impiegate
40

LETTERA protesta per mancata corresponsione EEG che ci spetta come da accordo siglato ad ottobre 2013 tra le parti – lettera da inviare da oggi agli indirizzi in essa contenuti – Care Colleghe più se ne invia maggiore sarà l’effetto, quindi da ora VIA, se naturalmente ne condividete il contenuto – AIUTIAMOCI e DIAMOCI una mano – ISTRUZIONI: Copia ed incolla ed INVIA

11/06/2014 - 9:26

__________________, _____ giugno 2014 Spettabile Confprofessioni Segreteria Nazionale Fax o6/54229876 info@confprofessioni.eu Sede Nord Ovest Fax o2/25060955 – nordovest@confprofessioni.eu Sede Nord Est Fax o444/913358 – nordest@confprofessioni.eu Sede Centro Nord Fax 051/6565656 – centronord@confprofessioni.eu Sede Sud Fax 081/5428459 – sud@confprofessioni.eu Spettabile Consiglio Nazionale e Collegio Revisori Dei Conti dell’ordine dei consulenti del Lavoro Fax 06/5408282 – consiglionazionale@consulentidellavoro.it e p.c. Alle Segreterie nazionali di FILCAMS-CGIL – Fax 06/5885323 – posta@filcams.cgil.it FISASCAT – CISL – Fax 06/8558057 –mario.piovesan@fisascat.it UILTuCS – UIL – fax 06/84242292 –uiltucs@uil.it Oggetto: Violazione accordo sottoscritto il 22 ottobre 2013 – studi professionali – trattative secondo livello – corresponsione E.E.G In relazione al comunicato di sospensione unilaterale dell’erogazione dell’elemento economico di garanzia apparso sul Vostro sito internet e immediatamente applicato dalle associazioni di categoria che rappresentate, con la presente protesta CONTESTIAMO la legalità di questa iniziativa, perché in espressa violazione dell’accordo sottoscritto in data 22 ottobre 2013 nel quale si prorogava di 7 mesi l’erogazione di detto elemento economico; inoltre crediamo non ci sia dubbio alcuno sulla “natura” di detto elemento economico contenuto nel contratto nazionale firmato 3 anni fa e scaduto ormai da quasi un anno! I sette mesi previsti nella proroga dell’accordo siglato nell’ottobre scorso, sono trascorsi senza che si sia raggiunto alcun accordo regionale, nonostante le piattaforme siano state inviate in molte Regioni, che alcuni tavoli siano aperti e che le categorie sindacali, che ci leggono per conoscenza, fossero pronte alle trattative. Deduciamo che nelle Regioni c’è una evidente difficoltà di rappresentanza datoriale. In mancanza di accordi regionali l’elemento di garanzia deve essere corrisposto. Ricordiamo che lo scopo della previsione dell’EEG, peraltro, era di dare impulso alla contrattazione di secondo livello che avrebbe dovuto avere tempi rapidi… 3 anni fa! Il concetto di rapidità, unitamente a concetti pure molto importanti, è stato pure ribadito nell’accordo del 22 ottobre u.s.: “considerato che … le relazioni tra le parti a livello territoriale sono improntate alla buona fede e alla reciproca correttezza che si giungerà verosimilmente in tempi brevi alla definizione di intese di secondo livello di carattere territoriale”. Ci pare evidente che la responsabilità di questo autentica “ingiustizia” è tutta da addebitare alla parte datoriale. Siamo sconcertati per come, ancora una volta, la nostra categoria viene trattata. La mancanza di rispetto per le persone che, gomito a gomito, ogni giorno lavorano con i professionisti che rappresentate, è disumana; non è difficile immaginare la nostra rabbia e l’esasperazione: da ottobre – se non da tre anni – aspettiamo i contratti di secondo livello o i 90 euro lordi (!) di E.E.G., ma non credete sia umiliante? Riteniamo, inoltre, che il Vostro comunicato sia lesivo dei nostri diritti e arrechi danno grave, in quanto i contratti di secondo livello rappresentano un importante strumento per il miglioramento delle condizioni di lavoro del settore; miglioramento non solo auspicabile, ma assolutamente necessario! E, in mancanza di ciò, è necessario corrispondere quanto previsto. Non si possono “stracciare” accordi firmati, impegni presi; non è serio, non è giusto. Vi invitiamo a ritirare e rettificare il comunicato sulla sospensione dell’E.E.G.. In caso contrario, questa è solo la prima iniziativa di protesta di altre che sono in fase di preparazione. _________________________

