impiegate
34

Busta paga

10/01/2017 - 15:07

Busta paga

Aggiornamento argomento Busta paga.

Provate a verificare la vostra Busta paga se coincide con i valori di cui alle tabelle e fateci sapere se notate delle differenze.

Aumenti retributivi

Con la retribuzione di settembre-2016 c’è stato un ulteriore aumento in Busta paga, lo avete notato?

I prossimi aumenti sono previsti con le retribuzioni di marzo-2017 e settembre-2017.

Minimo base o tabellare / Scala Mobile (art. 123 CCNL)

E’ un dato che non può essere variato dal datore di lavoro.

L’importo viene aggiornato ad ogni rinnovo contrattuale. Con l’ultimo rinnovo l’aumento è stato scaglionato.

Talvolta queste voci (“Minimo base o tabellare” e “Scala Mobile”) possono essere visualizzate in busta paga separatamente, oppure raggruppate.

Ricordiamo che la scadenza del Contratto Collettivo è prevista per il 1° aprile 2018).

Conglobamento indennità di contingenza ed elemento distinto della retribuzione (art. 121 CCNL).

Con riferimento a quanto definito in materia dai CCNL (Consilp – Confprofessioni e Cipa) del 10/12/92 e 19/12/96, dal CCNL (Confedertecnica) del 14 Maggio 1996 e dal CCNL del 2006; le parti riconfermano, anche per effetto del presente contratto, che la retribuzione minima tabellare congloberà anche quanto maturato a titolo di indennità di contingenza fino alla data del 1° Maggio 1992, comprensiva dell’elemento distinto della retribuzione derivante all’Accordo Interconfederale del 31 Luglio 1992.

Vedi tabella conglobamento-indennita.

Conseguentemente agli otto livelli previsti dalla classificazione del personale di cui all’articolo 23 del presente contratto corrisponde una paga base tabellare conglobata nelle misure mensili indicate nel successivo articolo 123.

Scatti anzianità (art. 117 CCNL)

L’importo è predeterminato e diverso per alcuni Livelli.
Si matura uno scatto ogni 3 anni per un massimo di 8 scatti nel corso del rapporto di lavoro nella medesima struttura:

  • 30,00 Quadri
  • 26,00 Livello I
  • 23,00 Livello II
  • 22,00 Livello III-S
  • 22,00 Livello III
  • 20,00 Livello IV-S
  • 20,00 Livello IV
  • 20,00 Livello V

Mensilità  supplementari

  • Tredicesima mensilità (che viene erogata entro il 24 dicembre) di ogni anno
  • Quattordicesima mensilità (erogata, in genere, con la retribuzione di giugno) di ogni anno

Superminimo (o assegno ad personam)

E’ una voce ambita da molti, ma non sempre erogata in quanto è facoltà del datore di lavoro riconoscere un premio per le capacità professionali del lavoratore.
Se in busta paga trovate questa voce di retribuzione, sappiate che:

  • può essere non assorbibile (cioè in caso di aumento della Paga Base, il vostro Superminimo andrà sempre aggiungersi per l’intero alla retribuzione)
  • può essere assorbibile (cioè in caso di aumento della Paga Base, il Superminimo diminuisce in egual misura fino al totale assorbimento)

Vi consigliamo di farvi mettere per iscritto (e che sia ben chiaro anche in busta paga) che tipologia di superminimo vi stanno erogando (“Assorbibile” o “Non Assorbibile”?), per non incorrere in brutte sorprese.
Se state pensando di chiedere un superminimo, optate per il “Non Assorbibile”, ovviamente…   e visto che ci siamo verificate se è possibile applicare la detassazione!

EBIPRO e CADIPROF

A partire dalla mensilità di aprile 2015, il finanziamento di tutte le attività che vengono esercitate dagli Enti Bilaterali di settore (CADIPROF ed EBIPRO) viene effettuato mediante un contributo di 22,00 euro (di cui 2,00 euro a carico del lavoratore), che dovrà essere versato dal datore di lavoro per ciascun lavoratore mediante modello F24 sez. INPS con causale ASSP.

  • € 2,00 a carico del lavoratore
  • € 20 a carico del datore di lavoro

Il contributo di € 22,00 è così ripartito:

  • € 15,00 per 12 mensilità a CADIPROF
  • € 7,00 (di cui 2 euro a carico del lavoratore e 5 euro a carico del datore di lavoro), per 12 mensilità ad EBIPRO.

