh per chi non pu? o non vuole iscriversi. Ed ? un modo di dire ?Ci siamo e queste sono le nostre necessit?? non necessariamente verranno tenute presente,ma ? sempre meglio che subire le decisioni.E' un modo per partecipare attivamente alla contrattazione non solo con scioperi!E gi? questo ci distingue da tanti altri.Chi ha scritto lettere alle controparti?Sono sempre firmate dai Sindacati le richieste. Chiedi quali punti avranno maggiore attenzione,non lo sappiamo,in realt? nn sappiamo nemmeno se sono punti che il Sindacato abbia gi? intenzione di trattare. Mi pare comunque importante darci voce,anche se nessuno dei punti sar? preso in considerazione.

  • SAFI

    05/02/2008 - 10:17

    Biongiorno ragazze, vorrei rivolgere una domanda a patrizia e lucy. Secondo voi inviare questa lettera ? davvero utile? mi spiego meglio: patrizia pi? volte da detto che fare una elenco di richieste tipo ?lista della spesa? porta da poche parte dovremmo fare altro (vedi iscrizioni al sindacato) secondo me questo elenco pu? creare false speranze. faccio un esempio, negli ultimi rinnovi contrattuali la media lorda di aumento mensile ? stata all'incirca di 30-40 euro (non ricordo di preciso), secondo voi ? poossibile che i nostri datori di lavoro di riconoscano il diritto ad avere i buoni pasto che gli costerebbero solo quelli pi? di 100,00 al mese(?5,29 x 20 giorni); questo per fare un esempio. Senza contare tutte le altre richieste da noi avanzate. Ma non fraintendete se non chiediamo non ci sar? riconosciuto mai niente ne sono consapevole anche io, ma a vostro parere su quali punti della lettera abbiamo qualche concreta speranza . Grazie, ciao SAFI

  • patrizia cgil

    04/02/2008 - 20:59

    sono d'accordo con carmen il livello ? proprio un problema. Potremmo metterla cos?: ricerca di un meccanismo per il passaggio di livello legato alle mansioni e all'anzianit?. ribadisco un concetto con molta serenit? : attenzione, quello che stiamo facendo non deve creare l'illusione che basti una lettera per ottenere quello che ? giusto, l'attivit? sindacale ? molto pi? difficile e complessa. Questa ? la terza lettera che facciamo attraverso il sito, in questo momento stiamo facendo quello che sappiamo fare non ? moltissimo ma ? pur qualcosa. ciao patrizia cgil

  • chiabg

    01/02/2008 - 17:12

    Hai ragione Lucy?ho la testa a viole oggi!!! Buon w-e

  • carmen

    01/02/2008 - 16:32

    Al titolo XXVIII ?Anzianit? di Servizio?, dopo l'art.125 ?Decorrenza Anzianit? di Servizio?, aggiungerei un 125 bis che potrebbe cos? recitare: Articolo 125bis ?Avanzamento di Carriera? (oppure ?Bonus Anzianit??). Aumento del ?% della paga base, dopo n. ? anni di servizio presso la medesima struttura?. Oppure: ?Aumento di livello dopo n. ? anni di servizio presso lo stesso studio? Tutto ci? per evitare ? visto che capita di frequente ? che i dipendenti rimangano al IV livello a vita. E' pacifico che un dipendente, col tempo, acquisisca maggiore esperienza, autonomia lavorativa e maggiori responsabilit?. Ciao p.s. per patty: ti ? arrivata la mia risposta via mail? Ciao