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
  • franca

    01/06/2014 - 12:15

    Lettera di protesta EEG INVIATA. fORZA DIAMOCI DA FARE, E' NEI NOSTRI INTERESSI ?. PER I CONSULENTI DEL LAVORO ASPETTIAMO LE RISPOSTE ALLA LETTERA COS? AVREMO DATI PI? CERTI. ORAMAI l' EEG verr? corrisposto, comunque, a giugno (se ci va bene!) ed evitiamo che i consulenti ci ribadiscono che vale il comunicato di confprofessioni (l'hanno gi? fatto!) perchè a nostra è solo una lettera. un saluto a tutti e ?. spedite!!!!

  • Angela Firenze

    11/06/2014 - 10:19

    Qualche associazione di categoria comunica la proroga della corresponsione dell'EEG, elemento economico di garanzia, che ci spetta adesso con la retribuzione di maggio, in quanto non è stato raggiunto l'accordo sulla contrattazione di 2? livello. Questo accordo in verit? non è stato preso con nessun nostro sindacato di categoria dei dipendenti degli studi professionali, ma è solo frutto di una dichiarazione di Confprofessioni. Invitiamo pertanto tutti i dipendenti ad inviare la lettera di protesta che vedete nella nota agli indirizzi sovrascritti, affinchè venga ritirato il comunicato e regolarmente corrisposto l'elemento economico di garanzia che ci spetta. L'importo lordo che ci devono erogare è di: ? 80,00 ? livelli 5?. 4? e 4?s ? 90,00 ? livelli 3? e 3?s ? 100,00 ? livelli quadri, 1? e 2?

  • Emanuela

    11/06/2014 - 10:31

    Fatto. Credo per? che sia da correggere l'indirizzo mail dei consulenti del lavoro perchè c'è una L in pi?: consiglionazionale@consulentidellavoro.it Ed ora..attendiamo un riscontro..celere si spera! Dai, dai, dai! Inviamo in massa! Dobbiamo farci sentire!!!

  • Cinzia

    11/06/2014 - 11:19

    Mandata a tutti con priorita' alta. Ora, se dobbiamo imparare a memoria "El pueblo unido ?" avvisateci in tempo! A presto e sempre grazie. Cinzia

  • Martina

    11/06/2014 - 11:20

    Mandata a tutti e sparsa la voce pi? possibile!! Speriamo serva a qualcosa!

  • Martina

    11/06/2014 - 11:44

    questa è la risposta ricevuta da FISASCAT/CISL Buongiorno. Ho ricevuto la Sua mail relativa alla non corresponsione del E.E.G. nei termini previsti dalla proproga sottoscritta dalle parti. Come Fisascat-Cisl condividiamo la Sua protesta, ritenendo che gli accordi vadano rispettati in modo inscindibile. Questa è la posizione che stiamo tenendo, assieme alle altre OO.SS., al tavolo di rinnovo contrattuale. Un tavolo che, com'è immaginabile, presenta grandi difficolt? nel trovare la sua conclusione in un accordo di rinnovo, anche a causa proprio del mancato rispetto da parte di Confprofessioni di quanto sottoscritto con le Organizzazioni Sindacali. A livello territoriale, purtroppo, è palese una mancanza di strutturazione in termini di affiliati per entrambe le parti, e ci? origina, a nostro avviso, la debolezza nell'imporre quanto concordato a livello nazionale. Rimaniamo a disposizione. MARIO PIOVESAN FISASCAT/CISL NAZIONALE Via dei Mille 56 00185 Roma 06/85359739 Cell. 335/7613209

  • Emanuela

    11/06/2014 - 12:01

    Oltre ad inviarla a tutti gli indirizzi indicati, la mandiamo anche ai rispettivi consulenti del lavoro avanzando il nostro legittimo diritto che l'EEG venga messo nella prossima busta paga?