E’ importante controllare che in busta paga ci sia anche questa voce.

Straordinario (art. 78 CCNL) – Lavoro Supplementare (art. 42 CCNL)

Per quanto riguarda il tempo pieno, viene considerato straordinario l’attività prestata oltre l’orario di lavoro, con una maggiorazione del 15%.
Per quanto, invece riguarda il part-time l’attività prestata oltre l’orario di lavoro viene chiamato “lavoro supplementare”. La maggiorazione applicata è del 40%.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
  • Simoninha80

    11/01/2017 - 18:28

    Qualora non mi fossero stati riconosciuti i vari aumenti per gli anni passati o riconosciuti non nel mese corretto e mai integrati i precedenti, c'è 1 prescrizione per farseli ridare? Stessa domanda per i vari scatti o per le festività, c'è 1 prescrizione? Non sò se c'entra qualcosa, ma lo studio dove lavoro da più di 10 anni ha sempre avuto meno di 10 dipendenti. Grazie.

  • Carmen

    12/01/2017 - 10:49

    Cara Simona, i crediti di lavoro si prescrivono in 5 anni. Fai valere i tuoi diritti. Se non sai come muoverti, contatta il sindacato che ti saprà indirizzare e seguire.

  • Rita

    15/01/2017 - 7:58

    Buongiorno io faccio un part time di 14 ore, però non ho mai segnato i 30e 35 minuti di straordinario (orario supplementare ) che sta diventando abituale come fare? Si segnala sulle presenze? Poi ho delle ore di permesso quando chiedere la monetizzazione scritta? Grazie...

  • IreFi

    15/01/2017 - 14:10

    Ciao Rita, È prassi comune ed errata ovviamente quella che abbiamo di regalare le mezz'ore di lavoro negli studi... Sì brava, bravissima! Devi segnarle nel foglio presenza. Per le ore di permesso, ti consiglio prima di tutto di parlarne con il tuo datore di lavoro e trovare con lui la modalitá giusta. Potrebbe anche essere che, messi gli occhi sulla quantitá, decida di pagartele mese per mese un po' per volta. Il mio vecchio datore di lavoro scelse di fare così per farti l'esempio: in parte un piano di smaltimento in accordo con me sull'orario di uscita ed in parte me le pagò un po' alla volta in tre mesi. ...chiaramente se riesci a parlarci! So di studi dove riuscire a dialogare civilmente è un miracolo e mai su queste cose! Facci sapere. Se hai bisogno di appoggio ci siamo! Ciao e buona domenica Irene

  • Rita

    16/01/2017 - 8:08

    Buongiorno Irene, perfetto, credo che lo smaltimento non sarà possibile in quanto per prendere un permesso L.104 sono dolori... Credo che la disponibilità e le modalità di accordo debbano sempre avere il rispetto reciproco, ma non sempre è così, pertanto chiederò la monetizzazione nei tempi stabiliti dal contratto credo entro giugno 🙂 PER QUELLI DELL'ANNO PRECEDENTE, poi leggerò meglio sul vs sito, adesso devo capire meglio il conglobamento indennità che non riesco ad individuare in busta paga. ILminimo retribuito glielo ricordo sempre io... !!! Grazie ragazze, grazie Irene.

  • Luana

    16/01/2017 - 18:21

    Ciao...anche a me assunta 13 mesi fa con Job Act spetterebbe aumento? in 13 mesi 3° livello sempre € 1.200....

  • patrizia

    16/01/2017 - 19:21

    cara Luana il job acts è un contratto a tempo indeterminato quindi la tua busta paga non deve avere differenze! il terzo livello dal 1.9.16 deve essere 1.471,37 il prossimo aumento è al 1.3.2017 di 20,00 euro e quindi 1.491,37. Non è che ci stai dicendo il netto ? guarda il lordo in alto : elementi della retribuzione e verifica. Altra domanda sei part-time? insomma verifica con questi dati e sentiamoci! patrizia cgil

  • Rita

    19/01/2017 - 8:22

    Buongiorno carissime, allora dopo aver letto qui ho controllato scatti minimo tabellare e nel 2015 manca quello del 1/4 (aprile e maggio non è stato aggiornato); posso chiedere adeguamento? Poi non ho capito dove devo vedere il conglobamento - indennità. Se potete darmi qualche indicazione 🙂 vi ringrazio di cuore.