  • eddy

    01/02/2008 - 15:06

    grazie lucy, per aver contribuito all'evoluzione della ?lettera?, grazie anche per avermi aiutato magari involontariamente, scherzo, a spigare quale era il mio intento. *********************************** LETTERA ORIGINALE Oggetto: richiesta d?immediato avvio delle trattative per il rinnovo del CCNL dei dipendenti degli studi professionali. Con la presente nota siamo ad inoltraVi le principali motivazioni per l?ottenimento in tempi brevi di quanto in oggetto. Gli scriventi non sono un?organizzazione sindacale ma un gruppo di persone, iscritti e non, che non avendo ?potere sindacale? intendono, in questa forma, rivendicare il proprio diritto al rinnovo contrattuale. I numerosi lavoratori dipendenti degli studi professionali hanno come sindacato di riferimento la FILCAMS, una struttura che rappresenta per? molte altre categorie di lavoratori , nelle quali esiste gi? una maggiore cultura sindacale. Ne consegue, com?? ovvio pensare che tali lavoratori abbiano una maggiore informazione e consapevolezza di quali sono i propri diritti, motivo per cui risultano pi? propositivi e ottengono almeno in parte maggior attenzione dal sindacato stesso. Non si vuole con la presente dare valutazioni qualitative dell?operato del sindacato a favore dell?una o dell?altra categoria ma si desidera mettere in evidenza la diversa condizione dei dipendenti degli studi professionali. Nella maggior parte dei casi ?noi? non lavoriamo in grosse aziende e spesso la situazione che si configura ? rappresentata da un ambito lavorativo costituito dal datore di lavoro e 1-2 dipendenti oppure 1-2 soci e un unico dipendente. Anche per questo motivo molti nemmeno sanno dell?esistenza del sindacato ma non per questo si ha meno diritto ad avere qualcuno che ci rappresenti e che si occupi dei nostri bisogni. Qualcuno potrebbe rimproverarci di non volere interessarsi della posizione della categoria e di avere scarsa volont? di informarsi ma vi garantiamo che la situazione e ben pi? complessa di come si potrebbe immaginare. Infatti la nostra capacit? di aggregazione, discussione, confronto ? molto limitata a causa della frammentazione e della solitudine lavorativa, tanto da rendere lenta l?analisi condivisa di qualsiasi problematica legata alla categoria. Solo recentemente avvalendosi delle nuove tecnologie di comunicazione e grazie al sito internet messo a disposizione dal sindacato, siamo riusciti ad ?incontrarci? senza aver il timore di compromettere il rapporto con il proprio datore di lavoro. Quello che ? emerso con maggior rilevanza ? stato il senso di frustrazione per l?inadeguatezza del salario. I dipendenti degli studi professionali proprio per le caratteristiche del lavoro che svolgono, sono persone estremamente competenti e preparate, non dimentichiamoci che molti di noi affiancano e producono per professionisti che svolgono attivit? intellettuali. Purtroppo anche per i motivi su esposti siamo rimasti un passo indietro mentre i problemi rimangono molteplici come ad esempio: inquadramenti da parte del datore di lavoro non qualificati, volti ad identificare il compenso minimo e non a riconoscere la professionalit? individuale; oppure impossibilit? di condurre trattative aziendali (essendo spesso soli) evitate anche per non creare tensioni in ambito lavorativo; ecc. Ma l?attuale momento socio-economico e i salari insufficienti, nel nostro caso dovuti anche ai limitati adeguamenti avuti nei rinnovi contrattuali passati , mettono priorit? assoluta all?aspetto economico del contratto. Le famiglie dei dipendenti degli studi professionali vivono le stesse difficolt? delle altre famiglie italiane. Invitiamo le parti a considerare quanto stiamo per proporre non esagerato ma appena sufficiente a rendere i nostri salari, dignitosi come per le altre categorie di lavoratori e capaci di restituirci il potere d?acquisto. In particolare si chiede che venga considerato e concesso un incremento salariale paria a 250? su base mensile a partire dai livelli di inquadramento pi? bassi. Inoltre che venga introdotto uno strumento che allo scadere dei termini contrattuali, adegui automaticamente gli stipendi ai valori inflattivi. Certi della Vostra attenzione poniamo in calce le firme di tutti coloro che rivendicano il diritto al rinnovo contrattuale. Distinti saluti.

  • lucy

    01/02/2008 - 13:57

    eddy noi non obblighiamo nessuno ad utilizzare questa forma,diciamo che questa ? la versione ufficiale del sito,ed infatti viene nominato nella lettera. niente e nessuno vieter? a chi vorr? di utilizzare la tua. chiara:c'? scritto nell'introduzione che al termine della settimana di visione sar? redatta la versione definitiva e SOLO allora si proceder? con l'invio.d'altronde in questa lettera nn ci sono n? numeri di fax n? indirizzi?.

  • eddy

    01/02/2008 - 12:30

    grazie. se posso dire la mia? chi ritenesse utile mantenere la lettera originale? pu??";0;1;;;0;0 3437;273;ChiaBG;;;;2008-02-01 12:33:00;2008-02-01 12:33:00;Io direi che ? perfetta. Quindi, ognuno la firma e la deve spedire. Pongo per? una domanda, dato che rimarr? per una settimana e magari verranno apposte delle integrazioni ? meglio attendere o no???? Grazie.

Lascia un commento

You have to agree to the comment policy.

*

↓