  • IreFi

    11/06/2014 - 14:26

    Inviata anche io!

  • Tiziana

    11/06/2014 - 15:24

    Spedita lettera di protesta a tutti ! facciamoci sentire in massa !!!

  • IsabellaFi

    11/06/2014 - 16:01

    Stamani ho inviato la mail ed anche a me è arrivata la risposta (automatica ?)della Fisascat. Forza ragazze inviate la mail, se non si ottiene niente ? almeno gli abbiamo rotto le scatole !!!!!!!!!

  • Alberto

    12/06/2014 - 10:07

    Inviato a tutti! Forza!

  • Emanuela

    12/06/2014 - 10:51

    Risposta della FILCAMS: Oggetto: eeg studi professionali La Filcams Cgil in riferimento alla mancata erogazione dell'EEG ribadisce la posizione gi? espressa in tutte le sedi e ufficializzata alla controparte, ossia che l'EEG deve essere pagato nei termini previsti. Pertanto ci stiamo attivando per tutelare in tutte le sedi, siano esse legali che sindacali, i lavoratori e le lavoratrici del settore. Nei prossimi giorni terremo una riunione del coordinamento nazionale per affrontare la questione dell'EEG e per preparare il prossimo incontro con le Controparti previsto per il 26 e 27 giugno. Riteniamo di grande importanza questa forma di mobilitazione e di pressione che state mettendo in atto . Ringraziandovi ancora a tutti e tutte per il vostro impegno vi inviamo Fraterni saluti p. la Filcams Cgil Nazionale

  • Elisabetta

    12/06/2014 - 10:54

    Io mi dar? a Twitter 🙂

  • patrizia

    12/06/2014 - 10:57

    mandiamo i due comunicati a i nostri consulenti del lavoro , sono ufficiali !! patrizia cgil

  • erik

    12/06/2014 - 11:13

    Buongiorno, anche io ho inviato la lettere di protesta a tutti. Volevo un'informazione sono un impiegato tecnico di 4 livello in Friuli Venezia Giulia, spetta a nche a me l'erogazione dell EEG? grazie a chiunque possa aiutarmi

  • carmen

    12/06/2014 - 11:42

    Queste le regioni che hanno presentato la piattaforma entro il termine previsto dal CCNL e che hanno diritto all'EEG: piemonte, sicilia, toscana, umbria, veneto, emilia romagna, lazio, liguria, lombardia. Ciao

  • Marco

    16/06/2014 - 8:56

    Mandata!

  • Elisa

    23/06/2014 - 11:58

    per Erik dipende da quando sei stato assunto il testo del contratto dice: "ai lavoratori in forza da almeno 6 mesi alla data del 1? ottobre 2013"

  • Daniela

    25/06/2014 - 12:02

    perchè non proviamo a mandare lettere di protesta alle redazioni di programmi televisivi o di testate giornalistiche???? ciao Daniela

  • Marco

    25/06/2014 - 17:07

    Magari i sindacati stessi dovrebbero informare i media no??

  • patrizia

    25/06/2014 - 18:59

    ari daniela e marco, potrebbe essere una idea daniela , facciamo delle proposte , siamo tutti lavoratori , me compresa. caro marco il sindacato fa comunicati stampa e informa sempre ma la protesta devono farla i lavoratori , cioè noi ? il sindacato esiste se ci sono i lavoratori organizzati , noi non vediamo l'ora di delegare a qualcuno responsabilit? nostre in modo di non fare nulla , tanto fanno altri e la responsabilit? non è mai nostra , non funziona cos? , la protesta dipende da noi solo da noi il sindacato sar? ultracontento e sar? al nostro fianco con tutti i suoi mezzi mi segui? patrizia cgil

  • Marco

    26/06/2014 - 9:09

    Ok ok Patrizia i meccanismi li conosco, all'atto pratico credevo che i sindacati stessi informassero i media mettendoli a conoscenza della nostra protesta tutto qui?.comunque se non è cos? da dove cominciamo?