  • patrizia

    19/01/2017 - 15:05

    cara rita, il primo aumento è del 1.4.2015 , il secondo del 1.1.2016 . Se non ti è stato dato l'aumento ad aprile e maggio chiedilo , guarda se non hai per caso arretrati dopo maggio . Può capitare che l'aumento non sia dato subito e vengano dati gli arretrati nei mesi seguenti. La questione della conglobamento della contingenza è una questione tecnica legata ad un accordo del blocco della contingenza nel 1992 (art. 121 del contratto) e alle volte in busta paga gli elementi sono divisi per questo lo abbiamo indicato. Tu guarda la correttezza del minimo tabellare indicati all'art. 123 è il risultato finale! ciao patrizia cgil

  • Simoninha80

    26/01/2017 - 14:21

    Grazie Carmen, gentilissima della risposta, scusami l'ulteriore domanda, per prescrizione di 5 anni si intende dalla fine del rapporto? Xchè se così non fosse vorrebbe dire che posso far valere i miei diritti solo da 5 anni in poi, e i primi 5 anni ormai sono persi. Grazie.

  • Carmen

    26/01/2017 - 14:31

    Purtroppo la prescrizione decorre dal giorno in cui vanti quel credito e non dalla fine del rapporto di lavoro.

  • marfis

    07/02/2017 - 10:10

    Buongiorno. Per motivi personali si è licenziata la mia collega e ora mi trovo da sola. Ho chiesto che mi venisse attribuito il secondo livello (ora ho il terzo livello) e arrivare a 40 ore settimanali in quanto dovrò fare tre pomeriggi (ora faccio 35 ore). Attualmente ho due scatti con previsione di un ulteriore scatto il 01.04.2017. La mia domanda è: se ottengo il secondo livello, gli scatti mi vengono sempre riconosciuti sia quelli precedentemente ricevuti che il prossimo di aprile? grazie mille marfis

  • patrizia

    07/02/2017 - 17:55

    cara marfis, non sei chiarissima .. ti rispondo per quello che credo di aver capito di riferisci agli aumenti del tabellare ? l'aumento è previsto dal 1.3.17 art. 116 del contratto, passaggio di livello : hai diritto dal momento del passaggio di livello alla retribuzione prevista per il nuovo livello , quindi se al 1.3.2017 avrai il secondo livello deve esserti dato l'aumento di 21,76 . Attenzione ai superminimi .. leggi bene il contratto art. 117 scatti di anzianità : stessa cosa al momento del passaggio di livello l'eventuale nuovo scatto di anzianità dovrà essere di 23,00 euro dimmi se ho capito male la domanda ! ciao patrizia cgil

  • Claudia

    25/02/2017 - 10:32

    Buongiorno a tutti! Volevo avere informazioni riguardo i buoni pasto. So che non sono previsti dal CCNL Studi Professionali, ma so anche che per legge se si lavora a cavallo della paura pranzo e si è lontani da casa, il datore di lavoro dovrebbe provvedere a un pasto con mensa o a corrispondere i buoni pasto. È corretto?

  • patrizia

    27/02/2017 - 18:15

    ciao claudia! i buoni pasto sono degli strumenti di welfare aziendale , sono previsti dalla legge è vero ma oggetto di contrattazione. Nel nostro contratto nazionale non sono previsti ma nelle piattaforme dei contratti integrativi regionali si . In ogni caso nulla vieta che tu possa raggiungere un accordo con il tuo datore di lavoro per usarli , meglio con accordo di studio scritto e firmato ! ciao patrizia cgil

  • Daniela Tabarrini

    05/03/2017 - 12:16

    ciao a tutte. mi sono appena iscritta al blog ma non trovo (forse non cerco bene) alcune informazioni. Per prima cosa mi scuso se non è questo lo spazio dove fare domande. Nel guardare le mie buste paga mi sono accorta che fino a novembre la mia mansione era "segreteria" ora è "addetta alla segreteria": cosa comporta questo cambio? In più, un'altra cosa: sono al livello 3 da quando sono stata assunta (nel 1999) e volevo sapere se i livelli con il passare degli anni dovrebbero cambiare o no. per ora solo queste due domande 🙂 grazie