  • patrizia

    26/06/2014 - 9:40

    caro marco ,scusa marco è vero mi parte un trip? il sindacato lo fa sempre ti assicuro, nei canali interni del sindacato lo sanno tutti e ti assicuro che le nostre iniziative sono conosciute e sono state riprese negli interventi nei vari congressi anche nazionali , gli studi professionali sono in ogni intervento delle categorie , ho sentito con le mie orecchie e ho avuto occasione di intervenire anch'io ma per sfondare senza la protesta non fa notizia. , questo è il problema. Cosa potremmo fare? gli strumenti sono tanti elenco: 1) classici: assemblee territoriali, regionali, nazionali in ore pranzo fuori dall'orario di lavoro con notizie alla stampa locale e nazionale come abbiamo fatto negli anni passati. Magari con elezione di coordinamenti o di strutture sindacali , lo abbiamo gi? fatto 20 anni fa! Si possono organizzare anche attraverso il blog 2) continuare con le lettere via web ma direi che da solo è debolino se tutto finisce l? mi segui? alla fine possono dire va be la solita lettera 3) strumenti moderni: flash mob o iniziative estemporanee , sono efficaci (una volta si usava chiamare presidi) ma anche qui ci vuole organizzazione In conclusione ci vuole organizzazione e il blog pu? essere di grande aiuto chi ha altre idee si scateni patrizia cgil ps si sono rotte le trattative sul contratto del commercio seguite sui giornali come si comporta una categoria organizzata ci possono venire delle idee

  • Gioia

    26/06/2014 - 17:12

    Anche per questo mese non c'è stata alcuna corresponsione EGG. Lavoro in uno studio legale di Roma. Ciao a tutte. Gioia

  • IreFi

    27/06/2014 - 18:09

    Non riesco veramente a capire a che gioco giocano. Si ripete che in piemonte, sicilia, toscana, umbria, veneto, emilia romagna, lazio, liguria, lombardia spetta. Spetta perchè non è altro che una sospensione unilaterale decisa con un comunicato da Confprofessioni e che dovete assolutamente respingere. I Sindacati ci hanno gi? detto che non hanno firmato nessun altro accordo di proroga e/o sospensione! Come per tutte le cose che non vanno, dovete contestare e chiedere! Neanche a me è stato corrisposto a maggio, l'ho contestato per e-mail e a giugno mi verr? dato. Avete contestato a maggio il fatto che non vi è stato corrisposto? Se s? e non avete ancora ricevuto nulla, vi prego di rivolgervi ai sindacati perchè VI SPETTA!!! Fateci sapere.. A me sembra follia? non so pi? che dire? veramente!! Ciao Ire

  • Gioia

    27/06/2014 - 18:28

    Ho contestato, ho alzato anche la voce. Nulla è servito. Dicono che è tutto sospeso. Altro che follia Ire?. Gioia

  • Martina

    30/06/2014 - 10:03

    contestare non serve a niente!!! purtroppo? i consulenti del lavoro si appellano al fatto che confprofessioni ha sospeso la corresponsione e pertanto fino a che non uscir? un nuovo comunicato non ci daranno questo benedetto EEG?non è giusto non avere quello che ci spetta!!! e non trovo giusto dovermi rivolgere al sindacato e magari fare causa?io poi al lavoro ci devo andare tutte le mattine!!!!?e mettersi contro il datore di lavoro a volte non è il caso? I sindacati non possono fare una comunicazione scritta come quella che ci hanno inviata via e-mail e renderla ufficiale a tutti come ha fatto confprofessioni???? i sindacati hanno risposto a noi lavoratori ma ai datore di lavoro quelle comunicazioni non importano? Altro che follia!!!! nel medioevo i lavoratori avevano pi? diritti? Scusate lo sfogo non ce l'ho assolutamente con nessuno è che le ingiustizie?in qualsiasi contesto?mi fanno imbestialire e non poter fare niente ancora di pi?!!!

  • Luisa

    30/06/2014 - 11:22

    ??dico di piu'?. a questo punto i sindacati non possono mandare una comunicazione scritta dove UNILATERALMENTE dispongono di pagare 300 euro in piu' a tutti?????? Visto che funziona cosi'?. Ovviamente e' una amara battuta. ma qui siamo al paradosso davvero. La nostra controparte e' forte e organizzata?si dice. Ma vorrei sapere come e' possibile che LORO i datori che numericamente sono meno dei dipendenti e titolari di tanti studi framemntati e sparsi cosi' come lo sono i loro dipendenti?. E allora mi chiedo perche' LORO siano forti e organizzati e noi no???? Io non credo che i professionisti datori di lavoro siano sempre li' a bussare alle porte di CONFPROFESSIONI e a fare sit-in?. Qui di spunti ne abbiamo anche suggeriti vari? e se ne leggono di idee? ma perch? il nostro sindacato non indice una volta per tutto uno sciopero??? I responsabili di filcams ? uiltucs ? etc? perch? non si accordano per una manifestazione? o petizioni nelle signole sedi? Qualche idea e' nata qui? ma la realizzazione concreta dovrebbe partire da loro no? Cosa sbaglio??

  • federica

    30/06/2014 - 17:04

    Concordo con Martina, quando scrive che ?non trovo giusto dovermi rivolgere al sindacato e magari fare causa?io poi al lavoro ci devo andare tutte le mattine!!!!?e mettersi contro il datore di lavoro a volte non è il caso? Il problema è proprio questo, il rischio di ?alzare la testa? contro il datore di lavoro quando poi devi averci a che fare tutti i santi giorni. Lavoro in uno studio di consulenza del lavoro da 10 anni, elaboriamo noi le buste paga per le aziende, e nè nel nostro studio, nè nelle nostre aziende che applicano il ccnl studi professionali è stato erogato l' E.E.G. Persino la detassazione sugli straordinari, il cui accordo è stato siglato in data 11 giugno 2014, ci verr? applicata? Proprio non è giusto, trovo che stia tutto cambiando..in peggio?la cosa mi rattrista perchè sembra il lavoratore non abbia armi per combattere? Concordo con Martina quando chiede che siano direttamente i sindacati a fare una comunicazione scritta come quella inviata via e-mail rendendola ufficiale a tutti come ha fatto confprofessioni. Grazie per l'ascolto e per il vostro lavoro. Un saluto a tutti.

  • Emanuela

    01/07/2014 - 9:28

    Ciao Federica, Dato che lavori nel campo, posso chiederti se avete fatto riferimento solo all'univoca comunicazione di Confprofessioni o Vi sono altre motivazioni in forza delle quali è stata sospesa la corresponsione dell'eeg? E se fosse solo per la suddetta comunicazione, ad una pi? che prevedibile e legittima richiesta di chiarimenti da parte dei dipendenti dei vari studi professionali, quando Vi vengono inviate le risposte ricevute da Fisascat e Filcams, come giustificate il perdurarsi di tale situazione? Io domando, poichè, semplicemente chiedendo e presentando quei documenti al nostro "nuovo" consulente del lavoro, ci è stato assicurato che l'eeg verr? corrisposto con l'elaborazione del cedolino di giugno. Vorrei tanto capire su quali basi continua il colsulente del lavoro (il nostro precedente era della Vostra stessa opinione) a mantenere revocata talle corresponsione. Infine, ARMIAMOCI E PARTIRE non funziona! Vorrei far presente che una situazione che a noi non piace necessita un nostro cambiamento. Non dobbiamo attendere che siano ALTRI ad intervenire, anche perchè gli altri di cui si parla sono dipendenti di studi professionali tanto quanto lo siamo noi! Queste battaglie devono cominciare dal singolo e non devono essere per forza fatte a muso duro. Ci sono modi e modi. Il datore di lavoro non è un MOSTRO, è una persona, magari è stato dipendente come te un tempo e, magari, dico magari, ci si pu? anche parlare insieme!

  • Filippo

    01/07/2014 - 12:20

    Avete visto l'articolo datato oggi 01 luglio 2014 al link http://www.teleconsul.it/leggiArticolo.aspx?id=283284&tip=pp è attendibile? Saluti a tutti.