  • patrizia

    06/03/2017 - 14:14

    cara daniela, ciao ! va bene qui certo ! art. 24 e seg del contratto nazionale (lo trovi qui sul blog tra i documenti). La denominazione addette alla segreteria è adottata nei profili ma non c'è differenza di mansioni. Non ci sono passaggi automatici , il livello dipende dalle mansioni , leggi i profili del tuo livello e quello superiore e vedi se ci sono i margini per chiedere il livello superiore. Sappi , comunque, che ottenere il livello è una delle battaglie più dure che esistano, ci ho provato per anni e anni anch'io... insisti con tantissima pazienza! patrizia cgil

  • Valentina

    10/03/2017 - 11:23

    Buongiorno... il mio capo ha minacciato di trattenersi 20 euro dallo stipendio se nel momento in cui si reca in tribunale ad asseverare una perizia il tribunale contesti l'assemblaggio della perizia stessa (e non il contenuto), esempio numero righe sbagliate per il conteggio dei bolli, perizie non pinzate perché non si sa quale verbale di asseverazione usare (se tribunale o giudice di pace). È sanzionabile al dipendente una cosa simile?

  • Valentina

    10/03/2017 - 13:25

    Una lettera di contestazione ufficiale va indirizzata ad una singola persona o a più persone?

  • Valentina

    12/03/2017 - 23:13

    Venerdì ho ricevuto un richiamo formale, a mezzo email, destinato a me e contemporaneamente nella stessa mail ad altri tre soggetti. Tra l'altro il mittente è il mio titolare (ha una srl) ma io sono dipendente di un'altra srl fittizia e svolgo il mio lavoro principalmente per il titolare della prima srl. Come mi devo comportare? Devo rispondergli entro 5 giorni??

  • patrizia

    13/03/2017 - 17:54

    cara valentina, questo è un blog per i dipendenti degli studi professionali, tu parli di srl .. è un'azienda ? ti viene applicato il contratto degli studi professionali ? In ogni caso no , non si può multare per fatti singoli e di quell'entità che descrivi. le misure disciplinari devono seguire un iter preciso previsto dallo statuto dei lavoratori e recepiti nei contratti di categoria , nel nostro sono disciplinati all' art. 136. la lettera di contestazione è sempre personale e deve essere mandata con racc.ta a.r o a mano , contestazioni verbali o per mail non valgono. Mi pare comunque dalle tue parole che la situazione è piuttosto "delicata" , bisogna valutare bene i fatti che io non conosco , ti consiglio di andare subito in sindacato per valutare insieme al funzionario il da farsi , prima dello scadere dei 5 giorni Auguri ! patrizia cgil

  • Valentina

    15/03/2017 - 22:25

    Ciao patrizia, oggi scadevano i famosi 5 giorni e ho parlato col mio "capo". Non era un richiamo formale (sebbene questo fosse l'oggetto della mail). Ma se fosse stato veramente un provvedimento disciplinare avrebbe dovuto comunicarlo anche al consulente del lavoro? Comunque era un momento di nervosismo suo ad aver dato il via a tutto. Eh si, sebbene sia in una srl ho il ccnl studi professionali (dell'unica sigla che non ha siglato il famoso rinnovo, mannaggia), da parecchi anni.

  • patrizia canovaro

    17/03/2017 - 14:27

    cara valentina, la mail non può essere una contestazione disciplinare formale, ti consiglio di rispondere cortesemente stesso mezzo , in modo che rimanga una tua risposta non si sa mai è meglio scrivere sempre, chiedi che ti risponda per mail confermando quello che ti ha detto a voce. A voce mai nulla ! !!! il momento di nervosismo può ripetersi e il precedente senza risposto, anche se informale , potrebbe nuocerti., non sottovalutare. Di solito le contestazioni disciplinari vengono fatte informando il consulente certo. Sei dipendente di una srl che applica il contratto confedertecnica? quindi è una società di ingegneri? scusa se è solo per capire ! patrizia cgil

  • Valentina

    17/03/2017 - 23:08

    La srl del mio "capo" è una srl unipersonale, la srl dove sono assunta è una società di gestione immobiliare ma sempre con ccnl studi professionali.