  • Cinzia

    01/07/2014 - 12:34

    Per Emanuela. In teoria hai perfettamente ragione sull'importanza di azione e coraggio individuali. Ma questi appunto possono risolvere (forse) solo le situazioni individuali. Credo che abbiamo veramente bisogno di una azione collettiva, di categoria. Non per i 90 euro, quelli forse prima o poi li otterremo. Ma qui si tratta di ristabilire un vero dualismo di forze opposte che ora non esiste. Se si sono permessi una cosa del genere è perch? ci vedono come elemento impotente e mai come una forza compatta in grado di contrastarli. In mancanza d'altro prendiamola noi l'iniziativa, come semplici cittadini e colleghi: siamo persone che per lavoro stanno tutto il giorno davanti ad un PC, non davanti a un tornio. La comunicazione e l'organizzazione sono fra le ns. competenze. Sappiamo che uno sciopero in orario di lavoro per noi sarebbe un flop. Allora vediamoci tutti un sabato o domenica, per esempio davanti alle sedi regionali della Confprofessioni (a Milano in Via Lentasio?). Spargiamo la voce al massimo, per?, il numero è fondamentale! E non facciamolo alla fine di luglio quando i media parlano solo di cani abbandonati (senza offesa) e strategie per combattere il caldo! In alternativa, organizziamolo per settembre appena rientrati. Fra noi c'è chi è pi? bravo a organizzare e chi a comunicare. Ci sono decisionisti e trascinatori. Ma infine c'è anche chi (per impegni e attitudini) è assolutamente disponibile e desideroso di fare, ma vuole seguire le indicazioni di altri. Ci sono anch'io qui e ? non per vantarci ? siamo noi il grosso, la parte visibile! Diteci solo cosa dobbiamo fare!

  • Emanuela

    01/07/2014 - 13:01

    Per Cinzia: credo di essermi espressa male. La mia era una risposta ai commenti sull'eeg e non ho spaziato in altri ambiti. In virt? di quanto da me sostenuto credo che se tutti, individualmente, non con coraggio ma semplicemente con volont? di cambiare, iniziassimo a ?comunicare?, per utilizzare un tuo termine, con chi di dovere, potremmo ottenere pi? di quanto finora raggiunto (ribadisco, sto solo rispondendo in merito all'eeg). Il mio commento non sminuisce l'importanza di un'azione collettiva, di coesione, della creazione di una vera opposizione. Ma, ripeto, questo è un altro argomento. Per rispondere a ci?, si, serve farci sentire. E' assolutamente necessario. Io sono disposta a venire a Milano od ovunque serva per far protesta. Ma se davvero si decidesse d'intraprendere questa strada, la stessa protesta non dovrebbe morire con essa. Dovrebbe andare avanti, arrivare ai media e cos? via. Ed io non so nè come fare nè da dove partire. So soltanto che ci sar? e, se sar? in grado, vorr? essere d'aiuto.

  • Silvia

    01/07/2014 - 13:04

    Ciao Inutile dire che sono d'accordo con Emanuela nel dire che i primi sindacalisti di noi stessi siamo proprio noi. Tutti noi ogni mattina dobbiamo entrare in ufficio e scontrarci con il nostro lavoro, che non è neppure paragonabile a quello di una impiegata di una semplice srl, e nonostante ci? vederci sottopagare con la scusa che il nostro posto di lavoro (forse) è pi? sicuro di quello del settore commercio.Tutto ci? sminusce tutto il nostro lavoro. Ben venga una riunione di noi lavoratori, ma deve essere una protesta vera e concreta, non un vorrei tanto ma non posso, poco tempo fa circolava una petizione da firmare con la quale si richiedeva il rinnovo immediato del contratto e l'equiparazione dei nostri minimi tabellari a quelli del settore commercio, bhe su un milione circa di dipendenti degli Studi Profesionali siamo arrivati ad un totale di un centinaio di firme, se non sbaglio, quindi mi chiedo in quanti saranno disposti ad una protesta vera. Inoltre credo che molti datori di lavoro spesso vengano mal informati della situazione in corso, in quanto nel mio esempio per EEG il consulente del lavoro non si è posto il problema di avvisare il datore di Lavoro che nonstante la comunicazione di Confprofprofessioni avrebbe comunque potuto corrispondere l'EEG si è solamente limitato a dire che non era dovuto. Effettiavamente dopo nostra comunicazione il datore di Lavoro ha comunque deciso in questa Busta di corrispondere l'EEG. Quindi ci? dimostra che spesso una lotta individuale pu? avere effetti sul singolo, ma quando il sigolo comincia a divulgare il metoto potrebbe anche aiutare la collettivit?.";0;1;;;0;0 522;173;Cinzia;pc.turillo2003@libero.it;;;2014-07-01 14:59:00;2014-07-01 14:59:00;Cara Emanuela, ti eri espressa benissimo: dal tuo discorso era chiaro che parlavi solo dell'EEG. E non era neanche mia intenzione contraddirti: una protesta individuale e un'azione collettiva non sono affatto cose contrastanti. Sono io che mi sono permessa poi di "spaziare in altri ambiti". Perch? continuo a non credere che l'azione individuale possa essere d'aiuto alla categoria come detto da Silvia: se io mi faccio avanti, magari se ne gioveranno i colleghi del mio stesso studio che otterranno le stesse condizioni. Ma non a quelli dello studio vicino e degli altri. E infine, a me a questo punto non baster? pi? ricevere l'EEG (se e quando succeder?, nonostante le mie proteste scritte e verbali). Non mi basta pi? essere: NOI (singoli ? che dipendono dal buon senso o dal buono stato d'animo di un datore, oppure dalle informazioni che gli vengono date dall'ufficio paghe come raccontato da Silvia) contro LORO (coperti da una organizzazione forte che si permette persino di tradire un patto firmato). Riporto le tue parole e le faccio mie: non so nè come fare nè da dove partire. So soltanto che ci sar? e, se sar? in grado, vorr? essere d'aiuto.

  • patrizia

    02/07/2014 - 19:00

    care ragazze, seguo la vostra discussione con estremo interesse , ho risposto a voi e tutti gli altri sull'ultimo post del comunicato sindacale , continuamo li la discussione che è importantissima. Vale anche per voi l'invito di entrare nel gruppo del blog che è apertissimo a chiunque abbia voglia di entrare basta alzare la mano . Si parte da qui cinzia Emanuela e silvia. vi aspettiamo patrizia cgil

  • patrizia

    02/07/2014 - 19:03

    caro filippo , l'articolo è precedente alla circolare di confprofessioni che decideva di sospendere l'ecg , quindi è superata da fatti successivi. Ma per il sindacato è da corrispondere in virt? dell'accordo di ottobre 1013 ciao patrizia cgil

  • Emanuela

    02/07/2014 - 22:26

    Ciao Patrizia, Dimmi come posso essere utile. Per dovere di cronaca: eeg non corrisposto per solita motivazione fornita dal consulente del lavoro. Patrizia, se vuoi puoi rispondermi anche in ?esito incontro 26-27 giugno?, cos? spostiamo l'attenzione sull'ultimo importantissimo argomento.

  • Martina

    04/07/2014 - 9:55

    anche io lavoro in uno studio di consulenza del lavoro e con il datore di lavoro ho un ottimo rapporto, ci parlo liberamente se paure e abbiamo parlato anche di questo elemento ecg?loro prendono per buono il comunicato UFFICIALE di confrofessioni e non possono invece tenere conto di un comunicato NON ufficiale dei sindacati?è questo il problema!! e quindi sia per noi che per le aziende clienti hanno ritenuto opportuno a NON elargire ecg a nessuno almeno per il momento?io continua a ribadire che un comunicato ufficiale da parte dei sindacati farebbe la differenza!

  • Gioia

    24/07/2014 - 18:25

    Scusate ragazze ma l'ufficio legale della Filcams ha elaborato qualcosa circa la mancata corresponsione E.E.G.? Lo chiedo perchè i consulenti, a cui mi sono rivolta, attendono di ricevere solo comunicazioni ufficiali. Buon lavoro a tutte.

  • patrizia

    25/07/2014 - 9:41

    cara gioia , non abbiamo notizie è una questione complessa siamo in costante contatto con il nazionale. In ogni caso il comunicato della filcams pubblicato qui sul blog è la posizione ufficiale del sindacato , nell'attesa usa quello con i consulente ciao patrizia cgil

Lascia un commento

You have to agree to the comment policy.

*

↓