  • patrizia

    18/03/2017 - 13:08

    eh ma valentina .. il tuo contratto non è studi professionali ! c'è un contratto agenzie immobiliari ! ciao patrizia cgil

  • Daniela

    19/03/2017 - 14:26

    Ti ringrazio Patrizia, anche se in ritardo, per la risposta

  • alessia

    28/06/2017 - 10:05

    Buongiorno avrei bisogno di qualche chiarimento in merito alla mia busta paga, ho iniziato a lavorare come segretaria di autoscuola circa 4 anni fa, all'inizio la prima autoscuola in cui fui assunta mi fece 6 mesi con contratto a stage e 5 mesi di apprendistato, poi mi licenziai e andai a lavorare per un'altra autoscuola che mi fece un contratto part-time di 4 ore come impiegata per circa sei mesi, poi andai a lavorare nell'autoscuola dove sono attualmente e mi rifecero il contratto di apprendistato con inquadramento di 2° livello, secondo il contratto che mi fecero loro il 30 aprile 2017 dove scadere l'apprendistato, a Maggio mi hanno ancora fatto la busta come apprendista e dopo avergli fatto notare lo sbaglio me l'hanno rifatta come impiegata di 2° livello, quello che non capisco è normale che la mia collega nell'altra sede che abbiamo sia inquadrata al terzo livello? Con una differenza di stipendio di 2 € l'ora? Grazie

  • IreFi

    29/06/2017 - 12:55

    Cara Alessia, questo è il blog dei dipendenti degli studi professionali che applica il CCNL degli studi professionali siglato, quale organizzazione sindacale di nostro riferimento, dalla FILCAMS CGIL. Le autoscuole non rientrano in questo CCNL. Hanno un loro contratto di riferimento diverso da quello che trattiamo noi. Credo che la categoria della CGIL che segue le autoscuole sia la FILT CGIL. Ti invito a rivolgerti a loro. http://www.filtcgil.it/index.php/contatti/ E' necessario non confondere i CCNL, nè sarebbe corretto da parte nostra darti risposte su un contratto che non conosciamo. Un abbraccio

  • Ileana

    09/07/2017 - 7:59

    Buongiorno, vorrei sapere, se possibile, quale sarebbe il netto in busta per un part time di 20 ore con il III o IV livello, grazie.

  • Annarita

    10/07/2017 - 6:56

    Buongiorno, dopo il sollecito del mio capo al suo consulente, ho ottenuto il mio CU il 12 giugno, il consulente aveva dimenticato di consegnarlo, detto questo, diversamente dagli altri non c'è il foglio dove in genere firmavo per ricevuta, è cambiato il modulo che voi sappiate? Altrimenti scrivo una bella raccomandata ... Grazie.

  • patrizia

    10/07/2017 - 18:35

    cara ileana , sul blog non facciamo calcoli , ci sono troppe variabili, soprattutto per le buste paga, e si può sbagliare , quindi diamo solo delle informazioni generiche. Il tuo part-time è al 50% quindi devi prendere il lordo e togliere circa un 30% di contributi . Le tabelle le trovi qui sul bloog tra i documenti , come tutto il contratto. In ogni caso II livello 1.622,61 , III livello super 1.505,05, III livello 1.491,37, IV super 1.466,22, IV 1.392,41. Ci sarà un aumento il 1. 9.2017. I tabellari devono essere calcolati al 50% . ciao ! patrizia cgil

  • patrizia

    10/07/2017 - 18:48

    cara annarita, ma non mi pare ma in ogni caso puoi semplicemente mettere data e firma a fine modulo ... non spendere soldi di raccomandata.. certo bel tipo questo consulente ! ciao patrizia cgil

  • Daouda

    10/07/2017 - 23:27

    Ciao vorrei solo una risposta sul mio contratto il trattamento economico lordo è pari ad 1315.91 però sulla busta viene scritta totale retribuzione 1052.72 perchè??

  • IreFi

    11/07/2017 - 13:19

    Daouda, probabilmente stai parlando di importo lordo e di importo netto in busta. Il" totale retribuzione" che indichi secondo me è il netto. Per capirsi in modo veloce, il netto è dato dall'importo lordo, detratte le trattenute. La busta paga ha tutti gli elementi per capire; se hai bisogno e non ti è chiaro qualcosa, rivolgiti in sindacato. Ciao.

Lascia un commento

You have to agree to the comment policy.

*

↓